Trichaptum

undefined
Scheda n.312       -         Maggio 2012         -       Riferimenti n. 96
TRICHAPTUM ABIETINUM (Pers. : Fr.) Ryvarden 1972
trichaptum_abietinum_1_20120428_1961822077.jpg





Foto G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Boletus abietinus Dickson 1793, Boletus purpurascens Persoon 1796, Hydnum parasiticum Persoon 1800, Polyporus abietinus (Dicks.) Fries 1821, Polyporus dentiporus Persoon 1825, Polyporus parvulus Schweinitz 1832, Polyporus favillaceus Berk. & M.A. Curtis 1872, Physisporus caesioalbus P. Karsten 1883,
Polystictus abietinus (Dicks.) Fries 1886, Polystictus parvulus (Schwein.) Cooke 1886, Poria dentipora (Pers.) Cooke 1886, Coriolus abietinus (Dicks.) Quélet 1886, Poria favillacea (Berk. & M.A. Curtis) Saccardo 1889, Microporus pusio (Sacc. & Cub.) Kuntze 1898, Hirschioporus abietinus (Pers.) Donk 1033, Trametes abietina (Dicks.) Pilát 1939, Coriolus dentiporus (Pers.) Bondartsev & Singer 1941.
Etimologia
Trichaptum = con il tessuto peloso (dal greco trìcaptos = tessuto peloso) per la superficie pileica tomentosa,
abietinum
= dell'abete, perché cresce su legno di conifere.
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae. Ordine: Polyporales, Famiglia: Coriolaceae, Genere: Trichaptum, Specie: abietinum.
Commestibilita'
Non commestibile.
Descrizione
Il corpo fruttifero di questo minuscolo Poliporo misura circa 3 centimetri di diametro e cresce annualmente, in colonie numerose e sovrapposte, su rami o ceppaie di pini e prevalentemente di abeti, sui quali produce un particolare tipo di carie bianca che penetra fino al duramen e rende il legno traforato e fragile. Il carpoforo può essere completamente resupinato oppure presentarsi con la parte superiore ripiegata verso l’esterno e la parte residua ancorata al legno. La superficie esterna è sottile, ruvida, fibrosa-tomentosa, a volte concentricamente e irregolarmente zonata. Biancastra o grigiastra (ricoperta talora da alghe verdi) presenta un margine colorato di una tipica tinta lilacina che solo in maturità tende a decolorarsi. Ls parete imeniale sottostante è composta da tubuli molto corti che terminano in pori ineguali, angolosi, spesso lacerati, grigio-violetti e rosso vinosi in prossimità dell’orlo. La carne ha una trama sottilissima, coriacea ma poi indurente, brunastra. Le basidiospore hanno forma ellissoide allungata o cilindrica; sono ialine, non amiloidi, con parete sottile e liscia. Dimensioni: / / 8,5 x 2,5 / 3.5 micron. Sporata biancastra. Comune e cosmopolita, è un fungo parassita del legno di conifere che degrada producendo una carie biancastra che si insinua attraverso dei minuscoli alveoli, fino all’interno dalla pianta ospite. Cresce durante tutto l’anno.
Possibilita' di Scambio
Criteri essenziali di questo poliporo sono la sua minuscola taglia, la superficie tomentosa, i tubuli molto corti e la colorazione lilacina del bordo. Una specie morfologicamente assai vicina, non sempre distinguibile, è T. fusco-violaceus (Ehremb. : Fr.) Donk che ha dimensioni maggiori e che presenta le due facce del carpoforo colorati di bruno-violetto-cioccolata.
Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 442;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 265;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 391;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1063/1;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 610;
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 608;
Pilat A. & Usak O.
: Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. tav.;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 298;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 68 n. 121;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, foto n. 1178;
Marchand A
: Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 3, pag. 126, tav. 260;
Griffiths
D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 90 n. 76;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 76;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 209;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 236;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 484, tav. 439/1;
Reid D.
: I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 87;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 318;
Julich W.
: Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 480;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 129;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 179;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 239, tav. 317;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 56 n. 48;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 142 n. 96;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 105;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 151;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 226;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 299;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 125;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 288, foto 360;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 514;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 80.

Monografie:
Bernicchia A. : Polyporaceae s.l. in Italia, Istituto di Patologia Vegetale, Università degli Studi di Bologna, 1990, pag. 558.

(Sandro Ascarelli)