Boletus

 

Scheda n. 003         -           Settembre 2008            -        Riferimento n. 1669

 

 

 

BOLETUS EDULIS Fries : Bulliard. 1821

 

boletus_edulis_gd3_20120403_1272514365.jpg

 

 

 

 

foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere

 

Sinonimi

Boletus bulbosus Schaeffer 1763, Boletus esculentus Persoon 1825, Boletus esculentus var, albus Persoon 1825, Tubiporus esculentus Paulet 1835, Boletus citrinus Venturi 1845, Tubiporus edulis Karsten 1881, Boletus filiae Gillet 1884, Girodon filiae Saccardo & Cuboni 1888, Oedipus edulis Bataille 1908.

Volg. : porcino, brisa

 

Nomenclatura

Boletus = zolla di terra (dal greco "bolos),
edulis =
che si può mangiare, commestibile.

 

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomycetes; Sottoclasse: Holobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Genere: Boletus; Sezione: Boletus; Specie: edùlis.

 

Commestibilità

Ottimo commestibile anche crudo.

 

Descrizione

Il termine Boletus veniva usato dai Romani per indicare genericamente i funghi aventi, da giovani, un cappello di forma sferica (Bòlos = palla) e quindi sia i funghi a lamelle, sia i carpofori con imenio composto da tubuli e pori. Solo dal 1700 il termine Boletus venne a indicare solo il secondo gruppo di funghi. La denominazione volgare "porcino" deriva invece dal latino "Suillus" (= piccolo porco, maialetto) che oggi, tassonomicamente, viene usato per indicare boleti con cappello di solito vischioso o glutinoso.La sezione Boletus comprende 4 specie: il Boletus edùlis, il Boletus aereus, il Boletus aestivalis (reticulatus) e il Boletus pinophilus (pinicola). Ottimi commestibili sono comunemente noti come "porcini" o come "brise" (in Trentino).Inizialmente il cappello si presenta emisferico, sodo e carnoso per diventare poi piano e un po' molliccio, di varietà cromatiche che vanno dal bianco al bruno scuro. Spesso con margine più chiaro. A differenza del B. aestivalis, la cuticola del cappello è untuosa, vischiosa, mai vellutata o tormentosa. A maturità può arrivare ad avere un diametro anche superiore ai 25 cm.Al di sotto del cappello troviamo tubuli allungati, liberi al gambo, facilmente asportabili, bianchi all'inizio e poi olivastri, terminanti in piccoli pori dai quali escono spore bruno-verdastre.Il gambo è generalmente robusto, obeso e tendente a diventare quasi cilindrico con l'età. Ha un colore biancastro con sfumature nocciola. Sulla parte superiore del gambo è evidente un reticolo bianco, con maglie piccole ed allungate (segno distintivo e caratteristico delle quattro specie citate).La carne è bianca, immutabile, leggermente viola sotto la cuticola. Ha un buon odore fungino ed un gradevole sapore dolciastro.Le basidiospore sono fusiformi, lisce, guttulate, scure e misurano 14-18 micron x 4,5-6,5 micron.Fungo terricolo e simbionte, cresce nei boschi sia di latifoglie che di aghifoglie, prediligendotuttavia terreni umidi al limitare del bosco o nelle radure soleggiate. Cresce in periodo autunnale (da agosto alla fine di novembre) sia in pianura che in montagna (fino a 1.800 m.).Pregiato e ricercato commestibile, può essere consumato anche crudo purchè giovane, sodo e non infestato da larve.

 

Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, pag. 127, fig. 68;

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia,,1821, vol. 1, pag. 392;

Viviani D. : I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 10, tav. 25;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 29;

Quèlet L. : Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 420;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, ED. Hoepli, Milano, 1897, pag. 124, tav. 28;

Bresadola J. : Iconographia micologica, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1882, vol.2, tav. 923;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 43, pl. 2;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 52, pl. 6;

Schlitzberger S. : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor'iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 32, fig. 24;

Michael E. $ Schulz R. : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pl. 93

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 566;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 21 pl. 34;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1860, fig. vol. 1 n. 2/A;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 267, pl. 209;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag: 180, ill. 46 e 47;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 612;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1966, pag. 83, Iconografia n. 64;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 66, pl. 34;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 339, pl. 11/1;

 

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 188, fig. 482;

