Mycena

undefined

Scheda n. 021      -       Novembre 2008       -       Riferimento n. 588

 

 

 

MYCENA INCLINATA (Fr.) Quèlet 1872


mycena_inclinata-2_20120502_1692317217.jpg







foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per vederealtri funghi della stessa specie


Sinonimi

Agaricus inclinatus Fries (1838), Agaricus galericulatus var. calopus Fr.ies (1873), Mycena galericulata var. galopoda Gillet (1878), Mycena galericulata var. calopus (Fr.) P. Karsten (1879), Mycena calopus Ricken (1915), Mycena alcalina Ricken (1915), Mycena regelliae Velenovsky (1920).


Etimologia

Mycena = attinente al fungo (dal greco mùkes = fungo o micete),
inclinata = inclinata, non diritta.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Genere: Mycena, Specie: inclinata.


Commestibilità

Non commestibile.


Descrizione

E' un fungo abbastanza comune, composto di vari esemplari uniti assieme alla base del gambo (fascicolati).

Il cappello, da 2 a 4 cm. di diametro, è all'inizio conico-campanulato, poi sempre più conico con al centro, a volte, un basso umbone e con l'orlo striato per trasparenza. La cuticola del cappello è glabra, un po' viscida a tempo umido. Da giovane può avere un colore grigio pallido che diviene via via più scuro fino ad assumere colorazioni nocciola o grigio-brune, più marcate al centro.

Le lamelle sono mediamente fitte, unite al gambo con un dentino o semplicemente adnate, di colore biancastro e con il tagliente intero a volte di poco più chiaro.

Il gambo, fragile e vuoto, raggiunge in altezza i 10 cm. Rigido, liscio, fibrilloso è bianco perlaceo in alto, sempre più bruno con lievi sfumature aranciate in basso. La base tende ad allargarsi ed è ricoperta da una fitta peluria miceliare.

La carne è sottile, acquosa, di pallido color ocra, con odore e sapore di sego o di farina rancida.

Spore ellissoidali, lisce, amiloidi, di dimensioni 9/10,5 x 5,5/6,5 micron. Sporata bianca.

Mycena inclinata si trova in autunno, raramente in primavera, cespitosa, su ceppaie o tronchi di diverse latifoglie e soprattutto di castagni.


Possibilità di scambio

Il genere Mycena comprende oltre 100 specie non facilmente distinguibili l'una dall' altra.
M. inclinata potrebbe così scambiarsi con Mycena galericulata il cui basidioma è più grande e robusto ed il cappello raggiunge i 6 cm. di diametro, con Mycena maculata che ha la tendenza a macchiarsi di bruno-rossastro ed ha le lamelle più scure con colore grigio o rosato, con Mycena Renatii che però ha il gambo uniformemente color rosso-arancio.  Sono tutte specie non commestibili.


Bibliografia

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 217;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 270;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980. pag. 389;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 384;

Bresadola J. : Iconographia micologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 236;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1894, fig. 1197C;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 622;

Costantin M.J. et Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 34, pl. 10, fig. 277;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 429, fig. 196A;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 106, fig. 234;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 1, pl. 127;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 240;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 107;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 267;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1976, vol. 2, pag. 279, foto n. 557

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Ed. Saturnia, Trento, 1980, pag. 193;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 780, foto 6;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 154;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 309;

Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 225;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano, 1982, pag. 156, tav. 132;

Jamoni P.G. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 128;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 72;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6 pag. 272, pl. n. 231 in vol. 3;

Auguadri A., Lucchini G., Riva A. e Testa E. : Funghi e boschi del Cantone Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 138, foto 81;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, pl. 287;

Bon M. : Champignons d' Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 184;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 221;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 140;

Bauer C. A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 164;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 247;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 85;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 692, pl. 951;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 129, scheda 62;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 228, fig. 588;

Di Bella F. : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 113;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 89, tav. 55E;

Jordan M. : The Encyclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 176;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 227;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 92;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 133;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 671, foto 351;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, foto 107;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 276, foto 342;

Polese JM. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 71;

Phillips R. : Les champignons du Quèbec, Broquet Inc., Ottawa, 2002, pag. 90;

Robich G. : Mycena d'Europa, Ed. A.M.B., Trento, 2003, pagg. da 510 a 515;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 230;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 172;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 2, 2006, pag. 142, foto 671.

