Clitocybe

Scheda n. 013               -            Ottobre 2008         -              Riferimento n. 277





CLITOCYBE GIBBA
(Pers. : Fr.) Kummer 1871


clitocybe_gibba-2_20120314_1360001911.jpg






foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi

Agaricus infundibuliformis Schaeffer (1770), Agaricus membranaceus Vahl (1790), Agaricus gibbus Persoon (1801), Omphalia gibba (Pers.) Gray (1821), Agaricus gibbus var. membranaceus (Vahl) Fries (1828), Agaricus infundibuliformis var. membranaceus (Vahl) Fries (1838), Clitocybe infundibuli-formis (Fr. : Schaeff.) Quèlet (1872), Omphalia infundibuliformis Quèlet (1886), Clitocybe membra-nacea (Vahl) Saccardo (1887), Clitocybe infundibuliformis var. membranacea (Vahl) Massee (1893), Infundibulicybe gibba (Pers.) Harmaja (2003).

Volg: Imbutino


Etimologia

Clitocybe = testa inclinata (dal greco, klitus = declivo, pendio, kùbe = testa),
gibba = gobba (per il cappello che si presenta a forma di imbuto con una protuberanza (umbone) al centro).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Famiglia : Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Specie: gibba.


Commestibilità

Buono, senza il gambo che rimane coriaceo. Va cotto. Contiene lievi quantità di acido prussico, innocue per l’uomo. Può essere essiccato.


Descrizione

Nonostante le sue buone proprietà organolettiche, questo funghetto molto comune ovunque, sia nei boschi come nei parchi, nelle radure o lungo i sentieri, non viene di solito raccolto.

Il cappello misura circa 3 cm. di diametro ed è di color nocciola o comunque ocra a volte tendente al fulvo. Al centro del cappello si nota un piccolo umbone; la pellicola è asciutta, un po’ tormentosa. Mano a mano che il fungo matura l’orlo del cappello tende a rialzarsi ed il carpoforo assume l’aspetto di un piccolo imbuto (e per questo viene chiamato “imbutino”). Le lamelle sono mediamente fitte, biancastre, forcate o intervallate da lamellule, leggermente decorrenti sul gambo.

Quest’ultimo è sottile, coriaceo, di poco più chiaro del colore pileico. Quando si raccoglie il fungo, si asporta anche parte del micelio posto alla base del gambo: si consiglia pertanto, in questo caso, di tagliare la base del gambo con il coltellino, cercando quindi di non danneggiare il micelio.

La carne, biancastra, è elastica nel cappello, dura nel gambo; emana un gradevole odore fungino o di mandorla amara.

Il periodo di fruttificazione va dall’inizio dell’estate al tardo autunno.

Le spore sono lisce, ovali-ellittiche e misurano 5-7 x 3,5 – 4.5 micron. Sporata bianca.


Possibilità di scambio

La Clitocybe gibba può essere scambiata con Clitocybe clavipes che ha la base del gambo rigonfia a mo’ di clava, con Clitocybe costata, da alcuni considerata solo una varietà della C. gibba, che ha il margine del cappello con evidenti costolature ed il gambo più chiaro del colore pileico, con Clitocybe geotropa, di dimensioni notevolmente maggiori e con un odore del tutto particolare, non definibile

Tutte le specie sopra citate sono commestibili.

Attenzione tuttavia alle Clitocybi bianche, altamente tossiche, come la Clitocybe cerussata, la Clitocybe dealbata, la Clitocybe candicans, ecc. che si caratterizzano non solo per il colore bianco del carpoforo ma anche perché generalmente hanno un odore di pasta di farina andata a male.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 21;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 5, tav. 5;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 243;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 165;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, ED. Hoepli, Milano, 1897, pag. 82, tav. 10;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 96;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 332, tav. 101, fig. 1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 281;

Bresadola J. : Iconographia micologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 156; fig. 1;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 36;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1892;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 104, pl. pag. 79A;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, pag. 65;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 623;

Costantin M.J. et Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 26, pl. 8, fig. 198;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 449, Tav. 34/3;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 92, fig. 190;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, pl. 96;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 339, foto n. 162;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 117, fig. 55;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 140;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl. 104;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, pl. 186;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 261;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 124;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1973, vol. 2, pl. 126;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 238;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 162;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag.48;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1977, pag. 139;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Ed. Saturnia, Trento, 1980, pag. 110;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 747, foto 263;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 124;

Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 156;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 174, tav. 149;

Jamoni P.G. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 134;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 48;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6 pag. 333, pl. 286 in vol. 3;

Auguadri A., Lucchini G., Riva A. e Testa E. : Funghi e boschi del Cantone Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 182, foto 213;

Bon M. : Champignons d’ Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 134;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 166;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 91;

Bauer C. A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 60;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 117;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 63;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 808, pl. 1123;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 1, 1993, pag. 102, foto 116;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 144, scheda 76;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 172, fig. 277;

Di Bella F. : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 67;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 53, tav. 32C;

Jordan M. : The Encyclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 147;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 152;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 131, Iconografia n. 163;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 178;

Sitta N. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR e Museo di Ecologia e Storia Naturale di Marano s/P, 1997, pag. 53, scheda 15;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 142, tav. 9/14;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 31;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 862, foto 267;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, foto 34;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 158, foto 163;

Nonis U. : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 149;

Polese JM. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 55;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 2°, pag. 138;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 138, scheda 81;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2004, collez. 23, pl. 1108;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 208;

Venturella G.: L’iconografia micologica di Giuseppe Inzenga, , ISPE Archimede, Palermo, 2005, pag. 147, fig. 66;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 148;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 126;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 212;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 212.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 83;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 148 n. 351;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 116;

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 84;

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.188;

Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 3, pag.24, n. 222;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 572


(Sandro Ascarelli)


 

Scheda n. 028       -       Dicembre 2008       -       Riferimento n. 292



CLITOCYBE ODORA
(Bull. : Fr.) Kummer 1871




clitocybe_odora-2_20120314_1760493431.jpg






Foto di S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi


Agaricus virens Scopoli (1772), Agaricus viridis Hudson (1778), Agaricus odorus Bulliard (1784), Agaricus moschatus J.F. Gmelin (1792), Gymnopus odorus (Bull.) Gray (1821), Agaricus suaveolens sensu Fries (1821), Agaricus trogii Fries (1838), Psalliota aeruginosa (Curtis) P. Kummer (1871), Clitocybe viridis (Huds.) Gillet (1874), Geophila aeruginosa (Curtis) Quèlet (!886), Omphalia viridis Quèlet (1886), Clitocybe trogii (Fr.) Saccardo (1887), Clitocybe virens (Scop.) Saccardo (!887), Clitocybe odora var. alba J.E.Lange (1930), Lepista odora (Bull.) Harmaja (1976), Rubeolarius odorus (Bull.) Raithelhuber (1981), Clitocybe odora var. fallax Kuyper  (1996).
Volg. Anicino, fungo dell'anice.




Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Sezione: Odorae, Specie: odora.


Etimologia

Clitocybe = testa inclinata (dal greco klitus = pendio e kube = testa),
odora = odoroso, per l'odore intenso di anice.


Commestibilità

C. odora è un fungo commestibile ma l'intenso aroma anisato che rimane anche dopo cottura, ne sconsiglia l'utilizzazione gastronomica. A chi piace un piatto di funghi al sapore di anice, può aggiungerne qualche esemplare al misto. Secondo alcuni, potrebbe essere usato per farne un gelato di fungo dal sapore di anice.


Descrizione

Il cappello è inizialmente convesso poi piatto e a volte lievemente umbonato; può raggiungere un diametro di 5 o 6 centimetri. Ha un bel colore verde tenero con sfumature azzurrine o color acciaio tendente a sbiadire e a ingrigire invecchiando. La cuticola è asciutta, liscia, un po' igrofana.

Anche le lamelle sono glauco-verdastre, mediamente fitte, intervallate da lamellule, adnate o di poco decorrenti sul gambo.

Lo stipite può raggiungere i 6 centimetri di altezza ed è cilindrico, farcito e poi fistoloso, di poco più chiaro del cappello. A volte risulta un po' ingrossato alla base che è tomentoso e biancastro per i residui miceliari che inglobano i residui vegetali del terreno.

Carne biancastra o verdina con odore persistente e caratteristico di anice; sapore aromatico, un po' amarognolo.

Spore ellissoidali con base ottusa, 6/8 x 4/5,5 micron. Sporata color crema.

Può crescere in più esemplari in boschi di latifoglie o di aghifoglie, prediligendo le lettiere umide e soffici,  dall'estate al tardo autunno.


