Hydnum

Scheda n. 191         -        Dicembre 2010         -        Riferimento n. 76

HYDNUM REPANDUM Linneo : Fries

 

Hydnum repandum.jpgfoto di Sandro Ascarelli










clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Hydnum flavidum Schaeffer, Hydnum squamosum Shaeffer, Hydnum clandestinum Batsch, Hydnum medium Persoon, Hydnum pallidum Raddi, Hydnum diffractm Berk, Dentinum repandum (L. : Fr.) S. F. Gray., Sistotrema cavinae Velenovsky, Hydnum heimii G. Mass.

Volg. Steccherino dorato.

Etimologia

Hydnum = tartufo (dal greco hùdnon)

repandum = ripiegato all’indietro (per l’orlo del cappello piegato verso il basso).

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Cantharellales, Famiglia: Hydnaceae, Genere:Hydnum, Specie: repandum..

Commestibilità

E’ un fungo commestibile ma mediocre; la carne elastica e tenace richiede una cottura prolungata. Può essere utilizzato, da giovane, nella preparazione dei misti sott’olio.

 

Descrizione

Alla famiglia delle Hydnaceae appartengono funghi terricoli, provvisti di gambo più o meno centrale, con una superficie imeniale, situata sotto il cappello, costituita da aculei appuntiti (detti idni) facilmente staccabili ed appressati gli uni agli altri. Altro carattere tipico e costante sono le spore ljsce, bianche e non amiloidi.

Estremamente variabili nella forma e nelle dimensioni, i carpofori di Hydnum repandum hanno un cappello che da convesso diviene poi piano, con superficie irregolare e gibbosa, talvolta depressa al centro o ombelicata, con il margine ispessito, rivolto verso il basso, variamente ondulato. Il diametro del cappello varia dai 4 o 5 centimetri fino a 10 / 12 centimetri. La cuticola è liscia, asciutta, vellutata, giallo crema con qualche sfumatura rosata o aranciata.

L’imenoforo è costituito da aculei serrati, lunghi fino a 6 mm., molto fragili e facilmente separabili, un po’ decorrenti lungo il gambo, biancastri o concolori al cappello.

Gambo sodo, piuttosto grosso, di altezza variabile, spesso eccentrico, biancastro ma ingiallente allo sfregamento.

Carne soda, cassante, bianca o ingiallente, con odore nullo o poco marcato e in tal caso fruttato; sapore amarognolo.

Spore largamente elissoidi, monoguttate, lisce, ialine al microscopio ma bianco-crema in massa.

Comune e gregario, se ne può fare una copiosa raccolta durante l’estate e l’autunno, nei boschi sia di latifoglie che di aghifoglie.

 

Possibilità di scambio

Hydnum rufescens, dai colori più marcatamente aranciati, e Hydnum albidum, quasi completamente bianco, hanno dimensioni inferiori. Alcuni Autori li ritengono semplici varietà dell’ Hydnum repandum. Hanno le stesse proprietà organolettiche.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.400;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 45, tav.39;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag.435;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 140;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav.  1044;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 136;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 29, tav. 21;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.631 n. 2134;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n.  100;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 12 tav.12;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1835, fig. 2B;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 202;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.223, ill. pag. 228;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 144;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 604;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 41, tav. 12;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseigne- ment, Paris, 1967, pag. 159 , tav. 47, n. 1369;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 284;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.58 n. 95;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 143A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 325;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 147, fig. 280;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 192;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 321;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 170, tav.181;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.301;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 89;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 86;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 428, foto 455;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol.  2, tav. 322;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 460;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 380, foto 327;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 24;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 203;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 241;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 490;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 92;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 38 ;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag.188;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 312

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 65;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 115;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 183;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 152;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 178;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 173;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 276, tav. 98;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 193 , foto  250;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1,  pag. 324, foto 845;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 140, n. 76;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 216;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 82;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 87;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 293;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 67, Iconografia n. 19;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 58;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 152;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 168,  tav. 169/1;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 368;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 272;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 238:

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 72;

Milagro Mata Hidalgo : Macrohongos de Costarica, Instituto Nacional de Biodiversidad, Santo Domingo, 1999, pag. 134;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 252;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 342, foto 120;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  423;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 69;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 236, foto 282;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 293;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 437;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 146;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 266;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 346;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 213;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 531;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 86;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. , scheda n. 148;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 213;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 172;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 526;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 236;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 242;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 101 n. 107.

