Otidea

 Scheda n. 133        -       Marzo 2010       -       Riferimento n. 30






OTIDEA ONOTICA  
(Pers. : Fr.) Fuckel

 

 Otidea onotica
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Peziza onotica Persoon.
Volg. : Orecchia d’asino


Etimologia

Otidea = simile ad un orecchio (dal greco otòs = orecchio e eidos = sembiante, simile a)
onotica = attinente l’orecchio d’asino (dal greco ònos = asino e oùs, otòs = orecchio)


Sistematica

Regno: Fungi,  Divisione: Ascomycota,  Classe: Hymenoascomycetes,  Subclasse: Pezizomycetideae,  Ordine:  Pezizales,  Sotto-ordine:  Pezizaneae,  Famiglia:  Otideaceae,  Genere: Otidea,  Specie:  onotica.


Commestibilità

Non commestibile


Descrizione

Al genere Otidea si ascrivono alcuni ascomiceti, assai prossimi alle Pezizaceae, che si caratterizzano per avere ricettacoli a forma di coppa ma aperti da un lato, tali da assumere un aspetto simile a quella di un orecchio animale. Così l’ Otidea onotica è costituita da un apotecio alto sino a 50 mm. e con un diametro non superiore ai 30 mm., fessurato da un lato e con gli orli tendenti a sovrapporsi. La parte superiore tende ad essere appuntita e nel suo complesso il carpoforo somiglia vagamente ad un’orecchio d’asino. La parte inferiore dell’ascoma si inserisce nel terreno con uno pseudo-gambo biancastro molto corto e pruinoso. La superficie interna del carpoforo e quella esterna sono di colore giallastro, talvolta con qualche lieve sfumatura rosata.

La carne è sottile, elastica, ceracea, biancastra o giallina. Odore e sapore poco percettibili ed indefinibili.

Aschi cilindrici, lunghi fino a 240 micron, non amiloidi, contenenti ciascuno 8 spore ellissoidali, ialine, lisce, biguttulate, misuranti 10 / 12,5 x 5 / 8 micron

Dalla primavera all’autunno inoltrato O. onotica può rinvenirsi lungo i sentieri o nelle radure di boschi di latifoglie o di aghifoglie. E’ un fungo terricolo che cresce isolato o in piccoli gruppi appressati.


Possibilità di scambio

Nelle abetaie di montagna può trovarsi la O. abietina (= propinquata) , più piccola della O.  onotica e di colore bruno cioccolata. O. umbrina (= bufonia) cresce invece solo nei boschi di latifoglie ed ha un colore marrone tendente, in vecchiaia, a divenire quasi nero. O. leporina è di color bruno porpora nella parete interna, bruno rossastro in quella esterma. O. cochleata, infine, presenta numerosi carpofori appressati ed arrotolati gli uni sugli altri a mo’ di chiocciola.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag. 48

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 94;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 158;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  2, tav. 1222;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, n.  372;

Jacottet J.  : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 264, ill. pag. 272;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav.

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 212 ;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.221, fig. 72;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 34, n. 15 ;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 310;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 824;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag.  154, tav. 335;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.222/1;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 339;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 458;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol   2, pag. 110;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  352;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 519;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1988, collez. 7, tav. 338;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag,  242;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 171;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 227 (in nota);

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 330;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  30;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 197;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 253;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 219;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 96, foto  94;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 669, foto 533;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 132, n. 30;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 336;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 41;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 58;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 287, Iconografia n. 491;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 125;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 168,  tav.  22, ill. 206;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 426;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 410;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  269;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pagg. 103 e 106, in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 299,  foto 59;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  479;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  40;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag 84, foto 62 in nota ;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 488;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 37;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 650;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 605;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 45;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 122;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 249;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 279;

Tiberi G. e Sperati G. :  I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 542;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag.  144 n. 856.


Monografie:

Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d’Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento 2006, pag. 164.

 Dennis R.W.G. : British Ascomycetes, J.Kramer, Vaduz, 1981, pag. 28.

(Sandro Ascarelli)

 

 

Scheda n. 461       -         Febbraio 2014        -        Riferimento: pag. 30 in nota

 

 

OTIDEA ALUTACEA   (Pers. : Fr.) Massee 1895

 

otidea alutacea 2 20140711 1765859103  
 Foto di Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere
 

 

Sinonimi

Helvella ochracea Schaeffer (1774), Peziza ochracea (Schaeff.) Persoon (1800), Peziza alutacea Persoon (1801), Peziza alutacea var. communis Alberini & Schweinitz (1905), Peziza alutacea var. undulata Alberini & Schweinitz (1905), Peziza alutacea var. vesiculosa Alberini & Schweinitz (1905), Scodellina alutacea (Pers.) Gray (1821), Peziza cochleata var. alutacea Fries (1922), Peziza cochleata f. alutacea (Pers.) Fries (1822), Peziza cochleata f. ochracea (Schaeff.) Fries (1822), Peziza alutacea var. ochracea (Schaeff.) Persoon, Plicaria alutacea (Pers.) Fuckel (1870), Otidea alutacea var. alutacea (Pers.) Massee (1895), Otidea alutacea var. kauffmanii Kanouse (1949), Otidea alutacea var. rainierensis Kanouse (1949).