Posssibilità di scambio

L'odore aromatico ed il colore del carpoforo  ne rendono facile l'identificazione.  La C. odora forma alba è più bianca che verde, la C. odora forma viridis è un po' più scura ed ha lamelle biancastre: hanno le stesse proprietà organolettiche della forma tipica. Altre Clitocybi come C. suaveolens e C. obsoleta hanno profumo di anice ma le colorazioni del carpoforo sono diverse  e, dal punto di vista gastronomico, sono considerate senza interesse. Il colore del carpoforo potrebbe indurre allo scambio con Stropharia aeruginosa , non commestibile (vedi scheda n. 6) ma il colore delle lamelle e soprattutto il caratteristico odore della C. odora sono tali da far ritenere molto improbabile un'eventuale confusione tra le due specie.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 90;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 153;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa  Ed. Massimo Candusso, Alassio, 1996, pag. 66, tav.51;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 140;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 330, tav. 100;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 274;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, tav. 85;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.107, tav a pag. 77;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 624, tav.12;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 450;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 92, fig. 188;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, pl. 97;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 151;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 118, fig. 63;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 133, pl. 96;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 148;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 64, foto 128;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 192A;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 270;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 80;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 137;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 49;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag.170;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 107;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 140;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 108;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 750,  foto 350;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 122;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 87;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 158;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 185;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano, 1982, pag.178, foto 152;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 12;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 133;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 48;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6, pag. 337;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 30;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 87;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag.180;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 136;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 163;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 120;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 63;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 793, tav. 1101;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 100, foto 113;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 147, foto 79;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 176;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 51, tav. 34/A;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 118;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 66;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 148;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 148;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 132, Iconografia n. 170;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 179;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 142, tav. 9/8;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 206;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 84;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 39;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 399;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 865, foto 271;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, foto 38;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 153;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, foto 172;

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 154;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 55;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 62;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 146;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 212;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 128;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 218;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 95.

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ) 2007, pag. 95;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa.
DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 85;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 152 n. 365;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 118, 

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 83.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 101;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  3, pag. 31,  n. 227.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 83,

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 566.


(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 173      -      Settembre 2010      -      Riferimento n. 275

 


CLITOCYBE GEOTROPA (Bull. ex Fr.) Quélet

 

Clitocybe geotropa 1 GS.jpg
foto di G. Sperati








clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi


Agaricus geotropus
Bull., Agaricus pileolarius Sowerby, Clitocybe maxima sensu auct Brit.;
Clitocybe subinvoluta sensu J. Lange;
Volg.: Agarico geotropo, Cimballo, Fungo di San Martino, Ordinale, Brumaio bianco, Fungo di Ruota.


Etimologia


Il nome del genere Clitocybe viene dal greco klitùs = pendio e kùbe = testa, per la forma del cappello.
Il nome della specie geotropus viene dal greco geo = terra e tropèo = rivolgo, rivolto verso terra, per il portamento verticale del gambo.

Sistematica

 

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Subgenere: Hygroclitocybe, Sezione: Geotropae, Specie: geotropa.


Commestibilità


Commestibile ottimo, apprezzato e ricercato, per i suoi caratteri organolettici si presta alla conservazione sott’olio; utilizzare giovani esemplari la cui carne è soda e compatta.

Descrizione

C’è una località del litorale romano dove, in un prato arborato di grandi pini domestici ogni anno, in autunno inoltrato, crescono una enorme quantità di questi funghi in cerchi delle streghe. I miei amici fanno i loro conti, spiano, si appostano e portano a casa cesti e cesti di questi saporiti funghi. Anche a me piacciono, ma generalmente mi accontento di raccoglierne un piccolo cestino di quelli sfuggiti ai miei amici o nati in ritardo nei cerchi.
Sono funghi compatti, di una forma che ricorda un imbuto, con cappello di 5-20 cm di diametro, regolare, convesso-umbonato all’inizio, poi appianato-umbonato, poi imbutiforme con umbone appena accennato; pieno, carnoso e sodo, di colore ocra-isabella o beige, asciutto ed opaco.
Lamelle mediamente fitte, spesse, strette, lungamente decorrenti e frammiste a numerose lamellule; il colore è biancastro-crema a volte sfumato di toni bruno-rosati; filo intero concolore.
Gambo 5-15 x 2-3 cm, eretto, di forma cilindrica, tende leggermente e progressivamente ad allargarsi dall’alto verso il basso; robusto, pieno e sodo, poi più o meno farcito; il colore è pressoché identico a quello del cappello.
Carne soda nei giovani esemplari, in seguito fibroso-elastica, stopposa nell’adulto, biancastra, con tendenza ad imbrunire leggermente; odore cianico, sapore dolciastro.
Spore 6-7,2 x 5,2-6 micron, subsferiche, largamente ellissoidali, bianche in massa.
Cresce in file o in cerchi delle streghe in numerosi esemplari, sia nei boschi che nei pascoli, in autunno inoltrato.


