Marasmius

Scheda n. 127         -        Marzo 2010         -       Riferimento n. 504

MARASMIUS OREADES (Bolt. : Fr.)  Fries

Marasmius oreades
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus oreades Bolton, Agaricus caryophylleus Schaeffer, Marasmius caryophylleus Schroeter, Marasmius pseudo-mouceron Bulliard.
Volg.  Marasmio oreade, Gambesecche, Fungo delle streghe

Etimologia

Marasmius = deperito (dal greco: marasmòs = deperimento, debolezza);
oreades = dal nome delle ninfe Oreadi, protettrici dei boschi e delle montagne.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Marasmieae, Genere: Marasmius, Sezione: Globulares, specie: oreadess.

Commestibilità

Buon commestibile. Va escluso il gambo, duro, tenace e quindi da scartare. I cappelli, ottimi nelle zuppe, essiccati e ridotti in polvere possono essere usati come condimento o come aromatizzante.

Descrizione

E’ un fungo conosciuto come “gambe secche” per la particolarità di avere un gambo duro, pieno, fistuloso e della stessa consistenza del picciolo di una ciliegia. Le sue dimensioni sono modeste ma se ne raccolgono grandi quantità, dalla primavera all’autunno, nei prati dove formano caratteristici “cerchi delle streghe” o lunghe file zigzaganti.

Il cappello raggiunge a mala pena un diametro di 5 centimetri. Inizialmente convesso e campanulato, in seguito si distende e si appiana, a volte con un umbone appena accennato. La superficie è liscia e di un colore uniformemente nocciola chiaro, con tonalità più scure, quasi brunastre a tempo umido, biancastro invece col tempo secco. L’orlo, sottile, può essere brevemente striato.

Le lamelle sono libere al gambo, piuttosto larghe e tra loro distanziate e intervallate da lamellule; biancastre ma tendenti ad assumere la colorazione del cappello.

Il gambo è alto (misura in altezza più del diametro del cappello), slanciato, pieno, molto duro, bruno nocciola più scuro verso l’estremità dove termina con una base ricoperta da una tomentosità bianca.

La carne del cappello è morbida  mentre quella del gambo rimane dura e compatta. Bianca o biancastra, emana un gradevole odore fungino ed ha un sapore dolciastro. La carne di questo fungo ha la particolarità di non essere putrescibile; tende a seccarsi con la siccità salvo riprendere i suoi caratteri non appena bagnata dall’umidità o dalla pioggia.

Spore ellissoidali o subovali (8 / 10 x 5 / 6 micron), ialine al microscopio, bianche in massa.

Comune ed abbondante nei suoli umidi dei prati, sia in pianura che in montagna, al bordo dei sentieri, in luoghi sufficientemente soleggiati. Dalla primavera all’autunno può fruttificare in più riprese, solitamente dopo abbondanti piogge.

Possibilità di scambio

La specie più prossima à Marasmius collinus, specie ritenuta tossica per aver provocato lievi disturbi gastroenterici; si distingue da M. oreades per avere un gambo, più tenero e fragile, tipicamente cavo e lamelle più fitte e serrate. M- Wynnei ha  invece gambo nerastro.

La possibilità di scambiare M. oreades con una delle Clitocybu bianche, velenose, ci sembra assai remota dato il diverso aspetto morfologico e soprattutto il differente odore.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 127;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 10, tav. 24;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 510;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 321;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 103, tav. 21;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  1, tav. 490;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 68, n. 246, tav. 24/5;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 519 n. 1707;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n.  45;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 35, tav. 76;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 158, tav. 28;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 146, ill. pag. 56;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 48;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag.  620;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 107, tav. 66;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 69, n. 575 ;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 441, tav. 36;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 112, n. 256;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 102B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 118;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 121, tav. 81;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 74/1;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag.  226;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 31;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 207/B;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 248;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 85;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 85;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 376;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 167;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 129;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 173;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  772,  foto  17 e 18;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 152;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 98;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 211;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 184;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag.  168, foto  143;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 36;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag.  29;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 125, foto 4;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 66;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985,  pag.  259;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 43;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 66;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 140;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 174;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 213;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  136;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 120;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 79;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 344, tav.139;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 66;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 719, foto  987;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 138 , foto 170;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 154, foto 86;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag.  504;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 287;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag.  43;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 166;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 189;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 116, Iconografia n. 134;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 67;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 223;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 138,  tav. 7, ill. pag. 206;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 249;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 41;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 117:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 477;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 669,  foto  354;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.  1, pag.  88 ;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  186;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  3, pag. 242, foto  289;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 150, foto pag. 151;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 176;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 83;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 136 n. 79, pag. 184 n. 127, pag. 234 n. 177;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 288;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 188;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 227;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 159;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 274;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  122;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 222.

