Ramaria

Scheda n. 026      -       Dicembre 2008      -      Riferimento n. 123



RAMARIA BOTRYTIS
(Pers. : Fr.) Ricken 1918




ramaria_botrytis_2_20120312_1237000149.jpg







Foto di S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere




Sinonimi

Clavaria acroporphirea Schaeffer (1774), Clavaria botrytis Persoon (1797), Clavaria platycera Viviani (1834), Clavaria rufescens Fries (1853=, Corallium botrytis (Pers.) Hahn (1883), Clavaria sculpta Becker (1889=, Clavaria botrytis var. alba A.Pearson (1946).
Volg.: Ditola  rossa, Manina rossa


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Aphylloforo-mycetydeae, Ordine: Clavariales, Famiglia: Ramariaceae, Genere: Ramaria, Specie: botrytis.


Etimologia

Ramaria  =  attinente a rametti di corallo, 
botrytis =  simile a un grappolo (per la forma del corpo fruttifero).


Commestibilità

Commestibile ben cotto ed in modica quantità perché lievemente lassativa. Utilizzare soltanto la parte inferiore del fungo, escludendo i rametti.


Descrizione

Come tutte le Ramarie, anche la R. botrytis è costituita da una base arrotondata, per lo più interrata, bianca, solida e compatta sulla quale sono disposte delle ramificazioni appressate e corte, anch'esse bianche terminanti in apici bifidi di color rosso vinoso. L'aspetto complessivo, soprattutto quando il basidioma è ancora giovane, è quello di un cavolfiore. In seguito le colorazioni biancastre del gambo e delle ramificazioni primarie tendono ad assumere una colorazione ocra.

Le dimensioni del carpoforo sono di circa 5 cm per la base e di circa 10 cm. in larghezza e in altezza per la testa coralloide.

La carne è bianca, compatta e tenera ma friabile, con odore gradevole e sapore dolciastro ma con retogusto un po' amarognolo.

La parte fertile, indistinta e situata di solito a metà delle ramificazioni superiori, è costituita da tetrabasidi cilindrici o lievemente clavati di 45/60 x 9/11 micron recanti spore cilindrico-ellissoidali, longitudinalmente  solcate che misurano 13/15,5 x 4/6,5 micron, non amiloidi.

Ramaria botrytis cresce gregaria dall'estate al tardo autunno sia nei boschi di latifoglie sie in quelli di aghifoglie.


Possibilità di scambio

Le varietà parvula, subbotrytis e rufescens sono parimenti commestibili con molta cautela così come altre Ramarie gialle (R. largentii, R. flava, R. aurea). Tutte le altre Ramarie vanno escluse dal consumo perché provocano effetti purgativi. La Ramaria formosa, di color rosa salmone e con apici tendenti a divenire gialli, può provocare disturbi gastroenterici di una certa gravità.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 466;

Viviani D. : I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 68, tav. 54;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 692;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 145, tav. 36;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 1083;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor'iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 30, fig. 22;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 709;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3,  tav. 317;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag.19, tav.7;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1832;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 233;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 150;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag, 603, fig. 480;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 35, tav. 7;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Ensei-

Gnemet, Paris, 1967, pag. 170, tav. 50;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 315;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 54, fig. 84;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 144/B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 776;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 149, fig. 294;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 181, tav. 199;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 168, tav. 75;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 310/A;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 116;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 2, pag. 76;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 91;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 52;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 407,  foto 749;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 80

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna,1982, pag. 480;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 394  , foto 339;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 216;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 260;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 194;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 308;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 55;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 107;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 199;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 284;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1990, collez. 9, scheda. 436;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 173;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 199, tav. 51;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 148, tav. 176 ;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 350, foto 270;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 146;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 104;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 88;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 34/C;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 292;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 62, Iconografia n. 5;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 157;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 170, tav. 23/3;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 333;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 251;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 336;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 375, foto 175;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, foto 438;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, foto 461;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 302, 303;

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 439;Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 148;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 250, foto 193;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 582;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 551;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 184;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 220.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 178;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 528 n.. 1476;                                                                                                                                                                                                                      

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 284;  

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 234:                                                                                                                                                                                                                                                          

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 476;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  7, pag. 174,  n.752;

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1008.


