Tremella

Scheda n.314       -         Maggio 2012         -       Riferimenti n. 49
TREMELLA MESENTERICA Retzius ex Fries 1822


tremella_mesenterica_gs2_2_20120513_1110633668.jpg





Foto G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Helvella mesenterica Schaeff. 1774, Tremella lutescens Pers. 1800, Tremella mesenterica var. lutescens (Pers.) Pers. 1822, Tremella quercina Pollini 1816, Hormomyces aurantiacus Bonord. 1851.
Volg.
: Cervello giallo
Etimologia
Tremella = tremolante (dal latino);
mesenterica
= simile alla membrana dell'intestino (dal greco mesentèrion = membrana dell'intestino
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Phragmobasidiomycetes, Ordine: Tremellales, Famiglia: Tremellaceae, Genere: Tremella, Specie: mesenterica.
Commestibilita'
Specie di nessun valore alimentare.
Descrizione
Questo strano fungo attira lo sguardo per i suoi colori vistosi gialli ed aranciati, di consistenza gelatinosa e di svariate forme irregolari.
Il carpoforo misura 30-100 mm di diametro longitudinale, è sessile, di
forma variabile che va da un agglomerato di orecchiette ad una serie di lembi ondulati, plurilobati, a volte di aspetto cerebriforme; gelatinoso e di aspetto traslucido, con un colore giallo vivo nel fresco e giallo-aranciato nel vecchio o per disidratazione.
L'imenoforo è liscio e gelatinoso, adagiato sulla superficie esterna del carpoforo e colorato di giallo o giallo-dorato con il tempo umido.
La carne è gelatinosa e traslucida, esigua ed acquosa, priva di odore e sapore particolari.
Le spore misurano 10-15 x 7-8 micron, ovo-ellissoidali, supportate da lunghi sterigmi, che hanno il compito di oltrepassare lo strato gelatinoso; basidi tondeggianti o ellissoidali, bi-tetrasporici, settati longitudinalmente (Fragmobasidiomiceti), sporata biancastra in massa.
Saprofita su rami morti di latifoglie, dai quali fuoriesce attraverso le screpolature della corteccia. Vive, in ambienti umidi e freschi, in estate ed in autunno, dal piano basale a quello montano.

Possibilita' di Scambio
Può essere confusa con Tremella aurantia che è molto simile, ma più piccola, dello stesso colore ma di un giallo opaco, inoltre cresce sempre in compagnia di Stereum hirsutum, sul cui micelio vive come parassita. Simile è anche Tremella foliacea, ma non è confondibile a causa del colore bruno. Può essere confusa anche con Dacrymyces chrysospermum che è giallo aranciato da giovane e arancio brunastro a maturità, è costituita da numerosi carpofori molto piccoli, indipendenti fra loro e preferisce il legno di pino. Tutte e tre le specie sono senza valore alimentare.
Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. II, pag. 214;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 783;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 23;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1120;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 730;
Michael E. e Schulz R:
: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 331 in nota;
Jacottet J.
: Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 238;
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 662;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 209 n. 1817 tav. 58;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 268, ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 222 n. 577;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 307A;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 784;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas pag. 213;
Bauer C.A.
: Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 333;
Marchand A
: Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 168, tav. 382;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 329b;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 86;
Dermek
A. : Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 30, pag. 104.
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf,
New York
, 1981, pag. 385, foto 566;
Phillips R
: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 264;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M.
: Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 76;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 489 in nota;
Selezione dal READER DIGEST
: Guida pratica ai funghi in Italia, Milano, 1983, pag. 245;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 219;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 264;
Reid D.
: I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 106;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 247;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino
, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 212 n. 117;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 324;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 36;
Julich W.
: Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 499;
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 201;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 132;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 191;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 123 n. 136;
Zuccherelli A.
: I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 29, foto 4;
Brotzu R.
Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 359 n. 279;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 136 n. 49;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 367 in nota;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 372;
Rambelli A. e Pasqualetti M.
: Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 17°;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 278;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 279, Iconografia n.479;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 141;
Pace G.:
Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 96;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 431;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 320;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 282;
Epinat C. et Starosta P.
: Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 94;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 200;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 320, foto 103;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 943;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 54;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 68, foto 29;
Gruppo Micologico Bresadola
: Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 320;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 38;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 670;
Gennari A.
: Funghi, Arezzo, 2005, pag. 560;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 62;
AMINT
: Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 136;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 520 n. 1451;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 319;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 255;.
Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 474;
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 200, n. 895;
Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1040 in no

(Gianfranco Sperati)