Cantharellus

Scheda n. 022          -         Dicembre 2008          -         Riferimento n.  111

 


CANTHARELLUS CIBARIUS (Fr. : Fr.) Fries 1821


 

 

cantharellus_cibarius-1_20120314_1451940102.jpg






clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere

 


Sinonimi

Agaricus cantharellus Linneo (1753), Merulius cantharellus (L.) Scop. (1772), Cantharellus vulgaris Gray (1821), Merulius cibarius (Fr.) Westend. (1857), Cantharellus rufipes Gillet (1878) , Cantharellus cibarius var. amethysteus Quél. (1883), Cantharellus cibarius var. rufipes (Gillet) Cooke (1883), Cantharellus amethysteus (Quél.) Sacc. (1887), Craterellus amethysteus (Quél.) Quél. (1888), Craterellus cibarius (Fr.) Quél. (1888), Merulius amethysteus (Quél.) Kuntze (1891), Alectorolophoides cibarius (Fr.) Earle (1909), Chanterel cantharellus (L.) Murrill (1910), Cantharellus edulis Saccardo (1916), Cantharellus pallens Pilát (1959), Cantharellus cibarius var. amethysteus (Quél.) Cetto (1987)

Volg.  Galletto,  Gallinaccio,  Gialletto, Giallino,  Finferlo, Cantarello cibario, Capo gallo.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllophoromicetideae, Ordine: Cantharellales, Famiglia: Cantharellaceae, Genere: Cantharellus, Specie: cibarius


Etimologia

Cantharellus = piccola coppa (dal latino cantharus = coppa),
cibarius = commestibile, mangereccio.


Commestibilità

Ottimo commestibile soprattutto sulla polenta e nei risotti.


Descrizione

E' uno dei funghi più conosciuti ed apprezzati. Affiora dal terreno come un bottoncino giallo, per poi crescere ed assumere  la forma di un imbuto pieno. Il cappello può superare i 10 cm di diametro con il centro un po' depresso. L'orlo da regolare ed arricciato diviene irregolare, ondulato ed incurvato.

La parte imeniale è costituito da nervature simili a lamelle (pseudolamelle) ma rigide con numerose anastomosi orizzontali. E' una delle caratteristiche di questa specie per cui, passando un dito sulle pieghe dell'imenio queste non si piegano (come avverrebbe con funghi di genere diverso) ma rimangono dure e non flessibili.

Il gambo è più o meno cilindrico, attenuato un poco verso il basso, liscio e sodo, mai attaccato da vermi o larve.

Carne compatta, biancastra con leggere sfumature giallastre verso la periferia, con grato odore fruttato e sapore lievemente amarognolo.

Tutto il fungo è in ogni sua parte esterna di un bel colore  giallo oro, ma esistono diverse varietà con differenti sfumature di colore.

Spore  lisce o granulose, ovoidali o ellissoidali, ialine, 7,5 / 9,5 x 4,5 / 5,5 micron, gialline in massa..

C. cibarius è un fungo diffuso ovunque ed in tutti i tipi di boschi; spesso si nasconde nella lettiera di foglie per cui il buon cercatore deve smuovere leggermente il terreno per trovare altri esemplari cercando di seguire il percorso di rigagnoli di acqua piovana che possono aver trascinato le spore. Gli esemplari che si producono nelle piccole fossette del terreno, lì dove l'acqua ristagna, raggiungono di solito dimensioni maggiori.


Possibilità di scambio

Esistono numerose varietà, tutte commestibili, con diverse sfumature di colore: C. friesii tende ad assumere una colorazione aranciata, C. olidus ha toni che danno sul rosa ed è molto profumato, C.bicolor ha cappello e gambo biancastri, C. amethysteus reca sul cappello delle squamette violacee.