€Brotzu R.
Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 129 n. 62;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag.  228 n. 588;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 272 , tav.231;

€€€Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 328;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 113;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 176;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 227;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 129 n. 62;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 228 n. 588;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 272 , tav.231;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 328;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 113;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 176;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 227;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 92;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 133;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 506;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 672, foto 351;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 107;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.276, foto 342;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 71;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 90;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 230;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 172;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 232 n- 611

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 103.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.353;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 148, n. 199;

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 406.





Monografie



Robich G. : Mycena d'Europa, A.M.B. Fondaz. Centro Studi Micologici, Trento, 2003, pag. 510.




(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 119 - Gennaio 2010 - Riferimento n. 588

 


MYCENA GALOPUS
(Pers : Fr.) Kummer

 

119. Mycena galopus
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus galopus Persoon, Mycena galopoda Quèlet, Mycena lactescens Cejp, Mycena europea P. Karsten, Mycena balanicola Velenovsky, Mycena leucogala Saccardo.


Etimologia

Mycena = attinente al fungo (dal greco: mùkes = fungo o micete);
galapus = con il piede lattiginoso (dal greco gala = latte e pous, podòs = piede).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Genere: Mycena, Sezione: Lactipedes, specie: galopus.


Commestibilità

Non commestibile.


Descrizione

Mycena galopus appartiene a buona ragione alla sezione lactipedes perché alla frattura il gambo secerne un latice biancastro simile a gocce di latte.

E’ un fungo esile, comune in estate quando cresce in colonie anche numerose sul terreno o su legno marcescente.

Il cappello, conico o conico-campanulato, talvolta umbonato, può raggiungere un diametro di oltre 2 centimetri, biancastro o grigio brunastro con il disco più intensamente colorato. La cuticola è sottile, glabra, pruinosa al centro e striata per trasparenza al margine.

Le lamelle sono moderatamente fitte e intervallate da lamellule, ventricose, adnate o unite al gambo mediante un dentino che sullo stipite può decorrere per un brevissimo tratto. Sono bianchicce o, a volte, con sfumature lievemente grigie.

Gambo alto, cilindrico, cavo all’interno, elastico, pruinoso in alto e con la base radicante ricoperta da una fitta peluria bianca. Verticalmente può presentare delle striolature. Dello stesso colore del cappello ma tendente a schiarire verso la sommità superiore. Ha una consistenza fragile e alla rottura secerne una goccia di latice bianco.

Carne esigua, biancastra, con odore sgradevole, alcalino o rafanoide. Sapore quasi nullo o leggermente amarognolo.

Spore amiloidi, quasi ellittiche, lisce, ialine, talvolta guttulate, dalle dimensioni 5,5 / 6,5 x 10,5 / 14 micron. Sporata bianca.

Frequente da luglio a novembre, cresce gregaria sul terreno o presso frustuli legnosi o su tronchi muscosi, sia un boschi di latifoglie quanto in quelli di aghifoglie.


Possibilità di scambio

Differenze cromatiche del carpoforo hanno indotto alcuni Autori a individuare una M. galopus var. alba (o var. candida) dal carpoforo completamente bianco ed una M. galopus var. nigra (o var. leucogala) dai colori molto scuri, quasi nerastri. Un’ altra Micena che secerne un latice bianco è la amarissima Mycena erubescens.