Possibilità di scambio.

Può confondersi con esemplari giovani di Entoloma sinuatum, fungo molto velenoso, anche mortale, che fruttifica nella stesso periodo. Osservare attentamente le lamelle che nella specie velenosa non sono decorrenti, bensì adnate; inoltre osservare la sporata che in C. geotropa è bianca mentre in E. sinuatum è rosa salmone. A volte può essere confuso con forme giganti di Clitocybe gibba, il cosiddetto "imbutino" (ottimo commestibile, ed anch’esso eccellente sott'olio).

 

Bibliografia


Fries E.
: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 82;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 171;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 242;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1888, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 73, tav. 59;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  1, tav. 166;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 332 n. 1112, tav. 101/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1952, pag. 283;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 102, ill. pag. 78;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 63

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 623, fig. 493;

G. Bresadola: Funghi mangerecci e velenosi, Ed. G.B. Monauni, Trento 1965, pag. 134, fig. 22;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 26, tav. 8 , n. 192;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 448, fig.  208;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 92 n. 191;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 248;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 159;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 17, fig. 54;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 102;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 141;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 86, tav. 34;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 187;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 257;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, pag. 82;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 138;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 161;

A. Dermek: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 118, pag. 192;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 108;

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag. 28, fig. 4;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 138;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 109;

Roger Phillips: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 46;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol.  1, tav. 86;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 154;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 186;

Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 144;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 132;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 46;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 3, pag. 334,  tav. 289;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 262;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol.  1, pag. 112, ill. pag. 209;

Hennig/Kreisel: Taschenbuch für Pilzfreunde, Gustav Fischer Verl., Jena, 1987, pag. 112,  tav. 44;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 148;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  165;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 65;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 117;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 63;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 200, tav. 54;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 807, foto  1121;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 142, foto 74;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 172 , n. 275;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 50, tav. 34;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 114;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 42;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 146;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, foto 28;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 150;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 130, Iconografia n. 159;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 55;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 178;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 142,  tav. 9/10 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  299;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 80;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 33;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 391;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.861, foto 235;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.  1, pag. 33;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  154;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 156, foto  162;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 138;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 148;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 55;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 230;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 148;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 207;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 129;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 210;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  94;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 82;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 148

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 83;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 187;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 3, pag. 22.


Monografie:

Bon M. : Les Clitocybes, Omphales et ressemblants, Documents mycologiques Mèmoire hors sèrie n. 4, CRDP de l’Academie d’Amiens, 1997, pag. 36.

 

(Gianfranco Sperati)

Scheda n.  118        -        Gennaio 2010         -         Riferimento 288

CLITOCYBE NEBULARIS (Batsch. : Fr.) Kummer

Clitocybe nebularis001.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus nebularis Batsch, Omphalia nebularis Quèlet, Lepista nebularis Harmaya, Agaricus pileolarius Bulliard;
Volg.  Agarico nebbioso, Fungo delle nebbie, Natalino, Nebbione, Ordinale..

Etimologia

Clitocybe = testa inclinata (dal greco klitus = pendio e kube = testa),
nebularis = attinente alla nebbia, grigio come la nebbia (dal latino nebula = nuvola).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Sezione: Disciformes, Specie: nebularis.

Commestibilità

Benchè largamente consumato, sono stati segnalati non pochi casi di avvelenamento anche gravi (sindrome gastroenterica)

Descrizione

E’ un fungo abbastanza comune nei mesi autunnali più freddi, ancor’oggi raccolto e consumato nonostante numerose segnalazioni di intossicazioni anche gravi. Pare trattarsi di intolleranza soggettiva o di insufficiente prebollitura. Un micologo milanese ha tuttavia fatto presente di essersi inteso male (nausea, spossatezza, vomito, diarrea, dolori intestinali) semplicemente per aver inspirato, con la finestra della cucina chiusa, i vapori provenienti dalla pentola nella quale esemplari di C. nebularis erano stati messi a bollire. Pertanto continuiamo a sconsigliarne il consumo.

