Scheda n.295       -         Marzo 2012         -       Riferimenti n. 1345
RUSSULA NIGRICANS (Bull.) Fries 1838
russula_nigricans_2gs_20120425_1754967116.jpg





foto di G. Sperati
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi
Agaricus elephantinus Sowerby (1788), Agaricus nigrescens Lasch (1829), Agaricus nigricans Bull. (1798), Omphalia adusta var. elephantinus (Bolton) Gray (1821), Russula elephantina (Bolton) Fr. (1838), Lactarelis nigricans (Boll.) Earle, 1909, Agaricus adustus var. crasso AB. & Schwein. 1805, Agaricus nigrescens Krombh. 1845.
Volg.: Russula annerente






Etimologia
Russula deriva dal latino e significa "piccola rossa",
nigricans = nereggiante (dal latino), per la carne che tende al nero.
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Russulales, Famiglia: Russulaceae, Genere: Russula, Sottogenere: Compacta, Sezione: Compactae, Specie: nigricans.
Commestibilita'
Non è commestibile e viene considerata specie sospetta.
Descrizione
Appartiene ad un gruppo di russule denominate “nigricantine”, che cioè anneriscono dopo un certo lasso di tempo. Questa specie si distingue per le lamelle alquanto spaziate e per l’ossidazione della carne a contatto con l’aria. Gli esemplari maturi non marciscono e si rinvengono, ancora interi, completamente neri e secchi da un anno all’altro. Il cappello, 60-180 mm di diametro, è inizialmente convesso poi depresso, infine nettamente depresso al centro, con il margine a lungo incurvato verso il basso; carnoso, sodo, duro e compatto; la cuticola è asciutta, opaca, pruinosa e finemente vellutata, separabile dal margine per circa 1/3 del raggio; inizialmente colorata di bianco al bordo e di bruno scuro altrove, diviene completamente nera a maturità. Le lamelle sono molto spaziate, spesse e carnosette, prima adnate poi leggermente decorrenti, intercalate da numerose lamellule di diversa lunghezza; il colore iniziale è biancastro poi crema-giallino, rossicce allo sfregamento ed interamente annerenti nel vecchio. Il gambo misura 30-80 x 10-35 mm ed è di forma cilindrica più o meno regolare, generalmente corto, tozzo, duro e compatto, farcito-midolloso a maturità, asciutto come il cappello, prima densamente pruinoso poi un po’ rugoso; inizialmente bianco poi bruno-dattero, infine nerastro, nettamente arrossante al taglio o allo sfregamento, qua e là picchiettato di macchie scure localizzate soprattutto verso la base. La carne è molto dura, soda e compatta, cassante-granulosa, bianca, rossastra all’aria per ossidazione poi annerente come il resto del carpoforo; l’odore è vagamente fruttato, il sapore mite-dolciastro ma lentamente acre sulle lamelle. Le spore, che misurano 6,5-8,5 x 6-7 micron, sono verrucoso-reticolate, largamente ovoidali o subsferiche, bianche in massa. Vegeta sia in boschi di latifoglie che di aghifoglie, dalla pianura alla montagna, in estate ed in autunno a gruppi di numerosi esemplari.
Possibilita' di Scambio
Questa specie può essere confusa con: R. acrifolia , che ha carne arrossante poi annerente, ma lamelle abbastanza fitte ed è di sapore molto più acre; R. adusta che ha carne virante al rosa ed è poi ingrigente e lamelle fitte più spaziate negli esemplari maturi, di sapore debolmente acre e predilige i boschi di aghifoglie; R. albonigra che ha carne virante al bruno-nerastro e lamelle poco fitte ed è di sapore mentolato; R. anthracina che ha carne annerente e lamelle piuttosto fitte e di sapore acre; R. densifolia con carne virante al rosso poi annerente, di sapore dolce e lamelle fitte, di sapore lievemente acre. Nessuna di esse è commestibile.
Bibliografia
Fries E.: Epicrisis Systematis Mycologici (Uppsala), 1838, pag. 350
Fries E
.: Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. I, pag. 60;
Saccardo P.A.
: Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 453;
Quèlet L.
Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 350;
Cavara F.
: Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 101;
Bresadola J. :
Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 397;
Ricken A.
: Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 39 n. 138, tav. 15/2;
Rea C.
: British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.458;
Michael E. e Schulz R:
: Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 2, tsv. 224;
Moreau F.
: Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1876;
Jacottet J.
: Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 128;
Von Frieden L.
: I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 96
Vignoli L.
: Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 646;
Costantin M.J. e Dufour M.L.
: Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 65, tav. 20 n. 538;
Heim R.
: Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 370, tav. 22;
Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L.
: Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 194 n. 494;
Romagnesi H:
: Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1 tav. 10;
Cetto B:
: I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 198;
Peyrot A. & Cortin B.
: Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 141 n. 236;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 129;
