Meripilus

undefined

Scheda n. 220 - Aprile 2011 - Riferimento n. 84

MERIPILUS GIGANTEUS (Pers. Fr.) Karsten

foto di Gianfranco Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus aequivocus (Holmsk.) E.H.L. Krause; Agaricus multiplex Dill; Boletus acanthoides Bull.; Boletus giganteus Pers.; Caloporus acanthoides (Bull.) Quél.; Cladomeris acanthoides (Bull.) Quél.; Cladomeris giganteus (Pers.) Quél.; Clavaria aequivoca Holmsk.; Flabellopilus giganteus (Pers.) Kotl. & Pouzar; Grifola acanthoides (Bull.) Pilát; Grifola gigantea (Pers.) Pilát; Grifola lentifrondosa Murrill; Meripilus lentifrondosus (Murrill) M.J. Larsen & Lombard; Merisma acanthoides (Bull.) Gillet; Merisma giganteum (Pers.) Gillet; Polypilus giganteus (Pers.) Donk; Polyporus acanthoides (Bull.) Fr.; Polyporus acanthoides Rostk.; Polyporus aequivocus (Holmsk.) E.H.L. Krause; Polyporus frondosus Fr.; Polyporus giganteus (Pers.) Fr.; Polyporus lentifrondosus (Murrill) Murrill.

Volg.: Poliporo gigante

Etimologia

Il nome di genere deriva dal latino Meripilus, che a sua volta deriva dal greco Meris = porzione e pileos = cappello;

il nome di specie deriva dal latino giganteus = dalle grandi dimensioni.

Sistematica

Regno : Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Polyporales, Famiglia: Meripilaceae, Genere: Meripilus, Specie: giganteus.

Commestibilità

La sua commestibilità è molto controversa. Di sicuro è innocuo; ma mentre taluni lo considerano non commestibile per il gusto aspro e la consistenza fibrosa, soprattutto a maturazione; altri consumano gli esemplari più giovani e teneri, soprattutto conservati sott’olio. È inoltre oggetto di studi per sue presunte proprietà immunosoppressive ed antitumorali.

Descrizione

Sarà capitato anche a voi di incontrare questi funghi che fuoriescono con i loro grandi ventagli dalle basi di maturi alberi di querce, castagni, faggi, frassini, pioppi e abeti e vi sarà anche capitato di immaginarne il peso. Ebbene questa specie è veramente il gigante dei funghi: si è a conoscenza di individui che pesavano intorno ai 60 kg. A me ne è capitato uno di soli, si fa per dire, 15 chili!

Carpoforo annuale, provvisto di numerosi cappelli di grandi dimensioni 20-40 cm di diametro x 1-2 cm di spessore, embricati, spatolati o a forma di ventaglio, spesso crescenti da un corto gambo comune. La superficie si presenta ruvida, ornata da scagliette coricate, visibilmente zonata verso il margine, ondulata e talora brevemente fessurata, interamente brunastra, bruno-rossiccia o bruno scuro lungo le zonature concentriche e bianco-crema al margine.

I tubuli sono fitti, lunghi fino a 8 mm, spessi, inizialmente bianchi poi crema-ocra, in seguito ocra scuro ed annerenti per manipolazione o a maturità; pori concolori, molto piccoli, fino a 5 per mm, di forma più o meno tondeggiante ed annerenti allo strofinio o a maturazione.

Carne abbastanza tenera seppure fibrosa e tenace, dapprima bianca poi bianco-crema, annerente allo sfregamento, con odore debole fungino e sapore dolciastro-acidulo.

Le spore misurano 5,8/7 x 4,5/6 micron e sono da ovali a largamente ellissoidali, bianche in massa.

È specie parassita provoca, dall’estate all’autunno, un marciume bianco al colletto ed all’apparato radicale soprattutto di alberi di latifoglie, come faggi, querce, pioppi, frassini ma anche abeti, pecci, larici e pini: può accadere che le piante che rispondano debolmente all’attacco del fungo si schiantino improvvisamente a terra pur avendo ancora una chioma folta. Il fungo si adatta a crescere anche da saprofita sul tronco caduto, sulle loro ceppaie e sulle radici morte.

Possibilità di scambio

Meripilus giganteus può essere confuso con Grifola frondosa, che cresce principalmente sotto gli alberi di castagno ed i cui pori non anneriscono alla manipolazione.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 356;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 99;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 972;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 583 n- 1927;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 285;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1482;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 114;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 203;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 291;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 276A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 309;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 87 n. 277;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 182 in nota;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 3, pag. 108, tav. 251;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 273;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 99;

G. Bresadola: Funghi tridentini Novi vel nondum delineati, Ed. Agricole, Bologna, 1976, Tav. CXXXIV, pag. 28 (II parte);

A. Dermek: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 87, pag. 162;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 470, foto 471;

Phillips R,: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 220;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 251;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 220;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 236;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 102;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 197;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 314;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 69;

Romano Bozak : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 257; pag 337.

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 317;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 274

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 183;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.1, pag, 222 , foto 292 ;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 48, foto 529;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 336, foto 256;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 149, n. 84 ;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 368;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 101;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 154;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 378;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 326;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 214;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 271;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 350, foto 143;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1 , pag. 405;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 113;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 316, foto 402;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 287;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 43;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 508;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 527;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 82;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 158 n. 27;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 198;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 560;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 249;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 493;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 68, n. 673.

Monografie:

Bernicchia A. : Polyporaceae s.l. in Italia, Ist. di Patologia Vegetale Università di Bologna, 1990, pag. 312.

(Gianfranco Sperati)