Scheda n. 272 - Novembre 2011 - Riferimento n. 1678

BOLETUS IMPOLITUS Fries 1836

 

272. Boletus impolitus Foto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Boletus impolitus Fries, 1836, Boletus suspectus Krombh., 1836, Boletus sapidus Harzer 1842, Boletus cruentus Venturi 1845, Boletus xanthoporus var. sanguineo-maculatus Krombholz 1845, Boletus aquosus Krombholz 1845, Boletus sericeus Krombholz 1846, Boletus leoninus Krombholz 1846, Tubiporus impolitus (Fr.) P. Carso, 1882, Versipellis fragrans var. impolitus Quèlet 1886, Versipellis obsonium Quèlet 1886, Xerocomus obsonium Quèlet 1888, Xerocomus impolitus, Quèlet 1888, Boletus obsonium Lucand 1890, Boletus crassus Massee 1892, Tubiporus obsonium Ricken 1918, Tubiporus impolitus Ricken 1918, Tubiporus sericeus Ricken 1918,. Leccinum impolitum (Fr.) Bertault 1980, Nemoleccinum impolitum (Fr.) Šutara 2008.

Volg.: Boleto a cappello granuloso.

Etimologia

Boletus = attinente alle zolle (dal greco bòlos = zolla o fungo in genere)

impolitus = non levigato (aggettivo latino).

 

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomycetes; Sottoclasse: Homobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Genere: Boletus, Sezione: Fragrantes, Specie: impolitus.

Commestibilità

È un ottimo fungo commestibile, da molti considerato migliore del più conosciuto porcino.

 

Descrizione

Sembra che questo boleto fosse molto apprezzato da Elias Fries, il padre della micologia, che ci si faceva fare un brodino che riteneva migliore di quello di vitella. È caratteristico l’odore di iodio che emana dalla base del gambo, per cui risulta inconfondibile.

Il cappello misura 50-200 mm di diametro ed è carnoso e sodo, più molle negli esemplari adulti, di forma emisferica all’inizio poi a lungo convessa ed infine spianata con il bordo che rimane a lungo incurvato ed anche un po’ eccedente. La superficie è opaca e granulosa nel giovane, poi glabra con una colorazione che va dall’ocra chiaro al brunastro-ocra, oppure beige-crema, pruinosa nei giovani esemplari; la cuticola non è asportabile.

Tubuli incostanti nella lunghezza, medio-lunghi, arrotondati al gambo o liberi, giallo-citrini prima, giallo-oro poi ed infine verdastri, immutabili al taglio ed alla pressione; pori piccoli e tondi nei giovani esemplari, poi appena più grandi, di colore analogo a quello dei tubuli e del pari immutabili.

Gambo 40-160x20-60 mm, sodo, pieno, di forma variabile, spesso rigonfio nella zona centrale o in quella basale, a volte anche cilindrico con la base attenuata. Il colore va dal bianco-giallino al giallo con la base che volge al brunastro ed è sovente chiazzata di rossastro-porpora; il reticolo è assente, al massimo si possono osservare delle piccole asperità o delle squamette giallo chiaro.

Carne soda e compatta negli esemplari giovani, poi più molliccia, di colore giallo chiaro, appena rosata sotto la cuticola del cappello, immutabile al taglio o alla pressione; odore composto, non definibile se non verso la base del gambo ove si sente un odore evocante di tintura di iodio.

Spore 9-16 x 4,5-6 micron, ellissoidali-fusiformi, bruno-olivastre in massa.

Fungo simbionte, cresce, solitario o a piccoli gruppi, nei boschi di latifoglie: castagni, querce, noccioli, faggi ecc., con preferenza per suolo umido e argilloso, dall’estate all’autunno.

 

Possibilità di scambio

È molto simile a Boletus appendiculatus, si differenzia principalmente per il gambo non reticolato, per la carne non virante e per la base del gambo, macchiata di rosso-carminio, emanante odore di iodio. Essendo abbastanza frequente anche sotto lecci in zona mediterranea può essere scambiato con Leccinum lepidum: ma basta osservare la presenza sul gambo giallo di squamette concolori, che scuriscono con l’età e la carne che, al taglio, vira leggermente al rosa chiaro per poi lentamente ingrigire (vedi scheda nº175) e, naturalmente l’assenza di odori iodati, per evitare l’errore.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 421;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 30;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 417;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 568 n. 1877;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 3, pag. 282 ;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 154, tav. 46 n. 1343 ;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 341, ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 228 n. 491;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 270;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 2, foto 158;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, tav.183;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 148;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 38;

Dermek A.: Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 268, pag. 346;

Kalmár-Huller: Gombák, Búvar Zsebkönyvek Móra Könyvkiado, Budapest, 1978, pag. 42, fig. 3;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 75;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 74;

Phillips R: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 197;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 378;

Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai funghi in Italia, Milano, 1983, pag. 61;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1984, collez. 3, tav. 107;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 196;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris 1986, pag. 454

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 230;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 121 in nota;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 36;

Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 228; pag. 308.

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 91;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 51;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 193, tav. 35;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 38;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 276, tav. 377;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 274, tav. 199;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 432 n. 1678 ;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 44;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 337;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 122;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 83, Iconografia n. 68;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 33;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 173;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 852;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 446 in nota;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 893;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 342;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.56, foto 11;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 260;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 352;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 130;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 183;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 494, n. 1375;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 237;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 148;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 138, n. 591.

 

Monografie:

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pag. 127 e 130.

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 31;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 82;

Galli R. I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 102;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 268, tav. 39;

Lèmoine C. et Claustres G: : Connaître et reconnoitre les bolets, Ed. Ouest France, 1988, pag. 48;

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 164 n. 51;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 196.

 

(Gianfranco Sperati)