Coltricia

Scheda n. 356         -           Novembre  2012            -             Riferimento n. 78




COLTRICIA PERENNIS
(L. : Fr.) S.F.Gray 1903



coltricia_perennis_20121101_2001201232.jpg






Foto: Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi

Boletus perennis Linneo (1753), Boletus subtomentosus Bolton (1788), Boletus cyathiformis Villant (1789), Boletus leucoporus Holòskjold (1790), Boletus fimbriatus Roth (1797), Boletus infundibulum Roth (1797), Boletus confluens Schumacker (1803), Coltricia connata Gray (1821), Polyporus perennis Fries (1821), Boletus perfossus L.Marchand (1826), Boletus lejeunii L. Marchand (1826), Trametes perennis (L.) Fries (1849), Polyporus scutellatus I.G.Borschow (1850), Polystictus perennis (L.) Fries (1879), Pelloporus perennis (L.) Quèlet (1886), Ochroporus perennis (L.) J. Schröter (1888), Microporus perennis (l.) Kuntze (1898), Xanthochrous perennis (L.) Patouillard (1900), Polystictus prolifer Lloyd (1908), Polystictus decurrens Lloyd (1908), Pelloporus parvulus Làzaro Ibiza (1916), Polyporus parvulus Làzaro Ibiza (1916).
Volg. : Poliporo perenne.


Etimologia


Coltricia
= con le trecce recise, tagliate ( dal greco kòlos = tagliato, reciso e thrix, thrikòs = treccia di capelli)
perennis = perenne, che dura più anni (dal latino).


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidio-mycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Hymenochaeta-les, Famiglia: Coltriciaaceae, Genere: Coltricia, Specie: perennis.


Commestibilità


Non commestibile


Descrizione


La circostanza di crescere in ogni tipo di bosco e di potersi conservare a lungo (anche per più di un anno) data la sua consistenza papiracea, fa sì che esemplari di Coltricia perennis possano essere utilizzati come ornamenti o decorazioni.
Il cappello di 2 / 8 centimetri è circolare, arrotondato, pianeggiante o anche depresso al centro, affatto carnoso, con cuticola tomentosa o lievemente feltrata, con margine irregolarmente fimbriato, sottile, a volte accidentato. Superficie zonata di colore variabile da bruno rossiccio a bruno cannella, a giallo brunastro fino a marrone più o meno scuro.
La superficie imeniale è composta da corti tubuli non separabili dalla carne, da biancastri a bruno grigiastri, terminanti in pori dello stesso colore, inizialmente rotondi ma poi angolosi; decorrono per breve tratto sul gambo.
Quest'ultimo è centrale, piuttosto sottile, inizialmente pieno ma poi stopposo, subcilindrico, dilatato verso il terzo inferiore dove appare rivestito di una lieve feltratura simile a quella della superficie pileica, di colore bruno cannella tendente a divenire bruno ferrugineo con la maturità. Sviluppandosi, tende ad inglobare piccoli detriti e a saldarsi con i gambi di altri carpofori.
Carne elastica e coriacea, dura, brunastra, priva di odore e sapore particolari.
Spore non amiloidi, cilindrico-ellissoidali, monoguttulate, lisce. Le misure sono: &,5 / 8,5 x 4 / 4,5 micron. Sporata ocracea.
E' comune in ogni tipo di bosco e in ogni stagione; predilige terreno sul quale si è sviluppato del fuoco (come ad es. in prossimità di carbonaie). Può crescere isolato o in gruppo di diversi esemplari talvolta saldati assieme.


Possibilità di scambio


Di portamento simile, spore più grandi e di colore rossiccio è Coltricia cinnamomea (Pers.) Murrill che alcuni Autori considerano una semplice varietà di C. perennis.
Quando le pareti dei pori si presentano in maniera irregolare e frastagliata, la superficie imeniale di C. perennis potrebbe essere scambiata con quella di alcune Idnacee, come ad es. Hydnellum zonatum (Pers. : Schweinitz) Banker o Hydnellum concrescens (Pers.) Banker: è tuttavia sufficiente osservare con attenzione l'imenio che, in questi ultimi casi, è costituito da idni.


Bibliografia



Fries E.
: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 350;

Bagnis C : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1887, ( 1 centuria), pag. 5 n. 9;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 210 n. 5543;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 401;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 959;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 575 n.1900;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 292;
Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1839 fig. 148B;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 606;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 143 n. 1240, tav. 43;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 302, fig. 110;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 60 n. 105;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 284C;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 571, foto n. 746;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 180;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 218, tav. 318 in nota;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 298 in nota;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 111;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 202;
Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 87 n. 73;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 452, tav. 451;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 92;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 252;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 445;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 210;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 218;
Reid D.
: I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 82;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 320;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 81;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 268;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 278;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 174;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 207, tav. 267;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 44, foto 30;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 346, foto 266;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 140 n. 78;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 371;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 661;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 72, Iconografia n. 33;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 108;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 146;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 266;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 206;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 254 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 345, foto 153;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 914;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 102;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, foto 298;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 42;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 259;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 504;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 71;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 568 n. 1603;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 500;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 35, n. 646.



(Sandro Ascarelli)