Tricholoma

Scheda n. 024      -      Dicembre 2008       -       Riferimento n. 370



TRICHOLOMA SEJUNCTUM (Sow. : Fr.) Quèlet 1872



tricholoma_sejunctum_v__conife_20120312_1432518204.jpg




Foto di S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere



Sinonimi

Agaricus sejunctus Sowerby (1799), Agaricus leucoxanthus Persoon (1801), Agaricus leucoxanthus var. sejunctus (Sowerby) Persoon (1828), Agaricus Izarnii Roumeguère (1879), Tricholoma Izarnii Saccardo (1887), Gyrophila sejuncta (Sowerby) Quélet (1896), Melanoleuca sejuncta (Sowerby) Murrill, (1914) 
Volg. Tricoloma giallo-verde

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Tricholomateae, Genere: Tricholoma, Specie: sejunctum.


Etimologia

Tricholoma =  con l'orlo peloso;
sejunctum = disgiunto, separato (per le caratteristiche morfologiche che lo distinguono da specie affini).


Commestibilità

Non commestibile.


Descrizione

Il cappello del Tricholoma sejunctum è all'inizio conico o campanulato, in seguito convesso e infine disteso, fornito di un basso umbone e con il margine liscio e ondulato. Il diametro può arrivare a misurare i 10/12 cm.  Il colore tipico della superficie pileica  è giallo-verde o verde-oliva ma il cappello può avere a volte colorazioni variabili e presentarsi con riflessi brunastri, bronzei o aranciati anche per effetto delle numerose fibrille che si dipartono dal centro, colorandolo più intensamente, per diradarsi verso l'orlo che di solito è giallo pallido o con sfumature aranciate. La cuticola è asciutta ma si presenta lucida e un po' vischiosa a tempo umido.

Le lamelle sono larghe, smarginate, uncinate (si uniscono al gambo mediante un uncino), poco fitte, intervallate da lamellule, di colore biancastro ma con sfumature gialle verso il margine o sul filo.

Il gambo (6 / 10 cm.) è cilindrico, pieno e sodo, con la parte inferiore un po' appuntita. A volte può presentarsi contorto. Ha colori biancastri con sfumature giallastre nella parte superiore e talora arrossante verso la base.

Carne soda e bianca ma con tonalità giallo-verdastre sotto la cuticola. Odore debole di farina fresca; sapore amarognolo.

Spore ialine, lisce, non amiloidi, ellissoidali e guttulate, portate da basidi clavati, 5 /6,5 x 4,5 / 5,5 micron.

Cresce a gruppi, in autunno, più frequentemente in boschi di latifoglie ma anche in quelli di conifere.


Possibilità di scambio

Può confondersi con altri Tricholomi, del pari non commestibili: T. equestre con lamelle e gambo gialli, T. portentosum, con il gambo che, al tocco, si tinge di giallo-oliva, T. luridum con lamelle grigiastre e fibrille nerastre, T. fucatum che ha il gambo decorato da squamette brune.  Il colore giallo-verdastro del cappello potrebbe indurre a scambiare il T. sejunctum con la temibilissima Amanita phalloides, ma questa avrebbe un anello nella parte alta del gambo ed una base bulbosa rivestita da una volva a forma di sacco.


Bibliografia

Fries E.
: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 47;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa  Ed. Massimo Candusso, Alassio, 1996, pag. 42, tav. 24;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag.88;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 288;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 299, tav. 89;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 215;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol.  1, tavv. 22 e 23;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.  90;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag, 627;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignemet, Paris, 1967, pag. 13, tav, 4 n. 91;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 469, pl. 32;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 88/B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 128;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 130, tav. 78;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 130;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 9, pag. 149, tav. 867;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, pl. 173;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 287;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag.  156 , fig. 217;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 53;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2 , pag. 112;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 126;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 167;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 129;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 804,  foto 319;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna,1982, pag. 202;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 29;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 141;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 35;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 300, tav. 239;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 101;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 156;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 179;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 162, tav. 81;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 326;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1990, collez. 9, scheda. 447;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 69;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 431, tav. 212;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.  2, pag.  758, tav. 1065;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 484. foto 350 ;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 190;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol.  1, pag.  34, tav. 30/B;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 480;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 192;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 166;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 144, Iconografia n. 202;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 90;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 63;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 63;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 422;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.  889, foto 581;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, foto 53;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 165;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  3, foto 433;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 121 - 124;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 166;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 74;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 451;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 232;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 134 n. 307;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 105;

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 80:

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag..436;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  2, pag. 60,  n.135;      

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 502.


