Amanita

Scheda n.002 -            Settembre 2008            - Riferimenti n. 837
 
 
 
 
AMANITA MUSCARIA (L. : Fr.) Lemarck 1783  
 
amanita_muscaria-3_20120311_1848994525.jpg









foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
 
Sinonimi
 
Agaricus muscarius Linneo, Fries, Agaricus pseudoaurantiacus Bulliard.
Volg. : Ovolaccio, Cocco falso, Ovolo malefico.
     
     
Etimologia
 
Amanita = dal nome greco del monte Ama-nos,
muscaria = attinente alle mosche
 
 
Sistematica
 
Regno: Fungi; Divisione: Basidiomycota; Classe: Homobasidiomycetes; Sottoclasse: Agaricomycetideae; Ordine: Amanitales; Famiglia: Amanitaceae; Genere: Amanita; Specie: muscaria.
 
 
Commestibilita'
 
Non commestibile. Tossico. La sindrome muscarinica sembra in parte dovuta ad una sostanza, detta appunto muscarina, in grado di provocare sintomi a carattere parasimpaticomimetico. Tuttavia, rispetto ad alcuni altri funghi dei generi Clitocybe e Inocybe, la quantità di muscarina contenuta in A. muscaria appare molto ridotta. Responsabili della azione neuro-psico-gastrointestinale, con effetti allucinogenie gastroenterici che si manifestano circa quattro ore dopo la ingestione di A. muscaria, pare siano degli acidi recentemente isolati come acido ibotenico, muscimone, muscazone, ecc.La prognosi è quasi sempre fausta.
 
 
Descrizione
 
E' indubbiamente una delle Amanite più appariscenti, tanto da essere presa come "modello" per le illustrazioni di funghi nei libri per i più piccini.
Ha un cappello il cui diametro può raggiungere anche i 20 cm, di un bel rosso brillante che, in determinate condizioni di maturità, può impallidire divenendo di color giallo-arancio. Al di sopra del cappello si trovano numerose verruche piramidali, bianche, asportabili, residuo del velo generale che nello stato embrionale avvolgeva tutto il fungo e di cui rimane traccia, alla base del gambo, in una volva bulbosa di tipo circoncisa e perlinata.
Il gambo è bianco, pieno e poi farcito e reca, nella parte alta, un anello, bianco anche lui, con bordi spesso dentellati. Anche le lamelle sono bianche, spesse e libere al gambo.
Carne bianca o appena giallastra in superficie, inodora.Nello stato embrionale Amanita muscaria si presenta sotto forma di ovolo compresso nella parte mediana tanto da assumere una forma di 8 (o di due palline sovrapposte) interamente ricoperto di perline uniformemente disposte in cerchi concentrici.
Le basidiospore sono ovoidali-ellittiche, 9-11,5 x 6-8 micron ed i basidi sono di forma banale, lunghi circa 60 micron.
Amanita muscaria è un fungo simbionte, terricolo e cresce in boschi sia di latifoglie che di aghifoglie; predilige terreni acidofili. La circostanza di fruttificare nello stesso periodo e negli stessi habitat dei porcini lo fa ritenere una "spia" di quest'ultimi.
E' un fungo tossico che provoca sindrome panterinica (latenza: 30 minuti / 4 ore). Pare che la sostanza tossica sia contenuta prevalentemente nella cuticola del cappello e che abbia quindi la capacità di stordire le mosche (da qui la denominazione di specie: muscaria).
 
 
 
 
 
 
 
Bibliografia
 
Viviani D.: I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 11, tav. 29

Fries E.: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1839, vol. 1, pag. 16;

Saccardo P.A.: Silloge fungorum, Padova, 1887, vol. 5°, pag. 13;

Quèlet L.: Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 305;

Bresadola J. Iconographia mycologica, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, Milano 1982, vol. VI°, pag. 255;

Dufour L.: Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 33, pl. 3;

Schlitzberger S.: Illustrirtes Pilzbuch, Umthor’iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag 19;

Ricken A.: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980; pag. 279, tav. 79;

Michael E. $ Schulz R.: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pl. 12;

Pilat A.: Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 47 pl. 89;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pagg. 1899, 1900;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 123, ill. 5;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderoni, Bologna, 1964, pag. 642, tav. 15;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano 1966, pag.235;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 143, pl. 89;

Heim R. : Champignons d’Europe, M. Boubèe & C., Paris 1969, pag. 580;

Malencon G. & Bertault R. : Champignons supèrieurs du Maroc; Rabat, 1970, pag. 71;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 114, fig. 258;

Cetto B. : I funghi dal vero, Saturnia Trento, 1970, vol. 1°, pag. 105, pl. 5;

