Scheda n. 282 -        Gennaio 2011         -       Riferimento n. 384


TRICHOLOMA COLUMBETTA (Fr. : Fr.) P. Kummer  1871

 

 

282. Tricholoma columbetta Foto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi


Agaricus columbetta Fries 1821, Gyrophila columbetta Quèlet 1886, Tricholoma columbetta var. sericeum Bon 1975.

Volg. : Colombina, Colombetta bianca.


Etimologia


Tricholoma =  con l’orlo peloso (dal greco thrix, thrikhòs = pelo, capello e lòma = orlo);

columbetta =  piccola colomba (per il suo colore bianco)


Sistematica

 

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Subclasse; Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoi-deae, Tribù: Tri-cholomateae. Sezione: Sericeocutis, Genere: Tricholoma, Specie: columbetta.


Commestibilità

 

Commestibile buono

 

 

Descrizione


Tricholoma columbetta è un buon fungo commestibile. E’ necessario tuttavia conoscerlo molto bene per non confonderlo con una delle Amanite bianche, mortali (che tuttavia hanno la volva e l’anello) o con altre specie di Tricholoma bianchi, non commestibili. Caratteri utili a distinguere il Tricholoma columbetta sono il suo gradevole profumo di pasta di farina fresca e le sfumature azzurrine-verdastre (tenue color smeraldo) che compaiono spesso verso la base del gambo.

Il cappello, carnoso, dapprima emisferico, tende a spianarsi raggiungendo un diametro di circa dieci centimetri, mantenendo al centro un umbone basso e largo. Il margine è sottile, liscio, a lungo ricurvo, spesso inciso, lobato. La cuticola, di un bel colore uniforme bianco-latte, appare setosa, brillante e untuosa soprattutto col tempo umido, un poco ingiallente al disco o verso l’orlo, qualche volta con minuscole chiazze rosate.

Le lamelle bianche, mediamente fitte e un poco spesse, si congiungono al gambo con un dentino, formando attorno allo stipite e in prossimità dell’attaccatura una specie di anello concavo (caratteristica di tutti i Tricolomi).

Il gambo è cilindrico o a tratti ingrossato, spesso ricurvo, robusto, duro. Ha una superficie fibrillosa, a volte  con delle sfumature rosate o smeraldine verso la base.

La carne è dura e spessa, fibrosa,  bianca con odore tipico di pasta di farina fresca. Il sapore dolce, ricorda quello della nocciola.

Le spore non sono amiloidi, ovoidali, lisce, talvolta guttulate e misurano 5 / 7 x  4 / 5 micron.

Fungo abbastanza comune sia nei boschi di latifoglie come in quelli di aghifoglie dove può ritrovarsi, dalla primavera all’autunno inoltrato, in gruppi di pochi individui.

 

 

Possibilità di scambio

 

Abbiamo già accennato alla possibilità che il Tricholoma columbetta possa essere confuso con altri Tricolomi bianchi, spesso non commestibili. Tra questi citiamo il Tricholoma album, il Tricholoma pseudo album, il Tricholoma inamoenum, il Tricholoma cnista, morfologicamente vicini alla specie in esame ma privi del suo odore di farina fresca e delle macchie smeraldine alla base del gambo.

L’osservazione delle lamelle serve anche ad escludere la possibilità di scambiare il Tricholoma columbetta con alcune Clitocibi bianche, tossiche, con odore di farina rancida.

Pur ritenendo assai difficile confondere il Tricholoma columbetta con alcune  Amanite bianche, mortali, come Amanita verna, Amanita virosa o come la varietà alba della Amanita phalloides, ci preme mettere in evidenza che le Amanite citate hanno sempre una volva e un anello evidenti, che mancano invece nel Tricholoma columbetta.


Bibliografia


Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 44;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 99;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 287;

Barla J.B. : Les champignons des Alpes maritimes, Nizza, 1988, ristampa ed. M. Candusso, Alassio, 1996, pag. 47. tav. 33,

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav.  71;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 300 n. 999, tav. 89/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 216 n.617;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 83;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 627;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 13, tav, 4 n. 79;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 470, tav. 30/2;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 82 n. 167;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, tav. 82B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n.141;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 30;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 91;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 1, pag. 94, foto 38;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, pag. 134, tav. 174;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 293;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 156;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 128;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag.168;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 130;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 138;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 75;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 140;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 41;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag.  301, tav. 249;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 156;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 183;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  160;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 325;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 69;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 751, tav. 1041;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 2, pag. 480, foto 346;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1994, collez. 13, tav. 647;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 192 n. 384;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 35, tav.  22;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 468;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 189;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 168;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 144, Iconografia n. 203;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 84

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 259;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  141,  tav. 8/8 ;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 55;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 425;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 881, foto 583;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 580;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 326, foto  417;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 122;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 171;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 60;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 49;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 106 n. 49;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 210;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 78;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 436;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.138;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 242;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 148;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.136 n. 316;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 94;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2001, pag. 75;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 420;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  2, pag. 41,  n. 118.

Monografie:


Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag. 278, tav. 35;

Bon M. : Les tricholomes et ressemblants, Documents Mycologiques Memoire hors serie n. 2, CRDP Amiens, 1991, pag. 64.


(Sandro Ascarelli)