(Sandro Ascarelli)


 

Scheda n. 055      -       Aprile 2009       -       Riferimento n. 393




TRICHOLOMA TERREUM
(Sch. : Fr.) Kummer



tricholoma_terreum-6_20120312_1510706201.jpg





clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Volg. : Agarico terreo, Moretta, Morella, Capinera.

Etimologia

Tricholoma =  con l'orlo peloso;
terreum = terreo, del colore della terra (dal latino terreus)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricho-lomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Tricholomateae, Genere: Tricholoma, Specie: terreum.

Commestibilità

Commestibile delicato..

Descrizione

T. terreum può essere considerato il capostipite di un gruppo di funghi (sottosezione terreineae) dai caratteri omogenei e caratterizzati dal sapore dolce della carne.

Presenta un cappello non molto grande (fino a 7 o 8 cm. di diametro) e poco carnoso, dapprima emisferico o campanulato, poi appianato e con un umbone basso e ottuso. Il margine è talora involuto ma uniforme anche se si screpola e si fessura con facilità (tutto il fungo del resto è fragile e tende a spezzettarsi). La cuticola, asportabile, è rivestita da una feltrosità caratteristica con fibrille sottili e fitte che si dispongono a squame. Il colore varia da grigio scuro, al grigio ardesia fino al nerastro e rimane più scuro al centro per poi sbiadire, con l'età, verso la periferia.

Le lamelle sono mediamente fitte e si uniscono al gambo con l' "uncino" caratteristico dei Tricholomi tale da formare un incavo anulare attorno all'attaccatura del gambo per poi decorrere di poco su questo. Piuttosto larghe e smarginate con la maturità del carpoforo, sono biancastre o leggermente cinerine, mai gialline o con il tagliente diversamente colorato; notevole la loro fragilità.

Anche il gambo è fragile e si eleva per circa 7 o 8 cm. dal suolo. Duro e pieno all'inizio, diventa cavo e fistoloso con l'età. Ha una forma cilindrica o lievemente incurvato soprattutto alla base. Liscio e sericeo per tutta la sua lunghezza, può a volte essere ricoperto di fibrille grigio chiaro.

La carne è bianco-grigiastra (sfumature più scure sotto la cuticola del cappello) e tende a spezzettarsi con facilità. Odore tenue fungino-erbaceo e sapore leggero d'erba o, a mala pena percettibile, di farina, nel complesso dolciastro..

La sporata, bianca, è composta da spore lisce, ovoidali o ellissoidali che misurano 5 / 7 x 4 / 5 micron.

Il periodo di comparsa va dalla primavera, all'estate e si prolunga durante gli inverni miti. Forma colonie abbondanti soprattutto nei boschi di aghifoglie, associato prevalentemente con il Pino.

Possibilità di scambio

Come appartenenti al gruppo del "terreum", si possono citare le altre seguenti specie: T. myomyces, dalle dimensioni più piccole, con la parte alta del gambo decorato da fibrille argentee, residui del velo, e dal profumo di farina più intenso; T. gausapatum, con la cuticola del cappello bruno scura e feltrata e lamelle molto larghe e quasi triangolari all'attaccatura del gambo; T. triste con sfumature grigie sul gambo e filo delle lamelle più scuro; T. scalpturatum, con colorazioni bruno-rossastre, che tendono ad ingiallire con l'invecchiamento e che odora di farina;  T. argiraceum, con colorazioni pileiche molto chiare, quasi argentate; T. atrosquamosus, che ha il filo delle lamelle ricoperto da una fitta punteggiatura nerastra ed emana un odore aromatico un po' pepato;  T. orirubens, che si distingue per le lamelle arrossanti, le macchie verdastre alla base del gambo e l‘ odore fruttato; T. basirubens che tende a macchiarsi di rosso alla base del gambo ed ha odore di farina ammuffita.