(Sandro Ascarelli)

 

Scheda n. 171         -         Settembre 2010         -        Riferimento n. 131




RAMARIA LARGENTII
 
Marr & Stuntz


 

171 Ramaria Largentii 

 



foto di S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia




Sinonimi

Volg.: Ditola, Manina.


Sistematica

Regno: Fungi,   Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse: Aphyllo-romycetydeae, Ordine: Clavariales,  Famiglia: Ramariaceae,  Genere: Ramaria,  Specie: Largentii


Etimologia

Ramaria  =  attinente a rametti vegetali o di corallo,
Largentii =  dedicata a D.L. Largent, micologo statunitense, docente  presso la Humboldt State University di Arcata (California).


Commestibilità

Commestibile ben cotta, mischiata in modica quantità ad altri funghi perché lievemente lassativa. Utilizzare soltanto la parte carnosa del carpoforo, escludendo le ramificazioni


Descrizione

E’ una clavaria frequente e comune nelle abetaie alpine di Abies alba, ma solo recentemente adeguatamente studiata e saparata dalla Ramaria aurea con la quale veniva confusa.

Lo sporoforo. ramificato a forma di corallo, raggiunge un’altezza  e una larghezza di 15 / 20 centimetri ed è costituito da un tronco basale biancastro sul quale si innestano ramificazioni giallo-dorate quando il fungo è giovane ma progressivamente rosso-arancio con l’invecchiamento. Le varie colonne si suddividono via via fino a terminare in una o due punte di colore arancio vivo.. La carne è fibrosa e permane biancastra nel tronco e più o meno aranciata nei rami. Nei carpofori giovani la ramificazioni virano al rosso cupo a contatto con il solfato di ferro. Odore più o meno pronunciato di gomma, come di copertone d’auto; sapore dolciastro.

Spore sub cilindriche, ellissoidali, 10 / 15 x 3,5 / 6 μm., guttulate e con pareti coperte da verruche disposte a spirale. Non amiloidi, ialine, gialline al microscopio ma giallo-arancio in massa.

Da luglio a ottobre, nelle abetaie montane, spesso gregaria.


Possibilità di scambio

E’ stata spesso scambiata con diverse altre Ramarie che hanno colorazioni più gialle, tutte difficilmente determinabili senza l’ausilio di un buon microscopio. Ricordiamo la R. aurea, la R. flava, la R. formosa.


Bibliografia


Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3,  foto n. 1145;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2003, collez. 22,  scheda. 1092;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 110; Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 146 , n. 131;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 341;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 376,  foto 176;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  441;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 39 n. 3;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  68;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  2, pag. 362, foto 469;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 586.

 

 

(Sandro Ascarelli)

 

 

Scheda n.302       -         Aprile 2012         -       Riferimenti n. 128
RAMARIA PALLIDA (Fr.: Sch.) Ricken 1920
ramaria_pallida_-_g_s_20120427_1407857114.jpg





foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Clavaria pallida Schaeffer 1774, Ramaria mairei Donk 1933.
Volg.: Ditola pallida, Manina pallida.