Romagnesi H. : Nouvel Atlas des Champignons, Bordas France, 1970, vol. 1°, pl. 26;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 109, fig. 1 e 1/A;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, tav. 2;

Marchand A. : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1°, pag. 26, pl. 4;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, pl. 50;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 404;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 433,

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 71;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 104, tav. 11;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 17 e 18;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1977, pag. 216;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Trento, 1980, Vol. 1°, pag. 237;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 539, pl. 143 e 144;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini, Novara, 1981, pag. 162;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, pl. 3;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 24, tav. 11;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Ed agricole, Bologna, 1982, pag. 95;

Moser M: : Keys to Agarics and Boleti, London, 1983, pag. 226;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 94;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag.15;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 296;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, scheda 235;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 82;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 79;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 55;

Montegut J. : L’ Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2 , pag. 1072 , pl. 1475;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 78, ill. n. 14;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 276;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 14;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 222, pl. 3/B;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 198;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, Pag. 302, tav. 20/B

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, p. 204;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 167;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pagg. 28, 34, 126 e 127 tav. 1/3;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 268;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 2;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 146;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 56 e 57;

Courtecuisse R. : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna, 2000, pl. 688, pag. 405:

Papetti C., Consiglio G. & Simonini G: : Funghi d’Italia, A.M.B. Trento, 2000, vol. 1°, pag. 125;

E., Vila J. & Llimona X. : Hongos de Espana y de Europa, Barcelona, 2000, pag. 591;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 223;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, foto 152;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2001, vol. 1, pag. 125;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 188;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 24.

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 132;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 350 n. 117;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 36;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 190;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.22 n. 1;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 51;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 50;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 128;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 56, n. 24;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 21 n. 13;

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Parigi Cedex 2011, pag. 294.

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 211;

AMINT
: Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 350;

Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 36;

La Chiusa
L.: Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 190;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 22 n. 1;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 51

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 50;

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 128;

Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.1, pag. 56,n. 24.

Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 159, tav. 13;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 294.

 



Monografie

Gilbert E.J.: Iconographia Mycologica – Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 255;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 104;

Galli R. : Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag. 112;

Neville P. e Poumarat S: : Amaniteae, M. Candusso, Alassio, 2004, pag. 300;

(S. Ascarelli)  

Scheda n. 015      -     Novembre 2008     -      Riferimento n. 835

 

 

AMANITA CAESAREA (Scop. : Fr.) Persoon 1801

 

 

amanita_caesarea-5_20120311_1994731597.jpg

 

 

 


foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi

Agaricus caesareus Scopoli (1772), Agaricus aurantiacus Bulliard (1783), Agaricus aureus Batsch (1783), Amanita aurantia Lamour (1783), Amanita aurantiaca Persoon (1801), Fungus caesareus (Schaeff.) Kuntze (1898), Venenarius caesareus (Scop.) Murrill (1913), Volvoamanita caesarea (Scop.) E. Horak (1968)
Volg. : Ovolo buono, Amanita dei Cesari, Fungo reale.


Etimologia

Amanita = dal Monte Amanos, tra la Cilicia e la Siria; 
caesarea = dei Cesari, imperatori romani


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomyce- tes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Amanitales, Famiglia: Amanitaceae, Genere: Amanita, Specie: cesarea.


Commestibilità

Ottimo commestibile anche da crudo, in insalata.


Descrizione

E' un fungo, già conosciuto dagli antichi Greci e dai Romani, talmente apprezzato e ricercato dalle popolazioni mediterranee (nell'Europa settentrionale è raro e pressoché sconosciuto) da meritarsi l'epiteto di "fungo degli imperatori".

Viene alla luce sotto forma di ovolo, racchiuso cioè in un tessuto bianco, di solito con la punta rivolta verso il terreno. Il velo generale, dal quale è protetto nello stadio embrionale, si apre nella sua parte apicale per permettere al carpoforo di uscire e di innalzarsi.

Il cappello da emisferico diviene via via piano convesso per raggiungere i 15 cm. di diametro; sin dallo stadio primordiale ha una colorazione uniformemente rosso arancio (o arancio sbiadito, smorto, negli esemplari che nascono sotto aghifoglie). La cuticola è liscia, asportabile, priva di particolari ornamentazioni: al limite può avere qualche residuo lembo del velo generale. L'orlo del cappello è costantemente striato.

Le lamelle hanno un bel colore giallo dorato e sono mediamente fitte, libere al gambo, spesse e larghe e intervallate da lamellule più corte.

