Pholiota

undefined

Scheda n. 265 - Ottobre 2011 - Riferimento n. 1257

 

 

PHOLIOTA HIGHLANDENSIS (Peck) Smith 1968

265. Pholiota highlandensisFoto G. Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia


Sinonimi

Flammula highlandensis (Peck) Peck 1872, Gymnopilus highlandensis (Peck) Murrill 1917, Pholiota highlandensis (Peck) Singer 1953, Pholiota highlandensis Quadraccia & Lunghini 1990, Pholiotina carbonaria (Fr.) anon., Flammula carbonaria (Fr.) Kummer 1871, Flammula carbonaria (Fr.) Quélet 1872, Inocybe carbonaria (Fr.) Roze 1876, Pholiota carbonaria (Fr.) Singer 1951, Agaricus carbonarius Fr. 1818, Gymnopilus carbonarius (Fr.) Murrill 1912, Flammula carbonaria var. gigantea J.E. Lange 1940, Flammula gigantea (J.E. Lange) M.M. Moser, Pholiota luteo badia A.H. sm. & Hesler 1968.

Volg. : Flammula delle carbonaie, Foliota scozzese

Etimologia

Pholiota = orecchio squamoso, dal greco pholís squama e oús, otós orecchio (cappello), per la presenza di squame sul cappello;

highlandensis = da Highlands, nome della regione montagnosa del nord-ovest della Scozia.



Sistematica

Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales, Famiglia: Strophariaceae, Tribù: Pholioteae, Genere: Pholiota, Subgenere: Lubricula, Sezione: Spumosae, specie: highlandensis.

 

Commestibilità

Si tratta di un fungo non commestibile perché amaro.

Descrizione

Se passi in un bosco che l’anno prima ha subito un incendio, come per incanto, lo trovi tappezzato da questi funghi germinati come per magia, con i loro cappelli bruno-rossastri lucenti, rivelanti una spinta vischiosità ed i loro gambi decorati da vistose zebrature giallastre.

Il cappello misura 30-70 mm di diametro, da emisferico a convesso nel giovane diviene convesso-spia-nato ed infine da leggermente umbonato a piano; margine prima involuto poi regolare ma curvato verso il basso e recante deboli tracce di residui bianchi del velo; la superficie pileica, leggermente de-bordante, è liscia e vischiosa con tempo umido, lucida e brillante con il secco, colorata di giallo-bruno o bruno-rossastro-laterizio, costantemente più chiara al margine.

Le lamelle sono adnato-smarginate per un dentino, fitte, frammiste a numerose lamellule di varia lunghezza, dritte o un poco ventricose con filo finemente seghettato, da giallo chiaro a color cannella a causa delle spore.

Il gambo misura 30-80 x 4-8 mm, cilindrico, pieno nel giovane poi farcito ed infine cavo, bianco al di sopra di una zona pseudoanulare cortiniforme piuttosto evidente, diviene color cannella per la sovrapposizione delle spore; al di sotto di essa è ornato da fini squamette gialle che con l’età assumono l’aspetto di una zebratura color cannella sempre per effetto delle spore cadutevi sopra.

La carne è esigua ma elastica nel cappello, fibrosa nel gambo; biancastra, con odore fungino e sapore amaro.

Le spore misurano 6,5-8,3 x 4-5 micron e sono ellisso-ovoidali; di colore bruno-ruggine in massa.

Cresce gregario dalla primavera all’autunno, tipicamente su terreno bruciato con residui carboniosi, prevalentemente ad esemplari singoli ma non è raro ritrovarla cespitosa in gruppi numerosi.

Possibilità di scambio

Può somigliare ad altri funghi antracofili, come Hebeloma anthracophilum, che è poco vischioso e privo della zona pseudoanulare. In alcuni esemplari giovani l’apice del gambo può assumere un colorito giallastro simile a quello di Hypholoma fasciculare (vedi scheda n. 253).

Soprattutto gli esemplari cespitosi possono essere scambiati per Armillaria mellea (vedi scheda n. 30), ma il cappello non vischioso, la presenza di punte scagliose in giovane età, quella di un anello molto evidente e persistente, l’osservazione della polvere sporale bianca ed, infine, la crescita su resti d’incendio tolgono ogni dubbio.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 252;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 817;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 156;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 4, tav. 775;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 183, n. 620, tav. 58/3;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.317 n. 989;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 107, tav. 33 n. 921;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 529, fig. 264;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 206, n. 529;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 62;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 155;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav.109;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 363;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 311;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1, pag. 316;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 301;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 319;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 713, foto 189;

Phillips R. : Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 146.

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 222;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 145;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 473;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 74, foto 59;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 170;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, tav. 188;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 146;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 107, tav. 61;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 198, fig. pag. 253 n. 221;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 258;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 157;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 140;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 581, tav. 824;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 250, foto 339;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 226, foto 154;;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 352 n. 1257;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 182;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 258;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 186, Iconografia n. 293;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 69;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 194;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 93;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 53;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 707;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 238;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 275;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 334, foto 427;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 172;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 157;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 338 ;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 305;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 422;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 292 n. 792;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 158 in nota;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 370;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 118, n. 384.

Monografie

Holec J. : The genus Pholiota in central and western Europe, Verlag, 2001, figg. 26, 27, pag. 113-118.

