Hygrocybe

undefined
Scheda n.009          - Ottobre 2008 -           Riferimenti n. 189

 



HYGROCYBE CONICA (Scop. : Fr.) Kummel




hygrocybe_conica_20120428_1852287921.jpg








foto di Sandro Ascarelli


clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus conicus Schaeffer 1774, Agaricus croceus Bulliard 1781, Agaricus hyacinthus Batsch 1783, Agaricus aurantius Bolton 1788, Agaricus tristis Persoon 1799, Hygrophorus conicus (Schaeff.) Fries 1836, Godfrinia conica (Schaeff.) Maire 1902, Hygrophorus tristis (Pers.) Bresadola 1928, Hygrocybe tristis (Pers.) F:H:Maller 1945, Hygrophorus olivaceoniger P.D.Orton 1960, Hygrocybe olivaceonigra (P.D,Ortona) M.Moser 1967, Hygrocybe chloroides (Malençon) Kovalenko 1989, Hygrocybe cinereifolia Courtecuisse & Priou 1992.



Etimologia


Hygrocybe = con la testa umida (dal greco “Hydros”, umido, e “Kybe”, testa, cappello),

conica = conica, a forma di cono.

 


Sistematica


Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Subgenere: Hygrocybe, Specie: conica.

 


Commestibilità.


Da non consumare perchè riferito come leggermente tossico e in grado di provocare irritazioni gastroenteriche.

 


Descrizione


Il Genere “Hygrophorus” (funghi terricoli, omogenei, leucosporei, caratterizzato da lamelle spaziate, grosse e cerose) è stato ulteriormente suddiviso in Genere “Hygrophorus”, Genere “Hygrocybe” e Genere Camarophyllus (o “Cuphophyllus”).

Le Hygrocybe sono quindi funghi che nascono sul terreno dove generalmente sono simbionti di essenze erbacee, hanno una trama cellulare del cappello indifferenziata da quella del gambo, posseggono lamelle grandi, elastiche, quasi cerose dalle quali si producono basidiospore bianche, sono privi di anello e di volva e per di più sono caratterizzati dall’avere colori molto vivi e smaglianti resi ancor più evidenti dalla consistenza acquosa della carne e dal rivestimento pileico un po’ vischioso.

Dalla particolare conformazione del cappello a cono ha origine la denominazione di specie. Hygrocybe conica ha un aspetto quasi lanceolato e il cappello può avere un diametro di 3 o 4 centimetri. La cuticola, sericea, fibrillosa ed asportabile è di un vivace ed appariscente color rosso, con sfumature aranciate o giallastre.

Le lamelle larghe, mediamente spaziate, dall’aspetto come di cera, sono intervallate da lamellule ed hanno dapprima una colorazione giallastra volgente poi all’olivastro.

Il gambo, cilindrico, può raggiungere un’altezza di 6 o 7 centimetri ed è abbastanza sottile. I suoi colori dono uguali a quelli dal cappello ma tendono a farsi biancastri verso la base. In maturità il gambo da farcito diviene cavo.

Carne acquosa, giallastra, priva di odori o sapori significativi.

L’intero fungo tende ad annerire.

Spore di 12 / 14 x 8 / 9 micron, lisce, portate da basidi biscorici o trisporici, bianche nella sporata.

Fungo abbastanza comune che può rinvenirsi, in estate e in autunno, sia in pianura che in montagna, nei luoghi erbosi, aperti e soleggiati.

 


Possibilità di scambio.


Molte Hygrocybi presentano somiglianza con la specie osservata. L’ Hygrocybe conica var. chloroides è di un bel colore giallo citrino. L’ Hygrocybe pseudoconica o nigrescens annerisce totalmente a cominciare dal gambo. Altre Hygrocybi come l’ H. spadicea o l’ H. punica hanno dimensioni maggiori e, soprattutto, non tendono ad annerire. Sono tutti funghi da non consumare.

 

 

Bibliografia


Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pl. 418;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol 1, pl. 348 e 349;

Quèlet L. : Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 254;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 19, tav. 8 fig. 4;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 307;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, pl. 76;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1872;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.121;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 616;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1966, pag. 97, Iconografia n. 97;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 397, pl. 16/4;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 76, fig. 146;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, pl. 113/C;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 461, foto n. 677;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 122, fig. 89;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. : Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl. 150;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, pl. 233/B;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 212;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 50, fig. 45;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 191;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 492;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 93;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 94;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 658 , ill. 71 e 72;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 116;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Ed agricole, Bologna,1982, pag. 304;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 226, tav. 197;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, pl. 122;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 60;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 104;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, scheda 154;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 112;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 184;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 93;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 306, pl. 425;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 1, 1993, pag. 92, foto 101;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 161, foto 92;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 527 , pl. 167/D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 227;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 156, fig. 189;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 134;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 195;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pagg. 152 e 153, tav. 14/13;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 168,

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 110;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 104;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 604, pl. 322;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, pag. 10;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 149;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, foto 85;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 114;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 136;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 336;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.194;
La Chiusa
L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 215;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 106 n.233;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag.75 ;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 107.
Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 248;
Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 106, n. 63;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 97;
Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 470.


