Scheda n. 259         -        Settembre  2011         -         Riferimento n. 77

HYDNUM RUFESCENS Fries 1821


Hydnum rufescend GS 1.jpgFoto G. Sperati











clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia

 

Sinonimi

Dentinum rufescens (Pers.) Gray 1821, Hydnum repandum subsp. rufescens (Pers.) Pers. (Pers.) Pers. 1825 [LEG; MB497602] 1825, Hydnum repandum var. rufescens (Pers.) Barla 1859 [LEG; MB414443] (Pers.) Barla 1859, Tyrodon rufescens Pers.) P. Karst. 1889, Dentinum rufescens (Pers.) Pouzar 1956, Hydnum repandum forma rufescens (Pers.) Nikol. (Pers.) Nikol. 1961 [LEG; MB349556]1961, Hydnum sulcatipes Peck 1907.

Volg.: Steccherino o spinarolo aranciato.

Etimologia

Hydnum = tartufo (dal greco hùdnon)

rufescens = tendente al rosso, a causa del colore del cappello.

 

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione: Basidiomycota, Subdivisione: Basidiomycotina, Classe: Homobasidiomycetes, Sottoclasse: Aphyllophoromycetideae, Ordine: Cantharellales, Famiglia: Hydnaceae, Genere: Hydnum,  Specie: rufescens.

Commestibilità

Commestibile, discreto soprattutto se usato nei misti. Gli esemplari più grandi e coriacei necessitano di una prolungata cottura.

 

Descrizione

Una delle volte  che la mia bisonna mi portò con sé a funghi, incontrammo un “fungarolo”che raccoglieva  i “galletti quegli altri”. Io curioso gli chiesi di farmeli conoscere e così vidi per la prima volta com’erano fatti quelli che, con più proprietà di linguaggio, imparai a chiamare ”spinaroli”: c’erano quelli gialli e quelli rossi. Preferivamo raccogliere quelli gialli più piccoli, più teneri e più dolci e nonna Mariangela li cucinava nel misto, mentre quelli rossi, più amari, li metteva insieme a quelli gialli più grandi e coriacei e li destinava alla conservazione sott’olio.

Veniamo alla descrizione: il cappello misura 30-70 mm di diametro, convesso negli stadi iniziali di sviluppo poi appianato o anche un po’ depresso con il margine leggermente incurvato-ondulato; tomentoso da giovane e glabro con lo sviluppo, il colore va dal giallo-ocraceo al fulvo-aranciato, pallidescente con la maturità.

L’imenoforo è composto da una miriade di aculei molto ravvicinati, lunghi fino a 5 millimetri, fragili e facilmente separabili dalla carne del cappello, adnati al gambo, di colore giallo-crema-ocraceo poi giallo-arancio a maturità.

Il gambo misura 30-70 x 2-15 mm, cilindroide, talora eccentrico, slanciato, pieno, fragile e cassante, bianco, bianco-crema, poi giallo-arancio, finemente tomentoso poi glabro, debolmente ingiallente al tocco.

La carne soda, fragile e tenera, biancastra, sfumata di giallino, con odore debole indefinito e sapore lievemente amarognolo.

Le spore 7-9 x 6-7,8 micron, ovoidali, subglobose, bianco-crema in massa.

Cresce da saprofita nei boschi di ogni genere, molto spesso gregario, a volte in cerchi delle streghe, dall’estate all’autunno inoltrato.

 

Possibilità di scambio

Spesso viene scambiata con  H. repandum, che si differenzia per avere tonalità di colore meno accese e per gli idni più o meno decorrenti lungo il gambo e con H. albidum, quasi completamente bianco. Ambedue commestibili.

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag.401;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 45, tav. 39;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 486;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 447;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol.  5, tav. 1046;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 631 n. 2134;

Zeitlmayr L. : I Funghi, Ediz. Mediterranee, Roma, 1955, pag. 202 in nota;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 144;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 285,  fig. 97;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 58 n. 96;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 2, foto n. 755;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 281;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 192;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 320;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 301;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 89;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 35;

Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 242.

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982,  tav. 323;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 380, foto 328;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag. 203;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 242;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 312;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 66;

Julich W. : Guida alla determinazione dei funghi, vol. 2°, Saturnia, Trento, 1989, pag. 115;

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 184;

Bauer C.A. : I miei funghi, Luigi Reverdito Ed., Gardolo di Trento, 1989, pag. 152;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 178;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 173;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 75;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1991, collez. 10, tav. 469;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag,  194, foto 251;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 325, foto 246;

Courtecuisse R. & Duhem B. Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 140 n. 77;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 216 in nota;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 87;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 203;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.67;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 58 in nota;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag.  238;

Gerhardt  E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 252 in nota;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 343, foto 120;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 424;

Hagara L., Antonin V. &  Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag.  69;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 2, pag. 236 in nota;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pagg. 293 e 294;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 146;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 178;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 564;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 532;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 86;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag. 173;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.526 n. 1466;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 243;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol.  7, pag. 144,  n. 732.

(Gianfranco Sperati)