Alla sezione Lactipedes, cioè in grado di secernere del liquido variamente colorato, appartengono anche la Mycena sanguinolenta, la Mycena haematopus e la Mycena crocata dal latice rosso.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 148;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 292;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 214;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 248/1;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 175, tav. 109/11;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.395;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1893;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 30, tav. 9, n. 235;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 423;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag.108;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, foto n.1005;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 210B;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 240;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 110, fig. 174;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 265;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 176;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 182;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 848, foto 665;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 154;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 225;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 129;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 70;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 267, tav. 225;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 51;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 180;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 139;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 248;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 81;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 684, foto 940;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 144, foto 178;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 228, n. 595;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 84, tav. 51;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 175;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1996, collez. 15, tav. 734;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 122;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 226;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 137:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 508;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 682, foto 372;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 108;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 196;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 274, foto 339;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 72;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 248;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 204;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 172;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 238.


Monografie:

Robich G. : Mycena d’Europa, Ass. Micologica Bresadola (A.M.B.), Trento, 2003, pag. 443.

 

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 221 - Aprile 2011 - Riferimento n. 567



MYCENA RENATII Quèlet


Foto Gianfranco Sperati
cllicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Mycena flavine Quélet, Mycena luteo-alcalina Singer, Mycena atro marginata ss A.H. Smith, Mycena viridimarginata var. luteo-alcalina, Mycena elegantula var. inflata Mitchel & A.H.

Volg.: Micena dal gambo giallo

Etimologia

Mycena = fungo o attinente al fungo ( dal greco mùkes = fungo)

Renatii = di Renato, da nome proprio.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homoba-sidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Genere: Mycena, Specie: renatii.

Commestibilità

È specie da considerare non commestibile.

Descrizione


È una graziosa micena della sezione Rubromarginatae, cespitosa con numerosi piccoli esemplari fuoriuscenti da tronchi giunti allo stadio finale del loro disfacimento.

Cappello di 10-20 mm di diametro, conico, campanulato, poi campanulato-espanso, a volte un po’ umbonato; cuticola liscia, opaca, fibrillosa, lungamente striata; di colore rosa-giallo brunastra, più chiara al margine.

Lamelle adnate, abbastanza spaziate, larghe, unite a volte da venature, biancastre poi sfumate di crema-rosato, con il filo che negli adulti tende ad assumere una colorazione bruno rossastro, almeno verso il margine del cappello.

Gambo 1,5-2 x 30-60 mm, uniformemente giallo brillante, giallo, giallo crema, anche lucido, liscio, cilindrico, tuboloso, flessuoso, glabro; base cosparsa di fine peluria biancastra.

Carne alquanto esigua, concolore al cappello con tonalità bruna; sapore nullo; odore leggermente nitroso o rafanoide.

Spore 5-7 x 9-12 micron, cilindrico-ellissoidali, lisce, ialine, amiloidi.

È specie che cresce nella stagione autunnale, in numerosi esemplari su tronchi in decomposizione di latifoglie e di conifere.

Possibilità di scambio

Sono possibili confusioni sia con M. rubromarginata, che presenta l’orlo delle lamelle tinte di rosso-bruno su tutta la loro lunghezza ed il gambo grigio con riflessi rosati, molto lucido, sia con M. bresadoliana, che ha il cappello di colore lilla, lilla-rosa o lilla-bruno e il filo lamellare tutto di colore bruno-rossastro o bruno-porporino. Possibili confusioni potrebbero sorgere con alcune forme di Mycena epipterygia, che si differenzia sostanzialmente per la presenza di una pellicola glutinosa che ne ricopre il pileo ed a volte il gambo, la colorazione pileica che va dal giallo al giallo-grigio, grigio-bruno, bianco-ocraceo e la tonalità di giallo del gambo, generalmente più chiara.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 155;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 219;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 384 n. 1310;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 378 n. 1201;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 105;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 256;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 182;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 189;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav.135;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 698, foto 957A;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 138, foto 664;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 324, foto 245;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 224, n. 567;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 328 in nota;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 506 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 679, foto 430;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1123;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 221;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 288, foto 359;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 234;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 154 n. 204.