(Sandro Ascarelli)

 

 

Scheda n. 259         -        Settembre  2011         -         Riferimento n. 77

HYDNUM RUFESCENS Fries 1821


Hydnum rufescend GS 1.jpgFoto G. Sperati











clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Dentinum rufescens (Pers.) Gray 1821, Hydnum repandum subsp. rufescens (Pers.) Pers. (Pers.) Pers. 1825 [LEG; MB497602] 1825, Hydnum repandum var. rufescens (Pers.) Barla 1859 [LEG; MB414443] (Pers.) Barla 1859, Tyrodon rufescens Pers.) P. Karst. 1889, Dentinum rufescens (Pers.) Pouzar 1956, Hydnum repandum forma rufescens (Pers.) Nikol. (Pers.) Nikol. 1961 [LEG; MB349556]1961, Hydnum sulcatipes Peck 1907.

Volg.: Steccherino o spinarolo aranciato.

Etimologia

Hydnum = tartufo (dal greco hùdnon)

rufescens = tendente al rosso, a causa del colore del cappello.

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Cantharellales, Famiglia: Hydnaceae, Genere: Hydnum,  Specie: rufescens.

Commestibilità

Commestibile, discreto soprattutto se usato nei misti. Gli esemplari più grandi e coriacei necessitano di una prolungata cottura.

 

Descrizione

Una delle volte  che la mia bisonna mi portò con sé a funghi, incontrammo un “fungarolo”che raccoglieva  i “galletti quegli altri”. Io curioso gli chiesi di farmeli conoscere e così vidi per la prima volta com’erano fatti quelli che, con più proprietà di linguaggio, imparai a chiamare ”spinaroli”: c’erano quelli gialli e quelli rossi. Preferivamo raccogliere quelli gialli più piccoli, più teneri e più dolci e nonna Mariangela li cucinava nel misto, mentre quelli rossi, più amari, li metteva insieme a quelli gialli più grandi e coriacei e li destinava alla conservazione sott’olio.

Veniamo alla descrizione: il cappello misura 30-70 mm di diametro, convesso negli stadi iniziali di sviluppo poi appianato o anche un po’ depresso con il margine leggermente incurvato-ondulato; tomentoso da giovane e glabro con lo sviluppo, il colore va dal giallo-ocraceo al fulvo-aranciato, pallidescente con la maturità.

L’imenoforo è composto da una miriade di aculei molto ravvicinati, lunghi fino a 5 millimetri, fragili e facilmente separabili dalla carne del cappello, adnati al gambo, di colore giallo-crema-ocraceo poi giallo-arancio a maturità.

Il gambo misura 30-70 x 2-15 mm, cilindroide, talora eccentrico, slanciato, pieno, fragile e cassante, bianco, bianco-crema, poi giallo-arancio, finemente tomentoso poi glabro, debolmente ingiallente al tocco.

La carne soda, fragile e tenera, biancastra, sfumata di giallino, con odore debole indefinito e sapore lievemente amarognolo.

Le spore 7-9 x 6-7,8 micron, ovoidali, subglobose, bianco-crema in massa.

Cresce da saprofita nei boschi di ogni genere, molto spesso gregario, a volte in cerchi delle streghe, dall’estate all’autunno inoltrato.

 

Possibilità di scambio

Spesso viene scambiata con  H. repandum, che si differenzia per avere tonalità di colore meno accese e per gli idni più o meno decorrenti lungo il gambo e con H. albidum, quasi completamente bianco. Ambedue commestibili.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.401;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 45, tav. 39;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 486;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 447;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  5, tav. 1046;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 631 n. 2134;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 202 in nota;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 144;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 285,  fig. 97;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 58 n. 96;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 755;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 281;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 192;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 320;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 301;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 89;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 35;

Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 242.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982,  tav. 323;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 380, foto 328;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 203;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 242;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 312;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 66;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 115;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 184;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 152;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 178;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 173;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 75;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 469;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag,  194, foto 251;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 325, foto 246;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 140 n. 77;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 216 in nota;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 87;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 203;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.67;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 58 in nota;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  238;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 252 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 343, foto 120;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 424;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  69;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 236 in nota;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 293 e 294;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 146;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 178;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 564;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 532;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 86;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 173;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.526 n. 1466;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 243;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  7, pag. 144,  n. 732.

(Gianfranco Sperati)