E' necessario fare molta attenzione a non confondere T. terreum con T. pardinum che può provocare avvelenamenti di tipo gastroenterico con sindrome acro-resinoide. Il T. pardinum si riconosce per una taglia molto più tozza e massiccia rispetto alle specie sopra descritte, ha un cappello ornato da squame bruno-nerastre, disposte in maniera più o meno concentrica, a pelle di leopardo, e le lamelle assumono una colorazione paglierina mentre la base del gambo ha tonalità grigio-rosate

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 104;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 49, tav. 36,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  3, tav. 75;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 402, n. 1005,  tav. 98, fig. 4;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 223;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 127;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, tav. 57;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 137. ill. 13;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 92, tav. 76;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 54;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 627;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 96, tav. 57;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 17, tav. 6, n. 128

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 468,tav. 29/3, fig. 85/5;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 86, fig. 173;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 85C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 127;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 130, tav. 89;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 114;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1,foto 43;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 167B;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 285;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol  1, pag. 96;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 154, fig. 216;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 154;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 44;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 116;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 130;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 163;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 134;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  806;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 138;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 61;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 132;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 192, foto 163;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 49;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 140;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 35;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 308;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 45;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 105;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 164, foto 204;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 154;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  187;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 164, tav. pag. 28;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 52;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 327;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 70;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 432, tav. 215;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 116;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 768, n. 1066;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag.112, foto 46;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 194, n. 393;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 37, tav. 22C;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 482;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 70;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 193;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pagg. 164 e 169;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 143, Iconografia n. 193;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pagg. da 92 a 94;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 262;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  140,  tav. 8/6, fig. pag. 51;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 231;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 64;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 59;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 427;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 885, foto 627;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 59;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 162;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3 , foto 438;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 128, foto pag. 43;

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 193;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 60;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 254;

A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 198;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 88;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 454;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 146;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 246;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 107.

 

(Sandro Ascarelli)

 

 

 Scheda n. 141          -          Maggio 2010           -          Riferimento n. 401






TRICHOLOMA VACCINUM  (Pers. : Fr.) Kummer

 

 Tricholoma vaccinum
 clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Agaricus vaccinus Persoon, Gyrophila vaccina Quèlet, Cortinellus vaccinus  Roze.


Etimologia

Tricholoma =  con l’orlo peloso (dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo); 
vaccinum = attinente le vacche.


Sistematica

Regno: Fungi,  Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Tricholomatales,  Famiglia: Tricholomataceae,  Sottofamiglia: Tricholomatoi-deae, Tribù: Tricholomateae. Genere: Tricholoma,   Sezione: Imbricata, Sottosezione: Vaccinineae, Specie:vaccinum..


Commestibilità

Innocuo ma insignificante.


Descrizione
 

Tra i Tricholoma della sezione Imbricata, troviamo tre specie (Tricholoma vaccinum, Tricholoma imbricatum e Tricholoma inodermeum) raggruppate nella sottosezione Vaccineae, caratterizzate dall’avere un rivestimento pileico brunastro e fibrilloso-suaqmuloso-lanugginoso.

Tricholoma vaccinum è un fungo di medie dimensioni, con un cappello conico-campanulato all’inizio ma poi ben presto disteso, con un diametro non maggiore di 10 cm., e con un basso umbone centrale. La cuticola, di colore bruno rossastro (simile al mantello delle vacche) è asciutta, piuttosto lanosa negli esemplari giovani, di seguito decorata da fibrille o da squame concentriche. Anche il bordo del cappello presenta delle fioccosità lanuginose ed a lungo rimane involuto ed arrotolato su sé stesso. In maturità, la cuticola del carpoforo tende a screpolarsi in prossimità del margine pileico, lasciando intravvedere il bianco della carne sottostante.

L’imenio è composto da lamelle, mediamente fitte, smarginate e unite al gambo con un dentino, intervallate da lamellule, bianco crema ma poi macchiate di bruno ruggine.

Il gambo è centrale, cilindrico, fibroso e percorso da fibrille verticali  dello stesso colore del cappello ma più pallide verso la parte alta, in prossimità delle lamelle, ma senza una linea di demarcazione ben definita.

Carne molliccia quella del cappello, più fibrosa e consistente quella del gambo, generalmente biancastra ma a volte rosata appena sotto la cuticola del cappello o allo sfregamento. L’odore è erbaceo, terroso, ed il sapore è acidulo e vagamente farinaceo.

Spore irregolarmente ovoidali, 6,5 / 8 x 4,5 / 6,5 micron, lisce, ialine, pluriguttate, munite di poro germinativo. Sporata biancastra.

