Hebeloma

undefined

Scheda n. 029      -      Gennaio 2009      -      Riferimento n. 1005



HEBELOMA SINAPIZANS
(Paulet) Gillet 1878





hebeloma_sinapizans_20120314_1995913343.jpg


 

 


Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere




Sinonimi

Hypophyllum sinapizans Paulet, (1793), Agaricus grandis Persoon (1825), Agaricus sinapizans Fries (1836), Hylophila sinapizans Quèlet (1886), Hebeloma sinapizans (Fr.) Saccardo (1887), Hylophila crustuliniformis var. sinapizans Quèlet (1888).
Volg. : Ebeloma a crosta di pane, Puzzone


Etimologia

Hebeloma = con l'orlo peloso (dal greco hèbe = peluria della pubertà, e lomà = orlo),
sinapizans = color senape (dal latino sinapis)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Specie: sinapizans.


Commestibilità

Tossico. Provoca irritazioni gastrointestinali.


Descrizione

Hebeloma sinapizans si distingue per un carattere particolare (peraltro comune anche a qualche altra specie di Hebeloma): sezionando il carpoforo con un taglio che dal centro del cappello scende lungo tutto il gambo, si noterà nella carne, al punto di intersezione del cappello con il gambo, una linguetta conica, una specie di stalattite, rivolta verso la cavità dello stipite. Gli altri caratteri macroscopici sono abbastanza monotoni.

Il cappello, carnoso, può avere un diametro variante tra i 5 e i 12 cm. Inizialmente è convesso, poi si presenta pianeggiante ma sovente con un grosso umbone largo e ottuso. La cuticola, leggermente viscida col tempo umido, ha un colore da bruno giallastro con toni carnicini fino a fulvo-cuoio, sempre più chiaro verso l'orlo che è sottile e a lungo involuto.

Lamelle smarginate e molto fitte, inizialmente biancastre tendenti poi al nocciola.

Il gambo si eleva per un'altezza più o meno pari al diametro del cappello e si allarga verso l'estremità inferiore. Da principio è sodo e compatto ma presto diviene farcito e cavo e lascia intravedere, alla sezione, la linguetta di cui abbiamo fatto cenno precedentemente. Il colore è crema o nocciola chiaro e ricoperto per tutta la sua lunghezza da pruina e da piccole squame.

Carne da biancastra a nocciola con odore rafanoide e sapore amaro.

Spore amagdaliformi, 10/12,5 x 6,7/ 8,7, decorate da minuscole verruche. Sporata color nocciola.

E' un fungo abbastanza comune, autunnale, gregario, che predilige i boschi di latifoglie ma non in maniera esclusiva.


Possibilità di scambio

E' possibile confondere H. sinapizans con altre specie appartenenti al genere Hebeloma, tutte non commestibili. Ricorderemo H. crustuliniformis che ha il cappello molto più chiaro e le lamelle che secernono delle goccioline opalescenti che depositandosi sulla parte alta del gambo ed essiccandosi lo rivestono di minute granulazioni, H. quercetorum, specie di taglia minuta e col gambo pruinoso.

Altre possibilità di scambio possono prodursi, soprattutto per una colorazione pileica molto simile, con alcuni Cortinari (che però hanno una evidente cortina a protezione delle lamelle) e con Tricholoma acerbun che però è un leucosporeo (ha cioè sporata bianca), ha un odore leggero e non rafanoide e sapore astringente.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 799;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag.92;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav.713;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 43, pl. 2;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 108;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 257;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 280;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 107, nota;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 519, fig. 256;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 158, fig. 392;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 71/A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 455;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 119, tav. 48;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 135;

Balletto C. : Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 356;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 108;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 247, fig. 381;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 181, tav. 85;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 458;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 340;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 191;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 360;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 135;

Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna,1982, pag. 255;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 141;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 177;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 146;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 125;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 181;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 168;

Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 228;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 299;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 110;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 170;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 128;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 608, tav. 852;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 292, foto 895;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 581, foto 447;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 308;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 433, tav. 119/D;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 209;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 114;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 282;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 258;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 182, Iconografia n. 282;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 195;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/16;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 331;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 67;

Gerhardt E., Vila J. e Llimona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 648;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 511, foto 594;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 160;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 287;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 122;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 223;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 88;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 142, foto 86;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 292;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 264;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 256;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 388;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 132;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 214;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 358 n. 991;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 196;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 159.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 239;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  5, pag. 182,  n. 525.

Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 856.

(Sandro Ascarelli)

Scheda n. 096 - Ottobre 2009 - Riferimento n. 1008



HEBELOMA RADICOSUM
(Bull. : Fr.) Ricken




clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Pholiota radiosa, Myxocybe radiosa.
Volg. : Ebeloma radioso.

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomy-cetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Sottogenere: Myxocybe, Specie: radicosum.

Etimologia

Hebeloma = con l’orlo peloso (dal greso hèbe = segni della pubertà e loma = orlo)
radicosum = radioso, provvisto di radice.

Commestibilità

Commestibile ma organoletticamente molto mediocre.

Descrizione

Questo basidioma è facilmente individuabile a causa del lungo rizoma radiciforme profondamente infisso nel terreno, dell’anello persistente e del caratteristico e marcato odore di mandorle. Queste caratteristiche hanno in passato condotto alcuni Autore a ritenere che questa specie fosse più prossima al genere Pholiota che non al genere Hebeloma.

I carpofori di H. radicosum sono piuttosto grandi ed hanno un cappello carnoso che può raggiungere un diametro di 12 / 15 centimetri. Inizialmente di forma emisferica, tende poi a divenire convesso fino ad assumere un aspetto pianeggiante o leggermente umbonato. Il margine rimane più o meno involuto. La cuticola è vischiosa perché ricoperta da uno strato di glutine, col tempo umido, altrimenti glabra e lucente; ha un colore variabile biancastro o bruno-ocraceo e tende a dissociarsi in larghe squame bruno-rosate.

Le lamelle sono fitte e serrate, ventricose, adnate che da biancastre tendono a divenire brunastre ma con il tagliente più pallido; sono presenti numerose lamellule.

Gambo, pieno, fusiforme, con un caratteristico rizoma appuntito che si prolunga in profondità nel terreno, anch’esso biancastro nell’esemplare giovane ma poi imbrunente e dissociatesi in scaglie brunastre appena al di sotto dell’anello. Quest’ultimo è con colore, di consistenza membranacea e persistente.

Carne piuttosto dura e fibrosa, biancastra, dal sapore amarognolo e dall’odore marcato di mandorle amare.

Al microscopio, le spore di H. radicosum sono amagdaliformi, ornate da fitte, sottili verruche e misurano 8,5 / 10,5 x 5,5 / 6,5 micron. La sporata è di color bruno-tabacco.

E’ un fungo abbastanza comune nei boschi di latifoglie (soprattutto faggio) dove fruttifica dall’estate all’autunno.

Possibilità di scambio

Le caratteristiche che abbiamo sopra evidenziato (lunga radice infissa nel terreno, presenza di un anello, odore pronunciato di mandorle amare) rendono inconfondibile questa specie. La maggior parte degli altri Hebelomi hanno generalmente odori terrosi oppure odori diversi ma non confondibili con l’odore di H. radicosum. Citiamo ad es. H. sacchariolens che profuma di cioccolato, H. anthracophilum con odore che vagamente ricorda quello del cacao, H. palidoluctuosum con odore saponaceo. Questi odori del tutto particolari dovrebbero indurre il cercatore a non confondere H. radicosum con carpofori appartenenti al genere Pholiota.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 242;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 717;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 104, tav. 33/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 258;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1902;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 170;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 633;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 533, fig. 208, tav. 11;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 70;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 65;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 134A;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 369;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 244, fig. 377;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 334;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.195;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 355;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 196;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 138;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 290;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 142;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 80, foto 65;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 178;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 147;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 230;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 297;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 109;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 170;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 126;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 987, foto 1350;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 308, n. 1008;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 594, tav. 109E;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 465;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 281;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 256;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 181, Iconografia n. 279;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 194;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/13;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 330;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 82;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 650;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 512, foto 593;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 162;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 286;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 120, foto 119;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 223;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 89;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 294;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 262;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 257;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag.390, scheda n. 133.

