Stropharia

Scheda n.006 -          Settembre 2008           - Riferimenti n. 1267


STROPHARIA AERUGINOSA (Curt. : Fr.) Quèlet 1872

 

stropharia_aeruginosa_gs_20120403_1009745765.jpg





foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi delloa stesso genere

Sinonimi

 

Agaricus acuminatus Scopoli 1772, Agaricus viridulus Schaeffer 1774, Agaricus aeruginosus Curtis 1786 , Agaricus viridimarginatus Schumacher 1801, Pratella aeruginosa (Curtis) Gray 1821, Geophila aeruginosa Quèlet 1886,  Stropharia viridula Morgan 1908, Stropharia acuminata Morgan 1916, Psilocybe aeruginosa (Curtis) Noordeloos 1995.

Nomenclatura

Stropharia = attinente le fasce pettorali (lat. “strophium”, fascia pettorale),
aeruginosa = color ruggine (lat. “aerugo”, ruggine)

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomicetideae, Ordine: Cortinariales, Famiglia: Strophariaceae, Genere: Stropharia, Specie: aeruginosa.


Commestibilità

Non commestibile, forse leggermente tossico-


Descrizione

“Stropharia aeruginosa” è un bel fungo appariscente per il colore verde smeraldo, lucente in modo particolare quando il carpoforo è ancora giovane; tale colorazione tende poi a sbiadire e ad assumere tonalità giallastre. Il cappello ha un diametro che va dai 4 agli 8 centimetri di diametro, inizialmente emisferico poi un poco campanulato. La cuticola che ricopre il cappello è vischiosa, liscia e brillante e reca, soprattutto verso l’orlo, delle fugaci fioccosità biancastre.

Ritroviamo tali fioccosità anche lungo il gambo, al di sotto dell’anello membranoso, ascendente e nerastro nella sua faccia superiore per la caduta delle spore. Peraltro il gambo è cilindrico, vischioso, di colore biancastro tra l’anello e il cappello, verde-azzurro al di sotto..

All’inizio le lamelle sono quasi pallide, poi assumono una colorazione simile a quella del cappello per poi divenire violette, pur conservando un tagliente biancastro.

La carne è verdastra, con sapore e odore erbaceo.

Spore ellittiche, lisce, nerastre, 4/5 x 7/8 micron.

E’ un fungo autunnale, relativamente comune nei boschi tanto di latifoglie che di aghifoglie dove cresce su lettiere di foglie o di aghi, talvolta anche su legno morto in via di degradazione.

Non commestibile.


Possibilità di scambio

Stropharia aeruginosa è facilmente riconoscibile per l'inconfondibile colore verde-azzurro del cappello e per le lamelle che da rosate tendono a volgere al violetto. Le sono simili soltanto Stropharia caerulea Kreisel che ha cappello poco viscoso e con margine tendente ad ingiallire e lamelle con colori brunastri, e Stropharia pseudocyanea (Desm. : Fr.) Morgan, di dimensioni ridotte, cappello che da verde azzurro diviene biancastro-giallastro e lamelle da ocra-rosate a brunastre.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia,,1821, vol. 1, pag. 286;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1013;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 67;

Bresadola J. : Iconographia micologica, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.2, pag. 835, vol. 5, tav. 835;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 216, tav. 63 fig. 4;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.125;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pl. 183;

Moreau F. :Les Champignons ,Lechevalier. Paris, 1954, vol. 2, pag. 1908;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 190, pl. 186a;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 632;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1966, pag. 196, Iconografia n. 308;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.594, fig. 311A;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 142, fig. 342;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, Framce, 1970, vol. 1, pl.54;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 191, foto n. 53;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 132, fig. 169;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :,Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl.41/A;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, tav. 37;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 138, pl. 60;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, pl. 100;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 417;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 337, fig. 435;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pagg. 30 e 31;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 329;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 292;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 228;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 310;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 725 , ill. 198;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 190;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 271;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, pl. 94;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 171;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 102 e pag. 518, tav. 8;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. ;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 250;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, scheda 280;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 158;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 318;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 151;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 192, tav. 34;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 1018, pl. 1390;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 96;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 257, foto 184;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 354, fig. 1267;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 475, pl. 140/A;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 450;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 260;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, p. 238 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 303;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 142;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pagg. 122, 136 tav. 6/11;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 208;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 88;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 52 e 53;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pl. 884, pag, 443;

Papetti C., Consiglio G. & Simonini G. : Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 375;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 7 e pag. 269;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, foto 453;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1, pag. 206;

Venturella G.: L’iconografia micologica di Giuseppe Inzenga, , ISPE Archimede, Palermo, 2005, pag. 119,

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 326.