Dalla tarda estate all’autunno è possibile rinvenire colonie numerose ed abbondanti di T. vaccinum su suolo prevalentemente calcareo nei boschi montani o submontani di aghifoglia, soprattutto di peccio.


Possibilità di scambio.

In letteratura la varietà fulvosquamosum è contestata. Secondo il suo Autore avrebbe un cappello campanulato, non umbonato, con margine non lanoso, decorato da squame sovrapposte di color rosso mattone. Nello stesso gruppo troviamo il T. imbricatum che ha anch’ esso delle squamette sovrapposte ad embrice come le tegole di un tetto ma differisce da T. vaccinum per la taglia maggiore, il colore marrone della superficie pileica ed il sapore amarognolo. T. inodermeum, infine, si distingue per l’aspetto del carpoforo, somigliante alla forma tipica delle  Inocybi, e per la carne arrossante al tocco.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 42;

Bagnis C : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1887, (2  centuria), pag. 4, n. 108;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 102;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 284;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 99, tav. 34,

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 81;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  1, tav.  73;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag.303, n. 1009, tav. 904;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.228, n. 663;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag.  26;

Jacottet J.  : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 98, tav. 75/5;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 626;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 17,  n. 124;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.446, fig. 222 ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.86, n. 177;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 244;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 137;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 116, fig. pag. 15 n. 47;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 92;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 126;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 9, pag. 152, tav. 873;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 166;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 284;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 153;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 44;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol.  98, pag. 98;

Moser M.  : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 124;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 161;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 127;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 805,  foto 270;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 134;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol.  1, tav. 72;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 183;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag.  194, foto  166;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 142;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 39;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6, pag. 310;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 140, foto 137;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 158

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 165;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 330;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 68;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.2, pag, 774, foto 1075;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 196, n.401;

Lange J.E.  : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 36, tav. 18A;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 485;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 163;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 142;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 88, in nota;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 263;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  229;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1998, collez. 17, tav. 850;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 432;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 894, foto 605;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.  2, pag.  63;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  167, tav. 85;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 342, foto  441;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 126;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 229;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 166 n. 110;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 80;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 457;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 142;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  112;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 138 n. 321;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 80.


Monografie:

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 341. tav. 53;

Bon. M. : Les Tricholomes, Mèmoire Hors Sèrie n. 2, C.R.D.P., Amiens, 1991, pag. 80.

Galli R. : I Tricolomi, Edinatura s.r.l.,  Milano, 1999. pag. 190.


(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 111     -     Dicembre 2009      -     Riferimento n. 392


TRICHOLOMA ORIRUBENS
Quèlet


Tricholoma orirubens

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Gyrophila orirubens Quèlet, Agaricus terreus var. orirubens Cooke.

Etimologia

Tricholoma =  con l’orlo peloso (dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo); 
orirubens = con le labbra (lamelle) arrossanti (dal latino os, oris = labbra, bocca e rubens = arrossante, rosseggiante).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoi-deae, Tribù: Tricholomateae. Sezione: Atrosquamosa, Sottosezione: Terrea , Stirpe: Atrosquamo-sum, Genere: Tricholoma, Specie: orirubens.

Commestibilità

Commestibile delicato, di buona qualità.

Descrizione

Tricholoma orirubens è molto simile al Tricholoma atrosquamosum e, come quest’ultimo, è inserito nella sottosezione terrea dove troviamo, a volte non facilmente distinguibili le une dalle altre, specie che gravitano attorno al tipo T. terreum (v. scheda n. 55) e per tale ragione definite in senso lato come “morette”. T. orirubens ha tuttavia la particolarità, evidenziata dalla denominazione di specie, di avere la carne e le lamelle arrossanti.

Cappello di 5 / 8 cm. di diametro, carnoso al centro e più sottile verso l’orlo, emisferico poi irregolarmente spianato con il margine un poco involuto e ripiegato su sé stesso. Cuticola separabile, feltrosa-lanosa, di colore grigio chiaro o grigio-bruno, ricoperta da squamette nerastre più fitte al centro e più rade in periferia, dove, con l’invecchiamento, possono apparire sfumature rosate.

Lamelle spaziate, uncinate, larghe, regolari, intervallate da lamellule, inizialmente bianche o grigiastre con tendenza a diventare rosate o rossastre con il tagliente più scuro.

