Scheda n. 255 - Settembre 2011 - Riferimento n. 1649

 

 

SUILLUS VARIEGATUS (Sw. : Fr.) Kuntze

255. Suillus variegatusFoto S. Ascarelli

clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia




Sinonimi

Boletus aereus Schaeffer, Boletus guttatus Persoon, Boletus fuscopilosus Secretan, Boletus luteusvelifer Secretan, Boletus variegates var. guttatus Fries, Boletus macroporus Rostkovius, Versipellis variegata Quèlet, Versipellis variegata var. guttata Quèlet, Ixocomus variegatus Quèlet, Xerocomus variegatus Bataille, Holosiphon variegatum Von Beck.

Volg. : Boleto variegato.

 

Etimologia

Suillus = maialino, porcino, (dal latino: diminutivo di sus, suis)
variegatus =
variegato, con molti colori (dal latino).

Sistematica

Regno: Fungi; Divisione: Eumycota; Sottodivisione: Basidiomycota; Classe: Hymenomycetes; Sotto-classe: Homobasidiomycetidae; Ordine: Boletales; Famiglia: Boletaceae; Genere: Suillus; Sezione: Fungosi; Specie: variegatus

Commestibilità

Fungo commestibile quando ancora immaturo e previa asportazione della cuticola glutinosa del cappello, ma si sconsiglia vivamente il consumo da adulto, anche frammisto ad altri funghi, per via della spugno-sità della carne e dell'odore cattivo.

Descrizione

Tra i Boleti facenti parte del Genere Suillus, Suillus bovinus (L. : Fr) Kuntze. e Suillus variegatus sono stati inseriti dal Singer nella sezione Fungosi perché normalmente essi hanno una cuticola del cappello meno viscida, quasi pubescente, rispetto a quella presente negli altri carpofori della stesso genere. Sono Boleti che vivono in simbiosi con i pini ed hanno il gambo privo di anello e di granulazioni.

Il S. variegatus ha un cappello, inizialmente emisferico, si distende e si appiana raggiungendo un diametro di 10 / 12 centimetri. Il margine è attenuato, regolare, talvolta un po’ festonato a causa della cuticola debordante. La cuticola, non asportabile, è dapprima feltrosetta per piccoli ciuffetti di peluria che in seguito, cadendo, lasciano la superficie glabra ma picchiettata da minuscole macchie brunastre che si evidenziano sulla colorazione ocracea o giallognola del fondo.

La parete imeniale è costituita da corti tuboli, adnati o appena decorrenti sul gambo, separabili dalla carne del cappello, all’inizio giallognoli ma poi passanti al giallo oliva e infine, in maturità, bruno olivastri, viranti al blù alla pressione. La medesima varia-zione cromatica si rinviene nei pori, minuscoli, arrotondati o di poco angolosi, che, nel fungo giovane, secernono goccioline opalescenti.

Il gambo, mediamente alto, è pieno, diritto o leggermente incurvato, di poco assottigliato verso le estremità, liscio, concolore al cappello o poco più chiaro.

Carne tenera, spugnosa in maturità, giallo zafferano, virante ad un debole azzurro al taglio per un breve periodo. Assume una colorazione lilacina a contatto con la potassa ed una tinta aranciata a contatto con acido solforico. Odore sgradevole, come di cloro, sapore insignificante.

Spore 8 / 11 x 2 / 4,5 μm, fusiformi, lisce, guttulate, giallognole. Sporata bruno-olivacea.

Si può rinvenire, isolato e in colonie, in estate e in autunno, nei boschi montani di Pinus sylvestris, in luoghi ombrosi, su suolo siliceo.

 

Possibilità di scambio

Il Suillus bovinus condivide lo stesso habitat, ma ha, mediamente, dimensioni ridotte, pori giallo verda-stri , è privo di odore ed ha un sapore amarognolo.

Si può confondere con Suillus plorans che tuttavia ha la cuticola del cappello viscida e uniformemente colorata (non variegata), i pori che secernono minuscoli goccioline bianche e si produce unicamente sotto pini a 5 aghi (Pinus cembra).

 

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 388;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 6, pag. 12;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 414;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag. 562 n. 1854;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933,vol. 1, pag. 90;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 152, tav. 45 n. 1336;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 335, ;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 186 n. 475;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 285;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 261;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 2, tav. 159;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 301;

Marchand A : Champignons du Nord et du Midi, Perpignan, 1971, vol. 3, pag. 70, tav. 232;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 2, tav. 241;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 134;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 42;

Mayr C. : Funghi dei boschi alpini, Casa Editrice Athesia, Bolzano, 1975, pag. 77;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 70;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 74;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 69;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 234;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 234;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 385;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 260, foto 228;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 199;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 216;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, vol. pag. 468, tav. 414;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 77;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 4, pag. 130, foto pag. 130 n. 23;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 48;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1988, collez. 7, tav. 349;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 101;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 96;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 49;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 1, pag, 261, foto 346;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 424 n. 1649;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 86;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 350;

Becker G. : Champignons, Grundt, Paris, 1996, pag. 103;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag. 88;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 258;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 130;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 256;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 201:

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 836;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 876;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 2, pag. 883;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 370;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 3, pag. 84, foto 52;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, vol. 1°, pag. 275;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 406;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 123;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 96;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 492;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 176;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 340;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 189;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag.53;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag.512 n. 1434;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 6, pag. 171, n.611.

 

Monografie:

Blum J. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1962, pagg 108 e 111

Leclair A. et Essette H. : Les Bolets, P. Lechevalier, Paris, 1969, tav. 15;

Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi: I Boleti, SAGEP, Genova, 1980, pag. 37;

Galli R. I Boleti delle nostre regioni, La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1980, pag. 52;

Alessio C. L. : Boletus, Ed. Biella G., Saronno, 1985, pag. 397, tav. 66;

Lemoine C. & Claustres G.: Connaitre et riconnaitre les bolets, Ouest France, 1988, pag. 76.

Foiera F., Lazzarini E., Snabl M. & Tani O. : Funghi Boleti, Edagricole, Bologna, 1993, pag. 236 n. 82;

Galli R. : I Boleti, Edinatura, Milano, 1998, pag. 78;

(Sandro Ascarelli)