Hydnellum

undefined

Scheda n. 264 - Ottobre 2011 - Riferimento n. 71




HYDNELLUM FERRUGINEUM (Fr. : Fr.) Karsten 1821


264. Hydnellum ferrugineumFoto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Hydnum ferrugineum Fries 1815, Calodon ferrugineum P. Karsten 1821, Hydnum carbunculum Secretan 1833, Phellodon ferrugineum Schröt, Hydnellum sanguinarium Banker 1906, Calodon hybridus Lindau 1911, Hydnellum hybridum Banker 1913, Hydnellum pineticola Harrison 1964.

Volg. : Dentino ferruginoso

Etimologia

Hydnellum = piccolo Hydnum (dal greco hùdnon = tartufo)

ferrugineum = ferruginoso, color ferro.

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Thelephorales, Famiglia: Thelephoraceae, Genere: Hydnellum, Specie: ferrugineum.

Commestibilità

Non commestibile.

 

Descrizione

Cresce isolato o in gruppetti a volte saldati tra loro alla base ed è un basidiomicete facilmente identifi-cabile da giovane perché la superficie superiore del carpoforo si può presentare ricoperta da essudazioni vermiglie simili a goccioline di sangue. La stessa caratteristica si può trovare anche in Hydnellum peckii Banker che tuttavia differisce da H. ferrugineum perché la carne ha un sapore acre e pungente.

H. ferrugineum ha la tipica forma turbinata, a cono, con la punta infissa nel terreno. La parte pileica superiore, inizialmente semi emisferica e bianca, trasuda, soprattutto col tempo umido, delle goccioline acquose di color rosso che successivamente, seccando, divengono brunastre mentre il margine rimane bianco o biancastro. Il diametro può raggiungere i 10 cm. Da adulto il c.d. cappello è irregolarmente gibboso, rugoso, solcato radialmente e feltrato-tomentoso.

La parete imeniale è costituita da una massa di corti aculei (idni), ineguali, fragili, decorrenti, prima bianchi, poi carnicini e infine della stessa tinta del cappello.

Come il resto del carpoforo, anche il gambo, durante la crescita, ingloba aghi di pino o residui vegetali. La sua consistenza, coriacea e un po’ elastica. è simile a quella del sughero (consistenza suberosa). E’ irregolare, tomentoso, spugnoso alla base, dello stesso colore del cappello o di poco più scuro.

La carne è suberosa, appena un po’ spugnosa quella del cappello, concentricamente zonata, bruno rossastra più o meno chiara. Odore debole, farinoso, sapore dolce. A contatto con la potassa la carne assume subito una colorazione violetta che diviene poi, poco a poco, verde olivacea.

Al microscopio le basidiospore appaiono arrotondate ma con grossolane protuberanze e quindi quasi angolose, di color bruno chiaro come la relativa sporata. Le dimensioni sono 4,5 / 6, 5 x 4 / 5,5 μm.

Nella tarda estate e in autunno si può trovare con facilità nei boschi montani di aghifoglie; è un po’ più raro nei boschi misti o di latifoglie.

 

Possibilità di scambio.

L’ Hydnellum peckii Banker, con il quale a lungo è stato confuso, differisce soltanto per avere un sapore piccante. Altre specie simili del ganere Hydnellum sono l’ H. concrescens (Pers. : Schw.) Banker, le cui fruttificazioni di color castano sono fortemente stipitate, l’ H. scrobiculatus (Fr.) Karsten di più modesta taglia e l’ H. spongiosipes (Peck) Pouzar dalla superficie pileica bruno cannella, gobbosa e con pieghe irregolari. La corretta determinazione delle 16 specie del genere Hydnellum richiede una approfondita indagine microscopica.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 403;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 438;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 433;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 1053;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 634 n. 2151;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, tav. 3, pag. 306;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 223; ;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.287, fig. 98;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 148 n. 362;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 327;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 290;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 196;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 324;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 4, pag. 92, tav. 344;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.303;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 94;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 87;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 464;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 388, foto 334;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 203;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 493, tav. 474;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1987, collez. 6, tav. 276;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 50;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 253;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 183;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 188;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 241, foto 320a;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 138 n. 71;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 91;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 125;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 111;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 64;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 366

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 271;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 237;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 243 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 33 in nota;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1427 ;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 72;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 224, foto 262;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 41;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 568;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 214;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.526 n. 1468.