 

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 167      -      Agosto  2010      -      Riferimento n. 499




Marasmius scorodonius (Fr. ex Fr.) Fr.




167. Marasmius scorodonius
foto di G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus scorodonius Fries, Chamaeceras scorodonius (Fr.) Kuntze, Gymnopus scorodonius (Fr.) J.L. Mata & R.H. Petersen, Mycetinis scorodonius (Fr.) A.W. Wilson var. scorodonius.
Volg.  Marasmio oreade, Gambesecche, Fungo delle streghe

 
Etimologia

Marasmius  = deperito (dal greco: marasmòs = deperimento, debolezza);
scorodonius  = dalla parola greca skorodon, che significa aglio (a causa dell’odore).


Sistematica

Regno: Fungi,  Divisione: Amastigomycota,  Subdivisione: Basidiomycotina,  Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae,  Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Marasmieae, Genere: Marasmius,  Sezione: Alliacei,  specie: scorodonius.



Commestibilità

Viene utilizzato come condimento sia da fresco che dopo essiccazione e, per il suo odore e sapore, può sostituire l’aglio.


Descrizione

Se ad alcune persone l’aglio risulta indigesto, consigliamo di preparare delle “bruschette” con i cappelli di Marasmius scorodonius, olio e sale. Il sapore sarà lo stesso ma il “sostituto” sarà molto più digeribile.

Marasmius scorodonius è un fungo molto piccolo con cappello di 0,7x2 cm, relativamente carnoso, sottile al margine, campanulato-convesso, poi piano e depresso, tenace, liscio poi stiato, appena igrofano, incarnato fulvo a striature pellucide per l’umidità, bianco-pallido per il secco e negli esemplari vecchi.

Lamelle non molto fitte, sinuose, ineguali, ventricose, biancastre o bianco incarnate.

Gambo di 1-2x0,1-0,2 cm, ingrossato in alto e assottigliato alla base, fistuloso e corneo come il picciolo di una ciliegia, levigato e brillante, fulvo o bruno scuro.

Carne quasi inconsistente. Odore e sapore agliaceo, penetrante e durevole.

Spore ovoidali, apiculate alla base, lisce, ialine di 6-8x3-4 micron, biancastre in massa.

Vive sugli aghi dei pini in terreni sabbiosi in numerosi individui in estate-autunno.


Possibilità di scambio

Può essere scambiato con M. perforans, più piccolo e crescente direttamente su singoli aghi di pino e con M. alliaceus, dal gambo molto lungo, nero ed a taglia maggiore. Ambedue con odore simile alla specie precedente ed ambedue senza valore alimentare.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 130;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 323;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 420;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 105;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 499;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 15, tav. 6;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 70 n.. 252, tav. 24/6;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 529;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n.  44;

Jacottet J.  : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 147;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 49;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 620;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 67 , tav. 21 , n. 560;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 436, fig.  n. 200;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 112 n. 255;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 116;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 24, fig. 83;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 228;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 244;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 85;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 378;

Moser M.  : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 166;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 131;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 172;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  774,  foto  37;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 152;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 99;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 210;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 170, foto  145;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 133;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 126;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3, pag.  255, tav. 215/1;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 174;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 212;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 233;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 79;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 718, foto  984;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 510, foto 376;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 214 , n. 499;

Lange J.E.  : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 75, tav.  47;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 289;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 188;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 116, Iconografia n. 132;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 222;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 36;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  114;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 475;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 666;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  89;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J.  : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 186;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 244, foto  292;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 152;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 85;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 190;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 272;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  123;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 222;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 100;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  3, pag.70 .