(Sandro Ascarelli)

Scheda n.310 - Maggio 2012 - Riferimenti n. 987
HEBELOMA MESOPHAEUM (Pers.) Quèlet
hebeloma_mesophaeum_gs_20120428_1202531916.jpg






foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Agaricus fastibilis var. mesophaeus Persoon 1828, Agaricus hebelomatoides Secretan 1833, Agaricus mesophaeus Fries 1838, Agaricus strophosus Fries 1838, , Inocybe mesophaea (Pers.) P. Karsten 1879, Hylophila mesophaea Quèlet 1886, Hebeloma mesophaeum var. minus Cooke 1886, Hebeloma strophosum (Fr.) Saccardo 1887, Hylophila versipellis var. mesophaea Quèlet 1888, Inocybe versipellis var. mesophaeus (Pers.) S. Petersen 1911, Hebeloma flammuloides Romagnesi
1983, Hebeloma mesophaeum var. strophosum (Fr.) Quadraccia 1985.
Etimologia
Hebelomacon l'orlo peloso (dal greco hèbe = peluria della pubertà, e lomà = orlo),
mesophaeum = con il centro scuro (dal greco mèsos = centrale, mediano e falòs = oscuro).
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Sottogenere: Hebeloma, Sezione: Hebeloma, Specie: mesophaeum.
Commestibilita'
Non commestibile.
Descrizione
Il Genere Hebeloma è particolarmente complesso e comprende funghi, omogenei e terricoli, di varie dimensioni, con cappello color bruno o nocciola, di solito più scuro al centro e sfumato verso l'orlo, con cuticola spesso umida o leggermente vischiosa. Elementi importanti per la determinazione delle specie ascritte a questo genere sono le spore color caffè-latte o nocciola più o meno imbrunente che tingono le lamelle e l'odore terroso o di ravanello o rafanoide (salve alcune eccezioni) ed il sapore amarognolo della carne.
Hebeloma mesophaeum
è forse la specie, di taglia medio-piccola, che più facilmente consente la sua identificazione per avere il cappello con colorazioni di fondo bruno-giallognole ma con il centro irregolarmente macchiato di bruno scuro, quasi nerastro.
Il cappello, inizialmente campanulato-convesso, si espande fino ad un diametro di circa 7 centimetri, divenendo pianeggiante e talvolta depresso. La cuticola è vischiosa con l'umido, giallo ocracea ma bruno nerastra al centro e più chiara verso il margine; quest'ultimo può a volte essere, in gioventù, decorato da residui velari giallognoli.
Le lamelle, mediamente fitte, sono smarginate, da prima grigiastre ma poi bruno-nocciola con la maturazione delle spore, con filo biancastro.
Il gambo è cilindrico, cavo, biancastro, percorso verticalmente da fibrille brunastre e spesso ornamentato da bande giallognole, residui del velo generale e di una fugace cortina, più scuro al piede.
La carne, sottiòe, da biancastra diviene poi color bruno-ruggine. Debole odore rafanoide e sapore amaro.
Spore ellittiche, reniformi, più o meno verrucose, 9 / 10,5 x 4,5 / 6 μm. Sporata color tabacco.
E' un fungo autunnale, abbastanza comune nelle pinete di montagna (ma cnhe nei parchi e nei giardini, dove cresce gregaria, a volte in colonie numerose.
Possibilita' di Scambio
H. mesophaeum si riconosce facilmente per la tipica colorazione pileica. Altri Hebelomi con cappelli più intensamente colorati al centro sono H. strophosum (Fr.) Saccardo il cui cappello è però a lungo campanulato, H. cistophillum Maire e H. pusillum J.E.Lamge che però hanno dimensioni molto ridotte. Secondo qualche Autore sarebbe possibile scambiare H. mesophaeum con il commestibile Marasmius oreades (Bolt.) Fries: quest'ultimo tuttavia ha lamelle molto spaziate e bianco-crema ed una stipite, duro e tenace, della consistenza del picciolo di una ciliegia.
Bibliografia
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol.5, pag. 795;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 95;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 712;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 105 n. 369, tav. 32/3;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 256;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 633;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 107 in nota;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 158 n. 395;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. fig. ;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 458;
Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 134A;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 358;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 245, fig. 378;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1 pag. 450;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 336;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 356;
Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 137;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 178;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 147;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 124, tav. 78/2;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 3, pag. 149 n. 141 in nota;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 230;
Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 109;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 171;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 127;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 988 n. 1351;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 286, foto 886;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1 pag. 239 n. 167;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 304 n. 987;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 432, tav. 419 ;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 210;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 281;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 181, Iconografia n.280;
Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 194;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 330;
Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 93;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 644;
Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 509, foto 469
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 157;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 122;
Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 88;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 294;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 259;
Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 256;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 352 n. 970;
Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 159.
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 234;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 176, n. 519.