Romagnesi H. : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, Framce, 1970, vol. 4, pl. 272;

Cetto B. : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 479, foto n. 262;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 143, fig. 246 e 247;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. : Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl. 166;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, tav. 111;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 138, pl. 60;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, pl. 260;

Balletto C. : Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 138;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 38, fig. 85;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 70:

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 76;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 57;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 76;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 568, ill. 405;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 242;

Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna,1982, pagg. 368 e 369;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, pl. 8;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 254, tav. 222;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 192;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 34;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, scheda 118;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 171;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 90;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 51;

Caussanel C: : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 192, tav. 34;

Montegut J. : L' Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1 , pag. 271, pl. 367;

Brotzu R.: Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 595, foto 461;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 430, fig. 1669;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 56;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 337;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, pag. 303, tav. 29/A;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, p. 125 e 126;

Zuccherelli A. : I fynghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 1, 1993, pag.82, foto 87;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 138:

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 172;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pagg. 10, 37, 154 tav. 15/1;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 240;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 187;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto a pag. 19;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pl. 884, pag, 443;

Papetti C., Consiglio G. & Simonini G. : Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag.375;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 338;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, foto 8;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1, pag. 257;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 466.

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 147;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. ;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. ;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag.

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag.

Tiberi G. e Sperati G.
: I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. , n.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag.

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Parigi Cedex 2011, pag.

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 323;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 544;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 174;

La Chiusa L.: Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 36;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 480 n. 1349;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 234;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 202.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 157;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.6, pag. 96,n. 570;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 167, tav. 31;

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 90.

 

Monografie

 

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 44;

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, pag. 51, tav. 34;

Galli R. : I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica S. Vittore Olona (Milano), 1980, pag. 86;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 68;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 102 e pag. 518, tav. 8;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 96;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 156


(Sandro Ascarelli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scheda n. 058        - Marzo 2009 - Riferimento n. 1697


 

boletus_satanas_20120311_2071206267.jpg








clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Volg. Porcino malefico, Boleto malefico, Boleto Satana, Boleto del Diavolo.

Etimologia

Boletus = Zolla rotonda (dal greco bòlos = zolla o palla),
satanas = di Satana (dall’ebraico Stan = diavolo tentatore)

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomycetes; Sottoclasse: Homobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Sottofamiglia: Boletoideae; Genere: Boletus; Sezione: Luridi, Sottosezione: Satanas, Specie: satanas.

Commestibilità

Sospetto; parrebbe essere responsabile di blande, incostanti intossicazioni associabili a sindrome pardinica (disturbi addominali con nausea, vomito e diarrea).

Descrizione

Nonostante il nome….terrificante, nessuno pare esser deceduto a seguito della ingestione di questo fungo. La sua tossicità è controversa: da una parte alcuni Autori ritengono che il B. satanas possa causare disturbi, anche se non gravi, dell’apparato gastro-enterico, dall’altra vi sono le opinioni di chi ritiene che questo fungo sia un buon commestibile soprattutto previa bollitura e dopo aver gettato l’acqua di cottura: alle pendici dell’Etna e in alcune zone limitrofe al Lago di Garda verrebbe addirittura venduto sui mercati. I giudizi contrastanti sulla sua tossicità sono riferiti, con dovizia di particolari, da Nino Arieti e Renato Tomasi (I funghi velenosi, Ed. Ad agricole, Bologna, 1978, pagg. 163 e seguenti). E’ in ogni caso sconsigliabile il suo consumo.

Il B. satanas ha senz’altro un aspetto appariscente ed invitante. Carnoso, massiccio, è fornito di un cappello globoso che può raggiungere un diametro anche di 30 cm con una cuticola asciutta, talora feltrata, a volte screpolata, di colore bianco sporco con riflessi grigio lividi o olivacei. Il margine è spesso, sinuoso ed arrotondato verso l’interno.

La parte imeniale è costituita da tubuli lunghi, liberi, arrotondati in prossimità del gambo, separabili, gialli o giallo-oliva, lievemente viranti al blù-azzurro al taglio. Terminano in pori piccoli, rotondi, gialli all’inizio ma tendenti ad assumere colorazioni aranciate fino a divenire di un bel rosso acceso.

