Scheda n. 270 - Novembre 2011 - Riferimento n. 299

CLITOCYBE PHAEOPHTALMA (Pers.) Kuyper, 1981

 

270. Clitocybe phaeophtalmaFoto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

Sinonimi

Agaricus hydrogrammus Bulliard 1792, Agaricus streptopus Persoon 1821, Agaricus phaeophtalmus Persoon 1828, Agaricus fritilliformis Lasch, 1838, Omphalina hydrogramma Quèlet 1886, Clitocybe hydrogramma Kummer 1871, Agaricus adirondackensis Peck, 1872, Omphalia hydrogramma (Bull.) Quél., 1872, Clitocybe fritilliformis (Lasch) Gillet, 1874, Clitocybe adirondackensis (Peck) Sacc., 1887, Clitocybe caespitosa Peck non Mornand et Bon, 1888, Clitocybe gallinacea sensu Rea, 1922, Clitocybe anastomasica Velen., 1939, Clitocybe jalepensis (Murrill) Singer, 1942, Clitocybe hydrogramma var. giboides Raithelh., 1969, Singerella hydrogramma Harmaja 1974, Pseudolyophyllum gibboides (Raithelh.) Raithelh., 1979, Singerocybe phaeophthalma (Pers.) Harmaja, 1988, Clitocybe phaeophtalma var. gibboidea (Raithelh.) Bon, 1996,

Nome volg.: Clitocibe con odore di pollaio. .

 

Etimologia

Clitocybe = con la testa inclinata (dal greco Klitùs = inclinazione, pendio, e kùbe = testa)

phaeophtalma = “occhio scuro” perchè la zona intorno all’ombelico del cappello spesso è più scura per igrofaneità (dal greco phaiós = oscuro e phtalmos = occhio).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Tricholomataceae, Sottofamiglia: Tricholomatoideae, Tribù: Clitocybeae, Genere: Clitocybe, Sottogenere: Cystoclitus, Sezione: Bulluliferae, Specie: phaeophtalma.

Commestibilità

Specie velenosa, provoca intossicazioni a carico del sistema nervoso viscerale parasimpatico.

Descrizione

Se, camminando nel bosco, ad un certo punto sentite un forte odore di pollaio e non vedete galline, vi siete sicuramente imbattuti in un gruppetto di funghi di questa specie, che qui di seguito vi descriviamo e da cui dovete stare alla larga.

Il cappello misura 30-60 mm di diametro, inizialmente è convesso poi spianato-ombelicato, imbutiforme negli esemplari maturi; il margine è sinuoso-ondulato, anche increspato-striato a tempo umido; il colore varia dal crema al grigiastro-beige, generalmente un po’ più scuro al centro, degradante al biancastro con il tempo secco; la superficie è liscia e traslucida per fibrille sericee molto sottili.

Le lamelle sono arcuate o decorrenti sul gambo, strette, fitte, frammiste a numerose lamellule di diversa lunghezza; il colore è chiaro, bianco-crema con vaghi riflessi rosati, il filo è intero, dello stesso colore delle facce.

Il gambo misura 30-55 x 3-7 mm ed è cilindrico, appena attenuato verso il basso, subito pieno poi fistoloso, dello stesso colore del cappello, glabro, con fibrille longitudinali molto sottili e zona basale rivestita di un feltro miceliare bianco.

La carne è esigua, fortemente igrofana, di consistenza elastica e fibrosa, biancastra di colore, con odore forte sgradevole e sapore amaro.

Le spore di 5-7,5 x 3,5-4,5 micron, sono ellissoidali e bianche in massa.

Cresce a gruppi, come saprofita su substrato umifero acido, nei boschi di latifoglia e di aghifoglia, nell’autunno inoltrato e nel primo inverno.

 

Possibilità di scambio.

Qualcuno potrebbe confondere questo fungo con il commestibile imbutino Clitocybe gibba (vedi scheda n. 13) ed incorrere in gravi inconvenienti gastroenterici, ma basta osservare che la specie commestibile ha odore cianico e non di pollaio e che non è igrofana, cioè non cambia colore al variare dell’umidità.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 169;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 309;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 202;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, tav. 257;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 343 n. 1150, tav. 104/5;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.423 n: 1360;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol 1, pag. 41;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 39, tav. 12 n. 308 ;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 611;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, pag. 145, tav. 193;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 133, fig. 199;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 139;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 2, pag. 164 ;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 106;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 107;

Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 51

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 132;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 51;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 285;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 140 ;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1989, collez. 8, tav. 359;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 117;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 65;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 795, tav. 1105;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 100, foto 112;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 143, foto 75;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 176 n. 299 ;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 96, tav. 58;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 129, Iconografia n. 155;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 402;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 867, foto 268;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 41;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 155;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag.166, foto 175;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 138 n. 82;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 150;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 213;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 156 n. 374;

De Angelis A., Di Massimo G., Materozzi G. : I funghi, ED. U. Hoepli, Milano, 2008, pag. 119;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 192;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 3, pag. 32, n. 228.

Monografie

Riva A. : Tricholoma, Ed. Biella G., Saronno, 1988, pag.

 

(Gianfranco Sperati)