Hydnocystis

Scheda n. 384       -       Marzo 2013



HYDNOCYSTIS PILIGERA Tulasne 1844



hydnocystis_piligera_gs3_20130415_2082589487.jpg







G. Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Volg. : Tubero cavo peloso


Etimologia


Hydnocystis = tubero internamente cavo (dal greco hýdnon = tubero e kýstis = vescica),
piligera = pelosa (dal latino pilus = pelo e dal greco gero = porto) per l'aspetto peloso della superficie.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Ascomycota, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine:  Pezizales, Famiglia:  Pyrenomataceae, Genere: Hydnocystis, Specie:  piligera.


Commestibilità

Senza alcun valore alimentare.


Descrizione

Quello che più mi ha sempre colpito di questo fungo è il profumo gradevole che esso emana alla rottura dell'involucro cavo e che non sono mai riuscito a definire bene: forse quello di vaniglia oppure quello dei confetti o dei bombon!
Ascocarpo di 0,5-30 mm di diametro, di forma irregolarmente globoso-sinuosa, sessile o con appena accenno di gambo, cavo. La parete esterna, cosparsa di fini peli settati, è di colore giallo, giallo-chiara fino a bruno-ocra; l'imenio (tecio) situato all'interno, ricoperto da uno strato bambagioso, è di colore bianco, con odore piacevole di bombon.
Le spore, di forma quasi sferica, lisce, ialine, misurano 32-35 micron.
Cresce in terreno sabbioso della macchia mediterranea, spesso in presenza di muschio, ma in particolare nella fascia retrodunale, anche in stagione inoltrata con temperatura rigida.


Possibilità di scambio

Può essere confusa con Hydnocystis clausa che è di colore ocra-carico e vistosamente ricoperto di piccole pustole brunastre, inoltre ha spore ellittiche e molto più piccole.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 876 n. 3507;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 7, pag. 571, foto n. 2944;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 177;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 962;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2 pag. 399 n. 317;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 292, Iconografia n. 501;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.101;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 151, n. 863.




(Gianfranco Sperati)