Polyporus

Scheda n.308 - Aprile 2012 - Riferimenti n. 105
POLYPORUS SQUAMOSUS ((Huds. : Fr.) Fries 1821
polyporus_squamosus_20120428_2052955774.jpg






foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Boletus juglandis Schaeffer 1774, Boletus cellulosus Lightf. 1778, Boletus squamosus Hudson 1778, Boletus polymorphus Bulliard 1791, Boletus rangiferinus Bolton 1792, Agarico-pulpa ulmi Paulet 1793, Boletus maximus Schumacher 1803, Polyporus ulmi Paulet 1812, Polyporus michelii Fries 1821, Boletus michelii (Fr.) Pollini 1824, Polyporus juglandis (Schaeff.) Persoon 1825, Polyporus flabelliformis Persoon 1825, Polyporus infundibuliformis Rostkov 1830, Polyporus rostkovii Fries 1838, Polyporus pallidus Schulzer 1874, Polyporellus rostkovii (Fr.) P. Karsten 1880, Polyporellus squamosus (Huds.) P. Karsten 1880, Bresadolia paradoxa Spegazzini 1883, Cerioporus squamosus (Huds.) Quèlet 1886, Trametes retirugis (Huds.) Quélet 1886, Melanopus squamosus (Huds.) Patouillard 1900, Polyporus caudicinus Murrill 1903, Bresadolia caucasica Shestunov 1910, Polyporus squamatus Lloyd 1911, Polyporus squamosus var. maculatus Velenovsky 1922, Polyporellus squamatus (Lloyd) Pilát 1936, Polyporellus squamosus f. rostkovii (Fr.) Pilát 1936, Polyporus westii Murrill 1938,
Polyporus squamosus var. polymorphus
(Bull.) P.W. Graff 1939, (Fr.) Bondartsev 1953, Polyporus squamosus f. rostkovii (Fr.) Bondartsev 1953, Polyporus retirugis (Bres.) Ryvarden 1980, Bresadolia squamosa (Huds.) Teixeira 1986.

Volg. Poliporo squamoso

Etimologia
Polyporus = dai molti pori (dal greco polùs = molto e pòròs = poro)
squamosus
= squamoso, con le squame.
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Polyporales, Famiglia: Polyporaceae, Genere: Polyporus, Specie: squamosus.
Commestibilita'
Commestibile da giovane ma di scarso pregio.
Descrizione
E' un fungo parassita di latifoglie che aggredisce in prossimità di tagli o ferite producendo una carie bianca molto intensa nel duramen; dopo aver condotto alla morte la pianta ospite continua a fruttificare sul legno determinandone la decomposiizione.
Le fruttificazioni di Polyporus squamosus hanno una notevole taglia e si presentano, singoli o a gruppi, con cappelli irregolarmente circolari, reniformi o a ventaglio con un diametro che, a maturità, può raggiungere anche i 40 cm. di diametro. L'orlo è sottile, intero, regolare, qualche volta radialmente fessurato. Ha una consistenza carnosa con tendenza a divenire ben presto coriacea. La superficie pileica, di colore giallo-ocraceo, è ricoperta da scagliette di forma irregolare, concentriche, brunastre, più fini al bordo.
L'imenoforo è costituito da tubuli, bianchi all'inizio poi color crema, decorrenti sul gambo e terminanti in pori ampi, angolosi, poligonali, dentati.
Lo stipite tozzo e rudimentale, può eesere centrale (quando il fungo cresce sulla superficie piana di un ceppo) ma di solito è eccentrico o addirittura laterale rispetto al cappello; sodo, attenuato verso il basso dove acquista una colorazione nerastra mentre è biancastro nella parte superiore dove appare quasi reticolato per effetto dei pori biancastri che vi si prolungano.
Carne omogenea, elastica ma in seguito indurente, coriacea e dura, infine legnosa. Odore e sapore tipici: di farina rancida bagnata o di cocomero.
Basidiospore ialine, lisce, cilindrico-ellissoidali con evidente apiculo, 19 / 15,5 x 4 / 6 μm. Sporata bianco-crema.
Cresce dalla primavera all'inizio dell'autunno, isolato o a gruppi sovrapposti, su tronchi o ceppaie di latifoglie o in prossimità di ferite, talvolta alla base della pianta ospite. Comune e a larga distribuzione, è frequente in Italia, nei periodi più freschi e piovosi.