Anche il gambo è giallo o per lo meno con sfumature giallastre. Cilindrico, dritto e glabro può raggiungere in altezza le stesse misure del diametro del cappello. L'interno è pieno nel fungo giovane ma tende poi a farsi midolloso in maturità. Ad una certa altezza troviamo l'anello supero e quindi ricadente a mo' di festone, membranoso, ampio e percorso da striature nella parte superiore; come le lamelle e il gambo, anche l'anello è giallo. La base del gambo presenta un leggero rigonfiamento ed è avvolto dal residuo del velo generale bianco, sotto forma di volva a forma di sacchetto (volva di tipo sacciforme).

La sporata è bianca. Le basidiospore sono ovoidali, lisce, ialine, di dimensioni 9/12 x 6/8 micron.

Può trovarsi fino a 900 metri di altezza, dall'estate all'autunno, soprattutto nei boschi caldi e soleggiati di latifoglie.


Possibilità di scambio

Non dovrebbero essere ammissibili possibilità di scambio dal momento che l' A. cesarea è l'unica Amanita ad avere tre colori ben distinti: bianco l'ovolo ed il suo residuo sotto forma di volva alla base del gambo, rosso-arancio il cappello, giallo le lamelle, il gambo e l'anello. Soccorre anche la particolare forma della volva a forma di sacchetto. Un cercatore superficiale e disattento potrebbe confondere l'A. cesarea con l'A. muscaria (v. scheda 2, settembre 2008) se quest'ultima ha perso per ragioni atmosferiche la verruche bianche che ne ricoprivano la superficie pileica, oppure con l' A. aureola che è priva di verruche sin dall'inizio; a parte il colore rosso, molto più acceso del cappello, A. muscaria e A. aureola hanno sempre lamelle, gambo e anello bianchi e non gialli e hanno un tipo di volva non a forma di sacco ma costituita da un bulbo smarginato e rivestito da perline (volva circoncisa-perlinata).

Vale la pena ricordare che il Genere Amanita comprende funghi commestibili, altri a commestibilità condizionata, alcune specie tossiche ed alcune addirittura mortali (A. phalloides, A. verna e A. virosa). Al fine di evitare la possibilità di gravi avvelenamenti la Legge 23.08.1993 n. 352 e le successive leggi regionali dispongono l'espresso divieto di raccolta dell' Amanita cesarea quando è ancora completamente chiusa nel velo generale, quindi sotto forma di ovolo, perché si potrebbe facilmente confondere con l'ovolo di una delle Amanite mortali.


Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, pag. 134, tav. 77 n. 1;

Viviani D. : I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 45, tav. 30;

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 15;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 310;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 8;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, ED. Hoepli, Milano, 1897, pag. 61, tav. 1;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 61, pl. 5;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 275;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1 pag. 1;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 45, pl. 3 fig. 10;

Bresadola J. : Iconographia micologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 1;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 39;

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica - Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 234;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1900;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 125;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 5', pl. pag. 35;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, pag. 1;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 642, Tav. 15/2;

Costantin M.J. et Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 3, pl. 1, fig. 6;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.574, Tav. 52;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 228, fig. 598;

Romagnesi H. : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, pl. 25;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 103, foto n. 4;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl. 1;

Bauer C.A. : Funghi vivi,   funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pagg. 80 e 81;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 20, pl. 1;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, pl. 49;

Balletto C. : Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 399;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 82;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 433;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 107, Fig. 5;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 49;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 16;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1977, pag. 214;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Ed. Saturnia, Trento, 1980, pag. 237;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  528, foto 142 e 681;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 160, foto in sovracopertina;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 12;

Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 93;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 28, tav. 16;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, pl. 2;

Jamoni P.G. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 118, foto 24;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 17;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6 pag. 31;

Auguadri A., Lucchini G., Riva A. e Testa E. : Funghi e boschi del Cantone Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vpl. 1, pag. 134, foto n. 25;

Bon M. : Champignons d' Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 296;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 236;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 80;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 76;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 55;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 181, tav. 2 e 3;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 1078, pl. 1481;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 44, foto 1;

Brotzu R. : Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 77, scheda 13;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 276, fig. 835;

Di Bella F. : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 38;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 20C;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 205;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 232, Iconografia n. 377;

Dickinson C. e Lucas J.  : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pagg. 11, 72 e 169;

Sitta N. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR e Museo di Ecologia e Storia Naturale di Marano s/P, 1997, pag. 19, scheda 2;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pagg. 10, 24, 28, 126, tav. 1/1;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 1;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 145;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 405, foto 691;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, col. 1, foto 123;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 146, foto 145;

Galli R. : Le Amanite, Edinatura, Milano,  2001, pagg. 52, 53, 54 e 55;

Nonis U. : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 3;

Polese JM. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pagg. da 187 a 189;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 2°, pag. 181 e 182;

Phillips R. : Les champignons du Quèbec, Broquet Inc., Ottawa, 2002, pag. 26;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pagg. 220 e 222, schede 163 e 165, fig. pag. 391;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 125;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 22;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 214;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 37;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 346, scheda 116.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 66;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 26 n. 14;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 47;

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 44;

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 133;

Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 32, n. 5;

Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 13 n. 5;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 296.

