Panaeolima

Scheda n. 379        -          Marzo 2013          -            Riferimento 1342






PANAEOLINA FOENISECII (Pers. : Fr.) Maire 1933




panaeolina_foenisecii_gs1_20130415_1525876169.jpg






Foto G. Sperati
Clicca sull'immagine per ingrandirla e per vedere altre foto dello stesso Genere.




Sinonimi

Agaricus foenisecii Persoon (1800), Prunulus foenisecii (Pers.) Gray (1821), Psilocybe foenisecii (Pers.) Quélet (1872), Drosophila foenisecii (Pers.) Quélet (1886),
Coprinarius foenisecii (Pers.) J. Schröter (1889), Psathyra foenisecii (Pers.) G. Bertrand (1901) Panaeolus foenisecii (Pers.) J. Schröter (1926), Psathyrella foenisecii (Pers.)A.H.Smith(1972).
Volg. : Paneolo campanulato, Fungo del rasaerba, Fungo fieno marrone



Etimologia


Panaæolus = smagliante (aggettivo latino dal greco panaìolos);
foeniseciis =che cresce dopo il taglio del fieno (dal latino faenisecia = fienagione,



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Bolbitiaceae, Tribù: Panaeoleae, Genere: Panaeolina, Specie: foenisecii.


Commestibilità

È un fungo velenoso perché contiene psilocibina e psilocina sostanze responsabili della sindrome narcotica-psicotropa con allucinazioni a breve incubazione. responsabile della sindrome allucinogena, pericolosa soprattutto per i bambini che potrebbero raccoglierli e mangiarli quando giocano nei prati in cui crescono in gran numero.


Descrizione

E' una specie che può essere facilmente confusa con basidiomi del genere Psilocybe e del genere Psathyra. Per la sua esatta identificazione è necessario provvedere all'esa-me microscopico delle spore, caratteristicamente verrucose e di grandi dimensioni.
Cappello di 1-3 cm di diametro, da conico a convesso, inizialmente marrone castano, poi marrone chiaro, igrofano, spesso con una fascia più scura attorno al margine che sfuma quando si asciuga. Lamelle adnate, marrone chiaro da giovane, poi, quando cominciano a maturare le spore, diventano più scure e screziate. Gambo di 40-70 x 2-3 mm, fragile, cavo, pruinoso e leggermente striato, più pallido del cappello.
Carne pallida, giallognola, sapore mite, inodore. Spore nero brunastro. Spore a forma di limone, ruvide, con poro germinativo apicale, di 13 x 7 micron, di colore nero-brunastre in massa. Cresce gregario in pascoli e prati e bordi stradali dall'estate all'autunno. Comune.


Possibilità di scambio

Può essere confuso con Panaeolus subbalteatus (Berk. & Broome) Sacc., di dimensioni leggermente maggiori, gregario e spesso cespitoso, ma, soprattutto con piccole formazione di sclerozi blu sul micelio. Questa specie contiene sicuramente delle sostanze allucinogene e alcuni micologi sostengono che sia stata la confusione con Panaeolina foenisecii a far ritenere anche quest'ultima velenosa.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 295;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1055 n. 4275;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 59;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 862;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 229, n. 762, tav. 66/8;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 369 n. 1172;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 53 n. 130, tav. 27/7;
Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1888;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 602, fig. 315A;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 94 tav. 50/2;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 91, foto n. 902;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 9, fig. 414;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 297;
Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 71 n. 57;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 269;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 284;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 606, foto 26;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 47;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 182.
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 102;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 172;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 182;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, tav. 50/2;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 282 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 264;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 156;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 550 n. 793;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 301;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 366 n. 1342;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 492 , tav.150;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 193;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 238;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 216;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 141;
Milagro Mata Hidalgo : Macrohongos de Costarica, Instituto Nacional de Biodiversidad, Santo Domingo, 1999, pag. 186;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 745;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 427, foto 377;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 252;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 258;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 258, foto 313;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 198;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 105;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2002, collez. 21, tav. 1038;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 394;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 281;
La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 230;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 272 n. 794;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 196;.
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 167, n. 746.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 912.



(Sandro Ascarelli)