Collybia

undefined

Scheda n. 151 - Giugno 2010 - Riferimento n. 517

 

COLLYBIA BUTYRACEA (Bull. : Fr.) Kummer

 

151. Collybia butyracea
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

 

Sinonimi

Agaricus butyraceus Bulliard, Rhodocollybia butyracea Lennox, Agaricus leiopus Persoon, Collybia asema Gillet.
Volg. Agarico butirraceo, Collybia burrosa


Etimologia

Collybia = piccola moneta spicciola (dal greco kollubòs = monetina, spicciolo);
butyracea = burroso, attinente al burro (dal latino butyrum = burro).


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomyce- tes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Marasmius, Sottogenere : Rhodocollybia, specie: butyracea.


Commestibilità

Commestibile di scarso pregio perché insipido e poco carnoso.


Descrizione

Specie diffusa e comune, facilmente determinabile per l’untuosità percepibile sulla superficie del cappello e sul gambo che appare inferiormente ingrossato e percorso da striature, e per l’odore caratteristico di burro rancido.

Il cappello (dai 3 ai 10 centimetri di diametro) è inizialmente convesso per distendersi poi diventando anche un po’ concavo e fornito di un basso umbone ottuso; il margine è ondulato. La cuticola è liscia, traslucida e lardacea al tatto, di colore variabile dal giallo ocra al bruno rossastro, più scuro nella zona discale e più chiaro al margine soprattutto col tempo secco. Talvolta si notano anche sfumature olivacee.

Gambo dello stesso colore della superficie pileica, poco carnoso e cavo in maturità, assume una forma clavata con la base ingrossata e ricoperta da una feltrosità biancastra. Longitudinalmente il gambo appare striato soprattutto verso la base.

Lamelle non molto fitte, intervallate da lamellule, completamente libere al gambo, con il tagliente più o meno dentellato, biancastre, a tratti con qualche sfumatura debolmente rosata.

La carne è acquosa nel cappello, più consistente nello stipite, bianco rosata a tempo umido, molto più pallida col tempo asciutto. Odore poco intenso e gradevole all’inizio, poi marcatamente di burro rancido; sapore dolciastro.

Basidiospore lisce, ellissoidali, misurano 6 / 7,5 x 3 / 4,5 micron. Sporata bianca.

Reazioni macrochimiche: la cuticola del cappello diviene bruna con idrato di potassio (KOH); le lamelle si tingono di viola-bruno a contatto col fenolo.

Specie comune che cresce gregaria dalla fascia costiera alla montagna, prevalentemente nei boschi di aghifoglie, dall’estate al tardo autunno.


Possibilità di scambio

Una specie molto simile, da alcuni Autori considerata una varietà di C. butyracea, da altri una entità autonoma è la Collybia asema che differisce soltanto per una differente colorazione del cappello che si presenta con la zona discale scura e con la residua parte pileica grigio olivastra o grigio alutacea chiara. Le due diverse, concentriche bande di colore possono variare a seconda del grado di umidità dell’aria (carattere dell’ igrofaneità). Collybia filamentosa ha il cappello ricoperto da fibrille bruno rossastre e Collybia rufovinosa si distingue per la colorazione rosso vinoso del pileo, dello stipite e delle lamelle.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 121;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 209;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.230;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 1, tav. 200;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 363 n. 1228, tav. 107/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 331 n. 1033;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n. 40;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 36, tav. 67;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 109, tav. 67;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 19, tav. n. 138;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 439, tav. 35, fig. 85 n. 4;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 98 n. 208;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 103B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n.109;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 119, tav. 73;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.72/1;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 153;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 197;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 253;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 91;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 399;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 154;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.132;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 159;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 776, foto 755;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 144;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 91;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 221;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 164, foto 138;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 160;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 127;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 57;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 243;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag.70 ;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 200;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 93;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 123;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 75;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 742, foto 1026;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 130, foto 158;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 123, foto 57;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 218, n. 517;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 67, tav. 41;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 123;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 151;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 180;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 118, Iconografia n. 140;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 180;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140, tav. 8, ill. pag. 180;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 239;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 43;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 112:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 490

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 652, foto 458;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 93;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 85;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 182;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 172, foto 185 e 186;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147, foto pag. 148;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 67;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 217;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 164;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 276;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 117;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 87;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 206;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 93;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 199;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 99, n. 165.

