Bolbitius

Scheda n. 049      -      Marzo 2009      -     Riferimento n. 1308

BOLBITIUS VITELLINUS (Pers. : Fr.) Fries

 




bolbitius_vitellinus_20120311_1306123978.jpg

 

 

 

 

 

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus vitellinus, Pluteolus vitellinus.

Etimologia

Bolbitius =   attinente allo sterco di bue (dal greco : bòlbiton = sterco di bue),
vitellinus
= attinente al tuorlo d'uovo (dal latino: vitellus = tuorlo d'uovo).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Bolbitiaceae, Tribù: Bolbitieae, Genere: Bolbitius, Specie: vitellinus.

Commestibilità

Non commestibile.


Descrizione

Questo grazioso micete, modesto nelle sue dimensioni ma appariscente per il suo colore giallo dorato, predilige i terreni morbidi, ben concimati e quindi ricchi di humus, frequentemente bagnati. Lo si può quindi ritrovare non solo nei pascoli o tra i detriti del bosco, ma spesso anche nei vasi, nei giardini e nelle serre.

Il cappello ha un diametro di 2,5 / 5 cm. e quando il fungo è giovane ha un aspetto ovoidale ma presto si distende e si appiana. E' tutt'altro che carnoso tanto che qualche Autore potrebbe assimilarlo ad un Coprinus se non fosse che B. vitellinus non è deliquescente ed ha lamelle diversamente colorate. La superficie pileica è viscida e brillante, vischiosa col tempo umido, e percorsa da striature dall'orlo verso il centro. La colorazione del cappello è giallo-tuorlo d'uovo, poco più carico al centro ma tendente a sbiadire e ad ingrigire in maturità.

Le lamelle, non molto fitte, sono sublibere, strette e sottili, con il filo crinulato, inizialmente di colore giallino o biancastra per poi assumere componenti grigiastre e divenire alla fine bruno-rugginose.

Il gambo, concolore, fragile e cavo, può arrivare fino a 7 o 8 cm di altezza, ed è cilindrico o appena incurvato. Ha un aspetto quasi sericeo anche se ricoperto per tutta la sua lunghezza da fioccosità forforacee biancastre soprattutto verso l'apice inferiore.

Carne quasi inconsistente, pellicolare quella del cappello, biancastra, con odore e sapore nulli.

Le spore ellissoidali, lisce, quasi mai guttulate, misurano 10 / 14 x 7 / 9 micron e appaiono brune al microscopio mentre la sporata è bruno-fulva.

Piuttosto comune dopo piogge abbondanti o annaffiature frequenti  si produce in terreni grassi e ben concimati su residui legnosi e sterco animale. Cresce soprattutto nella tarda estate e in autunno.

Possibilità di scambio

Un Bolbitius più raro e con colori molto chiari, quasi biancastri è il B. lacteus. Il B. titubans ha dimensioni ancora più piccole e l'orlo del cappello con striature alte e profonde. Il B. reticulatus (o variicolor) ha un cappello con tinte grigio-lilla, percorso dal centro verso la periferia da un fitto reticolo di fibrille scure. Nessuno di questi carpofori  ha interesse gastronomico.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 303;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1974;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 83;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 2, pag. 819, vol. 4,  tav. 818;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 63, n. 232, tav. 23, fig. 9;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.497;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag.116, tav. 35 n.997;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 543, fig. 86/11;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 150,  fig. 366;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 3, tav. 207B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, foto n. 907;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 96B;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 378;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 348, fig. 290;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 294:

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 289;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 306;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  559,  foto 51;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 188;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 170;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 154;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 2, pag. 186,  tav. 170;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 62;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 260;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1988, collez. 7, tav. 304;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  277;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 88;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 87;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 142;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 594, n. 835;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, foto 316;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag.232, foto 160;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 362, n. 1308

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag.  461, tav.  132A;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 41;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag.250;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 234;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 171;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  262;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 222;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 731;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 419, foto 415;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol.  1, pag.  250;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  265;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 296, foto 372;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 208;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 104;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 318;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 486.

 

(Sandro Ascarelli)