(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 060 - Maggio 2009 - Riferimento n. 208


HYGROCYBE COCCINEA
(Sch. : Fr.) Kummer


hygrocybe_coccinea-4001_20120314_1438358874.jpg






clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus coccineus, Hygrophorus coccineus,
Volg. : Igroforo scarlatto.

Etimologia

Hygrocybe = con la testa umida (dal greco “Hydros”, umido, e “Kybe”, testa, cappello),
coccinea = di colore scarlatto (dal latino “còccinus” = scarlatto)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homo-basidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Subgenere: Pseudohygrocybe, Sezione; Pseudo-hygrocybe, Sottosezione: Coccineinae, Specie: coccinea.

 

Commestibilità.

Commestibile mediocre e di scarsa resa perché poco carnoso.

Descrizione

Questo grazioso funghetto, appariscente per il colore rosso acceso del suo cappello, appartiene alla sezione Pseudohygrocybe del più ampio genere Hygrocybe (funghi che nascono sul terreno come simbionti di essenze erbacee, omogenei, dalle lamelle grandi, spaziate e cerose e caratterizzati dai colori molto vivaci della superficie pileica) ed ha un cappello piatto e lamelle adnate o appena lievemente uncinate.

Spicca tra l’erba per il colore smagliante del cappello, di un bel rosso ciliegia tendente ad assumere, con l’età, tonalità aranciate e comunque un po’ giallina verso l’orlo. Inizialmente il cappello è subsferico o convesso ma presto tende a distendersi e ad appiattirsi. La cuticola, asportabile per buona parte, è glabra e lucida, brillante e asciutta con il tempo secco.

Le lamelle larghe, mediamente spaziate, dall’aspetto come di cera, sono ineguali e intervallate da lamellule; hanno dapprima una colorazione rosso aranciata volgente poi al giallo, soprattutto sul tagliente.

Il gambo, cilindrico, può raggiungere un’altezza di 6 o 7 centimetri ed è abbastanza sottile. I suoi colori sono uguali a quelli dal cappello ma tendono a sfumare nel giallo procedendo verso la base dove acquista una colorazione biancastra. In maturità il gambo da farcito diviene cavo.

Carne acquosa, giallo-arancio, priva di odori significativi e dal leggero sapore dolciastro.

 

Spore ellittiche di 7 / 9 x 4,5 / 5 micron, lisce, portate da basidi tetrasporici. La sporata è bianca.

Cresce tra l’erba delle praterie, dei pascoli o nelle radure aperte e soleggiate dei boschi, in estate e in autunno. E’ abbastanza comune e frequente in montagna fino ad altezze superiori ai 1000 m, dove cresce gregario.

Possibilità di scambio.

L’ H. coccinea somiglia a molte altre Igrocibi con il cappello rosso. Si citano, ad esempio, le Igrocibi della sezione Puniceae (H. punicea, H. splendidissima, H. aurantiosplendens) che però hanno una taglia maggiore ed il cappello campanulato, la H. Reae, distinguibile per il cappello un po’ vischioso, l’orlo striato e la carne amarognola, la H. insipida, morfologicamente simile alla precedente ma con la carne insipida piuttosto che amara, la H. miniata, riconoscibile per il cappello ornamentato da fitte squamulosità e per l’odore come di miele.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, tav. 10;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 412;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 253;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 344;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 21, pag. 76;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 304;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1872;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 121;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 617;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 49, tav. 15 n. 397;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 399, fig. 176B;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 226, fig. 593;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 264B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 670;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 122, tav. 88;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2,pag. 151;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 232B;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 215;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 51;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 63;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 492;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 96;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 119;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 96;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 658, foto 65;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 111;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 232, foto 203;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 147,

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 63;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 4, pag. 435, tav. 383;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 47;

 

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 55;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 156, foto 200;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 108;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1988, collez. 7, tav. 322;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 155;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 112;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 187;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 94;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 311, tav. 432;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 160, foto 91;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 160 n. 208;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 528, tav. 168G;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 233;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 134;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 95, Iconografia n. 90;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 195;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 169;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 105:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 378;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 596, foto 306;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 14;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 149;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 104, foto 83;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 298;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 53;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 75;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 226;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 335;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 110.