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 192 - Dicembre 2010 - Riferimento n. 522

 

 

COLLYBIA DRYOPHILA (Bull. : Fr.) Kummer

 

192. Collybia dryophila

 

 

foto di G. Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus dryophilus Bulliard, Fries, Marasmius dryophilus Rea., Gymnopus dryophilus (Bull.) Murril.

Volg. Fungo della quercia.

Etimologia

Collybia = piccola moneta spicciola (dal greco kollubòs = monetina, spicciolo);

dryophila = amica delle querce (dal greco drùs = quercia e filos = amico)

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidio-mycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Sottogenere: Dryophilopsis, Genere: Collybia, specie: dryophila.

Commestibilità

Commestibile ma poco redditizio per l’esiguità della sua carne. E’ necessario scartare il gambo.

 

Descrizione

La denominazione di specie (dryophila = amica delle querce) potrebbe indurre a ritenere che la Clitocybe dryophila nasca prevalentemente nei querceti: è un convinci-mento errato poiché il fungo di piccola taglia di cui trattiamo in questa scheda è simbionte ubiquitario sia di latifoglie sia di aghifoglie.

Si tratta di un basidiomicete esile, non più alto di 7 o 8 centimetri, con un cappello poco carnoso, dapprima convesso, successivamente pianeggiante, talora un po’ depresso al centro, con margine sottile ed ondulato, il cui diametro non supera di solito i 6 / 7 centimetri. La cuticola è igrofana, viscosa e traslucida col tempo umido, dai colori che possono variare dal giallo più o meno aranciato al bianco crema e che tendono a sbiadire con l’età.

Le lamelle biancastre all’inizio, poi soffuse di giallo-crema, sono fitte, diseguali, sinuate, libere al gambo o ad esso unito con un dentino e leggermente decorrenti.

Gambo sottile, cilindrico, concolore al cappello, completamente liscio e privo di qualsiasi villosità, cartilagineo, fistuloso e poi cavo.

La carne è biancastra, sottile, acquosa, con odore fungino gradevole e sapore poco significativo e un po’ acidulo.

Spore non amiloidi, ellissoidali, 5 / 6 x 2,5 / 3,5 μm., prive di ornamentazioni. Sporata bianca.

E’ un fungo precoce che può rinvenirsi dalla primavera all’autunno, in colonie di numerosi esemplari (talvolta fascicolati) su lettiere di aghifoglie o di latifoglie.

Può essere parassitato da un altro fungo, Christiansenia mycetophila, che aggredisce le parti esterne del carpoforo ospite (in particolare il cappello e il gambo) modificandone la forma.

 

Possibilità di scambio

Della Collybia dryophila sono state individuate parecchie varietà. Ricordiamo, in particolare, la C. dryophila var. funicularis, dalle lamelle più intensamente gialle e la C. dryophila var. lanipes, con il gambo non glabro ma ricoperto di villosità.

Le è simile la Collybia aquosa dai colori più pallidi (giallo paglierini) e dalla base dello stipite nettamente bulbosa.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.124;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 234;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 226;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 82;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 212 ;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1920, pag. 367 n. 1244, tav. 108/2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 524 n. 1727;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, n. 41;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 36, tav. 68;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 159;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 135;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 621;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 110, tav. 68;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 19, tav. 6, n. 137;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 98, fig. 206;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 103A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n.105;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 119, n. 71;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav.72A;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 205;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 250;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 2, pag. 68;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 88, fig. 153;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 358, fig. 76;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 37:

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 154;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 134;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 159;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 142;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 755, foto 80;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 89;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 220;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 162, foto 136 ;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 127;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 54;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 240;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 42;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 68;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 124;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 263;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 199;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 94;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 79;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 75;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 259, tav.57 e pag. 346, tav. 144;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 737, foto 1018;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 128, foto 156 ;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1, pag. 124, foto 58;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Delachaux et Niestlè, Paris, 1994, pag. 218, n. 522;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 67, tav. 43;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 124;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 97;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 152;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 179;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 117, Iconografia n. 136;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 180;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 238;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 111;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 493;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 655, foto 457;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 97;

Thieme R. : I funghi di montagna, Ed. Grossi, Domodossola, 2000, pag. 71, pag. 201, foto 84;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 180;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 172, foto 189;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag.147;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 131;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 68;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 68;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 216 n. 159;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 118;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 219;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.166;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 118;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 212;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 92;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 200;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 101 n. 167.

(Sandro Ascarelli)

 

Scheda n. 380      -      Marzo 2013      -      Riferimento n. 521




COLLYBIA MACULATA (Alb. & Schw. ex Fr.) Quélet 1888




collybia_maculata_20130415_1814359098.jpg






Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Rhodocollybia maculata (Alb. & Schwein.: Fr.) Singer 1939, Agaricus maculatus Alb. & Schwein 1805, Agaricus maculatus var. immaculatus Cooke 1881; Collybia maculata (Alb. & Schwein.) P. Kumm. 1871, Collybia maculata var. immaculata (Cooke) Sacc. 1881
Collybia maculata var. maculata (Alb. & Schwein.) P. Kumm. 1871.

Volg.: Collibia macchiata


Etimologia


Il nome del genere Collybia deriva dal greco kóllybos = moneta spicciola;
il nome di specie maculata si riferisce alle macchie rosso brune presenti sia sul cappello che sul gambo.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Collybia, Subgenere: Rhodoccollybia, specie: maculata


Commestibilità

Specie non commestibile a causa del sapore sgradevole; inoltre la raccolta è poco invitante a causa delle macchiettature.


Descrizione

Molti raccoglievano funghi di questa specie, scambiandoli per esemplari di Collybia fusipes ma, una volta cucinati, dovevano gettarli perché immangiabili: è il caso di ricordare che anche quest'ultima specie, pur non essendo disgustosa, è oggi sospettata di causare avvelenamenti a sindrome pardinica.
Il cappello di 35-100 mm di diametro è emisferico-convesso nei primi stadi di sviluppo, poi convesso, infine spianato; a volte presenta una bassa umbonatura; è abbastanza carnoso. La cuticola è glabra e liscia, bianca, ma presto picchiettata di macchie rossastro-ruggine più evidenti al centro; il bordo del cappello è prima involuto, poi disteso ed un po' ondulato nei vecchi esemplari.
Le lamelle sono quasi libere al gambo, intercalate da lamellule, molto fitte e sottili, con il filo seghettato, di colore bianco, poi bianco-crema ed anch'esse picchiettate qua e là di bruno-ruggine. Il gambo misura 60-100 x 10-25 mm, pieno all'inizio, poi cavo, quasi cilindrico o gradatamente ingrossatoi verso la parte basale; inoltre è solcato-fibrillato e frequentemente radicante; concolore al cappello e macchiato di bruno-rossastro-ruggine soprattutto verso la base.
La carne è soda, tenace, consistente, abbondante nel cappello, biancastra, con un odore poco definito e sapore amaro.
Le spore sono largamente ellissoidali o globose, misurano 4,6-5,6 x 4-5,2 micron e sono bianche in massa.
Predilige boschi di conifere, più di rado di latifoglie, comune e molto diffusa ovunque in estate ed in autunno inoltrato.


