Auricularia

Scheda n. 064      -      Giugno 2009     -     Riferimento n. 47


AURICULARIA AURICULA-JUDAE (Bull.) Wettstein

 

 

auricularia_auricula-judae-1_20120311_1071529732.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Hirneola auricula-judae, Tremella agricola. Auricularia sambucina,
Volg. Orecchia di Giuda

Etimologia

Auricularia = attinente alle piccole orecchie (dal latino auricula = piccola orecchia).
auricula Judae = piccola orecchia di Giuda (dal latino auricola, diminutivo di auris = orecchio).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Baidiomycota, Classe: Phragmobasidiomycetes, Ordine: Auriculariales, Famiglia: Auriculariaceae, Genere: Auricularia, Specie: Auricula Judae.

Commestibilità

Discreto fungo commestibile, anche crudo. E' molto usato nel Paesi Asiatici perché, essendo piuttosto insipido, tende ad assumere il sapore del condimento. Allo stato secco viene commercializzato ed uti-lizzato nei ristoranti cinesi.

Descrizione

Si vuole che mentre il traditore Giuda trattava la consegna di Gesù ai Romani in cambio di trenta denari, da un albero vicino sbucasse un orecchio per ascoltare i termini dell'accordo. In effetti i basidiomi di A. auricula judae, fungo parassita o saprotrofo che cresce sul legno di alberi viventi o sui tronchi o rami morti, ha proprio l'aspetto di un padiglione auricolare.

Si compone di carpofori, sessili o infissi con un peduncolo appena accennato nella corteccia della pianta ospite, a forma di coppa rovesciata o di padiglione auricolare dai lobi irregolari, con parete elastica o gelatinosa, il cui interno si presenta grossolanamente intervenato.  Il colore è uniformemente bruno-rosato o grigio-viola con tonalità a volte più chiare nella parte imeniale interna. Il ricettacolo può raggiungere dimensioni di 8 / 10 cm. di diametro ed è liscio e glabro nella sua parte superiore mentre quella sottostante appare pruinosa. Orlo liscio, introflesso da giovane ma poi dritto, a volte ondulato, sinuoso.

La carne, da tenera tende a diventare coriacea; di solito è asciutta ed elastica ma a volte, in determinate condizioni climatiche, può assumere una consistenza gelatinosa. Più o meno ha lo stesso colore dell'intero carpoforo. Odore nullo, sapore dolciastro

Spore liscie, ialine, cilindriche, spesso pluriguttate: misurano 14 / 17 x  5 / 7 micron.

Fruttifica in colonie talvolta numerose, nel corso dell'anno, su legno guasto di latifoglie o di aghifoglie o, come parassita, anche su piante viventi, con particolare predilezione per il Sambuco (Sambucus nigra). Ha bisogno di substrati umidi.

Possibilità di scambio

Un'altra Auricularia molto comune, ma non commestibile, è l' A. mesenterica che, pur fruttificando anch'essa su latifoglie che parassitizza e distrugge con rapidità, si distingue dalla A. auricula-judae per avere ricettacoli sessili più piccoli ma più spessi, molto coriacei, disposti di solito a mensole sovrapposte, con la superficie superiore, tormentosa,  divisa in zone concentriche bianco cenere alternate a zone brunastre. Del pari simile può essere l' Heliconbasidium brebissonii, fungo completamente resupinato e piatto, privo di un cappello sporgente.

Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, tav. 66, fig.1;

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag. 221;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 766;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 24;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. tav. ;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 1109;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 727;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 330;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 237, tav. 249;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 665;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 210, tav. 58 n. 1824;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.267, fig. 89;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 222, fig. 575;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 308;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 348;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 198, tav. 212;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 332;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, tav. 83;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 331;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 85;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol  2, tav. pag. 85;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 93;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 105;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 380,  foto 617;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 277;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 158;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 23;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 220;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 262;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 104;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 324;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  40;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 195;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 83;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 191;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 186, tav. 18;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 125;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 120 n. 130;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, foto 2;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 348, foto 278;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 136 n. 47;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 39;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 373;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, pag. 301, foto 17 b e c;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 217;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 281, Iconografia n. 483;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 25;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 140;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 84;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  453;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 321;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  281:

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto  pag. 92;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 198;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 319, foto 101;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 442;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 53;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  2, pag. 54, foto 7;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 318;

A. Testi : Funghi d'Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 356;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 676;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 561;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.61;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 134.