 

(Gianfranco Sperati)

Scheda n.324      -         Luglio 2012        -       Riferimenti n. 1251
PHOLIOTA FLAMMANS (Batsch : Fr.) P. Kummer 1871





pholiota_flammans_1_20120619_1795377687.jpg






foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Agaricus flammans Batsch (!783), Pholiota flammula Schweinitz 1805, Dryophila flammans (Batsch) Quèlet (1886), Hypodendron flammans (Fr.) Murrill (1912), Pholiota kauffmaniana A.H.Smith (1944).

Volg. : Flammula fiammante
Etimologia
Pholiota = orecchio squamoso, dal greco pholís squama e oús, otós orecchio (cappello), per la presenza di squame sul cappello;
flammans
= fiammante, fiammeggiante (dal latino), per i colori sgargianti.
Sistematica
Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Cortinariales, Famiglia: Strophariaceae, Tribù: Pholioteae, Genere: Pholiota, Subgenere: Pholiota, , Specie: flammans.
Commestibilita'
Si tratta di un fungo non commestibile perché amaro.
Descrizione

Fungo saprotrofo, raro, che si può occasionalmente trovare su ceppi di conifere di montagna (prevalentemente Abete rosso) e che attira l'attenzione per il colore, da giallo dorato a giallo aranciato dell'intero carpoforo.
Cresce in maniera fascicolata, in diversi esemplari riuniti alla base che si innesta nel legno ormai morto.
I ricettacoli hanno all'inizio un cappello piuttosto piccolo e convesso; successivamente possono raggiungere dimensioni maggiori ed un diametro i circa 7 o 8 centimetri, rimanendo tuttavia piuttosto semiemisferici. Il margine è sottile, ricurvo su se stesso, privo di striature, frangiato per i residui del giallo velo generale. La cuticola è inizialmente umida e vischiosa, poi asciutta, brillante, giallo dorata o fulvo-arancio sulla quale sono disposte squame concolori, lanceolate e più abbondanti nella zona discale, più o meno erette e destinate a cadere negli esemplari vecchi.
Le lamelle sono fitte, intervallate da lamellule, non forcate, arcuate, unite con un dentino al gambo sul quale decorrono per un breve tratto. Presentano una discreta variabilità cromatica, dal giallo limone al giallo sulfureo, poi giallo olivastro per imbrunire in maturità.
Il gambo presenta un lieve rigonfiamento verso la base, lì dove i carpofori si riunisco-no a fascio per inserirsi nel legno. La superficie è liscia e fioccosa nella parte alta, poi ricoperta di squame ricurve, dense, concolori, nella parte situata al di sotto di un anello effimero, fiocconoso nella pagina inferiore e liscio e brunastro per la sovrapposizione delle spore in quella superiore.
Carne sottile, compatta ed elastica quella del cappello, fibrosa quella del gambo, gial-lastra ma tendente ad imbrunire lentamente. Reagisce al solfato di ferro divenendo verdastra. Odore fruttato, un poco rafanoide, sapore amarognolo.
Al microscopio le spore appaiono cilindrico-ellissoidi, prive di poro germinativo ma fornite solo di un apiculo puntiforme, bruno-giallastre e misuranti 4 / 5 x 2,2 / 2,5 μm. Polvere sporale in massa: ocra-ruggine.
Cresce dall'estate all'autunno su legno degradato di conifere o su ceppaie, prevalente-mente in zone montane, in piccoli gruppi fascicolati. Per la sua rarità è una specie da proteggere.

Possibilita' di Scambio

Condivide lo stesso habitat e denota una struttura più o meno simile Pholiota squarrosa (Weigel : Fr.) P. Kummer ma ha una colorazione generale giallo verdognola e suqame tendenti ad imbrunire rapidamente. Il micologo M. Moser ha recentemente creato una specie nuova, denominata Pholiota flammuloides che differirebbe da Ph. Flammans per avere un cappello mediamente più piccolo, un gambo alto fino a 20 centimetri, delle lamelle smarginate e spore grandi e reniformi

Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 244;

Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol . 5, pag. 753 n. 3109;

Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 160;

Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 176 n. 600, tav. 55/5;

Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.120 n. 287;

Michael E. e Schulz R:
: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, pag. 177;

Habersaat E.
: Schweizer Pilzflora, Verlag Hallwag A.G., Berna, 1945, pag. 165 n. 321, tav. 47/2;

Moreau F.
: Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1886;

Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 85 n. 721, tav. 26;

Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.527, fig. 139;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 146 n. 354;

Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, pag. 115, foto n.454;

Peyrot A. & Cortin B.
: Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 127 n. 135;

Marchand A
: Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 6, pag. 178, tav. 587;

Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 361;

Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 327 n. 517;

Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 299;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 193;

Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 317;

Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 715, foto 185;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M.
: Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 220;

Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 266 in nota;

Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1986, collez. 5, tav. 242;

Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 169;

A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 145;

Pandolfi M. e Ubaldi D.
: Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 173;

Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 256;

Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 285;

Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 264;

Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 139;

Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 1016 n. 1383;

Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 350 n. 1251;

Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 405, tav. 109;

Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 257;

Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 185;

Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 236;

Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 322;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 706;

Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 832, foto 531;

Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 236;

Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 274 n. 378;

Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 332, foto 424;

Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 170;

Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 334;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 288 n. 784;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 291;

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 171.

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 369;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 686.

(Sandro Ascarelli)