Il gambo è sodo, tozzo, ventricoso, e tende ad attenuarsi verso l’ estremità superiore e ad arrotondarsi verso quella inferiore. Il color giallo del fondo appare attraverso un reticolo spesso, esagonale, rosso carminio, fitto soprattutto nella parte mediana , tendente a macchiarsi di azzurro al tocco e poi annerire.

Spessa e soda, la carne tende poi a divenire molliccia. Di colore bianca o giallina, alla sezione la carne tende ad assumere una colorazione azzurrina in genere nel punto di intersezione del cappello con il gambo. Tale viraggio è molto lento ed è una degli elementi che serve a distinguere il B. satanas dagli altri funghi del gruppo dei Luridi, caratterizzato da una viraggio immediato e particolarmente scuro. Odore debole che diviene fetido e disgustoso negli esemplari maturi. Sapore dolciastro.

B. satanas è abbastanza frequente nei boschi caldi e soleggiati di querce, castagni e noccioli, nelle regioni mediterranee; cresce, in estate e in autunno, su suolo calcareo, isolato o in piccoli gruppi e qualche volta in due o tre esemplari uniti tra di loro al gambo.

Spore fusiformi 11 / 14 X 5 / 6 micron, lisce, guttulate, bruno-olivastre.

Possibilità di scambio

Le specie più prossime a B. satanas potrebbero essere il B. pulchrotinctus con il margine del cappello rosato e con l’imenoforo giallo o tutt’al più aranciato, e il B. rhodoxanthus che al cappello biancastro e ai pori rossi associa un gambo rivestito per tutta la sua lunghezza di un reticolo rosso carminio con maglie allungate attraverso le quali si nota il giallo della carne. In ogni caso sono da rifiutare, precauzionalmente, tutti i Boleti con imenoforo rosso acceso.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 34;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 129, tav. 31;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 927;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 33, tav. 25;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 571;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, tsv. 91°;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, tav.28;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1860;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 192, fig. 54;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 220, tav. 210;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 115;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 612;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag.60, tav. 28;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 151, tav. 45 n. 1322;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 339, tav. 10;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 190;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 131;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 280;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 158, tav. 172;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 284;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, tav. 64;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 257;

Balletto C. – Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 145;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, tav. pag. 43;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 37;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 167, tav. 20;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 72;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 76;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 80;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 73;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 240;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 223;

Goidanich G. & Govi G. – Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 140;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 60;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. – Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 144;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 202;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 292;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 5, pag. 455, tav. 405;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 81;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 229;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 88, foto 2;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 38;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 110;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 173, tav. pag. 33;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 94;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 54;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 195, tav. 40;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 43;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 282, tav. 386 A e B;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, foto 82;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag.281, foto 206;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 436 n. 1697;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 81;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 155;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 339;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 121;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 81, Iconografia n. 56;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 96;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 175;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 156, tav. 16/1. fig. pag. 44;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 142;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 245;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 191:

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto 20;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 859;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 449, foto 891;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 384;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 147;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 62, foto 20;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 261;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 364;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 241;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 238;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 54;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 470;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 155;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 326;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 568;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 171.

Monografie:

 

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 55;

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 55;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 91;

Galli R. – I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 116;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 235, tav. 34;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 128;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 214;

 

 

(Sandro Ascarelli)

 

Scheda n. 084     -     Agosto 2009 - Riferimento n. 1676

 

BOLETUS AESTIVALIS (Paulet) Fries


Boletus aestivalis-1.jpg











clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Boletus reticulatus, Boletus separans

Volg. Porcino estivo, Porcino reticolato, Brisa.

Etimologia

Boletus = attinente alle zolle, (dal greco: bolos = zolla di terra)

aestivalis = estivo (dal latino aestas = estate).

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomycetes; Sottoclasse: Homobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Genere: Boletus, Sezione: Edules, Specie: aestivalis.

Commestibilità

Ottimo commestibile, anche crudo in insalata. Controllare che non sia invaso da larve. Si presta ad essere conservato essiccato.

Descrizione

Come già abbiamo avuto modo di accennare (cft. Scheda n. 3, settembre 2008), i più frequenti “porcini” rinvenibili in Italia sono il B. edùlis, il B. aestivalis, il B. aereus e il B. pinophilus (= pinicola), tutti dotati di ottime proprietà organolettiche ma non sempre facilmente distinguibili gli uni dagli altri. Il B. aestivalis differisce, ad esempio, dal B. edulis per i seguenti caratteri: è una specie prevalentemente estiva (da cui il nome di specie), ha un cappello con cuticola all’inizio un po’ viscida ma poi opaca e secca e tendente a screpolarsi, il gambo è quasi interamente ricoperto da un reticolo molto fino color nocciola o brunastro.