Gambo cilindrico, appena ingrossato nella estremità inferiore che talvolta può presentare un bulbo appena accennato, liscio, pieno, sodo, biancastro o rivestito da squamette grigiastre che sfumano in una tonalità violacea  con l’arrossamento della carne.

La carne è inizialmente compatta per divenire, in seguito, fibrosa e stoppacciosa, dapprima bianca o biancastra poi tardivamente e tipicamente arrossante dove esposta all’aria o soffregata: alla base del gambo può presentare un viraggio azzurro-violetto. Lieve odore farinaceo con componente di frutta acerba, sapore dolciastro.

Le spore, pluriguttate e con evidente poro germinativo, hanno forma ellittico-tondeggiante, misurano 5,5 / 7 x 4 / 5  micron e sono lisce e ialine ma bianche in massa.

E’ una specie non molto comune che può rinvenirsi isolata o in gruppi di pochi esemplari, su terreni ricchi di carbonati, nei boschi di latifoglie soprattutto in zone collinari preappenniniche. La sua produzione avviene soprattutto sul finire dell’estate.

Possibilità di scambio

E’ assai simile a Tricholoma atrosquamosum che non ha carne arrossante mentre ha invece un marcato odore di pepe. Anche nel Tricholoma squarrulosum si avverte odore di pepe ma i carpofori di quest’ultima specie si presentano con cappelli la cui cuticola si dissocia in squamale quasi nerastre. Ricordiamo infine Tricholoma basirubens che molto somiglia a T. orirubens, differendone per la circostanza di non avere lamelle arrossanti anche se una colorazione più o meno intensamente rosata può individuarsi alla base del gambo.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 104;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 285;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  3, tav.  81;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 301, tav. 92/3;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 224;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 14, tav. 5, n. 104;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 468;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 245;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 577;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 89A;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 98, tav. 40;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 169;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 286;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 154;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 155;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 103;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 129;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 132;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 140;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 37;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag.  309, tav. 255;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 108;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 154;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 161;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 327;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 70;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 769, foto  1069;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 194, n. 392;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 36, tav. 22;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 473;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 143;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 94;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  60;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 885;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 600;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 163;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 332, foto  425;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 129;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 327;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 90;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2006, collez. 25, tav.1246;

Boccardo F., Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli Editore, Bologna, 2008, pag. 134, n. 304.

Monografie:

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 460;

Bon. M. : Les Tricholomes, Mèmoire Hors Sèrie n. 2, C.R.D.P., Amiens, 1991, pag. 63;

Galli R. : I Tricolomi, Ed. Edinatura, Milano, 1999, pag. 130.

 

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 169            -          Settembre 2010          -           Riferimento n. 363




TRICHOLOMA SAPONACEUM
(Fr. : Fr.) Kummer

 

 

169 Tricholoma saponaceum
foto di G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi


Agaricus saponaceus
Fries, Gyrophila saponacea Quèlet, Agaricus argyrospermus Bulliard, Agaricus fusiformis Schumacher, Agaricus madreporeus Batsch, Agaricus murinaceus Krombholz, Agaricus napipes Krombholz, forse Tricholoma clavipes Karsten.
Volg. : Tricoloma saponaceo.


Etimologia


Tricholoma
=  con l’orlo peloso (dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo); 
saponaceum = saponaceo, attinente il sapone (per lìintenso odore di acqua saponata).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoi-deae, Tribù: Tricholomateae. Genere: Tricholoma, Sezione: Saponaceae, Specie: saponaceum..


Commestibilità

Sospetto. Potrebbe causare lievi intossicazioni (sindrome pardinica). Comunque immangiabile per l’odore ed il sapore sgradevoli.


Descrizione

E’ una specie difficilmente determinabile per l’eterogeneità delle forme e dei colori. Soccorrono tuttavia due caratteri specifici e costanti: 1) l’odore intenso di sapone di Marsiglia avvertibile anche sulle dita non appena si tocca il carpoforo e 2) la costante colorazione rosata o salmonata alla base del gambo.

E’ in fungo di taglia media con un cappello che, inizialmente emisferico-campanulato, può arrivare ad avere, una volta completamente aperto, un diametro di 12 / 15 centimetri. Molto variabile nella sua forma, spesso irregolare, può in alcuni casi presentare un umbone ottuso, poco pronunciato. Ha una consistenza piuttosto  soda, carnosa, elastica. La cuticola è liscia, un po’ untuosa con l’umidità, radialmente fibrillosa o dissociantesi in screpolature o areolature. E’ quasi completamente asportabile e si presenta con colori variabili dal grigiastro, al grigio-bruno, al giallo verdastro con sfumature ocracee, rosate o verdognole.