Possibilità pericolosa di scambio può aversi con Hygrophoropsis aurantiaca che tuttavia ha un colore molto più aranciato e lamelle cedevoli sotto la pressione delle dita, e con Omphalotus olearius che cresce cespitosa ai piedi degli alberi, ha di solito gambo laterale e lamelle decorrenti e pieghevoli. Anche il Cortinarius citrinofulvescens potrebbe, al limite, essere raccolto al posto del C. cibarius, soprattutto se la cortina che all'inizio è distesa tra l'orlo del cappello ed il gambo non è più visibile; anche in questo caso, tuttavia, le lamelle sono pieghevoli e l'odore è simile a quello delle patate lesse.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 318;

Viviani D. : I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 45, tav. 41;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 482;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 37;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 91, tav. 20;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 473;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 89, tav. 10;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 47, tav. 6;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor'iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 22, fig. 13;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 542;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 82;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 32 tav. 60;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1831, fig. 254;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 178, tav. 44;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 151, tav. 143;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, Tav. 153;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 602, fig. 479;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 99, tav. 60;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignemet, Paris, 1967, pag. 51, tav. 16 n. 426;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 325, tav. 7;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 56, fig. 91;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, pl. 272;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 479, foto n. 236;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 134, fig. 182;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 185, tav. 202;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 220;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 180, foto 81;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 178/A;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 122;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 118;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 48, fig. 3/A;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 162;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 64;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag, 518;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 54;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 389,  foto 427;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 88;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 326;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 468;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 352, foto 303;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, scheda 10;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 214, foto 36;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 191;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 22;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 45;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 204;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 306;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 87;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 69;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 88, tav a pag. 22;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 110;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 108;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 161, foto a pag. 303;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 197, tav. 45;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 298, tav. 411;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 304, foto 229;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 144;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 566, tav. 197/D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 95;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 54;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 81;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 305;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 65, Iconografia n. 14;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 44;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 144;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 168, tav. 22/5

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 354;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 154;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 275;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, pag. 62, foto 63;

Milagro Mata Hidalgo : Macrohongos de Costarica, Instituto Nacional de Biodiversidad, Santo Domingo, 1999, pag. 96;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 321;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 378, foto 190;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 426;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 62;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 481;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pagg. 298 e 299;

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 446;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 155;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pagg.  12 e 223;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 70, foto 13 e pag. 206, foto 149;

Venturella G.: L'iconografia micologica di Giuseppe Inzenga, , ISPE Archimede, Palermo, 2005, pag. 155, fig. 81;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 556;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 536;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 92;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 172;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 206.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 161;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.524 N. 1456;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 268;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 228:

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.179;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag.44, n. 440;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 87 n. 79;

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 588.

 


(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 095      -      Ottobre 2009      -      Riferimento n. 112

Cantharellus lutescens (Pers. : Fr.) Fries

Cantharellus lutescens-3.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Cantharellus aurora
Volg. Cantarello giallo, Finferla.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllo-phoromicetideae, Ordine: Camtharellales, Genere: Cantharellus, Specie: lutescens.

Etimologia

Cantharellus = piccola coppa (dal latino cantharus = coppa),
lutescens = ingiallente, che diventa giallo.

Commestibilità

Ottimo commestibile soprattutto per sughi e condimenti. Si presta ad essere essiccato.

Descrizione

E’ un fungo delicato e poco carnoso ma che si raccoglie in gran quantità tra il muschio o nei luoghi umidi dove forma colonie numerose. La difficoltà della sua raccolta (c’è da spezzarsi la schiena!) è compensata dal fatto che i carpofori possono essere estratti dal terreno già puliti: solo la punta inferiore del gambo può presentare residui da asportare.

Nel suo primo stadio di sviluppo, C .lutescens si presenta sotto forma di un piccolo chiodo quasi interamente giallo-arancio; successivamente la parete superiore del carpoforo si apre assumendo la forma di un calice, increspato e profondamente ombelicato, bruno all’interno e giallastro o aranciato all’esterno, con il margine estromesso e ondulato. La superficie imeniale è costituita dalla parete esterna liscia o tutt’al più lievemente venata che si prolunga nel gambo. Quest’ultimo è glabro, irregolarmente cilindrico, elastico, vuoto all’interno di colore giallo-aranciato, talvolta con sfumature color salmone.

La carne è esigua, elastica e fibrosetta. Odore gradevolmente fruttato e sapore dolciastro.