Esaminiamolo in dettaglio.

Il cappello è all’inizio emisferico, poi convesso, piano e a volte col bordo revoluto. Può avere un diametro anche superiore ai 25 cm. . Sodo e carnoso da giovane tende poi a divenire morbido e molliccio, soprattutto quando è attaccato dalle larve. La cuticola è assai variabile, da glabra e lievemente viscida a vellutata e feltrosa fino a divenire secca e opaca col tempo asciutto fino a screpolarsi in areolature irregolari che lasciano intravedere il colore biancastro della carne sottostante, Variabile è anche il colore della superficie pileica, a seconda dell’ habitat, dal beige molto chiaro, al marrone, al bruno assai carico, passando attraverso tutte le tonalità intermedie.

Tubuli lunghi e sottili, arrotondati e adnati, bianchi, poi giallognoli ed infine olivastri con pori tondi, minuti e concolori.

Il gambo è di solito meno obeso di quello del B. edulis e tende ad assumere una forma allungata, non proprio cilindrica, con un ingrossamento alla base. Non è infrequente reperire esemplari col gambo piegato. Pieno e sodo, diviene molle e fragile quando è invaso da larve. Decorato da giovane, da un fine reticolo biancastro su fondo beige chiaro che progressivamente assume tonalità bruno-rossicce e tende ad estendersi lungo quasi tutta la superficie dello stipite.

La carne da soda e compatta, si ammorbidisce via via; bianca immutabile e appena un po’ giallina sotto i tubuli. Odore fungino marcato, aromatico e molto gradevole, sapore dolce.

Spore lisce, guttulate, ellittico-fusiformi, che misurano 11 / 15,5 x 4,5 / 5,5 micron. Sporata bruno-oliva.

Cresce tipicamente nei boschi caldi di latifoglie e di conifere, dalla tarda primavera all’estate, isolato o in colonie. E’ comune anche oltre i 1.700 metri di altezza.

Possibilità di scambio

Dei caratteri che permettono di distinguere il B. aestivalis dal B. edulis, abbiamo già detto sopra. Rispetto agli altri Boleti più comuni della sezione Edules, ricorderemo che il B. aereus ha una colorazione pileica molto scura, bronzea o addirittura nerastra (è chiamato infatti Porcino nero) ed un gambo ricoperto da un reticolo quasi esclusivamente nella sua parte alta, mentre il B. pinophilus è simbionte esclusivo dell’abete (eccezionalmente può trovarsi anche sotto faggio), ha il cappello color rossastro, cioccolata, a volte con la superficie rivestita da una finissima pruina biancastra ed il gambo decorato da un reticolo con sfumature rosso-violacee tendente a sbiadire o a scomparire completamente. Tutti i “porcini” sopra descritti sono ottimi commestibili.

Non è invece commestibile perché amarissimo è il Tylopilus felleus, somigliante al B. aestivalis. Il T. felleus si riconosce tuttavia abbastanza facilmente perché ha il gambo rivestito da un reticolo nero, con maglie rilevate ed allungate, ed i pori che, almeno in maturità, assumono un colore rosa-salmonato (cft. Scheda n. 47, marzo 2009).

Bibliografia

Fries E. :Epicrisis, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 422;

Bagnis C : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1887, (2a centuria), pag. 5, n. 116;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 31;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 421;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 567;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 21 tav. 34;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 217;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 66, tav. 34;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 150, tav. 43, n. 1313;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 336, ;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 265;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 166;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 136, tav. 59;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 138;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 38;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 76;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 76;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pagg. 372 e 373;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 258, foto 225;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 201, foto 46;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 194;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 4, tav. 398;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 236;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 86;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 255;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 34;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 117;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 171;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 51;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 271, foto 366;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 271, foto 196;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 430, n. 1676;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 44;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 53;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 339;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 124;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 83, Iconografia n. 66;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 26;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 154, tav. 15/3;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 137;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 189:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 851;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 444;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 377;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 39;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 60, foto 17;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 257;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 337;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 174, foto 117;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 120;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 466;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 145;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 324;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 556, tav. 209;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 175.

