Disciotis

Scheda n. 278     .     Dicembre 2011     .     Riferimento 11

DISCIOTIS VENOSA (Pers. : Fr.) Boudier 1893

 

278. Disciotis venosaFoto G. Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere

 

Sinonimi

Helvella cochleata Wulfen 1781, Peziza cochleata (Wulfen) Bull. 1791, Peziza venosa Pers. 1801, Discina venosa (Pers.) Fries 1882, Peziza reticulata Grev. 1825, Discina reticolata (Grev.) Sacc. 1889, Disciotis venosa var. reticulata (Grev.) Boud. 1899.
Volg.: Peziza venosa

 

Etimologia

Disciotis = orecchio a forma di disco (dal latino discus = disco, e dal greco ous, otòs = orecchio)

venosa = percorsa da vene (riguarda il fondo del disco) (aggettivo latino).

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Ascomycotina, Classe: Hymenoascomycetes, Subclasse: Pezizomycetideae, Ordine: Pezizales, Famiglia: Morchellaceae, Genere: Disciotis, Specie: venosa.

 

Commestibilità

È un fungo velenoso da crudo ma che diviene commestibile dopo una prolungata cottura.

 

Descrizione

È un fungo saprofita che si incontra in primavera lungo i corsi d’acqua o nelle zone umide o acquitrinose soprattutto sotto alberi igrofili, nascosto dalle grandi foglie, 60-70 cm, del Farfaraccio (Petasites hybridus), assieme a Morchella crassipes ed a Mitrophora semilibera.

Misura 80-150 mm di diametro ed è costituito da un apotecio a forma di tazza, prima ampia poi più o meno distesa con i lembi poggiati sul terreno e con un gambo molto corto, costolato e svasato in alto. Nella superficie interna è distesa la parte fertile (l’imenoforo) di colore marrone-brunastro con sfu-mature violacee al centro; si presenta corrugata in modo irregolare a causa di venature rilevate dispo-ste senza un vero ordine apparente e spianata in prossimità del margine; la superficie esterna  è granu-loso-forforacea, molto più chiara, con tonalità crema-ocraceo.

Il gambo è biancastro sporco, molto corto, rudimentale, leggermente costolato e svasato verso l’apice.

La carne, spessa fino a 5 mm, è fragile e cassante, di colore crema-ocra pallido, con forte odore di cloro che sparisce con la cottura o con l’essiccamento.

Le spore 18-25x13-15 micron, largamente ellittiche, ialine, biancastre in massa.

Spunta ai primi di marzo al livello del mare ed alla fine di aprile collina e in montagna solitario o a piccoli gruppi e, come si è già detto, predilige zone acquitrinose, spesso in presenza di Fraxinus excelsior e di Petasites hybridus.

 

Possibilità di scambio

Può essere confuso con Discina perlata, fungo considerato senza valore alimentare, che cresce su terreni umidi ma è privo di odore di cloro e cresce sotto aghifoglie.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 2, pag.46;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 8, pag. 104;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 1198;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 26, tav. 1;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol- 3, pag. 370;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag.1577;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 261;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 180;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 488;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.220, ta. 4/1;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav.311A;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 823;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 219;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 363;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 208, tav. 95;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav.47;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol  2, pag. 106;

Dermek A. : Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 20, pag. 94;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 330,  foto 621;

Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 265;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 16;

Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 265;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 238;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 264;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 200;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 326;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 17;

Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 300; pag. 380;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 149;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 216;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1992, collez. 11, tav. 516;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 90, tav. 82;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 324, foto 942;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 130 n. 16;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 55;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 288, Iconografia n.494;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 121;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  63;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag.  417;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 404;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 265;:

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 97;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 311, foto 74;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 32;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 1, pag. 59,  foto  10;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 328;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 34;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 640;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 244;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag.278 in nota;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 543.

 

(Gianfranco Sperati)