Craterellus

Scheda n. 059 - Maggio 2009 - Riferimento n. 109




CRATERELLUS CORNUCOPIOIDES
(L. : Fr.) Persoon


craterellus_cornucopioides-3_20120314_1814500950.jpg

 







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Cantharellus cornucopioides,
Volg. : Trombetta dei morti, Corno dell’abbondanza

Etimologia

Craterellus = (dal latino) piccolo cratere, piccola coppa,
Cornucopioides = simile a una cornucopia, a forma di corno dell’abbondanza.

Sistematica

Regno : Fungi, Divisione: Amastigomycota. Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homo-basidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Cantharellales, Famiglia; Craterellaceae, Genere: Craterellus, Specie: cornucopioides.

Commestibilità

Commestibile ricercato, si presta ad essere essiccato e ridotto in polvere, per essere poi usato come aromatizzante soprattutto sui risotti.

Descrizione

Deve il suo nome al fatto di somigliare a una coppa o meglio ancora ad un fiore a forma di calice ed è volgarmente conosciuto come “trombetta dei morti”, non solo per il suo colore molto scuro, quasi nerastro, ma anche perché si trova prevalentemente agli inizi di novembre, in prossimità della Commemorazione dei Defunti.

Il colore e la sua forma particolare lo rendono facilmente identificabile; il carpoforo è costituito da un cono, alto dai 4 ai 10 cm., con l’orlo superiormente arrotolato, poi svasato e con il margine sottile. Lobato e talvolta increspato. All’interno, la cuticola appare asciutta e di colore che dal brunastro scuro va fino al blu corvino e al nero ardesia con squamule più scure e abbastanza fitte.

La superficie esterna costituisce la parete imeniale e si presenta completamente liscia o appena lievemente increspata per la presenza di larghe venature assai poco rilevate. Il colore dominante è grigio cenere che tende a divenire più chiaro quando le spore, biancastre, giungono a maturazione: in questo caso la superficie imeniale tende ad assumere un aspetto pruinoso o vagamente polveroso, per terminare poi jn un gambo indifferenziato, rastremato alla base, cavo e dello stesso colore del pseudo-cappello.

Carne sottile, elastica, coriacea e fibrosa, di colore inizialmente grigiastra, poi nerastra. Odore tenue come di mosto, sapore un po’ amarescente.

Spore lisce, ovoidali, uniguttulate, 12 / 15 x 6,5 / 8 micron. Sporata bianca.

E’ un fungo che cresce in autunno nei boschi umidi e ricchi di substrato vegetale di latifoglie e di aghifoglie, in colonie molto numerose. Si ritrova, di anno in anno, negli stessi luoghi.

Possibilità di scambio

Le sue caratteristiche morfocromatiche lo rendono pressoché inconfondibile. L’unica specie con la quale potrebbe essere scambiato (peraltro senza conseguenze dannose) è il Cantharellus cinereus che può avere un colore simile ma ha una taglia minore, una carne più tenace e soprattutto ha la parete imeniale costituita da nervature o pseudolamelle molto più rilevate ed evidenti.

 

 

Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, tav. 82, fig. 5;

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 52;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 36;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 485;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 121, tav. 10;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 53, tav. 7;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 546;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 101;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, tav. 10;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1831.fig. 1137;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 159, ill. 29;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 155, tav. 161;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 156;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 601, fig. 478;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 38, tav. 10;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 179, tav. 51 n. 1553;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 327, tav. 7, fig. 132B;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 56, fig. 39;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 92;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 243;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 135, tav. 186;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 185, tav. 203;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 225;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 159;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 182;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 125;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, pag. 73;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 47, fig. 3B;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 67;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 520;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 56;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 395;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 90;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 152;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 215;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 165;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 191;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, pag. 504;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 22;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 41;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 190, foto 53;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 306;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 92;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 71;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 102;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 140;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 161;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 198, tav. 49;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 294, n.403;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 306, foto 231;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 144 n. 109;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 160;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 55;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 82;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 307;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 61, Iconografia n. 3;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pagg. 50 e 51,

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 168, tav. 22/8, fig. pag. 87 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 34;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 156;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 275:

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto 64;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 320;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 376, foto 184;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 432;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 63;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 374, foto 487;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 299;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 448;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 150;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 223;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 334;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 560;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 540;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 90;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 170;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 210.

 

 

(Sandro Ascarelli)