Scheda n. 018     -      Novembre 2008      -      Riferimento n. 352






LACCARIA AMETHYSTINA (Huds.) Cooke 1884


laccaria_amethystina-2_20120313_1536340672.jpg








foto di Sandro Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi dello stesso genere


Sinonimi

Agaricus amethystinus Hudson (1778), Agaricus amethystinus var, amethystinus Hudson (1778), Agaricus amethysteus Bulliard (1788), Agaricus lividopurpureus Withering (1792), Collybia amethystina (Huds.) Quélet (1888), Collybia laccata var. amethystina Quèlet (1888), Russuliopsis laccata var. amethystina (Huds.) J. Schröter (1889), Clitocybe amethystea Saccardo (1916), Laccaria laccata var. amethystina (Huds.) Rea (1922), Laccaria hudsonii Pázmány (1994).
Volg. Agarico ametistino.


Etimologia

Laccaria = attinente alla vernice (dal persiano lak),
amethystina
= color viola chiaro come l'ametista.


Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homobasidiomycetes , Sottoclasse: Agaricomycetideae, Ordine: Tricholomatales, Famiglia: Laccarieae, Genere: Laccaria, Specie: amethystina.


Commestibilità

Commestibile ma di scarso valore organolettico. Il gambo va comunque asportato perché coriaceo. Può essere usato per dare una nota di colore al misto o al sott'olio. A qualcuno può provocare lievi disturbi di carattere gastroenterico.


Descrizione

Il nome che lo identifica rende bene l'idea: si tratta di un funghetto di modeste dimensioni ma che sorprende per la uniforme colorazione viola ametista, più intensa quando il fungo è fresco e tendente ad impallidire quando il carpoforo matura.

Il cappello difficilmente supera i 4 cm. di diametro ed è inizialmente convesso, poi appianato, spesso con una fossettina al centro. Per lungo tempo il margine si mantiene involuto, ondulato e leggermente solcato. La cuticola è opaca, liscia o feltrata, decorata da squamette visibili solo con l'aiuto di una lente, igrofana. La colorazione è, ovviamente, viola più o meno intensa.

Le lamelle, viola anch'esse, sono adnate o lievemente decorrenti sul gambo. Sono larghe, spesse e intervallate alla base da lamellule.

Il gambo fistoloso può essere lungo fino a 8 / 9 centimetri e si presenta cilindrico, a volte un po' ondulato, striato di fibrille biancastre su fondo violetto ametistino, con la base lievemente ingrossata e rivestita da residui miceliari biancastri.

Carne di una certa consistenza, soprattutto quella del gambo che risulta dura e coriacea, con odori e sapori dolciastri, gradevoli.

Le spore si formano su basidi tetrasporici, sono subglobose e ornamentale da aculei; misurano 9/10,5 x 8,6/9,5 micron. La sporata è bianca.

Laccaria amethystina cresce dall'estate all'autunno, in piccoli gruppi, su terreno ricco di humus, in collina e in montagna, sia nei boschi di latifoglia quanto in quelli di aghifoglia.


Possibilità di scambio.

Considerata da alcuni come una varietà di Laccaria laccata, la L. amethystina potrebbe essere confusa con quest'ultima solo se fosse stata raccolta in avanzato stato di maturità o durante un periodo di siccità; la L. laccata ha di norma colori diversi, bruno aranciato, bruno rosato o bruno sporco.  Ardua si presenta la possibilità di scambiare la L. amethystina con il Cortinarius violaceus o con il Cortinarius hercynucus: anche questi ultimi si presentano con una livrea di intenso colore viola ma differiscono dalla L. amethystina non solo per il diverso portamento e per le maggiori dimensioni ma anche per la presenza di una "cortina" che staccandosi dall'orlo del cappello e ricadendo sul gambo lo decora con striature di color ruggine per la sovrapposizione delle spore (v. scheda n. 4, settembre 2008).


Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia,,1821, vol. 1, pag. 107;

Quèlet L. : Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 237;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 198;

Bernardin Ch. : Soixante Champignons Comestibles, Weick, Saint-Diè. 1903, pag. 97, pl. 8;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag.340, tav. 100, fig. 2a;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 290;

Michael E. $ Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 39;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 33 pl. 72;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, vol. 2, pag. 1802;

Jaccottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 107, pl. pag. 80;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, pag. 44;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 623;

Pilat A. & Usak O. : Champignons, atlas illustrè, Grund, Paris, 1966, pag. 115, pl. 72;

Costantin M.J. et Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l'Enseignement, Paris, 1967, pag. 25, pl. 8, fig. 183;

Heim R. : Champignons d'Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 455;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 96, fig. 199;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 2, pl. 101;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, pag. 261, foto n. 104;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 119, fig. 67;

Bauer C.A. : Funghi vivi,   funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 152;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. : Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, pl. 67;

Balletto C. - Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 273;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpigan, 1973, vol. 2, pl. 132;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol. 1, pag. 125;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 131;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 40;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1977, pag. 150;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Ed. Saturnia, Trento, 1980, pag. 106;

Lincoff G.H. & Nehring C. : Field Guide to North American Mushrooms, A.A.Kropf, New York, 1981, pag.  763;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Isttituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981,  pag. 120;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, vol. 1, tav. 95:

Goidanich G. & Govi G. : Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 149;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 162;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 188, tav. 159;

Jamoni P.G. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 131;

Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1985, pag. 52;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vpl. 6, pag. 237;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1985, collez. 4, pl. 172;

Auguadri A., Lucchini G., Riva A. e Testa E. : Funghi e boschi del Cantone Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 126, foto 75;

Bon M. : Champignons d' Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 146;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 159;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 120;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 197;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d'Italia e d'Europa, Guide della Natura De Agostini - Collins - Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 62;

Montegut J. : L'Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag. 712, pl. 976;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, vol. 1, 1993, pag. 96, foto 108;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d'Europe, Paris, 1994, pag. 186, fig. 352;

Di Bella F. : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 69;

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 1, pag. 61, tav. 40B;

Jordan M. : The Encyclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 156;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pagg. 146 e 190;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.136, Iconografia n. 177;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 203;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 203;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 75;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 115;

Milagro Mata Hidalgo : Macrohongos de Costarica, Instituto Nacional de Biodiversidad, Santo Domingo, 1999, pag. 148;

Courtecuisse R, : Champignons d'Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000,pag. 872, foto 501;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d'Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, foto 49;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 200, foto 228;

Nonis U. : 500 funghi d'Italia e d'Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 145;

Polese JM. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pagg. da 163 a 165;

Gruppo Micologico Bresaola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 2°, pagg. 155 e 156;

Phillips R. : Les champignons du Quèbec, Broquet Inc., Ottawa, 2002, pag. 65;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 244, scheda 187;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag. 158;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag.135;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 226.

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d'Italia e d'Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 108;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M.
: Funghi d'Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 168 n. 425;

Bielli E.
: Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 86.

Tiberi G. e Sperati G. :
I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 272;

Brotzu R: e Colomo S.
: I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 2, pag. 124, n. 184;

Eyssartier G. & Roux P.
: Le guide des champignons, Ed. Belin, Paris Cedex, 2011, pag. 534.


(Sandro Ascarelli)