Cuphophyllus

undefined

Scheda n. 228 - Maggio 2011 - Riferimento n. 171


CUPHOPHYLLUS PRATENSIS (Pers. : Fr.) Bon

Foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus ficoides Bulliard, Agaricus miniatus Sowerby, Agaricus pratensis Persoon, Fries, Camarophyllus pratensis Karsten, Hygrophorus pratensis Fries, Hygrophorus ficoides Schroeter. Hygrocybe pratensis Murril.

Volg. Igroforo dei prati

Etimologia

Cuphophyllus = dalle lamelle comuni, prive di importanza (dal greco Kùphos = comune e Phyllon = lamina, lamella),

pratensis = pratense, dei prati (dal latino)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Tribù: Hygrocybeae. Genere: Cuphophyllus, Sezione: Cuphophyllus, Sottosezione: Cuphophyllus, Specie: pratensis.

Commestibilità

Buon commestibile.

Descrizione

Non è affatto difficile, anche per un profano, individuare un fungo appartenente alla grande famiglia delle Hygrophoraceae. Gli esemplari di questo raggrup-pamento hanno in genere lamelle spaziate, cioè rade, spesse e di consistenza ceracea o lardacea, lievemente untuose al tocco. La famiglia si suddivide poi in due grandi gruppi (tribù): le Hygrophoreae con il genere Hygrophorus, e le Hygrocybeae alle quali fanno capo i generi Hygrocybe e Cuphophyllus. I carpofori ascritti al genere Cuphophyllus sono di taglia piccola o medio-piccola, hanno cappelli asciutti o poco lubrificati quando rivestono colori tenui, cappelli più vischiosi invece quando si presentano con colori vivaci. Prediligono la crescita nei prati o in luoghi semiboschivi molto aperti. L’osservazione al microscopio evidenzia una trama lamellare irregolare e confusa.

Cuphophyllus pratensis sono funghi abbastanza comuni ed hanno dimensioni a volte notevoli.

Il cappello è conico-campanulato mel fungo giovane, poi convesso ed infine disteso con un basso umbone al centro e con il margine liscio, sinuoso, talvolta fessurato. La cuticola è di solito asciutta o poco viscosa ma igrofana ed, a seconda del grado di uimidità, i colori pileici possono variare dall’albicocca, all’ocra-aramcio, all’arancio pallido, al marrone aranciato, decolorantisi verso l’orlo.

Le lamelle sono arcuate, spesse, distanziate, intercalate da lamellule e intervenate. Decorrenti sul gambo, hanno colori simili a quelli del cappello ma più tenui.

Il gambo è pieno, cilindrico o attenuato alla base, liscio o percorso da sottili fibrille longitudinali. Ha un rivestimento cromatico più debole di quello del cappello.

Carne soda, compatta, biancastra o con lievi tonalità color salmone, priva di odori o sapori particolari.

Basidiospore lisce, largamente ellittiche o ovoidali, raramente monoguttulate, con appendice ilare pronunciata; misurano 5,5 / 7 x 4 / 5.5μm.

Comune e gregario, se ne producono diversi esemplari nei prati, nei campi, nei luoghi erbosi o lungo i sentieri dei boschi, dalla collina all’alta montagna, di solito in autunno.

Possibilità di scambio

La variabilità cromatica, determinata spesso dall’ igrofaneità della specie, ha fatto sì che venissero individuate diverse varietà; si citano, ad esempio, C. pratensis var. vitulinus, C. pratensis var. pallidus, C. pratensis var.donadinii.

Potrebbe essere confuso con Hygrophorus nemoreus e con Hygrophorus leporinus, ambedue commestibili, che hanno l’apice del gambo rivestito da fioccosità e che crescono normalmente nei boschi.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 99;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 401;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 257;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 327;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 16 n. 55, tav. 7/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.299 n. 919;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1871, fig. 1175A ;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 1174;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 113;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 102;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 617;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 47 tav. 14 n. 391;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.402, fig. 181;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 74 n. 143;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 225;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 141/1;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 177;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 219;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 55;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 510;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 89;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 122;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 89;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 664, foto 309;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 110;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 617;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1992, collez. 11, tav. 514;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 146;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 60;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6, pag. 432;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 48;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, tav. 124;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 102;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 150;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 114;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 184;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 91

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 334, tav. 470;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 154 n. 171;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 428;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 231;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 131;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 99, Iconografia n. 102;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 196;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 164;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 38;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 370;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 590, foto 252;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 8;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 145;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 100, foto 76;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 113;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 288;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 52;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 70;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 252;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 140;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 343;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.108;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag 76;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 96.

Monografie:

Galli R. Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 86;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Igrofori, Ed agricole, Bologna 1998, pag. 56;

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi Europei n. 9, Ed. Libreria Basso, Alassio, 1997, pag. 343.

Bon. M. : Les Hygrophores, Mèmoire Hors Sèrie n. 1, C.R.D.P., Amiens, 1991, pag. 25.

(Sandro Ascarelli)