 

 

Monografie

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica – Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 234;

Merlo E.G. - Traverso M. : I nostri funghi: Le Amanite,SAGEP Editore, Genova, 1983, pag. 22;

Foiera F., Lazzaroni E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Ed agricole, Bologna, 1993, pag.44 tav. 1;

Galli R. Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag.52;

Neville P. – Poumarat S. : Amaniteae, Funghi Europei, vol. 9, Ed. Candusso, Alassio, 2004, pag.440;

 

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 040        -        Febbraio 2009        -        Riferimento n.  827

 


AMANITA VAGINATA (Bull. : Fr.) Vittadini 1835




amanita_vaginata-3_20120311_1672494562.jpg





clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi


Agaricus plumbeus
Schaeffer 1774, Agaricus plumbeus var. plumbeus Schaeffer 1774, Fungus phalloides Bulliard 1781, Agaricus vaginatus Bulliard 1783, Amanita livida Persoon 1797, Amanita livida var. livida Persoon 1797, Amanita vaginata var. violacea Persoon 1797, Agaricus vaginatus var. griseus DeCandolle 1805, Vaginata livida (Pers.) Gray 1821, Amanita vaginata var. livida (Pers.) Gillet 1874, Amanitopsis vaginata (Bull.) Roze 1876, Amanitopsis plumbea (Schaeff.) J. Schröter 1889, Amanita vaginata var. grisea (DC.) Quélet & Bataille 1902, Amanita vaginata var. plumbea (Schaeff.) Quélet & Bataille 1902, Amanita vaginata f. plumbea (Schaeff.) L. Maire 1910, Amanita vaginata f. grisea (DC.) E.-J. Gilbert 1918, Amanita vaginata f. livida (Pers.) E.-J. Gilbert 1918, Amanita vaginata f. plumbea (Schaeff.) E.-J. Gilbert 1918, Amanita violacea Jacz. 1923, Amanita vaginata subsp. plumbea (Schaeff.) Konrad & Maublanc 1924, Amanitopsis vaginata var. plumbea (Schaeff.) Konrad & Maublanc 1924, Amanita vaginata f. grisea (DC.) Veselý 1933, Amanita vaginata f. violacea (Jacz.) Veselý 1933. Amanitopsis albida (Bull.) S. Imai 1933, Amanitopsis vaginata var. violacea (Jacz.) E.-J. Gilbert 1941.
Volg. : Bubbola rigata,  bubbolina rigata, bubbola minore,  cappella,  falso farinaccio.


Etimologia

Amanita da Amanos, monte tra la Cilicia e la Siria,
vaginata = protetto da una guaina, da una volva.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Amanitales, Famiglia: Amanitaceae, Genere: Amanita, Sottogenere: Amanitopsis, Sezione: Amanitopsis, Specie:  vaginata.


Commestibilità

Velenoso crudo, commestibile buono e delicato dopo prolungata cottura o prebollitura.


Descrizione

Una perfetta conoscenza delle varie specie ascritte al sottogenere Amanitopsis consente di usufruire di funghi che, qualora ben cotti o prebolliti, possono essere usati per la preparazione di sughi o di intingoli. Per evitare di confondere le Amanitopsis con una delle specie velenose di Amanite, è necessario verificare la contemporanea esistenza di queste tre condizioni:

1) la presenza alla base del gambo, non bulboso, di una volva stretta, aderente ed inguainante come una calza, residuo di solito integrale del velo generale;

2) l'assoluta assenza dell'anello fin dalla nascita (controllare più esemplari per evitare di raccogliere una specie che, invece, abbia perso l'anello per motivi ambientali);

3) esistenza di striature profonde e marcate sull'orlo del cappello.

Una sola delle condizioni predette non è sufficiente a rendere sicuro il determinatore dalla possibilità di aver evitato uno scambio pericoloso.

E' necessario ancora avvertire che le Amanitopsis contengono principi attivi (emolisine) termolabili alla temperatura di 70° e pertanto sono velenose se consumate crude o mal cotte.

L' Amanita vaginata è un fungo eterogeneo, molto fragile, terricolo, con un cappello dapprima campanulato, poi convesso e infine disteso con un umbone largo e poco sporgente. Può raggiungere un diametro di circa 8 cm. La cuticola, separabile, è umida o leggermente viscida, glabra o decorata a volte con qualche residuo del velo generale sotto forma di ampia placca. L'orlo del cappello è profondamente striato. Il colore è grigio cenere-brunastro nella specie tipica ma la pigmentazione può essere diversa a seconda delle varietà che ruotano attorno all'entità descritta: bianco puro nella var. alba, grigio ardesia nella var. cinerea, grigio molto chiaro nella var. argentea,  grigio piombo nella var. plumbea, giallo aranciato nella var. flavescens, rosso-bruno nella var. fulva, bruno castagna nella var. badia.

