Phellodon

Scheda n. 365         -       Gennaio  2013         -         Riferimento n. 72


PHELLODON NIGER (Fr. : Fr.) Karsten 1881



phellodon_niger_gs4_20121230_1690676214.jpg






Foto Gianfranco Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Hydnum suberosum var. cinereum Batsch (1789), Hydnum nigrum Fries (1815), Hydnum cinereum (Batsch) Persoon (1825), Hydnum confluens Peck (1874), Hydnum olidum Berk. 1878, Hydnellum nigrum (Fr.) P. Karsten (1879), Hydnellum cinereum (Bull.) P. Karsten (1879), Phellodon nigrum (Fr.) P. Karsten, (1881), Hydnum albonigrum Peck (!897), Phellodon alboniger (Peck) Banker (1906), Calodon alboniger (Peck) Seeler (1942), Hydnellum albonigrum (Peck) Ragab (1953), Hydnum cuneatum Lloyd (1936), Calodon niger (Fr.) Quèlet (1986).
Volg.: Steccherino nero.


Etimologia

Phellodon = con aculei di consistenza sugherosa (dal greco phellòs = sughero e odòn = dente)
niger = nero (dall'aggettivo latino niger, nigra, nigrum) per il colore prevalentemente nero del fungo.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Thelephorales, Famiglia: Thelephoraceae, Genere:Phellodon, Specie: niger.


Commestibilità

Specie non commestibile a causa della sua legnosità-


Descrizione

Phellodon niger è una specie molto decorativa, anche se poco visibile a causa del prevalere del colore nerastro che lo fa somigliare ad un grosso pezzo di liquirizia, anche nel profumo. Presenta corpi fruttiferi quasi sempre fusi l'uno nell'altro e cresce su tappeti di aghi di conifere, in autunno, spesso a gruppetti.
Il cappello, 6-8 cm, è irregolare, circolare, ovoidale o reniforme, depresso al centro, con la superficie vellutata o feltrata e dotata di piccole squame irregolari, di colore blu-nero-brunastro, zonata in senso concentrico da tratti più o meno scuri, spesso frammisti a toni lilla-violacei, con il margine più chiaro, anche fino a biancastro.
Gli aculei sono decorrenti, lunghi 3-4 mm, di colore grigio-nerastro con riflessi azzurri. Il gambo, più o meno evidente, anche quasi del tutto assente, misura 1-5 x 0,5-2 cm, è centrale o eccentrico, cilindrico con la base più o meno ingrossata, inglobante numerosi resti del substrato di crescita ed è concolore al cappello.
La carne è compatta e tenace, di colore nerastro, con odore come di liquerizia, specialmente nel corso dell'essicazione.
Le spore sono da sub globulose ad ovoidi ed aculeate e misurano 3,5-4,5 x 2.5-3.5 micron.
Cresce, come già detto, nei boschi di conifere, in autunno.


Possibilità di scambio

Si potrebbe confondere con Phellinus confluens e con Phellinus melanoleucus, ma basta osservare il colore nettamente diverso dei cappelli ed il monostrato dei gambi di quest'ultimi per distinguerli.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 404;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 442 n. 6657;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 444;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 633 n. 2145;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 161 n. 1386, tav. 48;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 286, fig. 98;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 58 n. 99;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 296A;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 597, foto n. 762;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4 pag. 82, tav. 339;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 304;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 94;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 217 in nota;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 38;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 245.
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 436, tav. 468;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 462;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 204;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 245;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 493, tav. 476;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 312;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 262;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 105;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 189, n. 241 ;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 42, foto 27;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 138 n. 72;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1996, collez. 15, tav. 736;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 68, Iconografia n. 21;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, fig. pag. 85;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 236;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 245;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 339, foto 116;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 416;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, foto 270;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 296;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 566;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 215;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 526 n. 1471;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 275;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 994.


(Gianfranco Sperati)