Scheda n. 274      -      Dicembre 2011      -      Riferimento  57

CALOCERA VISCOSA (Pers. : Fr.) Fries 1827

274. Calocera viscosa Foto S. Ascarelli
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dell stesso genere

Sinonimi

Clavaria viscosa Persoon 1794,  Calocera flammea Fries 1833, Calocera cavarae Bresadola e Cavara 1896.

Etimologia

Calocera = con delle belle corna (dal greco kalòs = bello e kèras = corno)

viscosa = viscida, vischiosa (dall’ aggettivo latino viscosus)

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Classe: Autobasidiomycetes, Ordine: Dacrymycetales, Famiglia: Caloceraceae, Genere: Calocera, Specie: viscosa.

Commestibilità

Fungo tossico (blanda intossicazione di tipo pardinico). Recenti studi hanno rilevato la presenza di polisaccaridi dai quali potrebbero estrarsi sostanze antitumorali.

Descrizione

Nelle abetaie di montagna, e prevalentemente in boschi di abete rosso, può avvenire di imbattersi in un piccolo fungo giallo o aranciato che ricorda nel suo aspetto quello di un corallo; difficilmente può confondersi con una Ramaria perchè queste ultime sono specie terricole mentre la Clavaria viscosa è saprotrofa e quindi cresce esclusivamente su legno in via di decomposizione (rami spezzati o ceppaie).

Il basidioma è costituito da una base comune che si prolunga in una appendice biancastra infissa più  o meno profondamente nel legno, dalla quale si dipartono delle ramificazioni cilindriche e slanciate che possono raggiungere un’altezza di circa 10 centimetri. Le ramificazioni dicotomiche terminano in apici bifidi, appuntiti e aguzzi. Il carpoforo ha una consistenza viscida e gelatinosa e colorazioni che vanno dal giallo vivo all’arancio tendente al rosso-bruno qualora in via di essicazione.

L’imenio è indistinto e disposto lungo tutta la lunghezza delle ramificazioni.

Carne giallo aranciata, gelatinosa, elastica; diviene più dura con l’essicazione. Odore e sapore nulli.

Spore oblunghe, elissoidi, spesso suddivise da una parete trasversale e talvolta guttulate. Misurano 7,5 / 12 x 4,5 / 6,5 μm. In massa hanno colorazione ocracea.

Rinvenibile dalla primavera all’autunno su residui legnosi di conifere di montagna.

Possibilità di scambio.

La consistenza gelatinosa, le tinte vivaci dei carpofori e soprattutto il fatto di essere una specie lignicola dovrebbero essere elementi sufficienti a distinguere la C. viscosa da qualsiasi Ramaria.

Tra le altre Calocere esiste la Calocera cornea che differisce per avere dimensioni ridotte, ramificazioni semplici ed un habitat costituito essenzialmente da legno degradato di latifoglie.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 486;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag.732;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 437;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 146;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav.  1106;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.744 n. 2540;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 334;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1788, fig. 1111;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 660;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 204, tav.57 n. 1777;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag.272, tav. 6/3;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 222, fig. 582;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 4, tav.306B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 329;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 304;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 197;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, pag. 206, tav. 337;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 37;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 110;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 89;

Griffiths D.A. : Hong Kong Fungi, Urban Council, Hong Kong, 1977, pag. 106 n. 92;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 33;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag. 380,  foto 735;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 78;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 2, tav. 337;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 487;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 432 , foto  365;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 2001, collez. 20, tav. 954;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 263;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 105;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 225, foto 236;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 324;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 42;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 414;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag.  190;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 103;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 190;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 58;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 126, tav. 140;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 2, pag. 92, foto  505;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 136 n. 57;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 90;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 369;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 281;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 281, Iconografia n. 484;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 140;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag.  85;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 394;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 341;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 250;

Epinat C. et  Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999,  pag. 94;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 210;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 323, foto 166;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 444;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 58;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 50, foto  2;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag 319;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 39;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 678;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 559;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.63;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 140;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 224;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 238;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 317;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 520 n. 1455;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 254.

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 485;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  8, pag. 196,  n. 891.

(Sandro Ascarelli)