Il gambo è slanciato, cilindrico, fragile, bianco o con leggere bande grigiastre, assolutamente privo di anello; l'apice inferiore è privo di bulbo ma calzato da una volva abbastanza alta ed inguainante. La sua consistenza è morbida e l'interno può presentarsi bambagioso e infine cavo.

Lamelle libere, mediamente fitte, intervallate da lamellule tronche, bianche.

Carne bianca, tenera, fragile, priva di odore e sapore particolare

Spore ialine,  globose o subglobose, 8 x 12 micron., non amiloidi. Sporata bianca.

A. vaginata è specie molto comune, facilmente rinvenibile, dalla primavera all'autunno, nei boschi aperti e soleggiati di latifoglie e di aghifoglie. Data la sua fragilità va trasportata nel cestino avendo l'accortezza di evitare che finisca sotto altri funghi.


Possibilità di scambio

Tutti i carpofori del genere Amanitopsis hanno le stesse proprietà organolettiche e sono consumabili solo se ben cotti. Si ribadisce tuttavia l'esigenza della massima attenzione per evitare la possibilità di scambiarli con una delle Amanite velenose (A. phalloides, verna, virosa) che peraltro hanno il gambo fornito di anello e l'orlo del cappello liscio e non striato. Alcune Amanite presentano anch'esse un cappello con evidenti striature ma il gambo è munito sempre di un anello più o meno persistente.


Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, tav. 76, fig. 2;

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.14;

Viviani D. : I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 73, tav. 59;

Bagnis C : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1887, (centuria 2), pag. 3 n. 122;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 21;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 302;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 71;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 68, tav. 6;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris,  pag. 45,  tav. 5;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 275, tav. 75;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 92;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav.  17;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, tav. 114;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 51 tav. 94;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1899, fig. 262;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 128, tav. 7;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 64, tav. a pag. 37;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 12;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 642, tav. 16;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 152, tav. 94;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignemet, Paris, 1967, pag. 4, tav. 1  n. 20;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 576, tav. 53;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 114, fig. 259;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 24B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 393;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 111, figg. da 10 a 14;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 103, tav. 6;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 58;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 36, foto 9;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 46;

Balletto C. : Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 402;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1,  pag. 18;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974,  pag. 434, fig. 615;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 116;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 24;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 84;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 21;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 225;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 223;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 236;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 549,  foto 112;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 160;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 16;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982,  pag. 110;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982,  pag. 12, tav. 1;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 56;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 121;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 23;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 6, pag. 33;

Derek Reid : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 17;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 123;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 299;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 294;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag.  233;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 86;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 28;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 77;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 55, fig. a pag. 301;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 184, tavv. 11 e 12;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 998, tav. 1363;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 172, foto 221;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag.85, foto 21;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 274;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 11, tav. 6B;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 33;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 200;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, tav. 21B;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 202;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 233, Iconografia n. 378;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 169;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 265;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  153:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 587;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 402, foto  680;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 120;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  221;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4 , foto 144 ;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 187;

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 20;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 81;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 28;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 26;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 139;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 227;

Monografie

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica - Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pagg. da 207 a 218, tav. 4;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Ed agricole, Bologna, 1993, pag. 50. tav. 3


Galli R. Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag. 78;

Neville P. - Poumarat S. : Amaniteae, Funghi Europei, vol. 9, Ed. Candusso, Alassio, 2004, pag. 146;




(Sandro Ascarelli)

 

 

 

 

 

Scheda n. 025       -       Dicembre 2008       -      Riferimento n.  851



AMANITA PHALLOIDES
(Vaill. : Fr.) Link 1833

 

 


amanita_phalloides_edited_20120311_2057881984.jpg

 

 

 

 

Foto di S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi


Fungus phalloides Vaillant 1727, Agaricus bulbosus Bulliard 1789, Amanita viridis Persoon 1797, Agaricus phalloides (Vaill. : Fr.) Fries 1821, Venenarius phalloides (Vaill. : Fr.) Murril 1912, Amanitina phalloides (Vaill. : Fr.) E.J.Gilbert 1941.

Volg. : Amanita falloide, Amanita verdognola, Tignosa verdognola.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Amanitales, Famiglia: Amanitaceae, Genere: Amanita, Sezione: Phalloideae, Specie: phalloides.