(Gianfranco Sperati)

Scheda n. 250 - Agosto 2011 - Riferimento _n. 993


HEBELOMA CRUSTULINIFORME (Bull. ex Fr.) Quèlet 1872

 

250. Hebeloma crustuliniformeFoto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

 

Sinonimi

Agaricus crustuliniformis Bull., 1787, Hebelomatis crustuliniformis (Bull.) Earle 1906, Agaricus ossa J.F. Gmel. 1792.

Volg. : Ebeloma a crosta di pane

Etimologia

Hebeloma = con l'orlo peloso (dal greco hèbe = peluria della pubertà, e lomà = orlo),
crustuliniforme = a forma di piccola crosta di pane (dal latino crustuliniformis)



Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Sotto-Genere: Hebeloma, Sezione: Denudata, Sotto-Sezione: Crustuliniformia, Specie: crustuliniforme.



Commestibilità

Tossico. Provoca irritazioni gastrointestinali.


Descrizione

È uno di quei funghi molto comuni che ti fanno pensare “….se fosse buono da mangiare, avrei già riempito il cestino!”. Cresce in numerosi esemplari spesso in cerchi delle streghe che si notano facilmente, quando sono giovani, per il loro colore nocciola chiaro lucente che contrasta con l’erba o il sottobosco opaco. Ha uno sgradevole odore rafanoide .

Cappello diametro fino a 70 mm, prima convesso in seguito piano-convesso con largo e basso umbone, margine involuto nei giovani esemplari, poi intero; superficie pileica liscia e viscida all’inizio poi di aspetto glassato che tende a screpolarsi e a formare delle macchie ocra con il secco, di colore ocra più o meno carico, a volte fulvastro, più chiaro verso il bordo; margine involuto e pruinoso, biancastro, senza resti di velo.

Lamelle sub-ventricose, annesse, abbastanza fitte, intercalate da lamellule, di colore biancastro poi più scure, alla fine marrone per la maturazione delle spore, con filo lamellare discontinuo più chiaro, finemente crenulato, ricoperto da goccioline ialine nei giovani esemplari, che, a maturità, lasciano residui a forma di macchiette scure.

Gambo 40-80 x 10-15-(20) mm, cilindrico, diritto, o anche ricurvo in basso, base da claviforme a bulbosa, pieno, di colore biancastro, tendente a macchiarsi di ocraceo verso la base negli esemplari maturi; pruinoso, ornamentato da piccole fioccosità biancastre su tutta la sua lunghezza.
Carne soda nel giovane, bianca, ocracea negli esemplari maturi, soprattutto nella zona corticale dello stipite; odore rafanoide, sapore amaro.

Cresce nei boschi di latifoglie, sotto quercia e castagno, ma anche in parchi e giardini, o ai bordi di strade, nell’erba.

Spore 10-13 x 6-8 micron, amigdaliformi, alle volte con leggera papilla apicale,

Possibilità di scambio

Si può confondere con Hebeloma sinapizans (vedi scheda nº29), simile nell’aspetto esteriore, ma che presenta alla sezione una compenetrazione a punta della carne del cappello nella carne del gambo, a differenza di Hebeloma crustuliniforme, dove la carne si presenta uniforma. Spesso viene anche confuso con alcune specie dotate di lamelle lacrimanti. Fra queste H. leucosarx, frequente sotto Salix, con spore poco ornamentate, gialle al microscopio e H. colossus, con spore obovoidi o largamente amigdaliformi.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 249;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 799;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 92;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 115;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 714;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 108, tav. 32/2 n. 380;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.257 n. 769;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 173.

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1902;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 179, tav. pag. 185;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 57;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 633;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 106, tav. 33 n. 916;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 519, fig. 86/5;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 158 n. 390;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 63;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 136;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pag. 48;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 250;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 136;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 356;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag.247;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 181 tav. 25;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1 pag. 442;

Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 213, pag. 288;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 339;

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag. 14-15, fig. 1;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 196;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 359;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 624, foto 259;

Phillips R: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 147;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 196;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 136;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 256;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 139;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 78, foto 63;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 136;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 177;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 147;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 125;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 64;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 228;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 298;

Bozak Romano: Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, pag. 150.