Monografie

Galli R. Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 42;

Bon M. : Les Hygrophores, Flore mycologique d’Europe, mèmoire hors sèrie n. 1, CRDP, Amoens, 1990, pag. 46;

Foiera F., Lazzaroni E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Idrofori, Ed. Ed agricole, Bologna, 1998, pag. 132.


(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 186 - Novembre 2010 - Riferimento n. 188


186. HYGROCYBE CONICOIDES (Ort.) Ort. & Watl.

 

186. Hygrocybe conicoidesFoto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Hygrophorus conicoides (P.D.Orton) Arnolds, Hygrophorus conicus var. conicoides (P.D.Orton) Arnolds.
Volg. Cappelli di cera delle dune



Etimologia

Hygrocybe = cappello umido, dal greco Hygros = umido e Kybe = testa, cappello,
conicoides = simile alla Hygrocybe conica, dal latino conica, con riferimento alla specie e dal greco eîdos = simile.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Sottosezione: Nigrescentinae, Specie: conicoides.

Commestibilità

Deve essere considerato sospetto in quanto molti funghi simili hanno provocato avvelenamenti.

 

Descrizione

La nostra specie spicca fra i colori, in genere smorti, delle specie che vivono sulla sabbia delle dune. Essa appartiene ad un gruppo di Igrocibi con la caratteristica di annerire completamente in ogni parte a dispetto delle colorazioni brillanti, vitree o cerose che possiedono nelle prime fasi di crescita.
Il cappello misura 2-5 cm di diametro ed all’inizio è conico poi disteso, quasi piano, con netto umbone acuto, liscio e leggermente viscoso a tempo umido, di aspetto fibrillato-sericeo e brillante con il secco. Il margine è diritto o leggermente deflesso, talvolta eccedente, lievemente crenulato ma facilmente eroso-fessurato specialmente negli esemplari adulti, inoltre è leggermente striato per trasparenza; il colore è rosso, rosso-arancione, sbiadente verso il bruno aranciato poi, sia pure lentamente, completamente nero.
Le lamelle sono spaziate con presenza di lamellule di diversa lunghezza, molto ventricose con filo eteromorfo, da attenuato-annesse a visibilmente staccate dal gambo dove formano una sorta di piccola voragine circolare. Il colore va dal giallo-biancastro fino al colore rosa-rosso o rosso carminio, anneriscono infine, sia pure per ultime.
Il gambo misura 3-8 x 0,3-0,6 cm, di forma cilindrica, a volte compresso, talvolta un po’ ritorto, spesso profondamente infisso nella sabbia, fistoloso, longitudinalmente striato-fibrilloso, asciutto, più chiaro del cappello, colorato di giallo oro con sommità aranciata e base biancastra, oppure completamente giallo aranciato ad eccezione della parte basale che può assumere anche sfumature glauco-verdastre. Con l’invecchiamento ingrigisce fino ad annerire lentamente ed irregolarmente a partire dalla base.
La carne è esigua, di colore giallo aranciato e segnata di rosso nella zona sottocuticolare con tendenza ad annerire. Non presenta odori e sapori particolari.
Le spore sono di forma cilindrica fino a faseoliformi, lisce, ialine e misrano 9,5-13 x 4-5 micron.
Cresce in zone sabbiose, in particolare sulle dune mobili o in via di consolidamento, anche tra muschi e licheni.


Possibilità di scambio.

Nelle dune ci si può imbattere in H. persistens e in H. olivaceonigra, delle stesse dimensioni di H. conicoides, ma con il gambo più lungo, in gran parte infisso nella sabbia. Ambedue si presentano con colore predominante giallo e, mentre la prima raramente assume tonalità rossastre ma non annerisce, soltanto il gambo tende ad ingrigire, la seconda, con colorazioni giallo-verdastre, con l’età tende a divenire completamente nera. Naturalmente, per quanto detto in precedenza, ambedue sono da considerarsi sospette.


Bibliografia

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 6, foto n. 2440;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 93;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 94;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1992, collez. 11, tav. 525;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 46 in nota;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 104;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 93;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 70, foto 562;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 156, n. 188;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 134;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 30;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 375;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 606, foto 319;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 521;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 336 in nota;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 106;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 92;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 108 n. 64.