Etimologia

Amanita =  da Amanos, monte tra la Cilicia e la Siria,  
phalloides = a forma di fallo (dal latino phallos e dal greco eidos)


Commestibilità

Velenosa, mortale, Produce avvelenamenti a lunga incubazione i cui effetti si producono almeno sei ore dopo l'ingestione (e fino a due giorni dopo) quando il fungo è stato ormai digerito ed il veleno si è trasferito nel circolo sanguigno. Le sostanze venefiche (amatossine e falloidine) attaccano le cellule del fegato, del pancreas e del rene necrotizzandole. E' necessario l'immediato intervento in ospedale.


Descrizione

Assieme alla Amanita verna (primaverile) e alla Amanita virosa (frequente soprattutto nelle zone montane del Nord Italia) è considerata responsabile di almeno il 90% delle intossicazioni mortali dovute ad ingestione di funghi.

Affiora dal terreno sotto forma di un ovolo bianco, con la punta più stretta rivolta verso l'alto, e che è costituito da una membrana (velo generale) avente la funzione di proteggere il fungo quando si trova nello stadio embrionale. Dall'apice erompe poi il carpoforo con un gambo via via più alto che sorregge un cappello inizialmente campanulato e poi disteso ed appianato.

Il cappello può raggiungere i 15 cm di diametro, sericeo col tempo asciutto, poco vischioso col tempo umido, normalmente di colore verdastro, giallo-oliva, bruno verdastro (ma esiste anche una varietà completamente bianca!), con il centro più intensamente scuro per effetto di fibrille innate che dal centro si diramano verso l'orlo. Sul cappello può permanere qualche residuo del velo generale, sotto forma di lembo bianco facilmente asportabile. L'orlo del cappello è sempre privo di striature.

Le  lamelle sono libere al gambo, mediamente fitte e intervallate da lamellule, larghe e un po' ventricose, bianche. In un primo stadio le lamelle possono essere nascoste da un velo parziale che si estende dall'orlo del cappello al gambo, a protezione delle lamelle non ancora mature e quindi non in grado di sporulare. Questo velo si staccherà poi dall'orlo per ricadere sul gambo sotto forma di anello (eccezionalmente può invece staccarsi dal gambo e rimanere attaccato all'orlo del cappello come un festone (o una mantovana)

Il gambo può raggiungere un'alteaa di 12 / 15 cm. , attenuato verso l'alto, bulboso al piede dove rimane traccia del velo generale sotto forma di volva, aderente al bulbo inferiormente ma poi libera attorno al gambo, a mo' di sacchetto (volva di tipo sacciforme). Pieno e poi midolloso in maturità, ha un colore di fondo biancastro ma disegnato da bande disposte a zig zag di un colore molto simile a quello della cuticola del cappello (qualcuno afferma "disegnato a pelle di serpente"). La parte superiore del gambo è decorata da un ampio anello, residuo del velo parziale, bianco, membranoso e persistente, cadente verso il basso a mo' di gonnellino.

Carne da principio soda, poi molliccia, bianca, appena soffusa di verde oliva sotto la cuticola del cappello. Odore lieve, disgustoso nel fungo invecchiato. Sapore dolciastro, di nocciola.

Spore da ampiamente ellissoidali a subglobose, amiloidi, 9 / 11,5 x 7 / 9 micron. Sporata bianca.

Molto comune e diffusa, l' A. phalloides è un fungo simbionte, ubiquitario che cresce, dall'estate all'autunno inoltrato nelle pinete costiere, nei noccioleti, nelle quercete, nei castagneti, nelle faggete, fino alle abetaie di alta quota.


Possibilità di scambio

E' necessario essere molto prudenti. Quando l' A. phalloides si trova nel suo stadio di "ovolo", potrebbe facilmente essere confusa con l'ovolo di A. cesarea (v. scheda n. 15). E' una delle ragioni per cui la Legge nazionale sancisce il divieto assoluto di raccolta dell' A. caesarea quand'essa è ancora rinchiusa nel velo generale. Tuttavia possibilità di scambio possono avvenire anche con molti gasteromiceti come ad es. con le specie appartenenti al Genere Calvatia o al Genere Lycoperdon (le comuni "vescie" o "loffe di lupo").

Il carpoforo maturo può confondersi con funghi che hanno colorazioni pileiche verdastre come alcune Russule (virescens, heterophylla, aeruginea, etc.).

La A. phalloides, forma alba, competamente bianca, potrebbe essere confusa con alcune specie del genere Agaricus e cioè con dei "prataioli".