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 489;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 269;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 424.

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 269;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 284 n. 770;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 218;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 189.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 415;

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 818.


(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 225        -       Maggio 2011        -        Riferimento n. 1277

STROPHARIA RUGOSOANNULATA Farlow

225. stropharia rugosoannulata

Foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Stropharia Ferrii Bresadola

Etimologia

Stropharia = attinente le fasce pettorali (lat. “strophium”, fascia pettorale),

rugosoannulata = con l’anello rigato (dal latino rugosus = con le rughe e anulus = anello)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomicetideae, Ordine: Cortinariales, Fami-glia: Strophariaceae, Genere: Stropharia, Specie: rugosoannulata.

Commestibilità

Commestibile di scarso valore; anche se coltivato in alcuni paesi dell’ Europa orientale, potrebbe aver causato qualche lieve disturbo gastrico.

Descrizione

E’ una bella specie di media grandezza, agevolmente identificabile per la colorazione grigio-violetta delle lamelle e per l’ampio anello sulla cui faccia anteriore le lamelle, alle quali aderiva inizialmente, pare abbiano lasciato la loro impronta, così da apparire più o meno profondamente striato.

Il cappello, carnoso, è da prima convesso, poi si dispiana raggiungendo un diametro di 13 / 15 centimetri, con il margine involuto nel fungo giovane e talvolta festonato per la presenza di residui del bianco velo parziale. La cuticola, separabile, può essere vischiosa e lucente in condizioni atmosferiche di umidità oppure opaca e asciutta col tempo secco. Il colore varia dal bruno violaceo al bruno rossastro per la presenza di fibrille vinose.

Le lamelle sono annesse, mediamente fitte, spesse, arrotondate, di un bel colore cinereo-violetto con il tagliente biancastro e crenulato

Gambo slanciato, robusto, generalmente cilindrico o appena un po’ svasato in alto, biancastro nella parte superiore, poi giallastro e talora decorato da minuscole fibrille brune. Nella metà superiore è evidente un anello ampio ma sottile, biancastro ma che presto si colora superiormente di giallo-violetto per la sovrapposizione delle spore; la superficie superiore presenta le tipiche rigature che giustificano la denominazione della specie.

Carne bianca, immutabile, con un leggero odore di patata o di rapa e con sapore tenue, dolciastro ed astringente.

Al microscopio sono visibili spore ellissoidali, lisce, munite di poro germinativo, brunastre. In massa assumono una colorazione bruno-violetta. Misurano 10 / 13 x 7 / 8 μm.

Dalla primavera all’autunno cresce gregario, in terreno morbido, sabbioso, concimato, su paglia o su detriti vegetali, lungo le sponde dei corsi d’acqua.

Possibilità di scambio

Si conosce la varietà lutea che si presenta con colori molto più chiari, giallognoli. La specie più prossima è la Stropharia honermannii che ha un cappello viscido e colori chiari, gambo decorato da squame biancastre (tipo armilla) e che predilige crescere in montagna sotto aghifoglie.

Bibliografia

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze  Trento, 1982, vol. 5, tav.  842;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, foto n. 1312;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 418;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 336, fig. 433;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 128;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 393;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 310;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 729,  foto 203 e 204;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 182;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 173;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2 pag. 266, vpl. 3 pag. 284;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 250;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 318;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 395;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 960, foto  1320b;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 246, foto  333;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag.  356, n. 1277;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 451;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 261;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 237;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 196;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 254;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 27,  tav.  6/8;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  302;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 210;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  89:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 716 in nota;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 769;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 268;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 354, foto 459;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 205;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 85;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 199;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 80 n. 24;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 492;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  129;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 145;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 288;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 191.

