Scheda n.316      -         Giugno 2012        -       Riferimenti n. 232
HYGROPHORUS KARSTENII Saccardo & Cuboni 1887

hygrophorus_karstenii_2_20120604_1855457302.jpg





foto di S. Ascarelli
Clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere
Sinonimi

Agaricus melizeus Fries 1818, Hygrophorus melizeus (Fr. : Fr.) Fries 1838, Hygrophorus bicolor P. Karsten 1878, Camarophyllum bicolor P. Karsten 1879, Limacium karstenii Kühner 1926, Hygrophorus vaticanus Heim & Becker, 1952, Hygrophorus karstenuu var. vaticanus (Heim & Becker) Bon 1989.

Volg.: Igroforo di Karsten.

Etimologia
Hygrophorus = portatore di umidità (dal greco Hugro = umido e dal latino fero = porto)
Karstenii =
dedicato al botanico e geologo tedesco Gustav Karl Hermann Karsten (1817 - 1908)
Sistematica
Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Pleurotaceae, Genere: Pleurotus, Specie: cornucopiae, Specie: citrinopileatus.
Commestibilita'

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Hygrophoraceae, Genere: Hygrophorus, Subgenere: Neocamarophyllus, Sezione: Clitocyboides, Specie: karstenii.

Descrizione

E’ un elegante Igroforo, piuttosto raro e localizzato prevalentemente nella abetaie alpine.Il cappello, bianco o biancastro, ha un diametro le cui misure variano da 4 a 8 centimetri. Inizialmente convesso, poi appianato e volte lievemente depresso al centro, con orlo a lungo revoluto, è carnoso con superficie glabra ed asciutta con tempo secco ma leggermente viscida col tempo umido.Le lamelle sono spesse, larghe, spaziate, arcuate, intercalate da lamellule, più o meno decorrenti sul gambo, colorate in maniera caratteristica di giallo-rosa incarnato o giallo-albicocca che contrasta vistosamente con il colore del resto del carpoforo. Il tagliente è biancastro.Il gambo, non più alto di 7 o 8 centimetri, è cilindrico o appena attenuato in basso. Dello stesso colore del cappello, fibrilloso, presenta una superficie asciutta.La carne è biancastra, tenera, piuttosto fragile nel cappello, fibrosa nel gambo, n on presenta odore particolare ed avrebbe sapore lievemente dolciastro.Spore ellittiche, arrotondate, a forma di goccia, lisce, ialine, misurano 8 / 11 x 4,4 / 7 μm.Simbionte esclusivo di conifere, spesso associato ad Abete rosso, cresce in montagna sul finir dell’estate, tra il muschio o piante di mirtillo, solitario o in gruppi di pochi individui.

Possibilita' di Scambio

Una specie molto simile è Hygrophorus karstenii var, vaticanus (Heim & Becker) Bon che si distingue per il colore salmonato delle lamelle, il sapore amarescente e per il fatto di crescere prevalentemente sotto faggio.L’ Hygrophorus piceae Kühner condivide lo stesso ambiente di crescita dall’ H. karstenii ma ha lamelle di color giallo-crema.

Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 83;
Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 389;
Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 260;
Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 332;
Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 15 n. 51, tav. 6 fig. 7;
Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 298;
Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 395, ;
Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 660;
Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. fig. ;
Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 166;
Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 155 in nota;
Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 58;
Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 83;
Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 83;
Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 144;
Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 427;
Bon M. : Champignons d'Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 114;
Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 183;
Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 88;
Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 164 n. 232;
Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 224;
Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 100;
Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 157;
Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 98;
Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 370 in nota;
Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 19;
Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 124;
Nonis U: : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 320;
Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 110 n. 244;
Eyssartier G. & Roux P. : Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 456.


Monografie:

Galli R. - Gli igrofori delle nostre regioni, LaTipotecnica snc, S.Vittore Olona (Mi), 1984, pag. 116;
Bon M. : Les Hygrophores, Documents mycologiques mèmoire hors serie n. 1, CRDP Amiens, 1990, pag. 62;
Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Idrofori, Ed agricole, Bologna 1998, pag. 188 n. 48;
Candusso M. : Hygrophorus, Fungi Europei n. 9, Ed. Libreria Basso, Alassio, 1997, pag.168;

(Sandro Ascarelli)