Scheda n. 287 - Gennaio 2012 - Riferimento 742

 

AGARICUS ALBERTII Bon 1988

 

287. Agaricus albertiiFoto G. Sperati

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere



Sinonimi

Agaricus crocodilinus var. stramineus (Jul. Schäff. & F.H. Møller) Hlaváček, 1976, Agaricus macrosporus (F.H. Møller & Jul. Schäff.) Pilát 1951, Agaricus macrosporus var. stramineus (Jul. Schäff. & F.H. Møller) Bon, 1985, Agaricus schaefferianus Hlaváček, 1987, Agaricus schaefferianus Hlaváček, 1987, Agaricus stramineosquamulosus Rauschert, 1992, Agaricus stramineus (Jul. Schäff. & F.H. Møller) Singer, 1951, Agaricus substramineus Courtec. 1985, Agaricus urinascens (Jul. Schäff. & F.H. Møller) Singer 1949, Agaricus villaticus Brond.1830, Pratella campestris var. villatica (Brond.) Gillet 1878, Pratella villatica (Brond.) Gillet 1884, Psalliota arvensis subsp. macrospora F.H. Møller & Jul. Schäff. 1938, Psalliota arvensis var. villatica (Brond.) Cleland & Cheel 1918, Psalliota campestris var. villatica (Brond.) Cheel 1913, Psalliota macrospora (F.H. Møller & Jul. Schäff.) F.H. Møller 1951, Psalliota straminea Jul. Schäff. & F.H. Møller 1938, Psalliota urinascens Jul. Schäff. & F.H. Møller 1938.

Volg.: Turino, Prataiolo a spore grandi, Prataiolo maggiore

 

Etimologia

Agaricus = campestre, prataiolo (dal greco agarikòn),
albertii = dedicato dal micologo francese Marcel Bon al micologo cecoslovacco Albert Pilat (1903 - 1974)

 

Sistematica

Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe Homobasidiomycetes, Sottoclasse Agaricomycetideae, Ordine Tricholomatales, Famiglia Dermolomataceae, Sottofamiglia Agaricaceae, Tribù Agariceae, Genere Agaricus, Sezione Arvenses, Sottosezione: Arvenses, specie: albertii.

Commestibilità

Commestibile di ottima qualità e anche di buona resa, date le sue ragguardevoli dimensioni e la compattezza della sua carne.

Descrizione.

È il ben conosciuto “turino” che si trova dalla pianura fino al piano alpino, ricercato in tutte le regioni per la sua ottima commestibilità.

Il cappello misura 100-300 mm di diametro ed è subito emisferico-campanulato, poi piano-convesso con la zona discale sovente appiattita, molto carnoso, di colore bianco nel giovane poi giallo-paglia nell’adulto e ocra-camoscio nel vecchio. La cuticola è da setosa feltrata a screpolata; il bordo è frangiato da residuati del velo parziale.

Le lamelle sono libere al gambo, sempre fitte e sottili, frammiste a lamellule, di colore molto chiaro nel giovane, poi rosa-rosso ed infine bruno-porpora scuro. Il tagliente mantiene un colore biancastro.

Il gambo di 50-150 x 25-40 mm, è corto, tozzo e panciuto, quasi a forma di fuso con la base che si insinua nel substrato; interamente bianco, percorso da fiocchi squamosi concolori ma viranti in seguito al giallo-paglierino. L’anello è supero, molto ampio, di colore bianco e liscio nella parte superiore e a ruota dentata in quella inferiore.

La carne è spessa e molto consistente, bianca, tendente lentamente ad ingiallire; odore debolmente anisato e sapore grato.

Le spore misurano 10-13 x 6-7 micron e sono di forma ellittica e bruno-nerastre in massa.

Cresce da maggio a novembre, saprofita, anche in cerchi delle streghe, nei prati erbosi, soprattutto in quelli di montagna a quote che possono superare i 2000 metri.

 

Possibilità di scambio

Può essere confuso con Agaricus stramineus (Moller et J. Schaffer) Singer che, però, presenta dimensioni minori e cuticola di colore giallo. Oppure con Agaricus excellens (Moller) Moeller che è di taglia minore, con gambo rosato in alto ed anello inferiormente fioccoso e non a ruota dentata. A causa della sua colorazione bianca può confondersi con il tossico Agaricus xanthodermus; ovviamente l’odore diverso, le dimensioni e l’habitat, lo fanno distinguere nettamente da quest’ultimo.

 

Bibliografia

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 999 (?);

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 72;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 829 ;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 212, n. 712 in nota;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.88 n. 195;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 639;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 568;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n.425;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 258 in nota;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 259;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, pag. 30, tav. 111;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 77;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 383;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 414;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 235;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 202;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 248;

Phillips R. : Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pagg. 164, 165;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 134;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 111;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 164;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 1, pag. 151;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 278;

Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 36; pag. 116.

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 148;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 978, foto 1337;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 251, tav. 178;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 256 n. 742;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 470, tav. 139C ;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 225;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 219;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 205, Iconografia n. 321;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 17 in nota;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 163;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 290;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 157;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 548 in nota;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag. 170, foto 183;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 66;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 184;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 68;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 195;

Boccardo, Traversi, Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 66 n. 113 in nota;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 212;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 108;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 145, n. 404.

Monografie:

Essette H. : Les Psalliotes, P. Lechevalier, Paris, 1964, tav. 45;

Cappelli A. : Agaricus, Ed. Biella G., Saronno, 1984, pag. 250, tav. 39;

Galli R, : Gli Agaricus, Ed. Dalla Natura, Milano, 2004, pag. 164..

 

(Gianfranco Sperati)