Le lamelle sono larghe, sottili e spaziate; si uniscono al gambo direttamente o con un dentino. Sono intervallate da lamellule. Inizialmente sono biancastre ma tendono poi a colorarsi di crema olivastro con sfumature argentee o azzurrine. Al tocco o con l’invecchiamento si tingono di rosa.

Gambo mediamente alto (fino a 10 cm.), cilindrico ma sovente rastremato e quasi appuntito alla base; superficie fibrillosa o anche squamosa in particolare nella metà superiore, poi liscia,  di colore bianco o grigiastro ma tipicamente rosata in basso.

Carne consistente, fibrosa nel cappello, bianca o appena sfumata di giallo oliva sotto la cuticola, arrossante in vecchiaia o alla sezione. Con lactofenolo vira lentamente al bruno-viola. Odore caratteristico e sgradevole di sapone da bucato. Sapore amarognolo.

Basidiospore sub globose o ovoidali, lisce, non amiloidi, con appendice ilare pronunciato, guttulate, di dimensioni 4,5 / 6,5 x  3 / 4,5 μm. Sporata bianca.

Indifferente al substrato, cresce isolato o in gruppi anche di numerosi individui in ogni tipo di bosco, dalla tarda estate all’autunno. Abbastanza comune.


Possibilità di scambio


Vaga è la somiglianza che il T. saponaceum potrebbe avere con Clitocybe nebularis (scheda n. 118) che possiede lamelle più o meno decorrenti, carne bianca immutabile ed un odore tipico, aromatico ma non saponaceo. Oltre al diverso odore le due specie si distinguono agevolmente anche per l’altro carattere al quale abbiamo accennato: il T. saponaceum ha una colorazione rosa o rossastra all’apice estremo inferiore dello stipite. L’odore e la colorazione basale del T. saponaceum ritroviamo invece nelle numerose sue varietà: citiamo a mo’ di esempio il T. saponaceum var. squamosum che ha il gambo interamente percorso da squamule grigio-verdastro, il T. saponaceum var. lavedanum che possiede sfumature rossastre innate, ancora più evidenti nella carne quando si seziona il carpoforo, il T. saponaceum var. atrovirens con il cappello di colore verde scuro e il gambo bianco, il T. saponaceum var. sulphurinum che presenta cappello giallo vivo e lamelle e stipite giallastri, il T. saponaceum var. ardosiacum il cui cappello ha colori molto scuri, quasi nerastri con riflessi ardesia, ed il gambo concolore, fortemente squamato.

 

Bibliografia


Fries E.
: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 44;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 106;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 277;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1888, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 50, tav. 37,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  1, tav. 85;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 306 n. 1020, tav. 93/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 227;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n.  169;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 31 tav. 56;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 90. ill. pag. 75;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 628;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 94, tav  56;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 14, tav 5, n. 102;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 469, tav. 29;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 82 n. 163;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 84;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 132;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 15 n. 45;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 97;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 124;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 9, pag.72, tav. 833;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 177;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 292;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, pag. 30;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag.  157;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 108;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 128;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 169;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 131;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 804,  foto 358;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 136;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol.  1, tav. 62;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 199;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag.  196, foto 168;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 141;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 37;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 304;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 103;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 144, fig. pag. 234;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 150;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 186;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 162;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 114;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 761, foto 1060;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 88, foto  590;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 109, foto 43;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 188, n. 363;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 41, tav. 26;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 479;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 700;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 191;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 144, Iconografia n. 205;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 262;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140,  tav. 8/5;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  221;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 62;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  61:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 420;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 889, foto 580;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 51;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 187,  foto 77;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 161;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  3, pag. 336, foto  430;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 121;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 191;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 59;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 52;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 262 n. 206;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 78;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 448 ;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 149;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 230;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 106;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 128;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 73;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 423;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2 , pag. 55.

 

Monografie:


Riva A.
: Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 60;

Bon. M. : Les Tricholomes, Mèmoire Hors Sèrie n. 2, C.R.D.P., Amiens, 1991, pag. 45, tav. 1A.

 

(Sandro Ascarelli)