Pluteus

Scheda n. 258      -      Settembre 2011      -      Riferimento n. 858

 

PLUTEUS CERVINUS (Sch. : Fr.) Kummer, 1871

 

258. Pluteus cervinusFoto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Agaricus cervinus Schaeffer, Secretan,  Agaricus pluteus Persoon,  Agaricus atricapillus Batsch, Agaricus curtisii Berk e Broome,  Pluteus curtisii Berk,  Pluteus atricapillus Fayod,  Hyporrodius cervinus Henn.

Volg. : Pluteo cervino


Etimologia

Pluteus = mensola, riparo, pannello (dal latino)

cervinus = attinente al cervo (aggettivo latino) per il colore pileico simile a quello del mantello del cervo.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Pluteales,, Famiglia: Pluteaceae, Genere: Pluteus, Sezio-ne: Pluteus, Specie: cervinus.

 

Commesttibilità

Di scarso valore gastronomico

Descrizione

Al Genere Pluteus, comprendente una ventina di specie, si ascrivono funghi lignicoli, saprotrofi, eterogenei, con stipite privo di volva e di anello, carne fragile, lamelle libere al gambo e rosate.

La specie più comune e frequente è il Pluteus cervinus che si presenta con un cappello centrale, disposto come un tetto o un riparo sulla parte sottostante, piuttosto ampio (il diametro può estendersi per 10 / 15 centimetri), carnoso ed irregolarmente gibboso. La cuticola, separabile, è untuosa, liscia, talvolta rugosa, spesso munita di fibrille radiali più scure. La colorazione della cuticola può essere variabile ma generalmente tende al bruno dattero o al bruno grigio, richiamando i colori del mantello del cervo.

Le lamelle sono libere e distanti dal gambo, mediamente fitte e arrotondate con diverse lamellule verso il margine. Inizialmente biancastre, tendono ben presto ad assumere una colorazione rosata.

Il gambo à piuttosto slanciato, cilindrico, tosto, lievemente rigonfio verso l’estremità inferiore, biancastro ma coperto da fibrille verticali brune.

Carne spessa, soda nel gambo, fibrillosa nel cappello, biancastra ma debolmente bruna verso la base dello stipite. Odore e sapore rafanoidi, come di ravanello, non sgradevoli.

Spore da ellissoidali a sub globose, talvolta guttulate, rosa carnicino anche in massa. Misurano 6 / 8 x 4,5 / 5,5 micron.

Frequente da maggio a novembre, su radici o su legno morto di latifoglie, isolato o in gruppo di pochi esemplari.

 

Possibilità di scambio

Una specie del tutto simile a P. cervinus è P .tricuspidatus Velenovsky (= atromarginatus) che differisce soltanto per avere il tagliente delle lamelle nerastro e per crescere prevalentemente su legno di aghifoglie. P. salicinus (Pers. : Fr.) Kummer ha invece dimensioni di poco inferiori e si riconosce per le tonalità verde azzurre della colorazione del cappello, tonalità che talvolta appaiono anche alla base del piede.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 199;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 665;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.187;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 109;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4,  tav.  534;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 247, n. 814, tav. 71/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 56 n. 92;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 166.

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 158;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 23;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 641;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 75, tav. 23 n. 628;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.590, fig. 97/2;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 118 n. 272;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 102;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 127 ;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 24;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 231;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 64;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 413

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 418, figg. 589 e 591;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 93;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 219;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 227;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 229;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  675,  foto 231 e 232;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 170;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982,  tav. 164;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 115;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 89;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 30, foto  17;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 117;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 118;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 53;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 56;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 130, foto a pag. 130 n. 23;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 291;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 196;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  228;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 272;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 113;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 514, foto 735;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 164, foto 208;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 205, foto 134;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 282 n. 858;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 117, tav.  69;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 362;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 201;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 201

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 212, Iconografia n. 338;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 239;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  134,  tav. 5/16;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 260;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 160;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  171;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 121;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 606;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 723, foto 668;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  138;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 215;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 118, foto 104;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 237;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 53;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 84;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 140;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 272;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 54;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 247;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 232;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 376;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 48;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 132;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.50 n. 76;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 149;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.376;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  4, pag. 106,  n. 176.