Nel suo pieno sviluppo il carpoforo può raggiungere un’altezza di 5 cm, ma le sue dimensioni si riducono notevolmente durante l’essicamento salvo “ricrescere” non appena bagnato.

Le spore (9,5 / 10,5 x 6,5 / 7,5 micron) sono lisce, ellissoidali, ialine, abbondantemente guttulate.

Cresce sia sotto latifoglie sia sotto aghifoglie, sia in pianura che in montagna, in colonie numerose e redditizie, dalla tarda estate all’autunno soprattutto dopo le prime piogge. Ricercato ed apprezzato in alta Italia, è poco conosciuto e raccolto altrove.

Possibilità di scambio

Non condividiamo l’opinione di qualche Autore che afferma l’esistenza di un Cantharellus tubaeformis varietà lutescens e riteniamo che la diversità cromatica dell’imenoforo non sia sufficiente a definire tale specie da quella analoga del Cantharellus tubaeformis varietà tubaeformis. Propendiamo quindi per l’esistenza di una entità tassonomica unica. Peraltro C. tubaeformis è facilmente confondibile con C. lutescens ma ne differisce per i colori più scuri del cappello e del gambo, per le nervature rigide (pseudolamelle) ed accentuate che costituiscono la superficie imeniale, rintracciabili appena sotto il cappello e per il fatto che il centro di quest’ultimo, almeno negli esemplari maturi, presenta un forellino che lo mette in relazione con la cavità dello stipite. Del C. lutescens esiste invece una varietà grisea, piuttosto rara.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 320;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag.490;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 34;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 481;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 3, tav. 1/5;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 544;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 264;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1831;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 153, ill. pag. 143;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 154;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 602;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 51, tav. 16, n. 430;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 326;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 56;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav.249C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 238;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 135, fig. 187;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 203;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 221;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 160, tav. 176;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 181;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 122;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol  1, pag. 120;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag.47, fig. 94;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 65;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 520;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 55;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  394,  foto 435;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 90;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 329;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 437;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 352, foto 304;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 61;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 214;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 5,  tav. 498;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 42;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 210;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 306;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  88;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 70;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 114;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 109

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 161;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 197, tav. 47;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 51;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 295, foto 405;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 38, foto  19;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 144, n. 112;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol.  2, pag. 829, tav. 198K;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 97;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 281;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 256;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 181, Iconografia n. 279;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 194;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/13;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 330;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 155;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 275:

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, pag. 64;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 322;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 379, foto 186;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 429;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 62;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  2, pag. 370, foto 483;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 300;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 447;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 152;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 270;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 330;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 558;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 538;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 94;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.176, scheda n. 35;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 208.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 163.

 

(Sandro Ascarelli)

 

Scheda n. 217      -      Marzo 2011      -      Riferimento 111

CANTHARELLUS FRIESII Quèlet 

Cantharellus Friesii.jpg





Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Merulius friesii (Quèlet) Kuntze

Volg. Cantarello di Fries, Gallinaccio aranciato.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllophoromicetideae, Ordine: Cantharellales, Genere: Cantharellus, Specie: friesii.

Etimologia

Cantharellus = piccola coppa (dal latino cantharus = coppa);

friesii = di Fries, in onore del micologo svedese Elias Fries

Commestibilità

È un fungo eccellente come il Chantarellus cibarius ma è anche una specie molto rara, forse anche in via di scomparsa, per cui vi prego di non raccoglierlo!

Descrizione

Il suo cappello è molto più irregolare rispetto a Cantharellus cibarius, è più carnoso, lobato quasi frastagliato a gobbe, di colore aranciato roseo, superficie con fibrille minutissime.

Le pliche lamellari sono spesse, grossolane e decorrenti, anastomosate, concolori al cappello.

Il gambo di 1-3 x 0,4-1 cm, è solido, generalmente attenuato e tomentoso, concolore al cappello.

La carne è esigua, elastica e fibrosetta;  di colore biancastro o arancio pallido; odore simile a quello di Cantharellus cibarius e sapore leggermente acidulo.