Possibilita' di Scambio
P. squamosus è una specie polimorfa ma facilmente riconoscibile per il suo cappello di grandi dimensioni decorato di squame bruno-rossicce, per i suoi pori ampi ed angolosi e per il suo tipico odore di cocomero. Tra le varie forme o varietà individuate ricordiamo il P. squamosus f. clusianus, il P. squamosus f. polymorphus, il P. squamosus f. michelii, il P. squamosus f. rostkovii. Specie morfologicamente simili possono essere considerati Polyporus tuberaster (Jacq. : Fr.) Fries, nascente di solito da un grosso sclerozio ipogeo (pietra fungaia), e Polyporus lentus Berkeley dal cappello biancastro ornato da squamette pallide ed erette; ambedue le specie hanno dimensioni molto ridotte ed odore completamente diverso.
Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 343 n. 5;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 79;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 407;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 962 e 963 ;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 579;
Moreau F.
: Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1838 n- 1843, fig. 1146;
Zeitlmayr L.
: I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 114;
Jacottet J.
: Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.203, fig. pag. 205. ;
Von Frieden L.
: I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 134;
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 606;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 140 n. 1226, tav. 42;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 291, fig. 102;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 72 n. 132;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 324;
Peyrot A. & Cortin B.
: Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 145 n. 267;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G.
:Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 179;
Bauer C.A.
: Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 314 ;
Marchand A
: Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 3, pag. 152, tav. 273;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 276;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 98;
Schlitter J.
: Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, pag. 58;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 61;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 43;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 60;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 481, foto 507;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M.
: Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 104;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 245;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 429;
Togni N.
: Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 50;
Blatto L.
: Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 360, foto 310;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 207;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 218;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 189;
Reid D.
: I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 84;
Pandolfi M. e Ubaldi D.
: Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 44;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino
, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 186 n. 51;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 314;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 132;
Julich W.
: Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 305;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 239;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 281;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D.
: Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 415, tav. 166;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 208 tav. 269;
Zuccherelli A.
: I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 64, foto 59;
Brotzu R.
Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag.334 n. 254;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 144 n. 195;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 373;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 93;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 310;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 156;
Pace G.:
Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 166, tav. 21/8;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 376;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 309;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 203;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 318;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 362, foto 138;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 397;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 109;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 380, foto 421;
Gruppo Micologico Bresadola
: Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 287;
Nonis U:
: 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 428;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 46;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 257;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 498;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 81;
AMINT
: Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 162;
Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 197
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 560 n. 1577;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 243.
Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 509;
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 104, n. 705.

Monografie:
Bernicchia A. : Polyporaceae s.l. in Italia, Istituto di Patologia Vegetale Università agli Studi di Bologna, 1990, pag. 474.
(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 422       -        Settembre 2013      -        Riferimento 107



POLYPORUS DURUS (Timm) Kreisel 1984




Foto di Sandro Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altre immagini dello stesso Genere.



Sinonimi

Boletus perennis Batsch (1783), Boletus durus Timm (1788), Boletus baschi J.F.Gmelin (1792), Boletus badius Persoon (1801), Grifola badia (Pers.) Gray (1821), Polyporus badius (Pers.) Schwein (1832), Polyporus picipes Fries (1838), Favolus trachypus Berkeley & Montagne (1856), Polyporus trachypus Berheley & Montagne (1856), Polyporus dibaphus Berkeley & M.A.Curtis (1872), Polyporellus picipes (Fr.) P. Karsten, Leucoporus picipes (Fr.) Quèlet (1886), Melanopus picipes (Fr.) Patouillard (1887), Polyporellus badius (Pers.) Imazeki (1989).



