Scheda n.301       -         Marzo 2012        -       Riferimenti n. 256
HYGROPHORUS EBURNEUS (Bull. : Fr.) Fries 1838
hygrophorus_eburneus_20120426_1413377085.jpg





foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Agaricus lacteus Schaeffer 1762, Agaricus eburneus Bulliard 1791, Fries 1821, Agaricus nitens Krombholz 1843, Limacium eburneum Schroeter 1889.
Volg.: Igroforo color avorio..

Etimologia
Hygrophorus = portatore di umidità (dal greco Hugro = umido e dal latino fero = porto)
eburneus =
eburneo, d'avorio (dal latino), per il colore del carpoforo
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrophorus, Subgenere: Hygrophorus, Sezione: Hygrophorus ,Sottosezione: Eburnei, Specie:eburneus.
Commestibilita'
Non commestibile.
Descrizione
E' sicuramente difficile riuscire a distinguere le singole specie degli Igrofori raggrup-pati nella sottosezione Eburnei e cioè di quegli Igrofori aventi una colorazione bianca o avorio, tutt'al più con qualche sfumatura giallastra o ocracea al disco. Anche tra gli Autori persistono disparità di vedute e divergenze tassonomiche. La distinzione di Hy-
grophorus eburneus
dalla altre specie del medesimo gruppo (vedi "possibilità di scambio") potrebbe essere facilitata dalle seguenti osservazioni: 1) cappello e gambo rivestiti da glutine soprattutto a tempo umido, 2) odore nullo o appena percettibile (di giacinto o di nastro adesivo), 3) crescita sotto latifoglie (prevalentemente faggio), 4) spettacolare reazione chimica: a contatto con idrato di potassio (KOH) la base del gambo si colora di giallo-arancione.
Il cappello è all'inizio convesso-campanulato, tende poi a distendersi fino a raggiun-gere un diametro compreso tra i 2 e i 7 centimetri, con un basso, ottuso umbone al centro e con un margine a lungo involuto ed eccedente. La cuticola, separabile, è bianca (solo in vecchiaia possono apparire sfumature ocracee e carnicine al disco), vischiosa e brillante a tempo umido.
Le lamelle, spesse e spaziate come quelle di tutti gli Igrofori, sono adnate o poco decorrenti, arcuate, bianche o con qualche sfumatura rosata.
Il gambo è irregolarmente cilindrico, talvolta ricurvo, pieno, con superficie viscosa ma pruinoso al di sotto delle lamelle, bianco con toni ocracei o carnicini in maturità.
Carne bianca con qualche sfumatura rosata alla base del gambo dove reagisce vistosa-mente a contatto con la potassa. Sapore debolmente dolciastro ma odore nullo o piut-tosto sgradevole.
Spore ellissoidi o subcilindriche, lisce, 7,5 / 9,5 x 4,5 / 5,5 μm. , biancastre in massa.
Simbionte di latifoglie con preferenza per il faggio (la varietà Quercetorum predilige invece le quercete) cresce dalla fine dell'estate all'autunno inoltrato, in piccoli gruppi.

Possibilita' di Scambio
Alla sottosezione Eburnei appartengono altre specie non facilmente differenziabili. H. cossus si distingue per l'odore penetrante e disgustoso di tarlo, di topinambur o di formaggio stantìo e per la reazione nulla alla potassa. H. discoxanthus presenta un cappello tendente a colorarsi precocemente di giallo e a reagire all'idrato di potassio assumendo colorazioni rugginose. H. gliocyclus caratterizzato da un copioso glutine tanto da formare uno pseudo anello sul gambo, simbionte esclusivo dei Pini. H. hedrychii con base del gambo che diviene leggermente ocra pallido con KOH e che simbionte esclusivo della Betulla.
Bibliografia
Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 33 n. 4;
Viviani D.
: I Funghi d'Italia, Genova, 1834, pag. 10, tav. 17;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 388;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 260;
Cavara F.
: Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 89 ;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 303;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 15, n. 49, tav. 6/5;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 292;
Michael E. e Schulz R:
: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 77;
Jacottet J.
: Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 111;
Von Frieden L.
: I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 99;
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 617;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 45 n. 370, tav. 14;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 393;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 74 n. 136;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav. 261C;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 4, foto n.1958;
Peyrot A. & Cortin B.
: Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 123 n. 103 e 104;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 143;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 225A;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 206;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 58;
Arietti N. & Tomasi R:
: I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 86;
Malencon G. & Bertault R.
: Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 510;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 83;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 83;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 659, Foto 236;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M.
: Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 114;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 105 in nota;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 295;
Blatto L.
: Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 294, foto 205 in nota;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 125;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 143;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 59;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 426;
Pandolfi M. e Ubaldi D.
: Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 56;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 114;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 141;
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 112;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 182;
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 88;
Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D.
: Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 277, tav. 103;
Brancato G.
: Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 55;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 317, n. 443;
Brotzu R.
Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1 pag. 168 n. 99;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 168 n. 256;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, pag. 522, tav. 64E;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 222;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 140;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 137;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 101, Iconografia n. 112;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 198;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 156;
Pacioni G.
: Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 104;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 106;
Epinat C. et Starosta P.
: Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, foto pag. 122;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pagg. 384 e 386 in nota;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 614, foto 229;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 27;
Hagara L., Antonin V. & Baier J.
: Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 139;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 5, pag. 122, foto 111;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 54;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 78;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 120;
Gennari A.
: Funghi, Arezzo, 2005, pag. 320;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 112;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 112 n. 247;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 106.
Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 358.


Monografie:
Galli R. - Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 122;
Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Idrofori, Ed agricole, Bologna 1998, pag. 244;
Candusso M. : Hygrophorus, Fungi Europei n. 9, Ed. Libreria Basso, Alassio, 1997, pag. 144, tav. pag. 696.

(Sandro Ascarelli)