Monografie

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 44, tav. 1;

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 36 ;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 75;

Galli R. I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 92;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 121, fig. pag. 123, tav. 11;

Lemoine C. & Clausure G: : Connaitre et reconnaitre les Bolets, Ed. Secalib, Ouest France, Rennes, 1988, pag. 26;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 102;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 166.

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 068     -     Giugno 2009 - Riferimento n. 1685

BOLETUS LURIDUS Schaeffer : Fr



boletus_luridus_20120311_2015294840.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Boletus rubeolarius, Tubiporus livido-rubricosus, Boletus perniciosus, Boletus sordarius, Boletus variicolor. Boletus tuberosus.
Volg. : Boleto lurido, Porcino lurido.

Etimologia

Boletus = attinente alle zolle, (dal greco: bolos = zolla di terra),
luridus = lurido, livido (dal latino luridus).

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomy-cetes; Sottoclasse: Homobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Ge-nere: Boletus, Sezione: Luridi, Sottosezione : Luridini, Specie: luridus.

Commestibilità

Considerato a lungo un fungo tossico, è invece consumabile ma solo previa adeguata bollitura; in questo caso il violento viraggio della carne si attenua ed il carpoforo, una volta cotto, ha solo una colorazione grigiastra.

Descrizione

La sezione Luridi del Genere Boletus comprende carpofori con imenio costituito da tubuli e da pori. Questi ultimi hanno colorazioni che vanno dal giallo-arancio al rosso acceso. Sono detti Luridi per il violento ed immediato viraggio dei tessuti che, per effetto dell’ossidazione di una particolare sostanza detta “boletolo”, fanno si che la carne, al taglio o alla manipolazio-ne, si colori intensamente di azzurro, di verde bluastro o di nero.

Il B. luridus si presenta con un cappello, sodo e compatto, di medie dimensioni (fino a 20 cm. di diametro), emisferico da giovane poi a lungo convesso fino a diventare quasi pianeg-giante negli esemplari maturi, con margine involuto o arrotondato. Il colore pileico è assai variabile e copre una gamma che va dal giallo-ocra, al camoscio, all’olivastro, al bruno-rug-ginoso con toni lividi a volte mischiati tra loro e diversificantisi anche in rapporto alle differenti condizioni climatiche. La cuticola, difficilmente asportabile, ha una superficie asciutta e velluta-ta, pubescente ma glabra nel carpoforo invecchiato. Vira rapidamente al tocco.

L’imenoforo è costituito da tubuli fini e arrotondati, più corti in prossimità del margine pileico o del gambo al quale aderiscono con una breve depressione circolare. All’inizio sono giallo-arancio, in seguito si colorano con toni verdastri. I tuboli terminano in piccoli pori rotondi e stretti giallo-olivastri ma presto tendenti ad assumere una colorazione rosso aranciata che rimane tuttavia più chiara attorno al gambo; anche esso si colorano intensamente se premuti.

Il gambo, pieno e sodo, può raggiungere i 15 cm. di altezza ed è più sottile nella parte alta mentre tende ad essere bulboso e ingrossato alla base. Spesso è un po’ ricurvo. Per distinguere il B. luridus da specie analoghe è bene fare molta attenzione all’ornamentazione dello stipite, costituito da un reticolo rosso cupo o nerastro con maglie rilevate e allungate attraverso le quali si intravede il colore giallo del fondo. Altra particolarità è costituita dalla evidente colorazione rosso barbabietola che si nota alla base del gambo e che ritroviamo anche nella carne quando procediamo alla sezione; tale colorazione viene usualmente detta “fiammatura”.

Carne consistente che diviene molliccia con l’età. Rosa più o meno intenso sotto i tubuli, appena questi vengono staccati con l’unghia, poi giallastra sulla altre parti del carpoforo e infine rosso barbabietola alla base del gambo, intensamente virante al tocco o al contatto con l’aria. Odore nel complesso fruttato, sapore dolciastro. A contatto con il reattivo di Melzer la carne produce una amiloidia positiva tingendosi di blù scuro o di nerastro.

Le spore sono ellittiche o fusiformi, lisce, guttate, color bruno oliva scuro, di 10 / 16 x 5 / 8 micron, amiloidi.