 

(Gianfranco Sperati)

Scheda n.340         -       Setembre 2012      -        Riferimento pag. 497
MARASMIUS ROTULA (Pers. ex Fr.) Fries.



smarasmius_rotula_gs2_20120801_1844897519.jpg






Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi

Agaricus rotula Scopoli. 1772, , Merulius collariatus Withering 1796, Micromphale collariatum (With.) Gray 1821, Androsaceus rotula (Scop.) Patouillard. 1887.
Volg.: Marasmio piccola ruota, Fungo paracadute

Etimologia
Marasmius = deperito (dal greco: marasmòs = deperimento, debolezza);
rotula
= rotellina, per la forma del cappello; (dal latino rota = ruota, diminutivo rotula = piccola ruota)
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Marasmieae, Genere: Marasmius, Sezione: Marasmius, specie: rotula.
Commestibilita'
Senza valore, data l'esiguità della carne e le dimensioni minime.
Descrizione

Questi piccoli funghi, a forma di paracadute, attirano la nostra attenzione sia per la bellezza e la perfezione del loro disegno sia perché riescono a vivere in piccolissimi habitat, come una foglia morta.
Il cappello misura 0.5-1,5 cm di diametro, è convesso, membranoso, liscio, asciutto, ma con una depressione centrale, a mo' di ombelico, in cui convergono dei profondi solchi radiali distanziati; il colore è marrone nella depressione, biancastro altrove.
Le lamelle sono molto distanziate, disposte in corrispondenza delle pieghettature del cappello e collegate a un piccolo collarium che circonda il gambo, lasciandolo completamente libero; esse sono di colore bianco o bianco-giallastro.
Il gambo è sottilissimo, di 1.5-8 cm di lunghezza e 1-2 mm di spessore; tenace, uguale, secco, lucido, pallido in un primo momento, ma presto con toni rosso-bruni fino a neri, tranne all'apice; a volte alla base sono presenti delle setole rigide.
La carne è sottile, insignificante priva di odore e sapore distintivo.
Le spore misurano 6,5-8 x 2-4 micron e sono lisce, più o meno ellittiche, ialine, bianche o giallo pallide in massa.
Cresce come saprofita su bastoncini e detriti legnosi, foglie cadute, in boschi di latifoglie, da solo o gregario, dalla primavera all'autunno.

Possibilita' di Scambio

Una specie simile è Marasmius androsaceus, noto come Agarico crine di cavallo, ma è più piccolo ed ha le lamelle collegate allo stelo piuttosto che ad un collare. Si può confondere anche con Marasmius bulliardii, anch'esso di dimensioni molto ridotte, con colorazioni pileiche ocra-pallide, cresce di preferenza su foglie, faggio o querce e presenta una papilla bruno-rossiccia al centro del cappello. Naturalmente sono tutte specie prive di valore alimentare.

Bibliografia
Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, pag. 195, fig. 74/5;
Fries E.
: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 236;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 541 n. 2150;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.313;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 502/1 ;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 73 n. 263, tav. 25/10;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 531 n. 1751;
Habersaat E.
: Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 245 n. 750, tav 87/6;
Moreau F.
: Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1886;
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 621, fig. 491;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 66 n. 541, tav. 20;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.434, fig. 34, ;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 112 n. 254;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 253;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag, 235, foto n. 997;
Bauer C.A.
: Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 227;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 208b;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 245;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G.
: L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 92;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 83;
Dermek A.
: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 150, pag. 224.
Griffiths
D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 42 n. 28;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 165;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 131;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 170;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 774, foto 2;.
Phillips R.
: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 67;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 150;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 100;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 214;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 66;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3, tav.; 220/1;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 174;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 211;
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 137;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 78;
Zuccherelli A.
: I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 114, foto 629;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1993, collez. 12, tav. 580;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 214 n. 497;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 76, tav. 48;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 288;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 187;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 115, Iconografia n. 130;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 167;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 224;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 33;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 177;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 467 in nota;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 663, foto 325;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 830;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 184 n. 127;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 242, foto 291;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 66;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 86;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 194;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 160;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 220 n. 570;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 101;.
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro,
Essartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 463.



(Gianfranco Sperati)