Il cappello è inizialmente convesso e col margine involuto; poi si appiana conservando al centro un basso umbone, talvolta con una leggera depressione al disco. Può raggiungere un diametro di circa 20 centimetri. Il colore è sempre grigiastro, più o meno scuro o talmente pallido da apparire quasi biancastro (forma alba). La superficie è asciutta, glabra, occasionalmente ricoperta da una pruina argentata.

La superficie imeniale è costituita da lamelle mediamente fitte, intercalate da lamellule, da adnate a poco decorrenti, crema paglierino, facilmente staccabili con l’unghia dalla carne del cappello.

Piede robusto, cilindrico, da giovane a forma di clava capovolta poi  leggermente svasato alle due estremità, inizialmente pieno poi fibroso e spugnoso, cotonoso alla base, di colore di poco più chiaro del colore del rappello, talvolta con qualche lieve sfumatura rosata-

Carne bianca, soda, igrofana, tende a farsi molliccia in maturità. Odore particolare, difficilmente definibile, molto simile a quello della Lepista nuda (v. scheda n. 045), Sapore dolciastro, non gradevole.

Spore lisce, ellissoidali (6,5 / 7,5 x 3,5 / 4,5 micron). Sporata bianca.

E’ un fungo abbastanza comune che può rinvenirsi nel tardo autunno (o in primavera) nei boschi di ogni tipo, soprattutto nelle lettiere di foglie. Gregario.

Possibilità di scambio.

E’ molto pericoloso confondere C. nebularis con l’ Entoloma lividum, specie sicuramente tossica che si presenta con la stessa taglia e gli stessi colori pileici: per questa somiglianza, i francesi hanno dato all’ Entoloma lividum l’ epiteto di “le pèrfide”. E’ quindi importante ricordare che E. lividum ha odore e sapore farinacei, completamente diversi da quelli percepibili in C. nebularis e che le lamelle, sempre bianche in C. nebularis, tendono a diventare rosate nell’ Entoloma lividum quando questo raggiunge il suo stato di maturità.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 86;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 38, tav. 33;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 142;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 249;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 63, tav. 48,

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 85;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav.  133;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 334, tav. 103/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 269;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, tav. n.144;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 34,  tav. 64;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag.138, ill. 14;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 102,  tav. pag. 77;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 68;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 104, tav. 64

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 26, tav.8, n. 195;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 448, tav. n. 34;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 90;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 99;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 158;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 118,  fig. 64;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 106;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 146;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 88,foto 35;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 188;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 259;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol  1, pag. 84;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 137, ,fig. 201;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pagg. 146 e 185;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag.48;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 118;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 141;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 120;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 749,  foto 354;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 122;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 83;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 160;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 191;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 174, foto  148;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag.  29;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 129;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 132;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 48;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 30;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 85;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 128, foto 76;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 136;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 167;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  91;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 119;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 65;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 61;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 813, foto 1130 ;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 106, foto  122;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 146, foto 78;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 174, n. 288;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 50, tav. 32 ;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 116;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 159;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 156;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 132, Iconografia n.171;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag.55;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. \79;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 142,  tav. 9/9;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 211;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 40;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pagg. 37 e 38;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 396;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 863, foto 236;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.  36;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 157, scheda 62 ;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 152;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 162, foto 170;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 137 e 139;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 152;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 55;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 252 n. 195;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 119;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 108;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 210;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 129;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 216;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 98;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 84.


Monografie:

Bon M. : Les Clitocybes, Omphales et ressemblants, Documents mycologiques Mèmoire hors sèrie n. 4, CRDP de l’Academie d’Amiens, 1997, pag. 104.

