Dendropolyporus

undefined

Scheda n. 109 - Dicembre 2009 - Riferimento 104





DENDROPOLYPORUS UMBELLATUS (Pers. : Fr.) Julich

 

Dendropolyporus umbellatus
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Polyporus umbellatus Persoon, Boletus umbellatus Persoon, Boletus ramosissimus Schaeffer, Cladomeris umbellata Schweinitz, Grifola umbellata Pilat.
Volg. Poliporo umbellato


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomy-cetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Polyporales, Famiglia: Polyporaceae, Genere: Dendropolyporus, Specie: umbellatus


Etimologia

Dendropolyporus = fungo dell’albero dai molti pori (dal greco dèndron = albero, polùs = molto, pòròs = poro)
umbellatus = munito di ombrello (dal latino umbella = ombrello).


Commestibilità

Commestibile da giovane: Ottimi i cappelli per minestre e zuppe.


Descrizione

E’ un fungo abbastanza raro che può trovarsi ai piedi di alberi o di ceppaie. Ha il curioso aspetto di una specie di grossa palla, di 20 40 cm. di diametro, composta da numerosi piccoli funghetti cespitosi i cui cappelli si sovrappongono gli uni agli altri. Questi ultimi hanno dimensioni di 2 / 2,5 centimetri, orlo sottile, piani o leggermente depressi al centro dal colore uniformemente grigio chiaro o nocciola tendente a scurirsi con l’età.

I tubuli sono molto corti, bianchi, decorrenti sul gambo e terminanti in pori rotondi, poi un po’ angolosi, minuti e fitti, anch’essi bianchi.

Il gambo nasce da uno sclerozio ipogeo (che pare avere proprietà terapeutiche) e poi si ramifica ripetutamente in modo che ogni estremità possa portare il cappello del singolo basidioma. Conseguentemente lo stipite è inizialmente carnoso divenendo via via più sottile ad ogni sua successiva biforcazione.

Anche la carne è bianca, tenera o poco fibrosa, densa. Odore leggero di farina, gradevole ma tendente a divenire nauseante in vecchiaia. Sapore buono, solo a volte un pochino acre.

Le spore sono ialine, cilindriche o ellittiche, prive di qualsivoglia ornamentazione; misurano 7 / 9 x 3 / 4 micron. Sporata bianca.

Poco diffuso, può trovarsi sul terreno, in estate o in autunno, ai piedi di latifoglie in luoghi umidi e quindi in vallette o in prossimità di corsi d’acqua.


Possibilità di scambio

E’ difficile poter confondere Dendropolyporus umbellatus con altri funghi. Una analoga crescita cespitoso si può riscontrare in Grifola frondosa (Polyporus frondosus) che però ha cappelli sovrapposti a forma di ventaglio (non rotondi) e colorazioni molto più scure. Da Lentinellus cochleauts, anch’esso cespitoso, differisce soprattutto perché quest’ultimo ha la superficie imeniale composta da lamelle molto decorrenti sul gambo ( e non da pori) e perché ha odore particolarmente anisato.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 354;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 95;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 409;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 969;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 580;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, tav. 286;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1839;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 202;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 138;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 142, tav.42, n. 1232;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 291;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, foto 275;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 311;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 146, fig. 274;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 183;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 312;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 3, pag. 98, foto 246;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 271;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 98;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, pag.52;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.41;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 482, foto 473;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 102;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 319;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 416;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 208, tav. 7;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 220;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 225;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 197;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 314;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 80;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 309;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 174;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 274;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol.1, pag, 221, foto 291;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 144, n. 104;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 377;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 330;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 298;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, Iconografia n. 30;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 166, tav. 21/7 ;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 385;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 327;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 202:

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 350, foto 144;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 109;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 318, foto 405 ;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 287;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 430;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 274;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 560, n. 1578.


Monografie:

Bernicchia A.
: Polyporaceae s.l.,Fungi Europe Vol.10, Ed. Candusso, Alassio, 2005, pag. 472, foto pag. 747.

 

(Sandro Ascarelli)