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 425        -         Settembre 2013        -         Riferimento n. 48




AURICULARIA MESENTERICA (Diks ex Gray) Persoon 1822


Foto: G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere


Sinonimi
 

Helvella mesenterica Dickson (1785), Tremella violacea Rehlan (1785), Auricularia tremelloides Bulliard (1787), Auricularia tremelloides var. tremelloides Bulliard (1787), Helvella mesenterica Bolton (1792), Thelephora mesenterica J.F. Gmelin (1792), Merulius mesentericus (Dicks.) Schrader (1794), Auricularia corrugata Sowerby (1800), Thelephora mesenterica (Bolton) Persoon (1801), Gyraria violacea (Relhan) Gray (1821), Stereum mesentericum (Bolton) Gray (1821), Dacrymyces violacea (Relhan) Fries (1822) Auricularia lobata Sommerfield (1826), Thelephora tremelloides (Bull.) Lamoure & De Candolle (1826), Phlebia mesenterica (Dicks.) Fries (1828), Tremella corrugata Schweinitz (1832), Patila mesenterica (Dicks.) Kuntze (1891), Exidia gemmata f. violacea (Relhan) Neuhoff (1936), Merulioporia violacea (Relhan) Bondartsev (1953), Meruliopsis violacea (Relhan) Bondartsev (1959).

Volg.: Orecchia mesenterica


Etimologia

Auricularia = della forma e della consistenza di un'orecchia (deriva dal latino auricula = orecchietta, diminutivo di auris = orecchio);
mesenterica = simile alla membrana dell'intestino (dal greco mesentèrion = membrana che avvolge l'intestino).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Phragmobasidiomycetes, Ordine: Auriculariales, Famiglia: Auriculariaceae, Genere: Auricularia, Specie: mesenterica.


Commestibilità

Specie di nessun valore alimentare anche se innocua.


Descrizione
 

Appartiene ad un gruppo di funghi denominati Fragmobasidiomiceti a causa dei setti trasversali presenti sul basidio, le spore sono sorrette da sterigmi che fuoriescono lateralmente dalla cellula madre (basidio) e sono insolitamente lunghi, dovendo attraversare tutta lo strato gommoso-gelatinoso costituito dall'imenoforo.
Il carpoforo misura 40-80 mm di diametro ed è solitamente resupinato sessile, talvolta lateralmente attaccato al substrato, per lo più a forma di ventaglio, sovente ravvicinato ad altri esemplari a guisa di mensoline pluristratificate.
La superficie superiore è fittamente irsuta, ispida e zonata concentricamente, colorata di grigio-bruno o bruno-olivastro, con il bordo biancastro-crema, ondulato e plurilobato; la superficie inferiore è di consistenza gommoso-gelatinosa, percorsa da venature e rugosità arrotondato-appiattite, tra di loro raccordate da congiunzioni trasversali o irregolarmente sinuoso-oblique che ricordano un disegno labirintico, subconcolore alla superficie superiore, spolverata di bianco negli esemplari maturi.
L'imenoforo è rappresentato da tutta la superficie inferiore del carpoforo.
La carne brunastra è di consistenza tenace, gommoso-gelatinosa ed elastica, spessa 4 o 5 millimetri in corrispondenza delle venature; di odore praticamente assente e di sapore mite-dolciastro.
Le spore sono cilindrico-incurvate e misurano 15-17 x 5,5-6 micron e sono bianche in massa; i basidi sono formati da due o quattro cellule separate da uno o due setti trasversali.
È un fungo saprofita lignicolo, fruttifica tutto l'anno su vecchi tronchi o su ceppaie di varie latifoglie, in particolare su Ulmus sp., Quercus sp., Acer sp. e Fagus sylvatica.


Possibilità di scambio
 

Si tratta di una specie inconfondibile. Non voglio credere che qualcuno la possa scambiare con Auricularia auricula-judae (Bull.) Wettstein, i cui esemplari sono completamente glabri, di colore bruno ed hanno forma di coppette auricolate e commestibili (vedi scheda n. 64).

 


Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 3, pag. 154;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag.762 n. 8294;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 23;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, voll. 2 e 5 tav. 1129/1;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 730 n. 2490;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, n. 331 in nota;
Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 238;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 662;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 209 n. 1817, tav. 58;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 267, fig. 89B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 521, foto n.1189;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 212;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 186, tav.84;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 85;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 231;
Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, pag. 102, fig. 28;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pagg. 262 e 263;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 492 in nota;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 262;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 104;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 324;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 41;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 376;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 190;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 83;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 191;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 186, tav. 18;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 180, tav. 227;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 26, foto 3;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 624 , foto 490;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1994, collez. 13, tav. 602;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 136 n. 48;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 281, Iconografia n. 482;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 373;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 322;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 230;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 198 in nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 319, foto 102;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1450;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 53;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 54 , foto 8;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 318;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 38;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 676;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 56 in nota;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.60;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 136 n. 16;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 676;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 520 n.1449;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 319;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 255;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 473;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 8, pag. 194, n. 889:
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 1038.



(Gianfranco Sperati)