 

Etimologia
Otidea = simile ad un orecchio (dal greco otòs = orecchio e eidos = sembiante, simile a...)
Alutacea = del colore del cuoio (dall'aggettivo latino alutàceus = attinente il cuoio sottile)

 

Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Ascomycota, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine: Pezizales, Sotto-ordine: Pezizaneae, Famiglia: Otideaceae, Genere: Otidea, Specie: alutacea.

 

Commestibilità
Non commestibile.

 

Descrizione
Il Genere Otidea comprende una ventina di specie europee appartenenti alla Classe degli Ascomiceti, terricoli o lignicoli, spesso dimoranti su aghi di pino. Hanno spore da ialine a giallo pallido e, come abbiamo già visto (scheda n. 133), si caratterizzano per avere apoteci lateralmente fessurati in modo tale da renderne i ricettacoli di forma simile ad un orecchio leporino. Crescono in maniera singola o cespi tosa ed hanno colore variabile da giallo a bruno fino ad olivastro. Otidea alutacea è una specie abbastanza rara il cui apotecio può arrivare ad avere un diametro di circa 7 centimetri e si presenta in forma di coppa allungata e fessurata su un lato, ripiegato verso l'interno come se fosse "accartocciato". La superficie esterna, liscia o di poco furfuracea, ha una colorazione ocracea. Orlo irregolarmente ondulato. L'imenoforo è liscio, leggermente pruinoso-furfuraceo, di colore bruno.ocraceo ma con toni di poco più scuri di quelli della superficie esteriore. La carne ha consistenza ceracea, piuttosto fragile, crema-giallastra.
Gli aschi, ottosporici, sono ialini, cilindrici, 169 / 190 μm, con parafisi sottili in basso e leggermente ingossate in alto, spesso ricurve e settate. Le spore in essi contenuti sono ellissoidali, lisce, ialine, biguttulate, misurano 12 / 15 x 4,5 / 5 micron. In estate e in autunno cresce in piccoli gruppi di esemplari appressati, sul terreno, nei boschi di latifoglie con preferenza per le Fagaceae (Faggio, Castagno e Quercia).

 

Possibilità di scambio

Il Genere Otidea è facilmente riconoscibile per la presenza della caratteristica fenditura laterale dell'apotecio anche se talvolta questo carattere può apparire poco evidente, soprattutto nel caso di più esemplari concrescenti o disposti in maniera appressata. Tuttavia distinguere le singole specie solo mediante l'osservazione macroscopica risulta difficile e può causare errori di determinazione: è quindi necessario approfondire l'esame con una attenta indagine effettuata al microscopio (osservando in particolare dimensione e forma degli aschi e delle spore). Con le dovute cautele possiamo dire che la specie più somigliante, e che spesso fruttifica nel medesimo ambiente, è Otidea bufonia (Pers. : Fr.) Boudier, con tonalità tendenzialmente più scure e volgenti all'olivaceo, superficie esterna dell'apotecio ornato da minuscole pustole in rilievo e spore di dimensioni 15 x 6 μm- Otidea cochleata (L. : Fr.) Fuckel ha carpofori appressati e arrotolati gli uni sugli altri, di colore bruno scuro e si determina facilmente al microscopio perché la sue spore sono molto grandi (17 / 20 x 10 / 12üm.). Otidea onotica (Pers. : Fr.) Fuckel (vedi scheda n. 133) ha dimensioni analoghe alla specie precedente ma differisce per la forma "a orecchio d'asino" e per la colorazione giallo-crema con riflessi rosa-aranciati. Le spore, più piccole, misurano 10 / 12 x 5 / 5,5 μm-.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag.50;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 78 n. 273;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5, tav. 1225;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 104, n. 1414, tav. 49;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 625, foto n. 365 in nota;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 180, tav. 388 in nota;

Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L’Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 235;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 352 in nota;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 519 in nota;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 271;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 330;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 218;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 96, foto 94a;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 338, foto 471;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 667 n. 531;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 132 n.30 in nota;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 39;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 104 e 105 in nota;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 478;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag. 82, foto 60;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 308;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 650;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 601 in nota;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2006, collez. 25, tav. 1235;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 123 n. 10 in nota;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 131, n. 853.

 

Monografie:

Medardi G. : Atlante fotografico degli Ascomiceti d’Italia, Associazione Micologica Bresadola, Trento, 2006, pag. 161.

 

(Sandro Ascarelli)