E’ specie comune in tutte le regioni d’Italia, in zone termofile e soleggiate, su terreno calcareo o neutro. Si trova isolata o a gruppi di numerosi individui dalla primavera all’autunno sia nei boschi di latifoglie che in quelli di aghifoglie fino a 1000 metri di altezza.

Possibilità di scambio.

 

L’estrema variabilità del colore del carpoforo in esame può indurre in inganno il cercatore. Mettendo da parte tutti i Boleti con superficie imeniale rosso accesa (quindi non aranciata), le possibilità di confusione si limitano, a nostro giudizio, a B. erythropus, a Boletus Queletii e a Boletus lupinus. Il primo ha le stesse colorazioni pileiche del B. luridus e lo stesso immediato e violento viraggio della carne: si distingue tuttavia perché il gambo è ricoperto non da un reticolo rosso-nerastro ma una serie di fini puntini rossi. Inoltre, staccando un blocchetto di tubuli dalla pagina inferiore del cappello, la carne non apparirà rosata ma piuttosto giallina. Il B. Queletii e il B. lupinus si riconoscono essenzialmente perché il viraggio della carne, esposta all’aria, è molto lenta e non oltrepassa la soglia cromatica dell’azzurro, più o meno intenso.


Bibliografia

 

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 591;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 34;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 422;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 130, tav. 32;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 929;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 35, tav. 29;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 571;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag.92;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, tav. 30;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1860;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 195, ill. 56;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 220;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 120;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 612;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 62, tav. 30;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 151, tav. 45, n. 1323;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 338, fig. 24I, tav. 10;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 190, fig. 485;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 129;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 275;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 134, tav. 250;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 158, tav. 168;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 289;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, tav. 160;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 255;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 143;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, tav. pag. 49;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 36;

Arietti N. & Tommasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 173;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 69;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 73;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 75;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 73;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 573;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 240;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 216;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 140;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 258, foto 226;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 201, tav. 48;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 199;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 455;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 80;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 208;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 227;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 94, foto 110;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 38;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 109;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 172;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 93;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 50;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 42;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 279, tav. 385;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, foto 79;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag.277, foto 202;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 434, n. 1685;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 86;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 81;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 338;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, foto 30A;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 120;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 80, Iconografia n. 54;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 158, tav. 17/2;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 145;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 242;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pagg. 189 e 190:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 855;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 448, foto 893;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 380;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 346;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 56, foto 12;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 264;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 353;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 126;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 146;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 132;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 468;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 149;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 329;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 564;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 172.

Monografie

 

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 46;

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 46;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 86;

Galli R. I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 112;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 169, tav.19;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 168;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 208.

 


(Sandro Ascarelli)

 

 

 

Scheda n. 142          -        Maggio 2010         -        Riferimento n. 1681

BOLETUS ERYTHROPUS (Fr. : Fr.) Persoon


Boletus erythropus.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Dictyoporus erythropus Quèlet, Tubiporus erythropus Ricken, Boletus miniatoporus Secretan, Boletus luridus var. erythropus Fries, Boletus luridiformis Rost kovius, Boletus praestigiator Schulz.

Etimologia

Boletus = attinente alle zolle, (dal greco: bolos = zolla di terra),
erythropus  = dal piede rosso (dal greco eruthròs = rosso e poùs, podòs = piede, gambo).

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomycetes; Sottoclasse: Homobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Genere: Boletus, Sezione: Luridi, Sottosezione : Luridini, Specie: erythropus.

Commestibilità

Considerato a lungo un fungo velenoso, è invece consumabile ma solo previa adeguata bollitura; in questo caso il violento viraggio della carne si attenua ed il carpoforo, una volta cotto, ha solo una colorazione grigiastra. Da crudo è tossico.

Descrizione

E’ una specie assai vicina a Boletus luridus (scheda n. 68) del quale condivide le seguenti caratteristiche: taglia di grande o media dimensione, pori tendenzialmente rossastri, carne rapidamente virante al blù scuro o al nero alla manipolazione o alla sezione. Distinguere il B. erythropus dal B. luridus diviene tuttavia agevole ove si presti attenzione alla diversa loro ornamentazione dello stipite. Il  B. luridus ha il gambo ricoperto da un reticolo dalle maglie color rosso cupo o bruno soprattutto nella parte alta, Boletus erythropus ha invece il gambo rivestito ma una punteggiatura di minuscoli granuli rossi.