(Sandro Ascarelli)

 

 

Scheda n.326      -         Luglio 2012        -       Riferimenti n. ----
HYDNELLUM CONCRESCENS (Pers. : Schw.)Bauker 1906




hydnellum_concrescens_gs1_20120619_2061419840.jpg





foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Hydnum zonatum Batsch (1783), Hydnum cyathiforme var. zonatum (Batsch) Schrader (1794), Hydnum concrescens Persoon (1796), Hydnum vespertilio Berkeley (1854), Hydnum queletii Fries, in Quélet, (1872), Hydnellum zonatum (Batsch) P. Karsten (1879), Hydnellum queletii (Fr.) P. Karsten (1879), Calodon zonatus (Batsch) P. Hydnum zonatum Fries (1838), Hydnum candicans Fries (1838), Hydnum queletii Fries in Quélet (1872), Phaeodon zonatus (Batsch) J. Schröter 1888, Karsten (1882), Phaeodon zonatus (Batsch) J. Schröt., in Cohn, (1888), Hydnum fasciatum Peck, (1888), Calodon fasciatus (Peck) Patouillard (1900), Hydnellum parvum Banker, (1913), Phellodon fasciatus (Peck) Banker (1913), Hydnellum vespertilio (Berk.) Banker, (1913), Hydnum spathulatum Lloyd, (1919), Hydnum parvum (Banker) Trotter, (1925), Hydnellum fasciatum (Peck) Coker & Beers, (1951), Hydnellum zonatum f. vespertilio (Berk.) Coker & Beers, (1951), Hydnellum velutinum var. zonatum (Batsch) Maas Geest., (1957), Hydnum scrobiculatum subsp. zonatum (Batsch) S. Lundell (1959), Hydnellum scrobiculatum var. zonatum (Batsch) K.A. Harrison, (1961), Hydnellum subsuccosum K.A. Harrison, (1964), Hydnellum scrobiculatum f. parvum (Banker) D. Hall & D.E. Stuntz, (1972).

Volg. : Dentino zonato
Etimologia
Hydnellum = piccolo Hydnum (dal greco hùdnon = tartufo)

concrescens
= che cresce insieme (per la caratteristica che hanno i suoi esemplari di crescere contemporaneamente e a volte di saldarsi tra loro)
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Thelephorales, Famiglia: Thelephoraceae, Genere: Hydnellum, Specie: concrescens.
Commestibilita'

Non commestibile per la carne estremamente coriacea.

Desrizione

Come tutte le specie della famiglia Hydnaceae, anche questa si caratterizza per avere l'imenoforo costituito da aculei; tali appendici variano di lunghezza e di colore da specie a specie e sono facilmente asportabili. Spesso questi funghi assumono l'aspetto di trottole.
Il cappello, di 40-65 mm di diametro, a forma irregolarmente arrotondata, generalmente depresso, presenta zonature concentriche e margine sottile e ruvido, come il resto della superficie, mentre è più rugoso nella zona discale; il colore varia dal roseo-vinoso al bruno-fulvo-rossastro.
L'imenoforo è costituito da appendici coniche decorrenti, molto fitte e sottili, di 1-3 mm, di colore biancastro, poi rosa ed alla fine bruno-porporine.
Il gambo misura 15-45 x 3-9 mm ed è cilindrico, per lo più centrale, a volte rastremato in basso, oppure allargato, di aspetto opaco e di colore abbastanza simile a quello della superficie del cappello; inferiormente sono presenti delle ife ingrossate (rizomorfe) di colore bruno-nerastro.

La carne è sottile, debolmente zonata, dura e tenace, di colore vinaccia scuro, tranne che verso la base dello stipite, dove assume tonalità grigio scuro-fuligginose; odore debolmente farinoso oppure di cetriolo appena tagliato, il sapore è amarognolo-astringente.
Le spore, di 5,5-6 x 4-4,5 micron, sono gibbose, ovoidali e brunastre in massa.
Cresce in estate ed in autunno inoltrato sulla lettiera sia di latifoglie che di aghifoglie, inglobante i detriti vegetali costituiti da foglie, aghi di pino e persino piccoli ramoscelli.

Possibilita' di Scambio

Si può confondere con H. peckii Banker, che però emette goccioline rosse soprattutto nello stadio giovanile ed ha sapore piccante; con l' H. scrobiculatus (Fr.) Karsten di più modesta taglia e con la superficie del cappello accidentata da tubercoli e scrobicoli e con H. spongiosipes (Peck) Pouzar dalla superficie pileica bruno cannella, gobbosa e con pieghe irregolari e, soprattutto con il gambo inguainato da feltro miceliare. Anche tutte le specie suddette sono senza valore alimentare.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 405;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 441 n. 6653;

Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 413;

Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadolia-ne, Trento, 1982, tav. 1056;

Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 160 n. 1385, tav. 48;

Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 288, fig. 83/11;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 58 n. 98;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 5, pag. 527, foto n. 2037;

Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.303 in nota;

Dermek A.
: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 52, pag. 126;

Phillips R.
: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 244;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 244;

Julich W.
: Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 254;

Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 188;

Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 192 n. 247;

Zuccherelli A.
: I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 44 , foto 28;

Brotzu R.
Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 607, foto 473;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 124;

Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 125;

Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 69;

Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 152;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 244 in nota;

Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 338, foto 115;

Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 3, pag. 1429;

Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 222, foto 261;

Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 41;

Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 267;

Gennari A.
: Funghi, Arezzo, 2005, pag. 533;

Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 2004, collez. 23, tav. 1121;

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 240;

Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 141, n. 730.