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 108;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 170;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 127;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag.274, tav. 94 e pag. 275 tav. 95;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 461;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 607, tav. 849;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 274, foto 374;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 237, foto 165;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 306 n. 993;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 433, tav. 119;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 207;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 279;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 257;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 181, Iconografia n. 281;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 194;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 136, tav. 6/15;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 187;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 67;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 646;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 590;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 158;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 287;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 110 , foto 105;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 222;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 100;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 88;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 170;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 290;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 257;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 255;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 131;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.354 n. 977;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 157;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 5, pag. 172, n. 515.

(Gianfranco Sperati)

 

Scheda n. 398      -      Maggio 2013      -       Riferimento _n. 1001




HEBELOMA SACCHARIOLENS Quèlet 1879




Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Hylophila sacchariolens (Quèl.) Quèlet (1886)
Volg. : Ebeloma odoroso


Etimologia

Hebeloma = con l'orlo peloso (dal greco hèbe = peluria della pubertà, e lomà = orlo),
sacchariolens = con l'odore di zucchero, di dolce (dal latino sàccharum = zucchero, e òleo = odoro, mando odore)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales,, Famiglia: Cortinariaceae, Tribù: Hebelomeae, Genere: Hebeloma, Sottogenere: Hebeloma, Sezione: Denudata, Sottosezione: Sacchariolentia, Specie: sacchariolens.


Commestibilità

Specie non commestibile per il sapore sgradevolmente amaro e rafanoide della carne.


Descrizione
 

È un piccolo fungo che si riconosce facilmente per lo spiccato e gradevole odore di fiori d'arancio, cui peraltro fa riscontro il sapore sgradevole della carne.
Il cappello misura 20-55 mm di diametro ed è campanulato-convesso nei primi stadi di sviluppo poi convesso, ottusamente umbonato; il margine non è quasi mai regolare, ma molto spesso sinuoso-ondulato; il rivestimento è liscio e glabro, con aspetto quasi viscoso o quantomeno untuoso; il colore della cuticola è bruno chiaro-giallastra, oppure giallastro-ocra, ma sempre più chiara, se non addirittura biancastra, al margine.
Le lamelle sono sinuato-adnate, mediamente fitte, larghe e subventricose, intercalate da numerose lamellule di diversa lunghezza; il filo lamellare è flocculoso-crenulato ed asciutto, il colore va dal crema-ocra all'ocra-brunastro per la sovrapposizione delle spore mature.
Il gambo misura 45-70 x 3-7 mm ed è di forma subcilindrica, prima pieno poi fistoloso, biancastro nei primi stadi di crescita, poi inizia ad imbrunire a partire dalla base, sia all'esterno che all'interno, pruinoso nella parte apicale, per il resto liscio o molto minutamente fibrillato.
La carne, abbastanza esigua è più spessa sotto la zona discale, biancastra, di consistenza fibrosa, con sapore rafanoide ed amarognolo, odore marcato di zucchero bruciato o di fiori di arancio.
Le spore misurano 15-18 x 5,5-7,5 micron e sono verrucose, fusiformi, brunastre-ocra in massa.
Cresce preferenzialmente sotto Salix sp., ma latifoglie in generale, dall'estate inoltrata al periodo tardo autunnale, soprattutto in luoghi particolarmente umidi.
 

Possibilità di scambio

Come già detto in precedenza è una specie abbastanza comune e presenta una colorazione monotona, ma separarlo dagli altri Hebeloma è piuttosto semplice proprio per l'odore descritto.


Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 804 n. 3303;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 93;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 719;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 110 n. 388 in nota;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 259 n. 776;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 106 n 915, tav. 33;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 519, fig. 257;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 126, tav. 81/1;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 3, pag. 129, foto n. 929;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 357;
Rinaldi A., Tyndalo V., Pace G. e G. : L'Atlante dei funghi, Ed. A. Mondadori, Milano, 1972, pag. 66;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 246, fig. 380;
Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 453;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 340;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 360;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 256 in nota;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag.178;
A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 147;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. 1, tav. 81/1;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 228;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 171;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 127;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 604, tav. 847;
Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 373;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 308 n. 1001;
Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 434, tav. 120;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 208 in nota;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 182;
Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 282;
Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 258;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 188;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 90, foto 120;
Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 223;
Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 263;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 254 n. 678;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 238;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 860 in nota.



(Gianfranco Sperati)