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Polyporales, Famiglia: Polyporaceae, Genere: Polyporus, Specie: durus.


Etimologia

Polyporus = dai molti pori (dal greco polùs = molto e pòròs = poro)
durus = duro, resistente (dall'aggettivo latino).


Commestibilità

Coriaceo e quindi immangiabile.


Descrizione

Polyporus durus Timm è conosciuto anche come Polyporus badius (Pers.) Schweinitz o come Polyporus picipes Fries.

Qualunque sia la denominazione di specie adottata, si tratta di un Poliporo lignicolo dal cappello marrone o baio scuro, nero al centro e più chiaro verso il bordo, con un corto gambo bianco in alto ma che tende a farsi brunastro verso l'estremità inferiore.

Il cappello, circolare o reniforme, talora un po' eccentrico, piano o un po' depresso al disco, si estende per un diametro di circa 15 / 20 centimetri; ha consistenza carnosa o coriacea, margine sottile e ondulato, e superficie glabra, lucente, marrone, bruno rossiccia, bruno cannella, quasi nera al centro ma più chiara verso il margine.

L'imenoforo è costituito da tubuli corti e decorrenti sul gambo e da pori piccoli, tondeggianti o ovali, inizialmente bianchi poi crema ocracei.

Il gambo, piuttosto corto, è irregolare, spesso eccentrico, a volte incurvato, cilindrico o compresso quando vari esemplari sono connati l'uno accanto all'altro, biancastro ma gradualmente bruno scuro verso la base, vellutato.

La carne è spessa, tenace, friabile nel fungo secco, bianca e alla fine crema. Sapore acidulo, non piacevole, odore forte al taglio o alla pressione, simile a quello di Scleroderma.

Basidiospore cilindriche e allungate, lisce, ialine, non amiloidi, con pareti sottili, Hanno le seguenti dimensioni: 6 / 8 x 3 / 3,5 μm. Sporata crema pallida.

Sviluppa una dannosa carie bianca che aggredisce e distrugge rapidamente la lignina della pianta ospite. Cresce dalla primavera all'estate sui tronchi di latifoglie o, più raramente, di aghifoglie, con esemplari isolati o concrescenti in gruppi più o meno appressati e numerosi.


Possibilità di scambio

La specie più vicina a P. durus può essere considerato Polyporus melanopus che differisce per avere il cappello bruno cannella, fioccoso all'inizio e poi vellutato e per il gambo un poco feltrato, nerastro, e infine per crescere spesso su terreno (in realtà su legno interrato. Tra gli altri Polipori, con il gambo in tutto o in parte nerastro, menzioniamo il P. vatius (Pers.) Fries, il P. elegans Fries, il P. nummularius (Bull. : Fr.) Courtec, il P. ciliatus Fries e il P. brumalis (Pers. : Fr.) Fries.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 352;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 147 n. 5244;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5, tav. 965;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 577 n. 1908;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 606;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 142 n. 1230, tav. 42;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 537, foto n. 723;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 3, pag. 142, tav. 268;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 268;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 202;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 62;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 61;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 478, foto 543;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 104;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 248;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 218;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 314;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 133;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 239;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 181;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 415, tav. 165;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 144 n. 107;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 371 in nota;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 689;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 92;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 204;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 314 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 362, foto 151;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1409;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 109 n. 192;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 326, foto 415;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 47;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 502;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 528 in nota;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 81;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 560 n. 1575;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1030.


Monografie:

Bernicchia A. : Polyporaceae s.l. in Italia, Istituto di Patologia Vegetale Università degli Studi di Bologna, 1990, pag. 460.



(Sandro Ascarelli)