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 998.

(Gianfranco Speratii)

Scheda n. 488       -        Giugno 2014        -        Riferimento Pag. 61



HYDNELLUM AURANTIACUM (Batsch) Karsten 1879



hydnum aurantiacum 20141007 1004382190
Foto di Sandro Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso Genere



Sinonimi

Hydnum suberosum var. aurantiacum Batsch (1789), Hydnum aurantiacum (Batsch) Albertini & Schweinitz (1825), Hydnum stohlii Rabenhorst (1872), Hydnellum aurantiacum var. aurantiacum (Batsch) P. Karsten (1879), Calodon aurantiacus (Batsch) P. Karsten (1881), Phaeodon aurantiacus (Batsch) j. Schröter (1888), Hydnellum complectipes D. Hall (1972), Hydnellum complectipes var, complectipes D. Hall (1972), Hydnellum complectipes var, disjunctipes D. Hall (1972), Hydnellum aurantiacum var. bulbipodium D.Hall & D.E.Stuntz (1972), Hydnellum aurantiacum var. colliculosum D.Hall & D.E.Stuntz (1972), Hydnellum aurantiacum var. macrosporum G.Y.Zheng & Z.S.Bi (1986).
Volg. : Dentino aranciato


Etimologia

Hydnellum = piccolo Hydnum (dal greco hùdnon = tartufo)
aurantiacum = aranciato, attinente alle arance (dal latino malum aurantium = arancia)


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Thelephorales, Famiglia: Thelephoraceae, Genere: Hydnellum, Specie: aurantiacum.


Commestibilità

Non commestibile per la sua carne dura e coriacea.


Descrizione

Del genere Hydnellum o Calodon si conoscono in Europa una dozzina di specie con ricettacoli terricoli o lignicoli, la cui carne è sugherosa e tenace, più o meno zonata e con l'imenoforo costituito normalmente da aculei.
Dei basidiomi che compongono il genere, quello che più facilmente si può identificare è .Hydnellum aurantiacum per il colore vistosamente aranciato che, soprattutto all'inizio, appare in ogni sua parte, anche nella carne all'interno del carpoforo.
Il cappello ha un diametro che di norma non supera i 7 centimetri, irregolarmente turbinato o depresso al centro e con margine ampiamente lobato. Superficie inizialmente feltrata, di colore aranciato (giallo-arancio fino a arancio-bruno), che schiarisce verso l'orlo fino ad assumere tonalità biancastre, debolmente e concentricamente zonato.
L'imenio è formato da aculei decorrenti, dapprima biancastri poi da rosso-arancio fino a color ruggine, ma sempre con le punte per lungo tempo biancastre.
Il gambo è corto e tozzo, spesso eccentrico, rastremato verso l'estremità inferiore, liscio, pieno, feltrato, arancione chiaro nell'esemplare giovane, arancio-brynastro in quello maturo.
Carne marcatamente suberosa e fibrosa, all'inizio biancastra o giallina, poi aranciata e via via più scura verso la parte inferiore del gambo. Odore debole, aromatico, sapore farinoso.
Spore gibbose, ellissoidali, verrucose, 4,5 / 6,5 x 4 / 5 micron. Sporata giallo-ocra.
E' una specie terricola che dall'estate all'autunno può rinvenirsi soprattutto nei boschi montani di aghifoglie, talora in più esemplari anche confluenti. Poco comune.


Possibilità di scambio.

Hydnellum ferrugineum /Fr.) Karsten (vedi scheda n.264) ha colori brunastri, privi di toni aranciati: Molto spesso ha il cappello decorato da essudazioni formanti gocciole rosso vivo e ragisce al viola a contatto con KOH. La corretta determinazione delle 16 specie del genere Hydnellum richiede una approfondita indagine microscopica.


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 403;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 438 n. 6644;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 442;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931,Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1051;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 634 n. 2150;
.Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1827;
Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 604;
Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 160, n. 1378, tav. 48;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.286, fig. 98;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 58 n. 97;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 597, foto n. 763;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag.148, tav. 289;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 195;
Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 94;
Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 431, foto 479;.
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 84;
Goidanich G. & Govi G. - Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 461;
Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 384, foto 332;
Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 227;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 204;
Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 255;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 105;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 188;
Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 186, foto247b;
Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 606 n. 472;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 61;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 69;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 241;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 925;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 220, foto 257;
Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 266;
Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 568;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.526 n. 1467;
Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 241;
Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 7, pag. 138, n. 728;
Essartier G. & Roux P. : Le guide des champignons Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 998 in nota;.
Bellù F. & Veroi G. : Per non confondere i funghi, Casa Editrice Panorama, Trento, 2014, pag. 188.




(Sandro Ascarelli)