Etimologia
Ramaria = attinente a rametti vegetali o di corallo,
pallida = pallida
(dall'aggettivo latino pallidus)
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Aphyllophoromycetydeae, Ordine: Clavariales, Famiglia: Ramariaceae, Genere: Ramaria, Specie: pallida.
Commestibilita'
Velenosa. Produce intossicazioni di sindrome gastrointestinale (nausea, diarrea, cefalea, dolori addominali, disidratazione)
Descrizione
E' una delle Ramarie più facili a riconoscersi per il colore uniforme bianco avorio o debolmente ocraceo con sfumature lilacini soprattutto sugli apici delle ramificazioni.
Ha l'aspetto di un corallo o di un cavolfiore di circa 20 centimetri di larghezza e di oltre 15 centimetri di altezza.
Dal tronco basale si dipartono diverse ramificazioni cilindriche, rugolose, destinate a suddividersi più volte con angolazioni a V, e terminanti con apici a due punte, bianchi o debolmente incarnato-lilacini.
La superficie imeniale è indistinta e situata nella parte superiore delle ramificazioni dove reagisce colorandosi di verde ardesia a contatto con solfato di ferro o all'azzurro tenue a contatto con gaiac.
Carne compatta e soda all'inizio, poi molliccia, cassante alla fine, bianchiccia. Odore insignificante o appena percepibile (in questo caso come di fieno); sapore variabile (talvolta dolciastro, talvolta leggermente amaro).
Basidiospore oblunghe, ellissoidi, a volte appiattite su un lato, non amiloidi, rivestite di verruche irregolari parzialmente unite tra loro, gialline al microscopio o in massa, 8,5 / 12 x 4,5 / 7 μm. Sistema ifale monolitico.
E' comune sul terreno di boschi sia di latifoglie che di aghifoglie, in estate e in autunno.

Possibilita' di Scambio
L'inconfondibile colore chiaro di C. pallida potrebbe avvicinare questa specie a Clavulina rugosa che tuttavia ha carpofori meno sviluppati, privi di tronco basale e con ramificazioni rugose, o a Ramaria stricta quando quest'ultima si trova in avanzato stato di maturità; R. stricta ha tuttavia dimensioni minori e cresce sclusivamente su legno morto (a volta interrato). R. paludosa, R. spinulosa, R. terrea e R.varians hanno una struttura simile a quella della specie in esame, ma hanno anche colorazioni profon-damente diverse
Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 468 n. 8;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 7, pag. 161;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1088;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 318 in nota;
Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 204, fig. 63;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 149;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 139, ;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 331;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 328;
Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 184;
Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 90;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 483;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 396 , foto 341;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2006, collez. 25, tav. 1239;
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 152;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 216;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 501, tav. 490;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 36
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 289 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 308
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 108;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 284;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 147 n. 174;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 146 n. 128;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 108;
Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 157
Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, Tav. 34a;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 391;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 343;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 439;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 364, foto 473;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 302
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 194;
A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 88;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 582;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 555;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 186;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 221;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 530 n. 1480;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 234 in nota;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 480.


Monografie:

Raillere M. & Gannaz M.: Les Ramaria Europeennes, F.M.D.S. France, 1999, pag. 123.



(Sandro Ascarelli)

Scheda n.244       -       Lugli0 2011        -      Riferimento n. 122

 

 

RAMARIA FORMOSA  (Pers. : Fr.) Quèlet

 

244. Ramaria formosa Foto S. Ascarelli
 clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Clavaria formosa Persoon. 

Volg.: Ditola velenosa, Manina tossica, Clavaria elegante.

 

Sistematica

Regno: Fungi,   Divisione: Basidiomycota,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse: Aphyllopho-romycetydeae, Ordine: Clavariales,  Famiglia: Ramariaceae,  Genere: Ramaria,  Specie: formosa. 

 

Etimologia

Ramaria  =  attinente a rametti vegetali o di corallo,

formosa = dalle belle forme (dall’aggettivo latino formosus)

 

Commestibilità

Velenosa. Produce intossicazioni di sindrome gastrointestinale (nausea, diarrea, cefalea, dolori addominali, disidratazione).

 

Descrizione

Alcune Ramarie come la R. aurea, la R. botrytis (v. scheda n. 26) e la R. largentii (v. scheda n. 171) sono considerate commestibili, anche se, per determinati soggetti, possono determinare effetti più o meno lassativi. Alla R. formosa viene invece riconosciuto un grado elevato di tossicità anche se non letale.