Possibilità di scambio


Potrebbe essere confusa, a causa dell'aspetto e del gambo radicante, con Collybia fusipes, specie, come già visto in precedenza, velenosa, ma quest'ultima è di colore più scuro, più omogeneo e senza picchiettature.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 207 n. 754;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 229;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 195;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 365 n. 1235, tav. 107/3;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 330 n. 1029;
Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 150;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 169 n. 564, tav. 70/8;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 19 n. 139, tav. 6;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 439, fig. 203;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 243;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 106B;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 269, foto n. 111;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 120 n. 77;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 71;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 199;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 253;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 86;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 92;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 155;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.134;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 160;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 756, foto 35;
Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 54;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 144
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 90;
Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 155;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 126;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 54;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 41;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 178;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 202;
Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 100; pag. 180.
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 94;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 123;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 76;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2 , pag, 741, n. 1024;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 218 n. 521;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 66 , tav. 42;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 126;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 153;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 181;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 118, Iconografia n. 137;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1997, collez. 16, tav. 785;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 181;
Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140, tav. 8/19;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 240;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 45;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 67;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 492;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 654 foto 586;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 96;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 348, foto 195;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 135;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 67;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 69;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 164;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 168;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 120;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 206 n. 530;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 95;.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 201;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 428.


(Gianfranco Sperati)


Scheda n. 375        -        Febbraio 2013        -        Riferimento 534



COLLYBIA PERONATA (Bolt. ex Fr.) Kummer 1871



collybia_peronata_gs4_20130125_1331577497.jpg






Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere.



Sinonimi

Agaricus peronatus Bolton (1788), Agaricus urens Bulliard (1791), Agaricus urens   (1812),  Gymnopus peronatus (Bolton) Gray (1821), Marasmius peronatus (Bolton) (1836),  Marasmius subrufescens Britzelmayr, (1894).


Etimologia

Collybia = monetina (dal greco kóllybos = piccola moneta);
peronata = calzata (dall’aggettivo latino) a causa della feltratura bianco-giallina alla base del gambo.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidio-mycetes, Subclasse: Agaricomycetideae,  Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Collybia,  Subgenere: Rhodoccollybia,  specie: peronata


Commestibilità

Specie non commestibile per il sapore pepato che si avverte con ritardo. In  alcune  regioni  viene  ricercato,  fatto  essiccare e ridotto  in  polvere come sostituzione del pepe.


Descrizione

È un fungo che, in condizioni favorevoli, si sviluppa notevolmente tanto da coprire grandi tratti della lettiera di foglie  e a tal punto che, se raccolti, trascinano con sé il fogliame invaso dal suo micelio biancastro.
Il cappello misura 3-6 cm di diametro, prima convesso poi spianato, liscio, con l’età diviene coriaceo e rugoso, soprattutto all’orlo, spesso con un basso e largo umbone; di colore ocra-rossastro a brunastro.
Le lamelle sono piuttosto larghe, spesso unite fra loro da anastomosi, intervallate da molte lamellule, prima sinuate poi che si staccano dal gambo e vanno dal crema al bruno giallastro fino al marrone chiaro.
Gambo di 30-60 x 3-6 mm, cilindrico, si allarga leggermente all’attacco col cappello ed è leggermente ingrossato alla base, ove è coperto di lunghi peli bianco-giallastri, densi e lanosi.
La carne  è coriacea e colore del legno; di sapore prima dolce, poi fortemente acre, odore nullo.
Le spore sono di forma ovoidale, ialine e di colore bianco in massa; misurano 7-9 x 3-4 micron.
Esemplari di C. peronata crescono soprattutto nei boschi misti di latifoglie e nelle faggete, sulla lettiera, ma occasionalmente anche in boschi di conifere, in estate-autunno. Molto comune.
Possibilità di scambio
Si potrebbe confondere con Marasmius oreades, ma basta ricordare che quest’ultimo non vive nei boschi ma nei prati, il suo gambo è molto duro, liscio ed ha carne di sapore gradevole e non piccante.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 126;
Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 159;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 98, fig. 210;
Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 102A;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 277, foto n. 119;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 75;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 207A;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 248;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 92;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 89;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 376;
Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag. 36, fig. 1;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 152;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 156;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 142;
Phillips R : Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 57;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 213;
Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 159;
Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. - Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 125;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 125;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 57;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 253;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 42;
Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 68;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 197;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 95;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 360;
Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 102; pag. 182.
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 75;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 736, tav. 1013 ;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 128, foto 155;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol.1 pag. 156 n. 88;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 220 n. 534;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 75;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 288;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 178;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 117, Iconografia n. 135;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 153;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 182;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 242;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 37;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 113;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 497;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 359, foto 656;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 99;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 180;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 198;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 68;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 150 n. 94;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 222;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 169;
Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 119;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 210 n.541;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 108, n.172;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag.424.