Spore ellittiche di 8-10 x 4-5 micron, giallastre in massa.

Cresce  sotto latifoglie (castagno e faggio), più raramente sotto conifere, in estate-autunno.

Possibilità di scambio

Può essere confuso con Cantharellus cibarius, ma quest’ultimo è più grande, di colore giallo e vive gregario in numerosissimi esemplari.

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 482;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 38;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 472 ;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 2, n. 3;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 542 n. 1790;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 153;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 51, tav. 15, n. 425;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 91C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 237;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 124;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 48;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1999, collez. 18, tav. 853;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 214;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 205;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 342;

Romano Bozak : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989; pag. 288 (nota).

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 70;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 161;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 299, foto  413;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 305, foto 230;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 144, n.111;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 96;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 65;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 49;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 353;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 18;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 324 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.378;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 427;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 61;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 370, foto 482;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 298;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 156;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 218 n. 161;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 93;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 524;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 228;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag.  48 n. 443.

(Gianfranco Sperati)

Scheda n.206      -     Febbraio 2011      -      Riferimento 112

CANTHARELLUS TUBAEFORMIS Fr. : Fries

Cantharellus tubaeformis GS.jpgFoto S. Ascarelli






clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus cantharelloides Bulliard, Sowerby, Cantharellus cantharelloides Quèlet, Cantharellus infun-dibuliformis (Scop.) Fries, Cantharellus tubaeformis v. tubaeformis Fries.

Volg. Cantarello a forma di tromba, Finferla.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Aphyllopho-romicetideae, Ordine: Camtharellales, Genere: Cantharellus, Specie: tubiformis..

Etimologia

Cantharellus = piccola coppa (dal latino cantharus = coppa),

tubiformis = a forma di tromba (dal latino tuba = antica tromba araldica).

Commestibilità

Ottimo commestibile soprattutto per sughi e condimenti. Si presta ad essere essiccato.

Descrizione

L’esatta denominazione di specie si presta ancora a dubbi: tubiformis o tubaeformis? Qualunque sia il taxon più appropriato, questo Cantarello si riconosce facilmente perché al centro del suo cappello si apre un forellino che mette la superficie esterna del carpoforo direttamente in relazione con l’interno, cavo, del gambo. Ci si trova quindi in presenza di un fungo che effettivamente ricorda una di quelle lunghe trombe ancora oggi usate dagli araldi in occasione di rievocazioni mediovali.

Cappello poco carnoso, semigloboso all’inizio poi disteso fino ad avere ub diametro di circa 5 centimetri, ben presto ombelicato e munito al centro di un orifizio che si prolunga nella cavità interna del gambo. Margine sottile, irregolarmente ondulato, talora festonato. Cuticola adnata, asciutta, liscia negli esemplari giovani e successivamente lievemente feltrata di colore compreso tra il giallo verdastro al bruno ocraceo e al bruno grigiastro, colori che impallidiscono con l’età.

La superficie imeniale è costituita da nervature poco fitte, spaziate, intervallate da lamellule, arcuate, decorrenti, biancastre o grigiastre con riflessi giallini che si innestano al gambo che, al contrario, ha sempre una colorazione vivace, gialla o aranciata.

Lo stipite è farcito o vuoto all’interno, più o meno cilindrico, con grossolane pieghe verticali, un po’ svasato nella parte alta e spesso incurvato. La superficie è glabra.

Carne sottile, tenacella, biancastra ma ingiallente o ingrigente. Odore e sapore poco apprezzabili.

Ogni basidio porta quattro spore ovoidi, lisce, ialine, fornite di un apiculo obliquo. Misurano 8,5 / 11 x 7 / 9 μm.

Si trova nelle ragioni mediterranee, in terreni umidi, sia in boschi di latifoglie quanto di aghifoglie, ad altezza diverse e fino a 1.500 metri. Cresce in colonie numerose disponendosi o in file zigzaganti o in cerchi.