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 476       -         Aprile 2014        -        Riferimento n. 17

 

 

RHIZINA UNDULATA Fries 1815

RHIZINA INFLATA (Schaeff.) Quèlet 1886

 

rhizina undulata 3 edited 20140712 1396030969  
 Foto di Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere
 

 

Sinonimi

Helvella inflata Schaeffer (1774), Rhizina laevigata Fries (1815), Rhizina laevigata var. laevigata Fries (1815), Rhizina praetexta Ehrenberg (1818), Rhizina laevigata var. praetexta (Ehrenb.) Persoon (1822), Rhizina inflata (Schaeff.) Quèlet (1886), Rhizina inflata var. inflata (Schaeff.) Quèlet (1986).

 

Etimologia

Rhizina = radice fibrosa (dal greco rhiza = radice e is, inòs =fibra);
undulata = ondulata (dal latino undula = piccola onda)
inflata = gonfiata (dall'aggettivo latino inflatus)

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Ascomycota, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse; Ptrenomycetideae, Ordine: Pezizales, Famiglia: Rhizinaceae, Genere: Rhizina, Specie: undulata

 

Commestibilità

Non commestibile.

 

Descrizione

Siamo in presenza di un ascomicete che non è raro incontrare, a volte con esemplari fusi in masse compatte, in luoghi bruciati in prossimità di conifere di cui può essere un pericoloso parassita, causando gravi danni alle piante che infesta. Il suo aspetto può suscitare la nostra curiosità perché i corpi fruttiferi si presentano come croste più o meno circolari, aderenti al terreno, ondulati o rigonfi. Gli apoteci possono superare i dieci centimetri di diametro, a volte confluenti e uniti tra loro, e apparire appiattiti o a forma di cuscinetto o, rigonfi, aderenti al terreno. La superficie superiore può essere increspata, irregolarmente plissettata, opaca (lucente col tempo umido), di colore variante dal bruno scuro al nerastro con riflessi liliacei. Il margine, sottile e ondulato, è biancastro o giallino. La superficie inferiore aderisce al terreno unendosi al substrato mediante appendici rizoidi ramificate e poco dilatate, simili a radichette biancastre o giallastre. La carne è inizialmente fragile e spugnosa, di seguito ceracea e cassante, cornea con l'essiccazione, bruno chiara tendente a scurire via via con l'età. Gli aschi sono ottosporici, cilindrici, non amiloidi ed hanno dimensioni di 250 / 280 x 14 / 18 µm. Le spore in essi contenute sono liscie, fusiformi, ialine, finemente verrucose o granulose, talora biguttulate, misuranti 30 / 40 x 7 / 10,5 µm. Sporata giallastra. Dall'inizio dell'estate all'autunno inoltrato cresce, in gruppi spesso confluenti, in zone umide e aperte in prossimità di conifere, di cui ingloba eventuali residui. Predilige terreni bruciati.

 

Possibilità di scambio


R. undulata si identifica facilmente sia dal punto di vista macroscopico (forma, presenza di appendici nella superficie inferiore del carpoforo) sia di quello microscopico (forma, ornamen-tazione e dimensioni delle spore). Potrebbe essere tuttavia confusa con alcune specie del Genere Discina dalle medesime caratteristiche cromatiche, che si presentano però diversamente cupolate, sono sprovviste di radichette nella pagina inferiore, non crescono su terreno bruciato ed hanno spore di forma e dimensioni diverse.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag. 33;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag.57 n. 180;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 369;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 485 fig. 386g;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 220, fig. 72;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 34 n. 16;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 685, foto n.831;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 331, foto 619;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 70;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 695;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 240;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 269;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 328;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 217;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 89 n. 80;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 130 n.17;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 391;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 60;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 55;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 126;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 421;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 413;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 96;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 306 n. 73;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1477;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 37 n. 69;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag.64, foto 32;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 688.

Monografie:

Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d’Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento, 2006, pag. 242.

 

(Sandro Ascarelli)