Bibliografia

Micheli P.A. : Nova Plantarum Genera, Firenze, 1728, tav. 77, fig. 1;

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 13;

Viviani D. : I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 14, tav. 15;

Bagnis C. : Micologia romana, Reale Accademia dei Lincei, 1987 (1 centuria), pag. 2;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 9;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, ED. Hoepli, Milano, 1897, pag. 68 Tav. 5;

Bresadola J. : Iconographia micologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, Tav. 3;

Bernardin Ch.: Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 53, Tav. 3;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 27, Tav. 1, fig. 3;

Schlitzberger S: : Illustrirtes Pilzbuch, Umthor'iche Bertagsbuchaudinung, Lipsia, 1910, pag. 12, fig. 3;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915,  ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag.276, Tav. 75;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 98;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, Tav. 2;

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica - Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 316;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 46 pl. 87;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1899, fig. 1201;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 114, Tav. 1;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 46, Tav. pag. 17:

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, Tav. 7;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 643, fig. 507;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 140, Tav. 87;

Costantin M.J. et Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 3, Tav. 1 / 9;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.573, fig. 64, Tav. 47 ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 114, fig. 262;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 32;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag.97, foto n.1;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 119, fig. 6;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 104, tav. 3;

Bauer C.A. : Funghi vivi,   funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 57;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 30, foto 30;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 58;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 401;

Schlittler J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 4;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 432, figg. 12 e 609;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 44, tav. 1;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pagg. 13 e 14;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 75;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1977, pag. 210;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council , Hong Kong, 1977, pag. 17;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Ed. Saturnia, Trento, 1980, pag. 238;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  543, foto 113 e 673;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 164,

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tavv. 1 e 2;

Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 97;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 26, foto 13;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, pl. 5;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 50;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Editore, Quart (Aosta), 1984, pag. 120, fig. 37;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 18;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 32;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 14;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 128;

Auguadri A., Lucchini G., Riva A. e Testa E. : Funghi e boschi del Cantone Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 136, foto 26;

Bon M. : Champignons d' Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 298;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 238;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 83, tav. 21;

Bauer C. A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag.

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 75;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 55, foto a pag. 300;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 184, tav. 10;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992; vol. 2, pagg. 1079 e 1080, tavv. 1482, 1483 e 1484;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 1, 1993, pag. 174, foto 224;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 76;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 65, foto 1;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 280;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 8, tav. 1D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 18;

Di Bella F. : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 160;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag.198;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, pag. 302, tav. 20/A;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 208;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 231, Iconografia n. 372;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 168;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 130, tav. 3/2;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 270;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 4:

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 151;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, pag. 59, foto 58;

Gerhardt E., Vila J. e Llimona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 600;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna, 2000, pag. 412, foto 694 e 695;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 132;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 226;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 154;

Galli R. : Le Amanite, Edinatura, Milano,  2001, pag. 190, foto anche alle pagg. 9, 35 e 39;

Nonis U. : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 10;

Polese JM. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 220;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 182,183 e 187;

Phillips R. : Les champignons du Quèbec, Broquet Inc., Ottawa, 2002, pagg. 10, 11 e 35;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pagg. 58, 60, 14 e 16;

Neville P. - Poumarat S. : Amanitaeae, Fungi Europei, Vol. 9, Ed. Candusso, Alassio, 2004, pag. 552, fig. 89, foto 55 da A a E, tav. 61;

Venturella G.: L'iconografia micologica di Giuseppe Inzenga,, ISPE Archimede, Palermo, 2005 pag. 130, fig. 37;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 18;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 135;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 220

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 364;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 41.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 192;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 34 n. 36;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 54;

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag.54 e 55;

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag.130;

Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 65, n. 30;

Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pagg. 22 e 23 n. 14 e 15;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag.296




(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 043        -       Marzo 2009        -       Riferimento n. 854

 

 

 

AMANITA VIROSA (Lamarck) Bertillon 1866

 


amanita_virosa3_20120311_1207400398.jpg









clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Amanita verna Secretan 1833, Agaricus virosus Fries 1838, Amanitina virosa (Fr.) Gillet 1941.


Etimologia

Amanita = dal nome greco del monte Amanos,
virosa = fetida, velenosa (dal latino virosus).


Sistematica

Regno : Fungi; Divisione : Basidiomycota; Classe : Homobasidiomycetes; Subclasse: Agaricomyce-tideae; Ordine : Amanitales; Famiglia : Amanitaceae, Genere : Amanita; Specie: virosa.


Commestibilità

Velenosa, mortale. Provoca sindrome citotossica falloidea a lunga incubazione. Come per l'A. phalloi- des (v. scheda n. 25) si rende necessario l'immediato intervento in ospedale.


Descrizione

Assieme alla A. phalloides e alla A. verna costituisce una delle specie facenti parte della triade di Amanite altamente tossiche e la cui ingestione può provocare all'organismo danni permanenti e addirittura la morte. Tuttavia il suo habitat montano (sopra i 600 metri) la rende abbastanza rara e la conformazione del suo cappello che rimane campanulato anche in maturità, fa sì che possa essere identificato con relativa facilità.

