Gomphus

Scheda n. 093     -     Ottobre  2009    -    Riferimento n. 108



GOMPHUS CLAVATUS
(Pers. : Fr.) S.F.Gray


Gomphus clavatus-2.jpg












clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Cantharellus clavatus, Nevrophyllum clavatum.
Volg. : Fungo della carne, Cantarello violetto.

Etimologia

Gomphus = chiodo (dal greco gòmfos = chiodo)
clavatus = a forma di clava.

Sistematica

Regno : Fungi, Divisione: Amastigomycota. Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Cantharellales, Famiglia; Gomphaceae, Genere: Gomphus, Specie: clavatus.

Commestibilità

Commestibile ricercato e carnoso. E’ necessario controllare che, all’interno, la carne non sia verminata. Si presta ad essere conservato sott’olio e ad essere essiccato.

Descrizione

Pur essendo un buon commestibile, non è sufficientemente conosciuto e quindi è per lo più ignorato dai raccoglitori. Il carpoforo si presenta sotto forma di una specie di tronchetto o di trottola o di cono rovesciato, con la sommità appiattita, di colore inizialmente viola-lilacino e con l’apice spolverato di bruno. Nella maggior parte dei casi gli esemplari crescono uniti in masse anche voluminose raggiungendo un’ altezza di 10 o 12 cm.

La superficie esterna è costituita da un imenoforo di colore viola più o meno scuro, ricoperto da costolature o venature rigide e poco rilevate che si prolungano fin quasi alla parte inferiore del fungo e sono spesso ramificate, intervenate o anastomizzate.

L’estremità del G. clavatus è costituito da uno pseudogambo indifferenziato, che si attenua via via verso il terreno al quale si unisce con una lieve feltrosità e che appare quasi privo di venature e di colore tendente al biancastro.

La carne è bianca, soda e compatta nel carpoforo giovane, poi diviene un po’ gommosa e molliccia. Tende ad essere infestata da larve soprattutto quando il terreno è imbevuto di acqua. Emana un lieve odore fungino ed il sapore è gradevole anche se con un retrogusto vagamente amarognolo.

Sporata ocra chiaro per spore ellissoidali, subcilindriche, verrucose, di dimensioni 5 / 6 x 10 / 14 micron.

Cresce in ”cerchi delle streghe”, in estate e in autunno, prevalentemente nelle peccete di montagna.

Possibilità di scambio

E’ specie di facile identificazione date le sua peculiarità morfo-cromatiche. Si conoscono altre due specie: Gomphus purpuraceus che differisce per differenti caratteri microscopici e che cresce in Giappone, e Gomphus floccosus specie americana dai colori rosso-aranciati.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 322;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 519;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav.  482;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 1, tav. 1/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 548;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n.  265;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1831;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 179, ill. 45;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 156, ill. pag.161;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 152;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 602;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 80, tav. 45;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 179, tav. 51, n. 1552;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 328, fig. 132;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 224;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 244;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 135, fig. 188;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 224;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 178, tav. 80;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 125;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol  1, pag. 116;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 31;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 66;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 396,  foto 440;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 354, foto  305;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 215;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 5,  tav. 497;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol.  4, pag. 224;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 306;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 91;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 103;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 166;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 172;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 198, tav. 48;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 464;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 52;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 295, foto  406;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 144, n. 108;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 830;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 331;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, foto 47C;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 289;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 66, Iconografia n. 18;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 168,  tav. 22/9;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 362;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 346;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 380,  foto 187;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.433;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 67;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 368, foto 480;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 304, foto pag. 305;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 449;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 49;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 221;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 336;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 560;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 541;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 168, scheda n. 32;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  211;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 169.

 

(Sandro Ascarelli)