Monografie

Giovanni Robic: Mycena d’Europa, A.M.B, Trento 2003, pag. 610.


(Gianfranco Sperati)

Scheda n. 155 - Luglio 2010 - Riferimento n. 601





MYCENA PURA
(Pers. ex Fr.) Kummer




155. Mycena pura
Foto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Agaricus purus Pers., Agaricus janthinus ss. Batsch, Agaricus caesiellus Kalchbr, Mycena janthina ss. Gillet, Mycena pseudopura (Cooke) Sacc., Mycenula pura (Per.s ex Fr.) P. Karst., Prunulus purus (Pers. ex Fr.) Murrill, Mycena rosea Velenovsky.
Volg. : Micena pura


Etimologia

Mycena = parola greca che significa fungo
pura = dal latino pura per i colori netti, senza macchie, limpidi e puri.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Myceneae, Genere: Mycena, Specie: pura.


Commestibilità

È specie velenosa; analogamente al genere Panaeolus ed al genere Psilocybe, è responsabile di intossicazioni di tipo allucinogeno a carico del sistema nervoso centrale. Lungamente considerata sospetta, è ormai accertato che la sua ingestione provoca fenomeni psicodislettici, con modificazioni temporanee delle percezioni temporo-spaziali e sensazioni visive di tipo allucinatorio.


Descrizione

Cappello da 2 a 6 cm di diametro, subito conicoide poi campanulato, infine disteso con una leggera umbonatura ottusa al centro, poco carnoso e bordo sottile striato; la superficie è vischiosetta ed igrofana, di colore carnicino-lilaceo o rosa-violetto, pallidescente a toni biancastro-grigi con il secco, liscia e glabra.

Lamelle sinuato-annesse e anche decorrenti per un piccolo dentino, mediamente fitte, larghe, ventricose in prossimità dello stipite ed unite da evidenti venature sul fondo, dapprima bianche poi bianco-grigiastre, infine bianco-rosate, intercalate da numerose lamellule di varia lunghezza.

Gambo 25-60x3,5-7,5 mm, rigido ma fragile, cilindrico, fistuloso, a volte compresso, liscio, pellucido, slanciato, poco maggiore del diametro del cappello, un po’allargato alla base, a volte appena radicante, dove è presente un micelio biancastro, lanoso; il colore è biancastro-grigio, bianco-rosato o grigiastro traslucido, liscio e glabro, pruinoso verso la sommità.

Carne alquanto esigua, acquosa sotto la cuticola del cappello, bianco-grigiastra, sapore vagamente farinoso e forte odore di ravanello, più marcato alla sezione.

Spore 7-8x3,3-5 micron, strettamente ellissoidali o subcilindriche, lisce, ialine, amiloidi, bianche in massa.

È specie che cresce, soprattutto nella stagione autunnale, isolata, gregaria o uniti alla base in gruppi di 2 o 3 esemplari, saprofita su rametti, frustuli, aghi, foglie in decomposizione.


Possibilità di scambio

Sono possibili confusioni con Laccaria laccata, che presenta tinte bruno-rosate ed è un fungo commestibile ma risulta tenace ed elastico.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 151;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 256;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 218;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 102;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 226;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 384 n. 1311, tav. 110/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 377;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol.2, tav. 156;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 33, tav. 62;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 149, ill. pag. 79;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 50;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 422;

G. Bresadola: Funghi mangerecci e velenosi, Ed. G.B. Monauni, Trento 1965, pag. 28, fig. 17;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 102, tav. 62;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 35 , tav. 11, n. 290 ;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 431, fig. 195;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 110, n. 263;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 107;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 122;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 33, fig. 120;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 77;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 162;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 209;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 242;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 105;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 138, fig. 14;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 295;

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag 40, fig. 2;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 180;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 128;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 186;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 784, foto 104;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 154;

Roger Phillips: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 72;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 97 ;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 227;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 160;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 150, foto 129;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 98;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 128;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 72;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 269;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 238;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 77;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 138, foto pag.232;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 180;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 216;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 140;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 247;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 83;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.2, pag, 701, foto 964;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 146, foto 146;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 134, foto 67;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 230, n. 601;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 86, tav. 52;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 330;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 179;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 190;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 121, Iconografia n. 147;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 227;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 138, tav. 7/15;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 252;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 94;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 118:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 510;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 230, foto 601;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 111;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 207, foto 87;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 199;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 288, foto 358 ;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 154;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 164;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 92;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 244 n. 188;;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 198

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 231;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 177;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 282;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 228;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 240;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 104;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 350;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 153.