Bauer C.A.
: Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 214;
Marchand A
: Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 5, pag. 16 n. 403;
Romagnesi H.
: Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol.1, n. 23;
Balletto C.
- Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 179;
Kuhner R. e Romagnesi H.
: Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 441;
Malencon G. & Bertault R.
: Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1 pag. 65;
Dermek A.:
Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 295, pag. 374;
Moser M.
: Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 431;
Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M.
: I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 100;
Moser M.
: Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 460;
Lincoff G.H. & Nehring C.
: Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 701 in nota;
Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M.
: Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 274;
Phillips R.
Mushrooms of Grait Britain & Europe Londra, 1981, pag. 92;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 38;
Goidanich G. & Govi G.
- Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 342; Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano 1983 pag. 90;
Jamoni PG.
: I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 154;
A. Phillips R.
: Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 92;
Konrad P. & Maublanc A.
: Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 407;
Reid D.
: I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 32;
Pandolfi M. e Ubaldi D.
: Guida ai funghi d'Italia e d'Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 262;
Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 174 n. 45;
Bon M.
: Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 54;
Chaumeton H:
: I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 333;
Lemay D. e M.
: Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 154;
Togni N.
: I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 294;
Bozak R
Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 183; pag. 263.
Buczacki S. & Wilkinson J. :
Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 101;
Brancato G.
: Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 101;
Montegut J.
: L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag. 339 n. 476;
Courtecuisse R. & Duhem B.
: Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 368 n. 1345;
Lange J.E.
: Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. , pag. 548, tav. 178;
Stecchi G.
: Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 423;
Jordan M.
: The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 321;
Becker G.
: Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 82;
Lonati G.
: Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 243, Iconografia foto 395;
Dickinson C.
e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 249;
Pace G.:
Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 150, tav. 13/18;
Fluck M.
: Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 171;
Laessoe T.
: Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 122;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X.
: Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 746;
Courtecuisse R,
: Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 734, foto 753;
Papetti C., & Consiglio G..
: Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 288;
Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 306;
Societat Catalana de Micologia
: Bolets de Catalunya, Barcellona, 2000, collez. 19, tav. 946;
Breitenbach J. e Kranzlin F.
: Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 6, pag. 208, foto 168;
Polese J.M.
: Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 106;
Phillips R:
: Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 115;
Gerhardt E.
: Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 432;
Gennari A.
: Funghi, Arezzo, 2005, pag. 399;
Polese J.M.
: Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 286;
AMINT
: Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 434;
Gerhardt E. & Rossi C.
: Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 166;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.430 n. 1195;
De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G.
: I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 165;
Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 131.
Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 385;
Galli M.
: Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 2011, pag. 132


Monografie:
Blum J. : Les Russules, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 201;
Romagnesi H.
: Les Russules d'Europe et d'Afrique du Nord, Bordas, France, 1967, pag. 195;
Foiera F., Lazzarini E:, Snabl M., Tani O.
: Fumghi Russule, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 58 n. 1;
Galli R.
: Le Russule, Edinatura s.r.l., Milano, 1996, pag. 44;
Sarnari M.
: Monografia illustrata del Genere Russula in Europa, Ed. Gruppo Micologico Bresadola, Trento, 1998, vol. 1, pag.154.


(Gianfranco Sperati)