(Sandro Ascarelli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scheda n.339         -       Setembre 2012      -        Riferimento pag. 863
PLUTEUS CURTISII (Berk. & Broome) Saccardo





spluteus_curtisii_20120801_1858704904.jpg





foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi

Agaricus cervinus Schaeffer (1774), Agaricus pluteus Batsch, (1783), Agaricus atricapillus Batsch, (1786), Agaricus pluteus ß rigens Persoon (1801), Agaricus curtisii Berk. & Broome (1849), Pluteus cervinus (Schaeff.) P. Kummer (1871), Pluteus curtisii Berkeley (1887), Pluteus eximius (W. Saunders & W.G. Sm.) Saccardo (1887), Pluteus cervinus var. rigens (Pers.) Saccardo (1887), Pluteus atricapillus (Batsch) Fayod (1889), Rhodosporus cervinus (Schaeff.) J. Schröter (1889) Hyporrhodius cervinus (Schaeff.) Hennings (1898), Pluteus cervinus var. eximius (W. Saunders & W.G. Sm.) Saccardo (1911), Pluteus cervinus var. bullii (Cooke) Rea (1922), Pluteus bullii Berk. ex Rea, (1927).

Etimologia
Pluteus = mensola, riparo, pannello (dal latino)
Curtisii
= dedicato a Moses Ashley Curtis (1808 / 1872) studioso e micologo del Nord Carolina (U.S.A.)
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Pluteales,, Famiglia: Pluteaceae, Genere: Pluteus, Sezio-ne: Pluteus, Specie: curtisii.
Commestibilita'
Non commestibile.
Descrizione

Scorrendo la lunga lista dei sinonimi (vedi sopra), si noterà come Pluteus curtisii sia atato spesso associato a Pluteus cervinus. Preferiamo seguire la distinzione di Regis Courtecuisse, tenendo presente che P. cervinus ha un cappello con colori bruni, simili a quelli del mantello del cervo (da cui la denominazione di specie), mentre P. curtisii ha una cuticola biancastra o beige pallido con squamule brunastre soltanto al disco. Più corretto sembrerebbe sinonimizzare P. curtisii con Pluteus petasatus per le notevoli affinità che contraddistinguono i carpofori dell'una e dell'altra specie.
Il cappello da conico campanulato diviene poi convesso ed appiattito o leggermente depresso, con un diametro di circa 12 centimetri ed oltre, più o meno umbonato. La superficie è fibrillosa e presenta, soprattutto al disco, delle minuscola squame debolmente brune su fondo bianco o debolmente ocraceo. Margine liscio, acuto.
Lamelle mediamente fitte, larghe, libere al gambo, inizialmente bianche poi rosate.
Il gambo è pieno e rigido, cilindrico o di poco rigonfio alla base, biancastro o lievemente striato da fibrille brunastre più scure
Carne biancastra. Odore poco gradevole, rafanoide. Sapore poco apprezzabile.
Spore sub globose o ellissoidali, grigio rosa, 7 / 9 x 5 / 6,5 μm. Sporata ocra rosata.
Specie abbastanza rara, cresce nei boschi di latifoglie, soprattutto nelle faggete, isolata o in piccoli gruppi, su legno degradato, in estate e in autunno.

Possibilita' di Scambio

La diversa colorazione pileica dovrebbe esser sufficiente a tener distinto P. curtisii da P. cervinus (Sch : Fr.) Kummer (vedi scheda n. 258) come anche da P. brunneoradia-tus, Bonnard). Più difficili cogliere le differenze con P. salicinus (Pers. : Fr.) Kummer (che tuttavia predilige boschi di aghifoglie) , con P. petasatus (Fr.) Gillet e con P. pellitus (Pers. : Fr.) Kummer. In tutti questi casi è necessaria l'osservazione di alcuni elementi microscopici.

Bibliografia
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 675, n. 2790;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 590 fig. 1, ;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 36;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 218;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 229;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag.130 n. 23 in nota;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 282 n. 863;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 608;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 186, foto 115;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 50, n. 79.




