Fuligo

undefined

Scheda n. 100 - Novembre 2009 - Riferimento ---




FULIGO SEPTICA
(Linnè) Weber


Fuligo septica

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi

Fumigo varians, Aethalium septicum.
Volg. Fior di Vallonea

Etimologia

Fumigo = fuliggine,
septica = settico, infettante.

Sistematica

Regno: fungi, divisione: Gymnomycota, Sottodivisione: Myxomycota, Classe Myxomycetes, Ordine: Myxogastrales, Sottordine: Endosporinales, famiglia Physaraceae, Genere: Fuligo, Specie: septica.

Commestibilità

Non commestibile

Descrizione

I Mixomiceti, che comprendono una sessantina di generi e circa 500 specie, non sono veri e propri funghi ma si avvicinano di più al mondo animale di cui posseggono alcuni particolari attributi come la capacità di strisciare sul substrato, la nutrizione olozoica, un elevato contenuto di cheratina e, talora, di cellulosa: Come i funghi, tuttavia, elaborano glicogeno invece di amido. Alcuni Autori hanno avanzato l’ipotesi che possa trattarsi di “animali-funghi” ed hanno proposto di attribuire alle Mixofite il nome di Mycetozoi.

Il corpo vegetativo delle Myxofite è costituito da un “plasmodio” e cioè da una massa plasmatica, di forma indefinita, dotata di movimento e capace di inglobare il terriccio, le foglie, il legno putrescente, il letame o addirittura altri funghi, strisciando lentamente come delle amebe e dirigendosi prevalentemente verso la luce. Le spore possono essere contenute all’interno dello sporocarpo, come negli Endosporinales, oppure essere portate all’esterno come negli Exosporinales.

Fumigo septica è costituita da grandi plasmodi gialli o giallo-arancio, granulosi, che vivono, dalla primavera all’autunno (soprattutto nei periodi piovosi) su ceppi legnosi, foglie e piante marcescenti nei boschi o nelle serre in disuso, umide e male areate. Nelle concerie si sviluppa sui cumuli di materiale da concia. Ha la forma di un cuscino formato da una massa molliccia, spugnosa o gelatinosa, piuttosto informe e di grandezza variabile (fino a 20 cm.), distribuita in maniera irregolare ed inglobante tutto ciò che costituisce il suo substrato. In maturità il plasmodio si dissolve in una polvere brunastra contenente le spore.

Queste ultime sono sferiche, nerastre, con pareti minutamente rivestite da granulazioni e misurano da 6 a 9 micron.

Possibilità di scambio

E’ un fungo comune ma si possono trovare altri esemplari di Fumigo simili, come F. cinerea di colore bianco e spore più voluminose, la F. muscorum di colore giallo oliva e con spore grossolanamente verrucose.

Altri Mycomyceti abbastanza facili a ritrovarsi sono Leucarpus fragilis costituito da minuscoli ovetti claviformi rosso-brunastri, Trichia varia composto da un ammasso di piccoli fagioli bianchi, Stemonitis fusca che forma come una palizzata di piccoli steli appressati e Lycogala epidendron che ricopre il substrato di pallottoline appressate, rosate o aranciate contenenti una sostanza prima liquida e in seguito pulverulenta.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 3, pag. 93;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1472;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 111;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 377;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 1, pagg. 21 e 29;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 335;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 102;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 845, foto 559;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 64;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 342;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 547;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 60, foto 37;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 358, foto 500;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 405, foto 323;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 319;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 375;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 15;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 437;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 500.

 

(Sandro Ascarelli)