(Gianfranco Sperati)




Scheda n. 395      -       Maggio 2013      -       Riferimento n. 533





COLLYBIA CONFLUENS (Pers. ex Fr.) Kummer 1871




Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Geenere



Sinonimi

Agaricus confluens Persoon (1796), Agaricus ingratus Schumacher (1803), Agaricus archyropus Persoon (1828), Marasmius archyropus (Pers.) Fries (1838), Collybia ingrata (Schumach.) Quélèt (1872), Marasmius confluens (Pers.) P. Karsten (1889), Marasmius hariolorum sensu Rea (1922)ù, Gymnopus confluens (Pers.) Antonín, Halling & Noordeloos (1997).
Volg.: Collibia confluente


Etimologia

Collybia = monetina ( dal greco kóllybos = piccola moneta);
confluens = confluente con altri, (dal latino) a causa dei gambi cespitoso-aggregati.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidio-mycetes, Subclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Marasmiaceae, Tribù: Collybieae, Genere: Collybia, Subgenere: Dryophilopsis, specie: confluens.


Commestibilità

Fungo commestibile se i gambi duri vengono rimossi.


Descrizione
 

Questa specie è sotto studio in varie parti del mondo perché contenente principi in grado di inibire la crescita di batteri, di bloccare la propagazione di alcuni tipi di virus, di avere effetti ipoglicemizzanti nei ratti diabetici e di abbassare il livello del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue.
Il cappello misura 2-5 cm di diametro e da convesso diviene campanulato per poi distendersi, allargandosi fino a divenire quasi piatto, lasciando a volte al centro un basso umbone; il colore varia da beige fino al marrone chiaro ed al bruno-rossastro; la superficie è glabra, igrofana, leggermente striata al margine a tempo umido.
La carne è sottile, flessibile e bianca di colore, l'odore è cianico.
Le lamelle sono numerose, adnate, annesse o quasi libere, sottili, strette e di colore crema.
I gambi sono lunghi 4-10 cm e 0,2 - 0,6 cm di spessore; snelli, cilindrici o compatti, uguali o leggermente allargati alla base, tenaci, elastici, cavi e sono coperti di peli grigiastri, rossastri e marroni nella parte terminale; la superficie è asciutta.
Le spore misurano 7-9 x 3,5-4 micron e sono ellittiche, lisce, intere, ialine, non amiloidi, bianche in massa.
È specie che cresce gregaria o cespitosa con gli esemplari spesso raggruppati, saprofita, a volte in cerchi delle streghe, sul terreno acido tra le foglie cadute vicino a latifoglie o conifere, comunemente presente in estate-autunno.


Possibilità di scambio

Può essere scambiato con Marasmius oreades, (vedi scheda n. 127), i cui esemplari però sono gregari ma isolati uno dall'altro. Somiglia anche a Collybia dryophila, (vedi scheda n. 192) ma quest'ultima è specie cespitosa con i gambi più corti e non appressati.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 123;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 222 n. 816;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 204;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 66, n. 236, tav. 24/2;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 522 n. 1719;
Habersaat E. : Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 211 n. 737, tav. 86/1;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 117, foto n. 275;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 91 nota.
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 89; fig. 154;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 152;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 157;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 754, tav. 24;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 142;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 308
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 219;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 168, foto 142 nota;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 54;
Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 42;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 178;
Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 198;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 93;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 234
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 75;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 735, tav. 1012;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 220 n. 533;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 69, tav. 44;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 286;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1995, collez. 14, tav. 660;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 178;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 117;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 151;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 243;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 41;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 113;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 496 nota;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 656, foto 346;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 642;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 179;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 187, foto 174;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 147;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 68;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 67;
Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 216, n. 160 nota;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 168;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 218;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 165;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 210 n. 537;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 95;.
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 426;



(Gianfranco Sperati)