Trattasi di un basidiomicete di forma coralloide costituito da un tronco basale, grosso, robusto e sodo, bianco o soffuso di rosa, dal quale si diramano diverse ramificazioni con biforcazioni a “U”, cilindici e allungati, con colore rosa salmonato negli esemplari giovani e in seguito rosa ocracei. I numerosi ramuscoli apicali sono fragili, dentati, inizialmente giallo limone e successivamente giallo-brunastri per la sovrapposizione delle spore.

La carne è piuttosto compatta ma tendente a divenire molle, bianca, marmorizzata, virante al bruno vinoso allo sfregamento o alla rottura. Odore molto leggero. Sapore amarescente. Con soluzione all’anilina acquista, dopo circa dieci minuti, una colorazione grigio lilacina.

Spore 10 / 15 x 4 / 6 μm., cilindrico-elllissoidali, striate e fittamente verrucose, ialine. Sporata giallastra.

Comune da luglio a novembre, terricola, è presente in boschi di latifoglie, soprattutto sotto querce.

 

Possibilità di scambio.

Il carpoforo ancora giovane è facilmente identificabile per le sue tre tipiche colorazioni (bianca la base, rosa più o meno intenso nelle ramificazioni, gialli gli apici). E’ bene ricordare, tuttavia, che tutte le specie di Ramarie, in avanzato stato di maturazione, tendono ad assumere colorazioni simili e diventano difficilmente determinabili.

La specie più prossima può essere considerata la R. flavescens perché ha colori simili e cresce nel medesimo ambiente; ha tuttavia rami divaricati con selle miste a “U” e a “V” terminanti in apici giallo aranciato (come il colore dei grani del mais).

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 466;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 700;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 466;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  5, tav.  1087;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag.

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 710 n. 1015;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 315.

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 10, tav. .8;

Jacottet J.  : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 233 ;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 146;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 603;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 36, tav. 8;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 120, tav. 60 n. 1467;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 314, fig. 120/10, tav. 6;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 54 n. 85;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 332;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 198;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag.  328;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 172, tav. 77;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.311;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 116;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 184, tav. 29;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 81;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 52;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 408,  tav. 746;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 50;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 333;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 484;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 89;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag.  150;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 216, foto 13;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 260;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 38 in nota;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 308;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  54;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 110;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  200;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 283;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 173;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 54;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag,  148, foto 175;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 146 n. 122;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 109;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 156;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 291;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 62, Iconografia n. 4;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 157;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  170 in nota,  ill. n. 44  ;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 330;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  251;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 70;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 339;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 375, foto 174;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag.  940;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 68;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 360, foto  467;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 48;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 289;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 208 n. 152;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 283;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 586;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 553;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 100;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 182;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 241;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 528 n. 1477;

Tiberi G. e Sperati G. :  I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 481.

 

(Sandro Ascarelli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scheda n. 415      -        Agosto 2013       -       Riferimento n. 131 in nota

 

 

 

RAMARIA FLAVA (Sch. : Fr.) Quèlet (1888)

 

 

 

Foto di Gianfeanco Sperati

Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altri funghi dello stesso Genere.

 

 

Sinonimi

 

Coralloides flavus Tourn. : Battarra (1755), Ramaria flava Schaeffer (1763), Corallium flavum (Schaeff.) G. Hahn. (1883).

 

Sistematica

 

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Aphylloforomycetydeae, Ordine: Clavariales, Famiglia: Ramariaceae, Genere: Ramaria, Specie: flava.

.

 

Etimologia

 

Ramaria = attinente a rametti vegetali o di corallo (dall’aggettivo latino ramarius),

flava = gialla (dall’aggettivo latino flavus = giallo).