 

(Sandro Ascarelli)

 

Scheda n. 270 - Novembre 2011 - Riferimento n. 299

CLITOCYBE PHAEOPHTALMA (Pers.) Kuyper, 1981

 

270. Clitocybe phaeophtalmaFoto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus hydrogrammus Bulliard 1792, Agaricus streptopus Persoon 1821, Agaricus phaeophtalmus Persoon 1828, Agaricus fritilliformis Lasch, 1838, Omphalina hydrogramma Quèlet 1886, Clitocybe hydrogramma Kummer 1871, Agaricus adirondackensis Peck, 1872, Omphalia hydrogramma (Bull.) Quél., 1872, Clitocybe fritilliformis (Lasch) Gillet, 1874, Clitocybe adirondackensis (Peck) Sacc., 1887, Clitocybe caespitosa Peck non Mornand et Bon, 1888, Clitocybe gallinacea sensu Rea, 1922, Clitocybe anastomasica Velen., 1939, Clitocybe jalepensis (Murrill) Singer, 1942, Clitocybe hydrogramma var. giboides Raithelh., 1969, Singerella hydrogramma Harmaja 1974, Pseudolyophyllum gibboides (Raithelh.) Raithelh., 1979, Singerocybe phaeophthalma (Pers.) Harmaja, 1988, Clitocybe phaeophtalma var. gibboidea (Raithelh.) Bon, 1996,

Nome volg.: Clitocibe con odore di pollaio. .

 

Etimologia

Clitocybe = con la testa inclinata (dal greco Klitùs = inclinazione, pendio, e kùbe = testa)

phaeophtalma = “occhio scuro” perchè la zona intorno all’ombelico del cappello spesso è più scura per igrofaneità (dal greco phaiós = oscuro e phtalmos = occhio).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Sottogenere: Cystoclitus, Sezione: Bulluliferae, Specie: phaeophtalma.

Commestibilità

Specie velenosa, provoca intossicazioni a carico del sistema nervoso viscerale parasimpatico.

Descrizione

Se, camminando nel bosco, ad un certo punto sentite un forte odore di pollaio e non vedete galline, vi siete sicuramente imbattuti in un gruppetto di funghi di questa specie, che qui di seguito vi descriviamo e da cui dovete stare alla larga.

Il cappello misura 30-60 mm di diametro, inizialmente è convesso poi spianato-ombelicato, imbutiforme negli esemplari maturi; il margine è sinuoso-ondulato, anche increspato-striato a tempo umido; il colore varia dal crema al grigiastro-beige, generalmente un po’ più scuro al centro, degradante al biancastro con il tempo secco; la superficie è liscia e traslucida per fibrille sericee molto sottili.

Le lamelle sono arcuate o decorrenti sul gambo, strette, fitte, frammiste a numerose lamellule di diversa lunghezza; il colore è chiaro, bianco-crema con vaghi riflessi rosati, il filo è intero, dello stesso colore delle facce.

Il gambo misura 30-55 x 3-7 mm ed è cilindrico, appena attenuato verso il basso, subito pieno poi fistoloso, dello stesso colore del cappello, glabro, con fibrille longitudinali molto sottili e zona basale rivestita di un feltro miceliare bianco.

La carne è esigua, fortemente igrofana, di consistenza elastica e fibrosa, biancastra di colore, con odore forte sgradevole e sapore amaro.

Le spore di 5-7,5 x 3,5-4,5 micron, sono ellissoidali e bianche in massa.

Cresce a gruppi, come saprofita su substrato umifero acido, nei boschi di latifoglia e di aghifoglia, nell’autunno inoltrato e nel primo inverno.

 

Possibilità di scambio.

Qualcuno potrebbe confondere questo fungo con il commestibile imbutino Clitocybe gibba (vedi scheda n. 13) ed incorrere in gravi inconvenienti gastroenterici, ma basta osservare che la specie commestibile ha odore cianico e non di pollaio e che non è igrofana, cioè non cambia colore al variare dell’umidità.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 169;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 309;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 202;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 257;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 343 n. 1150, tav. 104/5;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.423 n: 1360;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol 1, pag. 41;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 39, tav. 12 n. 308 ;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 611;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, pag. 145, tav. 193;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 133, fig. 199;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 139;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 164 ;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 106;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 107;

Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 51

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 132;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 51;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 285;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 140 ;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 359;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 117;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 65;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 795, tav. 1105;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 100, foto 112;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 143, foto 75;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 176 n. 299 ;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 96, tav. 58;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 129, Iconografia n. 155;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 402;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 867, foto 268;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 41;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 155;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.166, foto 175;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 138 n. 82;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 150;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 213;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 156 n. 374;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 119;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 192;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 3, pag. 32, n. 228.

Monografie

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag.

 

(Gianfranco Sperati)