Oudemansiella

undefined

Scheda n. 210 - Febbraio 2011 - Riferimento n. 629


Oudemansiella radicata (Relhan ex Fr.) Singer


Foto S, Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus macrorhizus Persoon, Agaricus longipes Bulliard. Agaricus radicatus Relhan, Collybia longipes Quélet; Collybia radicans P. Kumm.er; Collybia radicata (Relhan) Quélet; Marasmius longipes (P. Kumm.) Maire, Gymnopus radicatus (Relhan) Gray, Mucidula lon- gipes (Quélet) Boursier, Mucidula radicata (Relhan) Boursier, Collybia radicata var. longipes (Quélet) Rick, Mucidula radicata f. marginata Konrad & Maublanc, Oudemansiella ra-dicata var. marginata (Konrad & Maubl.) Bon & Dennis, Oudemansiella longipes (Quélet) Moser, Xerula longipes (Quélet) Maire.
Volg. : Collibia radicata, Agarico radicato.

Etimologia

Il nome del genere Oudemansiella deriva da quello del micologo olandese Corneille Oudemans (1825-1906);

il nome della specie radicata fa riferimento al gambo molto lungo e radicato.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Dermolomataceae, Genere: Oude-mansiella, specie: radicata.

Commestibilità

Specie commestibile anche se quasi privo di odore e sapore.

Descrizione

Fungo lignicolo che cresce su ceppaie morte o su radici, profondamente interrate, per cui il gambo risulta fortemente e lungamente radicante, tanto che difficilmente può essere estratto per intero dal substrato di crescita, in quanto spesso si rompe, con uno scatto udibile, a causa della sua fragilità.

È una specie che si incontra anche quando non si trovano altri funghi e quando il tempo è secco per cui, anche se sa di poco, siamo indotti a raccoglierlo e mangiarlo, in mancanza di meglio, magari scartando il lungo gambo!.

Il cappello misura 40-100 mm di diametro, inizialmente campanulato poi convesso-appianato con un basso umbone al centro; la cuticola, liscia negli esemplari immaturi, diviene radialmente grinzosa negli esemplari maturi; glabra ed opaca a tempo secco, vischioso-glutinosa a tempo umido, colorata di un ocra-beige poi brunastro chiara, infine bruno più scura, specialmente al centro.

Le lamelle sono mediamente fitte, arrotondato-adnate al gambo o decorrenti per un dentino, con numerose lamellule ventricose, bianche con il filo leggermente imbrunente negli esemplari adulti.

Il gambo misura 70-120(180)x5-12 mm, è cilindrico, rigido, solcato longitudinalmente, talvolta tortile, quasi pieno nel giovane, alla fine più o meno cavo, ingrossato alla base, ma proseguente con un fittone nel substrato, spesso più lungo della parte epigea. Quest’ultima è bianca verso la sommità, mentre per il resto è dello stesso colore del cappello ed è cosparsa di fini fioccosità.

La carne è abbastanza tenera nel cappello, fibrosa nel gambo, biancastra e, come già detto, senza odore e sapore definiti.

Spore 14,5/16,5 x 9,5/11 micron, ellissoidali, bianche in massa.

È un fungo molto diffuso nelle faggete, è possibile rinvenirlo anche a quote superiori ai 1700 m. Cresce generalmente a gruppi di alcuni individui, su ceppaie o radici, dall’estate all’autunno inoltrato.

Possibilità di scambio

Potrebbe essere anche confusa con la vicina specie Oudemanisella pudens, anch’essa lignicola, con una struttura simile per dimensioni e lunghezza del gambo, ma ha un capello feltrato ed uno stipite fine-mente vellutato. Anche Oudemansiella mediterranea è una specie radicante, ma vive esclusivamente sulle sabbie litoranee insieme alla graminacea Ammophila arenaria.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 118;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 200;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.228

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 189;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 362 n. 1222, tav. 106/1 ;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.326 n. 1018;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol.2, n. 149;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 136;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 22, tav. 6, n. 156 bis;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 445, tav. 36;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 104 n. 228;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 105;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n.114;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 129 n. 79;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.73A;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 154;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 2, pag. 58, tav. 124;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 202;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 255;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 95, fig. 52;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 38;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 342;

A. Dermek: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 147, pag. 222;

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag 34, fig. 4;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 162;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 167;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 148;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 788, foto 268;

Phillips R,: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 33;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 93;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 229;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 127;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 33;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 238, tav. 199;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 239;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 21;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 72;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 170 ;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.209;

Romano Bozak : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 104; pag. 184

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 142;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 124;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 78;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 731, foto 1009;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 234, n.629 ;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 65, tav. 41;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 325;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 184;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 185;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 120, Iconografia n.10764;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 230;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 245;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 38;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 117;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 520;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 704, foto 460;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 115;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 190;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 348 foto 450;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 149;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 130;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 73;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 49;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 116;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 224;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 156;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 290;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 116;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 226;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 106;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.359;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 135 n.192.