 

Possibilità di scambio

C. tubaeformis è una specie molto variabile soprattutto nelle sue colorazioni e spesso si può confondere con C. lutescens (v. scheda n. 95) che però ha uniformemente colori più chiari, pseudolamelle meno rigide e di solito non ha quel tipico orifizio idoneo a mettere la superficie esterna a contatto con la cavità dello stipite. Come abbiamo già accennato trattando del C. lutescens, non ci convincono le tesi di alcuni Autori che individuano in Cantharellus tubaeformis varietà lutescens, una specie rara, molto simile al C. tubaeformis var. tubaeformis il cui imenoforo avrebbe colori molto più gialli e, microscopicamente, avrebbe basidi recanti due sole spore.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 319;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 489;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag.92;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 477;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 543 n. 1795;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol 2, n. 264;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1831;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 154, ill. a pag. 144;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 155

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 326, fig. 84/8;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 92 n. 56;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 249B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 240;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 134 n. 184;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 203a;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 222;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 162, tav.177;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 180;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 123;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 48, fig. 95;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag.64;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2 pag. 523

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 90;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 392, foto 441;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 330;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 470;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 352 , foto  304 in nota;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 214;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 191;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 504,  tav.500/2;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 211;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 42;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 223;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 304;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  89;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 71;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 116;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 109;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 161 ;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 300, foto  415;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè,  Paris, 1994, pag. 144, n. 112;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 98;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 306;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 66;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 46;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.168,  tav.  169/4;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 357;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 152;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 275 in nota;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 323;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 378, foto 189;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 430;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  62;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag.372, foto 485;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 300;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 153;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 225;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 332;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 207;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 539;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 95;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.  207;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 165;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 524;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag.  231;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 184;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 52  n.  445.

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 419      -      Agosto 2013       -        Riferimento: -----

  

 

 

CANTHARELLUS SUBPRUINOSUS Eyssart. & Buyck 2000

 

 

Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere

Sinonimi 

 

Volg. Galletto pruinoso

 

 

Sistematica

 

Regno: Fungi,  Divisione: Basidiomycotina,  Classe: Homobasidiomycetes,  Subclasse; Aphyllophoromicetideae, Ordine: Cantharellales,  Genere: Cantharellus,  Specie: subpruinosus.

 

 

Etimologia

 

Cantharellus = piccola coppa (diminutivo latino dal greco kàantharos = coppa).

subpruinosus = quasi pruinoso (deriva anch’esso dal latino sub = quasi e pruinosus = ricoperto di brina).

 

 

Commestibilità

 

È un fungo eccellente come Cantharellus cibarius.

 

 

Descrizione

 

Questo fungo assai raro, che non andrebbe raccolto a causa del suo pericolo di scomparsa, appare invece, nei luoghi di crescita, con numerosi individui molto fitti, a volte attaccati al gambo gli uni degli altri.

Il cappello carnoso misura 2-10 cm di diametro, dapprima convesso, poi appiattito un po’ depresso al centro con margine arrotolato, sinuoso e irregolare; cuticola asciutta, leggermente vellutata, liscia, di colore biancastro da giovane, poi giallo o aranciato con aree bianche, ricoperto da una finissima pruina bianca.

Pliche lamellari formate da pieghe radiali, spesse, più o meno forcute, anastomosate e decorrenti, di colore tuorlo d’uovo giallo o, a volte, giallo aranciato come la cuticola.

Gambo spesso e tozzo, a volte curvato, cilindrico, attenuato alla base, appare come un prolungamento del cappello ed è di colore giallo più chiaro rispetto alle pliche lamellari.

Carne spessa, di consistenza fragile, bianco giallastra, sapore dolce e gradevole, profumo leggermente fruttato.

Cresce  soprattutto in primavera e in autunno e sporadicamente anche in inverni caldi, sotto castagno (Castanea sativa), quercia (Quercus suber) e pino (Pinus pinaster) .

 

 

Possibilità di scambio

 

Può essere confuso con Cantharellus cibarius, (vedi scheda n. 22), che è di colore uniformemente giallo e senza accenni di pruina.

 

 

Bibliografia

 

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2006, collez. 25, foto in copertina;

Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 590.

 

 

(Gianfranco Sperati)