Monografie

Giovanni Robic: Mycena d’Europa, A.M.B, Trento 2003, pag.105.

 

(Gianfranco Sperati)

Scheda n. 357         -         Novembre 2012          -           Riferimento 569





MYCENA SEYNESII Quèlet 1877



mycena_seynesii_gs3_20121101_1035491272.jpg








Foto Gianfranco Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Mycena seynii
Quèlet 1877 (variante ortografica).
Volg.: Micena di De Seynes



Etimologia

Mycena = fungo (dal greco mùkes = fungo)
seynesii = dal nome proprio Jules De Seynes, botanico e micologo francese (1833 / 1912)


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Genere: Mycena, Sezione: Rubromarginatae, Specie: seynesii.


Commestibilità

È specie senza alcun valore alimentare


Descrizione


Ogni volta che incontro questa bella micena su uno strobilo di pino, mi viene da ricordare alla sua immagine in un vecchio libro di micolologia, quando ancora tutti i funghi a lamelle appartenevano al genere Agaricus, con il nome italiano di "Agarico della pigna" e alla facile ironia che mi veniva da fare pensando al carico che la pigna, ormai semidistrutta, aveva dovuto sopportare per nutrire quel fungo.
Il cappello misura da 25 a 40 mm di diametro, di forma campanulato-conica o emisferico-ottusa poi quasi appianato, con o senza umbone ottuso e leggermente striato-solcato per trasparenza; a tempo umido la superficie si presenta lubrificata, pruinosa, liscia e leggermente fibrillosa, il margine è di colore più chiaro rispetto al resto della superficie, che è di un bel bruno-lilla con riflessi porporini.
Le lamelle sono da adnate a decorrenti con dentino, panciute, intervenose, con il tagliente bruno-rossastro a riflessi porporini e le facce biancastre, bianco-grigiastre con riflessi rosati.
Il gambo misura 30-70 x 2-6 mm ed è cilindrico, diritto o flessuoso, pieno negli esemplari molto giovani poi fistoloso, talora scanalato all'esterno con leggere striature verso l'apice, rivestito verso la base da una evidente peluria bianca.
La carne è bruno chiaro, esigua sia nel cappello che nel gambo, con odore debole e sapore indefinito.
Le spore misurano 9,2-11,6 x 6,4-7,6 micron e sono ellissoidali, ialine singolarmente, bianche in massa. Cresce esclusivamente su strobili di pini mediterranei (Pinus pinea, Pinus halepensis e Pinus pinaster) in autunno e primo inverno.



Possibilità di scambio


Anche Mycena strobilicola
, cresce su strobili, ma di abeti, inoltre è più piccola, di diverso colore e fruttifica in primavera.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 1, pag. 216, n. 950;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 219;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 377 n. 1200;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 33 n. 260, tav. 10;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 427, fig. 194;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, pag. 295, foto n. 1449;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 237;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 105;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 310, fig. 64;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 183;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 190;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav.289;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 129;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 270;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 180;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 218;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 83;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 708, tav. 975b;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 148, foto 185;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 137 n. 70;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 224 n. 569;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 17;
Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, pag. 45;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 676, foto 441;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 102;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 176;
AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 278;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 234 n. 613;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 131;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 349;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 163, n. 206.

Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 392.



Monografie


Giovanni Robic: Mycena d'Europa, A.M.B, Trento 2003, pag. 619.




(Gianfranco Sperati)