 

 

Commestibilità

 

Commestibile ben cotta, mischiata in modica quantità ad altri funghi perché lievemente lassativa. Utilizzare soltanto la parte carnosa del carpoforo, escludendo le ramificazioni

 

 

Descrizione

 

Le Ramarie gialle sono piuttosto difficili ai fini di una loro precisa identificazione. La Ramaria flava, ad esempio, è molto simile a Ramaria Largentii di cui abbiamo già diffusamente parlato (vedi scheda n. 171): da questa differisce solo per il colore più pallido del carpoforo e per l’habitat meno esclusivo potendo svilupparsi anche sotto latifoglie e a varie altitudini.

Alto e largo circa una ventina di centimetri, il corpo fruttifero della R. flava si presenta con una base (pseudo gambo) soda e compatta, biancastra ma soffusa di giallo verso l’inizio della ramificazioni, talora macchiato di una tenue colorazione rosa-vinosa. Dalla base sterile si diramano dei rami di aspetto coralloi-de che si dividono più volte, fragili, di forma cilindrica, di colore giallo più o meno intenso, giallo ocra in maturità, culminanti in due o tre punte ottuse le cui biforcazioni possono lasciare uno spazio vuoto (sella) a forma di “U” o di “V”;

La superficie imeniale si estende lungo tutte le ramificazione in maniera indistinta.

La carne è fragile, morbida, biancastra; sapore tenue, dolciastro (talora amarognolo), odore non sempre gradevole, di erba bagnata. Reagisce a contatto col solfato di ferro colorandosi di verde.

Spore ialine, 12 / 14 x 4,5 / 5 micron, sub cilindriche, verrucose. Sporata color crema chiaro.

Si rinviene, prevalentemente in ambiente montano, un luoghi umidi dei boschi sia di latifoglie che di aghifoglie dall0inizio dell’estate all’autunno inoltrato.

 

 

Possibilità di scambio.

 

Oltre alla R. Largentii alla quale abbiamo accennato all’inizio di questa descrizione, sono numerose le altra Ramarie gialle con le quali R. flava può confondersi: ne citiamo alcune tra le più frequenti. R. aurea(Fr.) Quèlet ha un tronco massiccio, carne mai arrossante, ramificazioni corte e molto dimidiate giallo oro o giallo uovo un po’ aranciato, spore lisce, R. sanguinea (Pers.) Quèlet che nei vecchi esemplari e allo sfregamento presenta un vistoso viraggio rosso vinoso sul tronco e nella carne, R. flavoides Schild profuma intensamente di ravanello

 

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 467;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, tav. 54/4;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 692 n.7929;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 466;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 143, tav. 37;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5, tav. 1086 ;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 139, tav. 12;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 31, tav. 23;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 710 n. 2411;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol.1, n.105;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 204 in nota;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 233, tav. Pag. 230;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 148;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 603;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 170 n. 1466, tav. 50;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 313, fig. 122A, tav. 6/4;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 54 n. 86;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 611, foto n. 774;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 149 fig. 293;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 198 in nota;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 22;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 170 n. 76;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 116;

Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L’Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 218;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 2, pag. 116;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 50;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 80;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 333;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 482;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag.392, n.872, foto 337;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 216;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 260;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, tav. 491;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 38 in nota;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 212, foto 173;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 308;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 112;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag.283;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 492;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 492;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 199, tav. 52;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 53;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 148, tav. 178 in nota;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 351, foto n. 271;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 146 n. 131 in nota;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 106;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav: 34D;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 290 in nota;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 62;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 157;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 170, tav.23/2;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 331;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto 70;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 337 in nota e pag. 338 in nota;

Thieme R: : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 43 n. 5;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.2, pag. 934;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 68;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 358, foto 464;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 440;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 208 n. 151;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 338;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 584;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 552 in nota;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 584;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 235;.

Tiberi G. e Sperati G. :  I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 477;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 181, n. 758.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag.217, tav.127.

 

 

 

 

(Sandro Ascarelli)