Osteina

undefined

Scheda n. 266 - Ottobre 2011 - Riferimento pag. 39

OSTEINA OBDUCTA (Bark.) Donk 1966

 

266. Osteina obducta Foto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Polyporus obductus Berkeley 1845, Polyporus osseus Kalchbrenner 1865, Grifola obduscta (Berk.) Aoshima & Faruk 1963, Oligoporus obductus Gilbert & Ryvarden. 1985.

Volg. Poliporo osseo

Etimologia

Osteina = ossicino (dal latino os, ossis = osso ) ?

obducta = ricoperto, incrostato (dal verbo latino obduco)

 

Sistematica

Regno : Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomy-cetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Polyporales, Famiglia: Fomitopsidaceae, Ge-nere: Osteina, Specie: obducta..

Commestibilità

Non commestibile.

 

Descrizione

Il nome specifico del sinonimo Polyporus osseus rende bene l’idea: si tratta infatti di un basidiomicete a tubuli e pori che per il colore bianco e per la carne che, essiccando, diviene molto dura, può far pensa-re ad un osso attaccato al legno, vivo o morto, di un albero.

Il cappello, spesso saldato con quello dei carpofori più vicini e concresciuti da un unico stipite, è arro-tondato irregolarmente e presenta un margine sottile e ondulato. La superficie è appiattita, talora depressa al centro, liscia, glabra, da bianco candido a bianco avorio o bianco crema.

La parete imeniale, è costituita da corti tubuli non separabili dalla carne, che terminano in piccoli pori bianchi arrotondati, in parte decorrenti sul gambo.

Il piede, piuttosto corto e tozzo, è spesso eccentrico e tende a ramificarsi più volte in modo da disporsi come base per diversi carpofori cespitosi e concresciuti. Anche il gambo è biancastro.

Carne bianca, inizialmente coriacea ma elastica poi dura come ossa e di consistenza cornea. Odore fungino.

Basidiospore ialine, lisce, non amiloidi, con pareti sottili, di forma cilindrica (4,5 / 7 x 1,5 / 2,5 micron), leggermente piegate e con evidente poro germinativo. Sporata bianca

Specie lignicola, poco comune, annuale, cresce in estate su tronchi o su ceppaie di aghifoglie (soprattutto larici ed abeti) raramente su legno di latifoglie (querce e betulle).

E’ agente di carie brunastra.

 

Possibilità di scambio.

E’ simile, per il colore bianco degli sporofori, ad alcune specie del genere Poria, in particolare Poria styptica (Pers.) Julich (crescente su legno ammalo rato di conifere di montagna) e Poria floriformis (Quel.) Julich (simbionte esclusivo di Pinus pinea). Ambedue queste specie hanno carne di consistenza molto più tenera ed un sapore amarognolo ed astringente.

 

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 101;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 404;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 974;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 578 n. 11911;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 549, foto n. 730;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 3, pag. 102, tav. 248;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 472, foto 461;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, pag. 262;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 425;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 327;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 277;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 205, foto 263;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 59;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 912;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 115

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 324, foto 413;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 277.

Monografie:

Bernicchia A. : Polyporacese s.l. in Italia, Ist. di Patologia Vegetale, università degli Studi di Bologna, 1990, pag. 348.

 

(Sandro Ascarelli)