A. virosa è peraltro un bellissimo fungo, alto e slanciato, completamente bianco. Il suo cappello ha un diametro di solito inferiore all'altezza del gambo e difficilmente raggiunge i 12 cm. Ha una forma piuttosto curiosa: all'inizio è irregolarmente conico e richiama alla memoria il cappuccio dei nani di Biancaneve, poi assume un aspetto campanulato, con un umbone ottuso più o meno evidente; anche  a maturità il cappello non si distende mai completamente. Il margine è uniformemente liscio e privo di striature. La cuticola è umida, bianca, sericea: non vi si notano particolari ornamentazioni.

Le lamelle bianche, libere al gambo, sono intervallate da lamellule. Prima dell'inizio della sporulazione sono protette da un velo parziale che, staccandosi poi dall'orlo del cappello, ricadrà sul gambo per formare un anello.

Lo stipite, cilindrico e midolloso al suo interno, può elevarsi al di sopra dei 15 cm. e termina alla base con un grosso bulbo rivestito dai residui di una volva sacciforme. La colorazione del gambo è bianco candido ma con la particolarità di avere fioccosità o bande opalescenti che allo stipite conferiscono un aspetto quasi vetroso. Nella parte alta del gambo si può notare l'anello bianco, membranoso o fioccoso, talvolta fugace.

La carne è bianca e morbida, priva di odori e sapori particolari negli esemplari giovani, ma nauseabonda in quelli maturi.

Spore bianche in massa, amiloidi, rotonde (7,5 x 9,5 micron), prive di ornamentazioni.

Specie simbionte e terricola, cresce dalla tarda estate all'autunno, sotto faggi e abeti al di sopra dei 600 metri.


Possibilità di scambio.

Confondibile con una analoga specie, di recente istituzione, la A. porrinensis , Freire & Castro ex Castro, del pari velenosa. Quest'ultima differisce dalla A. virosa per il diverso ambiente di crescita poiché predilige boschi di querce o di pini marittimi in zone costiere o collinari, per la conformazione del cappello campanulato ma con l'orlo espanso (secondo alcuni somiglia a un "sombrero" messicano) e microscopicamente per le spore più piccole e allungate. E' confondibile anche con A. phalloides forma alba e con A. verna che crescono anch'esse a bassa quota, ad iniziare dalla primavera.

Riteniamo improbabile lo scambio con un qualsiasi Agaricus, prestando un minimo di attenzione al colore delle lamelle.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 9;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 11, tav. 3,

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 276 n. 916;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 98;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. fig. 1899;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 118,ill. n.2;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 46;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 9;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 642;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Ensei-

Gnemet, Paris, 1967, pag. 3, tav. 1 n.1;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.574, fig. n. 64, pl. 48;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 114, fig. 261;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n.  3;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 109, fig. 4;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 104, tav. 5;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 62;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, pag. 138, tav. 60;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, pag. 594;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 402;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 432, fig. 610;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 47, tav. 2;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 15;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 227;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 213;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 239;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 551,  foto 123, 124 e 672;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 166;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 122;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 56;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 120, tav. n. 2;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 21;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, pag. 33,  tav. 1;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 128;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2 , pag. 152, foto n.88;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 298;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 240;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  87, tav. pag. 19;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 76;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 56;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 1081,  tav. 1497;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 280 n. 854;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 8 , tav.  2A;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 28;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 200;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 209;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 231, Iconografia n. 374;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 84;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 169;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 132, fig. pag. 39, tav. 4/3 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  272;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 8;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 150;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 602;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 414, foto 692;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 134;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  226;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol.  4, pag. 156, foto 160;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 185, figg. 68 e 184

Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 14;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 222;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 36;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 86, 96 e 98;

A. Testi : Funghi d'Italia, Ed. Giunti, Firenze, 2002, pag. 40;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 20;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 141;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 225;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 372;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 43.

Monografie:

Gilbert E.J. : Iconographia Mycologica - Amanitaceae, Comitato Onoranze Bresadoliane, Milano 1940, vol. XXVII, suppl. I, pag. 325, tav. 43;

Foiera F., Lazzaroni E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Amanite, Ed agricole, Bologna, 1993, pag. 82;

Galli R. Le Amanite, Edinatura, Milano, 2001, pag. 198;

Neville P. - Poumarat S. : Amaniteae, Funghi Europei, vol.   , Ed. Candusso, Alassio, 2004, pag. 591, fig. 85, foto 60 A, B, C, tav. 66, 67, 68 e 68A.


(Sandro Ascarelli)