Il cappello, da emisferico si distende ma raramente diviene completamente spianato. Carnoso e sodo può giungere ad avere un diametro anche superiore ai 20 centimetri. La superficie, tomentosa e vellutata, leggermente vischiosa a tempo umido, ha colorazioni uniformi e costanti bruno scuro, talora marrone-rossastre con qualche sfumatura ocracea o olivastra. Margine piegato all’ingiù nell’esemplare giovane ma poi disteso.

L’imenio è costituito da tubuli che tendono ad allungarsi oltre la linea marginale del cappello conferendo a quest’ultimo un aspetto guancialiforme. Fini, sottili, quasi liberi al gambo, giallini all’inizio, poi olivastri, terminano con uno strato compatto di pori piccoli e rotondi cha dal giallo arancio divengono via via rossastri e virano rapidamente al blù scuro alla pressione.

Il gambo è robusto, tozzo, sodo, all’inizio irregolarmente panciuto ma tendente ad assottigliarsi e a divenire più o meno cilindrico man mano che si allunga, pur rimanendo ingrossato alla base. Il colore di fondo è giallo o giallo-arancio sul quale si sovrappongono delle finissime granulazioni intensamente rosse, ancora più scure alla base. Anche sul gambo, alla manipolazione, compaiono macchie verde-turchine intense che successivamente si stabilizzano al bruno scuro.

La carne è generalmente compatta e soda, difficilmente attaccabile dalle larve o da altri parassiti. Alla sezione vira violentemente al blù che col passar del tempo sbiadisce assumendo una colorazione grigio verdastra. Alla base del gambo risulta evidente una fiammatura  color barbabietola. Odore debole, dolce e fruttato. Sapore dolce, acidulato con retrogusto amarognolo. Reazioni chimiche: con acido solforico (AF) rosso bruno sulla cuticola del cappello, arancio nella carne; con la potassa nero sul cappello, rosso bruno nella carne; con tintura di guaiaco la carne diventa verde scura o blu verde. Amiloidia negativa.

Spore bruno olivastre, lisce, ellittiche fusiformi, 10,5 / 19 x 5 / 7 micron. Sporata bruno olivastra.

Specie ubiquitaria, può rinvenirsi sia in montagna sia in collina, isolato o in piccoli gruppi, su terreno prevalentemente siliceo dalla primavera alla fine dell’autunno.

Possibilità di scambio

Delle differenze peculiari del B. erythropus rispetto al B. luridus, evidenti soprattutto per le diverse ornamentazioni del gambo, abbiamo già detto sopra. Altra specie prossima è da considerarsi il B. Quèletii che è possibile distinguere per i colori pileici di solito più chiari, per il gambo più giallo e privo di punteggiature rosse soprattutto nella parte alta e per la differente reazione al reattivo di Melzer (cloralio iodato): reazione amiloide positiva in B. Quèletii, negativa in B. erythropus.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 391;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 35;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 422;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  2, tav.  930;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 571 n. 1889;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 19, tav. 29;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, fig. 1158 a pag. 1857;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 194, tav. 55;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 120;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 612;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 61, tav. 29;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 151, n. 1325;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 339;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 150, n. 486;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 130;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 276;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 143, tav. 251;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 169;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag.  282;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 61;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 206;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 143;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 36;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 174 ;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 73;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.76;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 73;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 240;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol.  2, tav. 218;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 375;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 106;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 201;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 201;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 456,  tav. 407;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 80;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 222;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 100;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 38;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 108;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 171;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag.  93;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 50;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 279, foto 383 ;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 276, foto 201;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 432, n. 1681;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 61;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 337;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996,  pag. 119;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 81, Iconografia n. 57;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 173;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 158,  tav.  17, ill. pag.191;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 146;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 189;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 853;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 446, foto  896;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.  1, pag. 379;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 34;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 345;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.54, foto  9;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 265, fig. pag. 264;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 348;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 125;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 136;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 468;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 148;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.327;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 560;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 173;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 37;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 486;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 207;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 155;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 100, n. 571.


Monografie:

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 77, figg. 13. 14 e 15, tav. 8;

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 47;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 95;

Galli R. I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 124;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 361, tav. 179, tav. 21;

Lemoine C. & Clausure G: : Connaitre et reconnaitre les Bolets, Ed. Secalib, Ouest France, Rennes, 1988, pag. 42;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 134;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 240.

 

(Sandro Ascarelli)