(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 441        -          Novembre 2013        -          Riferimento 870






PLUTEUS BOUDIERI Orton 1860



pluteus boudieri 2 20140115 1350254888Foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e per vedere altre foto dello stesso genere


Sinonimi

Agaricus plautus Weinman (1836), Pluteus plautus (Weinm.) Gillet (!876), Pluteus granulatus Bresadola (1881), Pluteus plautus var. terrestris Bresadola (1881), Pluteus pellitus var. gracilis Bresadola (1885), Pluteus gracilis (Bres.) J.E.Lange (1936), Pluteus granulatus var. tenellus J. Favre (1948), Pluteus alborugosus Kühner & Romagnesi (1953), Pluteus depauperatus Romagnesi (1956), Pluteus boudieri P.D.Orton (1960), Pluteus punctipes P.D.Orton (1960), Pluteus dryophiloides P.D.Orton (1969)


Etimologia

Pluteus = mensola, riparo, pannello (dal latino)
Boudieri = dedicato al micologo francese Jean Louis Ėmile Boudier (1828 / 1920)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Pluteales,, Famiglia: Pluteaceae, Genere: Pluteus, Sezio-ne: Hispidoderma, Specie: Boudieri.


Commesttibilità

Privo di interesse gastronomico.


Descrizione

I Pluteus appartenenti alla sezione Hispidoderma Fayod (con cuticola pileica fibrillosa) presentano notevoli difficoltà interpretative e, nella moderna letteratura, sono state proposte diverse denominazioni sulla base delle varietà non sempre universalmente riconosciute riferentisi alle dimensioni dei carpofori, alle tonalità cromatiche, alle differenti caratteristiche microscopiche. In tal modo, dalla originaria specie Pluteus plautus (Weinman) Gillet 1876, sono stati via via individuate ulteriori specie (in Europa P. granulatus, P. semibulbosus, P. boudieri, P. inquilinus, P. depauperatus, P. murinus, P. hispidus, P. exiguus. P. umbrinus ecc., in America P. atriavellanus,P. unakensis, P. griseibrunneus ecc.) che rendono difficile ed incerta la loro esatta identificazione, tanto che preferiamo raggruppare le entità proposte come sinonimi del P. plautus.
P. boudieri deve la sua nascita tassonomica al micologo P.D.Orton che nel 1960 provvide a separarlo da P. plautus sulla base dei caratteri che di seguito riportiamo.
Il cappello da convesso si appiana raggiungendo un diametro di circa 6 centimetri e talvolta si presenta con un leggero umbone ottuso. La cuticola è asciutta, granulosa o squamulosa al centro, striata al margine soprattutto con tempo umido. E' di color bianco, crema-nocciola pallido al disco.
La superficie imeniale è costituita da lamelle, bianche tendenti al rosa per la sovrapposizione delle spore, mediamente fitte, libere al gambo, con il filo irregolare e fioccoso.
Il gambo è duro, fibroso, pubescente, cilindrico ma caratteristicamente dotato di un bulbo arrotondato terminale che facilita l'inserimento del carpoforo nel suo substrato legnoso e da cui deriva l'ulteriore sinonimo di P. semibulbosus (Lasch) Gillet ss. Kühmer & Romagnesi. Ha colori simili a quelli del cappello.
Carne più tenera quella del cappello, più soda quella del gambo. Bianca. Priva di sapore o di odore significativi.
Le spore misurano 6,5 / 8 x 6 / 7,5 micron. Sono sub globose o largamente elissoidi, lisce e prive di guttule o di ornamentazioni, rosate. Sporata bruno-rosa.
Specie relativamente rara, cresce isolata o gregaria, in estate e in autunno, sul legno marcescente o morto di rami di latifoglie caduti a terra.



Possibilità di scambio

Il Pluteus più somigliante al P. Boudieri e con quest'ultimo per lungo tempo confuso sotto la denominazione unica P. semibulbosus (vedi sopra) è stato P. inquilinus Romagnesi: ambedue le specie sono bianche e fornite di un piccolo bulbo all'estremità inferiore del gambo ma differiscono perché, esaminata la cuticola del cappello al microscopio, quella di P. Boudieri appare lievemente vellutata, quella di P. inquilinus è invece ricoperta di granuli.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 1, pag.671 n. 2771;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 186;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 1 e 4, tav. 539;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 175 n.590, tav. 724;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 41;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 230;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 231;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 54, tav. 25/2;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 520, tav. 746;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 164, foto 209;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 284 n. 870;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 204;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1141;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2005, collez. 24, tav.1187;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 246;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 254.



(Sandro Ascarelli)