Monografie:

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi europei n. 6, Ed. Candusso, Alassio, 1997, pag. 611, tav. pag.418;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M., Tani O. : Funghi Igrofori, Edagricole, Bologna 1998, pag. 94 n. 15;

Monti G, Marchetti M., Gorreri L., Franchi P.: Funghi di ambienti dunali, Univ. Di Pisa, Parco Migliarino, S. Rossore, Massaciuccoli, Pisa, 2001, pag. 94;


(Gianfranco Sperati)

 

 

Scheda n. 091 - Settembre 2009 - Riferimento n. 228

 

 

HYGROCYBE PSITTACINA (Sch. : Fr.) Kummel

 


clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Agaricus psittacinus, Hygrophorus psittacinus,Gliophorus psittacinus;
Volg. : Igroforo pappagallo.

Etimologia

Hygrocybe =
con la testa umida (dal greco “Hydros”, umido, e “Kybe”, testa, cappello).
psittacinus = attinente ai pappagalli (per i vari colori del carpoforo).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Subgenere: Gliophorus, Sezione; Psittacinae, Specie: psittacina.

Commestibilità.

Privo di qualsiasi interesse gastronomico.

Descrizione

L’ Hygrocybe psittacina che nella sua denominazione di specie richiama la variabilità cromatica del pappagallo, sorprende proprio per i diversi colori di cui è tinta la sua livrea.

Il cappello (da 1 a 4 cm. di diametro) da emisferico o campanulato si distende fino a divenire piano-convesso o addirittura depresso, munito di un largo umbone, e presenta una superficie viscida, igrofana, liscia e talvolta finemente fibrillosa, di colore variegato e variante dal verde al giallo, al rosa o all’ azzurro, con tutte le tonalità e le gradazioni intermedie. Essiccando assume una colorazione quasi uniforme, giallo oro. L’orlo irregolare, sottile e a volte eccedente, è striato per trasparenza.

Le lamelle sono molto spaziate e cerose; si uniscono al gambo liberamente o con un piccolo dentino, e a volte vi decorrono un poco. Il loro colore dominante è il verde o il giallo ma se ne incontrano esemplari con lamelle biancastre o con sfumature azzurre o rosate.

Anche il gambo denota la medesima variabile aromaticità, con bande traslucide più verdi verso l’apice e più gialle nella parte mediana. Può raggiungere un’altezza approssimativa di 5 / 6 cm. ed è slanciato, cilindrico, fistoloso.

Carne biancastra o concolore al resto del carpoforo, esternamente ceracea,e fragile, fistolosa all’esterno. Odore e sapore insignificanti.

Le spore (7,5 / 9 x 5 / 6,5 micron) sono ellittiche, ovoidali, amagdaliformi, monoguttulate, con superficie liscia. Sporata bianca.

Non molto frequente, H. psittacina prolifera talvolta gregaria, in estate fino al termine dell’autunno, a varie altezza, tra l’erba o il muschio dei prati o dei pascoli, talvolta anche lungo i sentieri.

Possibilità di scambio.

La H. psittacina var. abetina cresce in primavera e in estate nel sottobosco delle abetaie e pare che abbia una colorazione verde più scura sfumante all’azzurro intenso.

Soltanto un altro fungo ha una variabilità cromatica così accentuata ed è l’ Entoloma incanum (vedi scheda n. 16, nov. 2008) che tuttavia differisce notevolmente dalla H. psittacina perché tende ad assumere, nelle lamelle, una colorazione rosata.

Specie morfologicamente vicine possono considerarsi l’H. laeta, che, però, ha colorazioni tendenti al rosa-arancio o rosa-salmone e lamelle molto decorrenti sul gambo, l’H. laeta forma pseudopsittacina della quale i colori del cappello e delle lamelle versano, in maniera uniforme, al grigio-olivastro, l’H. perplexa o sciophana che possiede lamelle color rosso mattone, l’H. vitellina caratterizzata dal predominante colore giallo oro.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 102;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 420;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 255;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 346/1 ;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 21, tav. 8/6;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 308;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, n. 244;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1872, fig. 1175/B;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 122, ill. pag. 100;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 617;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 47, tav. 14, n. 394;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 416, tav. 16;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 76;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 228;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 122, fig. 92;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 151;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 216;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 52;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 512;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 91;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 120;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 92;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 665, foto 103;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 116;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 106;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 228, foto 199;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 147;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 65;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 228;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 112;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 153;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 114;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 186;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 92;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 305, foto 420;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 162, n. 228;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 769, tav. 168/D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 232;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 138;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 97, Iconografia n. 96;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 196;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 150, tav. 14/11;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 165;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, foto 108;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 105:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 379;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 601, foto 317;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 16;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 146;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 118, foto 98;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 54;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 138;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 338;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 109.

