Calocybe

undefined

Scheda n. 070 - Giugno 2009 - Riferimento n. 482

CALOCYBE GAMBOSA (Fr. : Fr.) Singer

 


calocybe_gambosa-3_20120312_1979808220.jpg







clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Lyophyllum georgii, Tricholoma georgii, Calocybe georgii
Volg. : Agarico di S. Giorgio, Fungo di S. Giorgio, Prugnolo, Spinarolo.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Lyophylloideae, Tribù: Lyophylleae, Genere: Calocybe, Specie: gambosa.

Etimologia

Calocybe = dalla bella testa (dal greco kalòs = bello e kùbe = testa),
gambosa = con il gambo grosso (dal latino gamba = garretto, gamba)


Commestibilità

Commestibile delicato e ricercato nonostante che il profumo e il sapore di pasta di farina fresca non sia da tutti gradito.

Descrizione

E’ uno dei primi funghi primaverili, noto come “agarico di S. Giorgio” perché lo si trova abbastanza frequentemente in prossimità della festa di San Giorgio (23 aprile) ed è un apprezzato commestibile.
Il cappello carnoso può raggiungere dimensioni anche superiori ai 10 cm. di diametro. Da principio globoso, emisferico, rimane a lungo convesso e infine diviene slanciato ma in maniera irregolare. Margine spesso e sinuoso, arrotolato all’interno. La cuticola è separabile, sottile, asciutta e vellutata, di colore variabile dal bianco sporco al bianco-crema, dal nocciola all’albicocca e al giallo-arancio.
Le lamelle sono sottili e serrate, intervallate da lamellule, arcuate in prossimità del gambo al quale si innestano con un breve uncino (lamelle smarginate); hanno un colore biancastro, crema negli esemplari adulti.
Gambo piuttosto tozzo, concolore, robusto e sodo, di forma cilindrica o talvolta un po’ rigonfio alla base. E’ liscio ma talora leggermente farinoso nella parte più alta.
Carne bianca, soda, compatta, con odore e sapore intensi di farina fresca che si attenuano però in cottura, rimanendo tuttavia un retrogusto quasi resinoso.
Al microscopio si notano spore ellissoidali, guttulate, esternamente liscie, (5,5 / 6,5 x 3,5 / 4 micron), ialine. Sporata bianco-crema.
La sua fruttificazione avviene in primavera, in zone collinari, su suoli calcarei in prossimità di rosacee (soprattutto pruni), in file o in cerchi delle streghe. Fedele alle sue stazioni di crescita, se ne possono fare raccolte abbondanti e redditizie.

Possibilità di scambio

La variabilità morfologica e cromatica di questa specie ha indotto alcuni Autori a proporre delle varietà non sempre ritenute valide.
Le più probabili possibilità di scambio possono attribuirsi ad alcune Inocybi primaverili che posseggono un odore talora farinoso e che, almeno in uno stadio iniziale possono presentarsi con lamelle bianche. E’ necessario quindi ricordare che le lamelle delle Inocybi tendono ad assumere una colorazione rosata per la sovrapposizione delle spore e che la maggior parte di esse (compresa la tossica Inocybe patouillardi) cresce non in primavera ma in autunno.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 50;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 120;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 272;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 55, tav.41;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 78, tav. 8 e 9;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 3, tav. 103;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 36;

Dufour L. : Les Mauvais et les Bons Champignons, Ed. E. Orlhac, Paris, pag. 46, tav. 5;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 312, n. 1040, tav. 95 n. 2;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 232;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 32;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, tav. 55;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1891;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 74, tav. 56;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 60;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 628, tav. 14;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 93, tav. 55;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 13, tav. 4, n. 83;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 470, tav. 28;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 80, fig. 161;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 81;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 126;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 113, tav. 28;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 46, tav. 95;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 117;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1971, vol. 1, tav. 45;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 154;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 296;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, tav. pag. 3;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 162, fig. 221;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 147;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 43;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 141;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 171;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 144;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 120;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 66;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 133;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 202, foto 174;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 9;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 139, tav. 29;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 41;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 4, pag 313;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 44;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 109;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 110, foto 13;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 166;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 192;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 88, tav. pag. 30;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 56;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 231;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 71;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 120;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 750 n. 1040;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 116, foto 50;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 212, n. 482;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 42, tav. 26B;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 470;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 44;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 143;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 174;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 150, Iconografia n. 214;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pagg. 82 e 83;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 176;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 140, tav. 8/2, fig. pag. 109;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 212;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 71;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 58;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 460;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 908, foto 588;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 84;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 174;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 144, foto 144;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 133;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 213;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 175;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pagg. 82 – 84;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 194;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 142;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 469;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 153;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 268;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 104.

Monografie

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 62.

 

(Sandro Ascarelli)