Marasmiellus

Scheda n. 372       -        Febbraio 2013         -         Riferimento n. 505




MARASMIELLUS RAMEALIS
(Bull. : Fr.) Simger 1946



marasmiellus_ramealis_gs1_20130125_1193934499.jpg






Foto di Gianfranco Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere alter immagini dello stesso Genere.





Sinonimi

Agaricus ramealis
Bulliard (1788), Agaricus amadelphus Bulliard (1792), Gymnopus ramealis (Bull.) Gray (1821), Marasmius amadelphus (Bull.) Fries (!838), Marasmius ramealis (Bull.) Fries (1838), Chamaeceras amadelphus (Bull.) Kuntze (1898),


Etimologia


Marasmiellus = piccolo Marasmius (dal greco: marasmòs = deperimento, debolezza);
ramealis = dei rami, perché cresce su rametti


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Marasmieae, Genere: Marasmiellus, specie: ramealis.


Commestibilità


Senza valore per l'esiguità della sua carne


Descizione

La denominazione Marasmiellus evidenzia che si tratta di carpofori del più vasto genere Marasmius, caratterizzati dall'essere di dimensioni molto ridotte e che, come saprotrofi, si producono su ramoscelli di latifoglie, caduti a terra o, a volte, ancora uniti al tronco.
Il minuscolo cappello (una volta completamente aperto può avere un diametro di circa 1,5 cm.) è emisferico all'inizio, poi diviene convesso e piano. La superficie è opaca, lievemente pruinosa e il margine è sottile, striato a tempo umido. Di colore biancastro, con tonalità crema soprattutto al disco, soffuso di una lieve tonalità rosata; tende tuttavia a scurire con l'invecchiamento.
Le lamelle sono adnate e distanziate, bianco crema con riflessi carnicini.
Il gambo è cilindrico, farcito, dello stesso colore del cappello ma con toni rosati verso la base che si presenta fioccosa. Lo stipite è di solito ricurvo in modo da porre la superficie imeniale perpendicolarmente al terreno, in modo da consentire una più facile caduta delle spore..
La carne è minuta, un po' molle, bianca. A differenza della carne di molti Marasmius, una volta essiccata non è più rivivescente con l'umidità. Odore e sapore insignificanti.
Spore oblunghe, attenuate all'estremità, lisce, ialine, 7,5 / 9,5 x 2,5 / 3,5 μm.. Sporata bianca.
Frequente da luglio a ottobre, su rametti o tronchi ormai morti di latifoglie, dove cresce in colonie numerose.


Possibilità di scambio


Al medesimo genere appartengono molte altre specie similari. Marasmiellus candidus (Bolton) Singer è completamente bianco ed ha lamelle molto spaziate, simili a delle pieghe, fortemente anastomizzate; M. epiphyllus (Pers. : Fr.) Fries cresce su foglie o detriti foliari e la sua carne ha un lieve odore mentolato; M. vaillantii (Pers. : Fr.) Singer che ha il cappello striato e la base del gambo colorata di rosso-bruno.


Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 135;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 531 n. 2103;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.217;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 492/2;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 71 n. 258, tav. 25/7;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 527 n. 1738;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 152 n. 1337;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.437, fig. 202;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 112 n. 250;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 253B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 235, foto n. 996;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 208A;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 243;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 86, fig. 15;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 377;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 156;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 161;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 215;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 485;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 126;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 66;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 255;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 176;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 204;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 137;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 80;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 725, tav. 998;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 132, foto 162;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 216 n. 505;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 76 , tav. 48;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 167;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 224;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 30;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 139;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, pag. 40;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 482;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 657, foto 355;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 653;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 183;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, foto 274;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 66;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 186;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 160;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 218 n. 565;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano,
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 438.



(Sandro Ascarelli)