(Gianfranco Sperati)

Scheda n.300       -         Marzo 2012         -       Riferimenti n. 631
Oudemansiella mucida (Schrad. ex Fr.) Höhnel 1910
oudemansiella_mucida_gs2_20120426_1469108983.jpg





foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Agaricus mucidus Schrad. 1794, Armillaria mucida (Schrad. ex Fr.) Kummer 1871, Collybia mucida (Schrad.) Quélet 1886, Mucidula mucida (Schrad.) Pat. 1887, Lepiota mucida (Schrad.) J. Schrot. 1889
Volg.: Fungo porcellana
Etimologia
Il nome del genere Oudemansiella deriva da quello del micologo olandese Corneille Oudemans (1825 / 1906);
il nome della specie deriva dal latino mucidus = moccioso e fa riferimento al cappello completamente ricoperto di mucillagine.
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homoba-sidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Dermolo-mataceae, Genere: Oudemansiella, Specie: mucida.
Commestibilita'
Commestibile dopo il lavaggio per rimuovere glutine.
Descrizione
Si tratta di una specie facile da riconoscere perché cresce sempre su piante o rami caduti di faggio, per la sua forma elegante ed il suo biancore che lo fanno somigliare ad un fungo di porcellana, per lo strato di mucillagine sul cappello che si può anche asportare e per la carne di consistenza gelatinosa.
Il cappello 30-80 mm di diametro, a volte anche 100 mm, emisferico nei primi stadi di sviluppo poi convesso-appianato, di consistenza gelatinosa ed aspetto traslucido, interamente ricoperto da una pellicola gelatinosa, che a tempo umido si può separare con una certa facilità, mentre a tempo secco diviene opaco e sericeo; nel giovane la superficie è interamente bianco-nivea poi bianco-avorio, quindi grigio-ocracea con il disco bruno-olivaceo; margine prima involuto poi disteso-ondulato e lungamente striato-rugoso.
Le lamelle sono sinuato-smarginate, talora decorrenti per un filetto, larghe, spaziate, mucillagginose, frammiste a varie lamellule, biancastre, crema pallido con il tagliente denticolato, concolore.
Il gambo di 50-100 x 5-10 mm è slanciato, ingrossato alla base, rigido e pieno, sinuoso, al di sopra dell'anello asciutto, striato e di colore biancastro, al di sotto biancastro, liscio, vischioso, con tonalità bruno chiare alla base; l'anello, supero, è membranoso, subglutinoso, largo, persistente e striato, di colore bianco sulla pagina superiore e grigio-fuliginoso in quella inferiore.
Carne esigua, biancastra nel cappello, tenera poi leggermente elastica, fibrosetta e tenace quella del gambo; odore debole, vagamente erbaceo e sapore dolciastro.
Spore subglobose di 16,5-18,5x15-16,5 micron, crema chiaro in massa.
Fruttifica in estate ed in autunno su legno morto di latifoglie e di conifere, ma soprattutto su Fagus sylvatica, anche a quote superiori ai 1700 m.

Possibilita' di Scambio
Cresce nello stesso periodo di Oudemansiella radicata (vedi scheda nº210), con la quale condivide habitat e grado di commestibilità, ma è priva di anello, ha uno stipite che si insinua lungamente nel substrato ed è di colore uniformemente più scuro.
Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 28 n. 7;
Bagnis C : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1887, (2a centuria), pag. 3 n. 105;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 85;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 238;
Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 40, tav. 23, fig. 4-8;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 600;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 157 n. 1204, tav. 106/5;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 110;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 147;
Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1894;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 73;
Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 47;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 622;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 9 n. 46, tav. 3;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 445 fig. 1;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 104 n. 227;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 104B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 113;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 73;
Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 164;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 203;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 256;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 95, fig. 159A;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 162;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 167;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 148;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag.. 33;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 229 in nota;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983 pag. 158;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 128;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 33;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. tav. 238;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 21;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 74;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 170;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1988, collez. 7, tav. 339;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 210;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 142;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 124;
Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, pag. 185;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 77;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 948, tav. 1302;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 234 n. 631;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 65, tav. 41;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 325;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 183;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 184;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 120, Iconografia n. 145;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 230;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.140 , tav. 8/15;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 305;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 39;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 79;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 705, foto 337;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 625;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 190;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 306, foto 388;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 149;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 129;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 73;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 104;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 223;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 155;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 58;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 226 n. 597
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 106.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 358.

(Gianfranco Sperati)