Monografie:

Galli R. : Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 170;

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi europei n. 6, Ed. Candusso, Alassio, 1997, pag. 611, tav. pag. 762.

 

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 211 - Marzo 2011 . Riferimento n. 204


HYGROCYBE PUNICEA (Fr. : Fr.) Kummer.

Foto di G- Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus puniceus Fries, Hygrophorus puniceus (Fr. : Fr.) Fries, Godfrinia punicea (Fr. : Fr.) Herink. Psudohygrocybe punicea (Fr.) Kovalenko.

Etimologia

Hygrocybe = cappello umido, dal greco Hygros = umido e Kybe = testa, cappello;

punicea = purpureo (dall’ aggettivo latino puniceus)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasi-diomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrocybe, Sottogenere : Pseudohygrocybe, Sezione: Puniceae, Specie: punicea.

Commestibilità

Commestibile con molta cautela.

Descrizione

E’ una specie appariscente per il suo colore rosso sgargiante che soltanto invecchiando tende a sbiadire, e per le sue dimensioni, maggiori rispetto a quelle delle altre Igrocibi rossastre; ha inoltre la particolarità di non annerire con l’età o alla manipolazione.

Da emisferico e conico il cappello tende a divenire più o meno appianato, irregolarmente gibboso e fornito di un largo umbone. Può raggiungere un diametro di una decina di centimetri. Il margine è più o meno ondulato, talvolta leggermente striato o fessurato, Il rivestimento pileico, liscio, è igrofano e cioè untuoso e viscido a tempo umido, opaco e asciutto a tempo secco. Ha una bellissima colorazione scarlatta, rosso vermiglio, con macchie giallo-aranciate che aumentano verso il margine.

Le lamelle sono larghe e ventricose, spaziate, piuttosto rade, a volte forcate e intervallate da lamellule. Si innestano direttamente al gambo o vi aderiscono con un dentino. La loro colorazione passa dal giallo iniziale al rosso, passando attraverso varie gradazioni aranciate; il tagliente rimane tuttavia sempre giallo o giallastro.

Il gambo è cilindrico o lievemente fusiforme, robusto, asciutto, rivestito, soprattutto nella parte alta, da fibrille verticali rossastre su fondo giallo. La parte inferiore è biancastra.

La carne è consistente in tutto il carpoforo, farcita tuttavia nello stipite, giallo rossastre nella parte corticale, bianca all’interno. Odore lieve, fungino. Sapore insignificante.

Spore cilindriche, subovali, allungate, con pareti lisce e poro germinativo finale. Misurano 8 / 10,5 x 5, 5 / 6,5 micron. Sporata bianca.

Poco comune ma diffusa in tutta Europa, cresce, in estate e in autunno, in piccoli gruppi, nei prati e nei pascoli di montagna.

Possibilità di scambio-

La sua colorazione rossa sgargiante ed il suo portamento non dovrebbero creare imbarazzo nel determinatore. Le specie congeneri più prossime come H. intermedia, H. splendidissima, H. aurantiosplendens, H. coccinea hanno tutte una taglia minore e colori pileici più tenui.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 104;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 416;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.254;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 345;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 19 n. 67, tav. 8/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 306 n. 949;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 75. ;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag.116, tav. Pag. 100 A;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 103;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 616;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 47, tav. 14, n. 395;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 397, figg. n. 84/9 e 175;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 76 n. 144;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 114;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 229;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 25 n. 87;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 150;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 175;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 233A;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 213;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 1, pag. 102;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 51, fig. 98;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 63;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 506;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 94;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 118;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 95;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 658 in nota;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 616;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 234, foto 204 ;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1983, collez. 2, tav. 71;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 147;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 63;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 4, tav. 382;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 47;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 55;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 130;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 106;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 155;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 114;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 187;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 93;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 276, tav. 99;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.1, pag, 310, foto 431;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 515, foto 381;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag.158, n. 204;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 435, tav. 382;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 233;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 138;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 143;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 95;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 197;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, ill. pag. 105 , pag. pag. 152 tav. 14/12 ;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 107;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 56;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag.594, foto 307;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 12;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 52;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 148;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 114, foto 99;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 115;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 308;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 224 n. 167;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 254;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 339;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 196, scheda n. 45;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 100;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 102;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 109;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 250;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 1, pag. 112 n. 68.

Monografie:

Galli R. : Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 34.

Candusso M. : Hygrophorus, Fungi europei n. 6, Ed. Candusso, Alassio, 1997, pag.514, tav. pag. 749.

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M., Tani O. : Funghi Igrofori, Edagricole, Bologna 1998, pag. 124 n. 27.

(Sandro Ascarelli)