Omphalotus

Scheda n. 065      -      Giugno 2009     -     Riferimento n. 1610




OMPHALOTUS OLEARIUS
(DeCand.: Fr.) Fayod


omphalotus_olearius1_20120313_1241059327.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Clitocybe olearia, Clitocybe illudens, Pleurotus olearius.
Volg. : Fungo dell'olivo, Agarico dell'olivo.

Etimologia

Omphalotus = ombelico (dal greco omfalòs), per la depressione al centro del cappello,
olearius = dell'olivo (dal latino olea = olivo), per il particolare habitat di crescita.

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Homobasidiomycetes; Sottoclasse: Agaricomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Omphalotaceae; Genere: Omphalotus; Specie: olearius..

Commestibilità

Fungo tossico (sindrome pardinica) la cui sintomatologia gastro-intestinale si manifesta con dolori epigastrici, nausea, cefalea, sudorazione, scariche alvine e talvolta con brachicardia ed allucinazioni cromatiche. Nei caso più gravi possono insorgere complicazioni a livello epato-renale.

Descrizione

Se vi dovesse capitare di trovarvi nel fitto di un bosco, in una notte buia e senza luna, e di vedere un alone di luce ai piedi di un albero, non vi allarmate: non sono i folletti della foresta ma più semplicemente un cespo di Omphalotus olearius che emette un lieve chiarore per effetto di un fenomeno naturale, non sempre costante, conosciuto come bioluminescenza. Secondo alcuni Autori, la fosforescenza sarebbe prodotta da pigmenti contenuti nell'imenio del carpoforo e varierebbe con l'età di quest'ultimo.

Inizialmente convesso, poi disteso ed infine depresso al centro e quindi imbutiforme, talora con bassa papilla centrale, il cappello può avere un diametro variante fino ai 15 cm. e presentarsi con
una superfice liscia, brillante, con colori compresi in una gamma he va dal giallo-arancio al fulvo  arancione con tonalità più scure al disco per la presenza di fibrille innate che dal centro si irradiano a raggiera. L'orlo, più o meno ondulato, rimane a lungo introflesso.

Le lamelle sono strette, sottili, serrate, arcuate e a lungo decorrenti sul gambo. Di color giallo-oro o arancio vivo, sono intervallate da numerose lamellule e da qualche biforcazione in prossimità del margine pileico. Si staccano con facilità, a blocchetti, dalla carne.

Il gambo può essere centrale o posto lateralmente (eccentrico) e si prolunga per circa 20 centimetri, cilindrico ma attenuato verso la base dove si unisce a fascio con altri esemplari. Ha una consistenza soda e carnosa. Pur avendo tonalità cromatiche più chiare del colore del cappello, il gambo è percorso longitudinalmente da costolature più scure che sembrano quasi una prosecuzione delle lamelle.

Carne tenace, soda ma poi fibrosa, aranciata ma più scura sotto la cuticola del cappello e brunastra verso la base del gambo; odore poco marcato, erbaceo, gradevole, sapore mite ma un po' astringente. Reazione verdastra all'ammoniaca.

Le spore bianco-crema ma lievemente giallognole in massa, sono quasi globose ((7,5 / 8,5 x 5 / 6,5 micron), lisce, non amiloidi.

Specie comune in estate e in autunno, cresce in cespi anche voluminosi sulle radici (talvolta interrate) o alla base di tronchi di varie essenze arboree e quindi non soltanto degli ulivi. Predilige tuttavia luoghi soleggiati, caldi ed aperti, dall'areale costiero fino alle abetaie montane.

Possibilità di scambio

Nella letteratura micologica si citano numerosi casi di avvelenamento per effetto di incauti scambi tra l'ottimo Cantharellus cibarius e l' Omphalotus olearius. Tuttavia il "galletto" è nettamente distinguibile sia per il colore giallo del carpoforo (mentre il colore dell' O. olearius è molto più aranciato), sia per il fatto che la superficie imeniale è costituita da nervature anastomizzate e rigide, tanto da non poter essere separate dalla carne del fungo, mentre le lamelle dellì O. olearius sono molto più fitte e si staccano "a blocchetti" con l'unghia di un dito. Vale la pena, inoltre, ricordare che il C. cibarius cresce abitualmente isolato e non è cespitoso (la crescita isolata di O. olearius rappresenta invece un'eccezione) e che la prima specie è terricola mentre la seconda è lignicola, anche se talora la radice della pianta rimane interrata e non risulta apparente.

L'esame della superficie imeniale serve anche a distinguere l' Hygrophoropsis (Clitocybe) aurantiaca che, pur avendo una colorazione assai simile a quella di O. olearius, presenta tuttavia delle lamelle ampiamente forcate e ramificate. Per di più, la superficie pileica dell' H. aurantiaca è opaca, vellutata e priva di fibrille radiali.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 273;

Viviani D. : I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 61, tav. 50;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 346;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 87;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  3, tav.  285;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor'iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 22, tav. 14;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 107;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 64;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 624, fig. 494;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 44, tav. 13 n. 363;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.408, tav. 27;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 226, fig. 596;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 94;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 153;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag.134,  tav. 103;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 136;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, tav. 36;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 184;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 221;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 140, fig. 202;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 159, tav. 19;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Scien-ces, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 133;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 80;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 125;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 80;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 787,  tavv. 310, 426, 483;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 108;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 288;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 39;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 126;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 123, tav. 50;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 186;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3, pag. 335, tav. 297/2;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 51;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 339;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 124;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 141, tav. pag. 22;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 119;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 306;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 353, tav.163;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 63;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 795, tav. 1107;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 315, foto 237;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 418 n. 1610;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 119;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 146;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 334;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 133;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 132, Iconografia n. 169;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 44 e 45;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 230;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 146,  tav. 11/7, fig. pag. 111;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 86;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 29;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, pag. 24;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 810;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 714, foto 290;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 344;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 333;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 282, foto pag. 164;

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 155;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 238;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 70;

A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 76;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 174;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 193;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 350;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 492;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 66.

 

(Sandro Ascarelli)