Scheda n. 253 - Settembre 2011 - Riferim. n. 1288

HYPHOLOMA FASCICULARE (Huds. Fr.) Kummer 1871

 

260. Hypholoma fasciculareFoto G. Sperati
clicca sulla foto per ingrandirla e vedere altri funghi della stessa famiglia



Sinonimi:

Agaricus fascicularis Huds., 1778, Agaricus sadleri Berk. & Broome, 1879, Clitocybe sadleri (Berk. & Broome) Sacc., 1887, Dryophila fascicularis (Huds.) Quél., 1888, Geophila fascicularis (Huds.) Quél., 1886, Nematoloma fasciculare (Huds.) P. Karst., Bidr. 1879, Pratella fascicularis (Huds.) Gray, 1821, Psilocybe fascicularis (Huds.) Kühner 1980.

Volg. Zolfino, Famigliola falsa

 

Etimologia

Hypholoma = con l’orlo frangiato (dal greco hùfos = frangia, tessuto, e lòma = orlo),
fasciculare = cespitoso (dal latino).

Sistematica

Regno: Fungi, Divisione : Amastigomycota, Subdivisione: Basidiomycota, Classe: Homoba-sidiomycetes, Sottoclasse: Agaricomicetideae, Ordine: Cortinariales, Famiglia: Strophariaceae, Tribù: Stropharieae, Genere: Hypholoma, Specie: fasciculare.

Commestibilità

È un fungo che molti testi considerano semplicemente velenoso, mentre va ricordato che, a causa del suo consumo, si sono verificati diversi avvelenamenti gravissimi con sindrome di tipo parafalloideo, talvolta anche con esito mortale!

L’accorgimento principale per evitare confusioni improbabili ma possibili è quello dell'assaggio, in quanto la carne ha un sapore molto amaro, anche se esso varia sensibilmente a seconda delle zone di crescita.

Per i motivi sopra indicati, si raccomanda la massima prudenza.

Descrizione

Cappello 30-70 mm di diametro, all’inizio emisferico con leggera umbonatura ottusa poi convesso e spianato a maturità avvenuta, l’orlo è incurvato verso le lamelle e talora appendicolato per residui di cortina del velo parziale; la cuticola è liscia, glabra, da giallo-zolfo a giallo-arancio, centralmente fulvo-rossastro.

Lamelle: alquanto fitte, rotondato-annesse o adnate al gambo, di colore giallo-verdognolo all’inizio, poi grigiastro-olivaceo ed infine violetto scuro per la sovrapposizione delle spore; sono presenti numerose lamellule, il tagliente lamellare si presenta intero e più pallido delle facce.

Gambo 40-110x6-9 mm, cilindrico, slanciato, flessuoso-incurvato, minutamente fibrilloso, fibroso, pieno ma presto farcito poi fistoloso, di colore giallo-zolfo, bruno-aranciato alla base, dotato in alto di una anularità cortiniforme giallo-verdastra, residuo del velo parziale.

Carne esigua, più presente nella zona corrispondente alla zona discale, giallognola ovunque tranne la zona basale del gambo, ove è del medesimo colore della corrispondente superficie esterna, il sapore è nettamente amaro, l’odore non definito.

Microscopia: spore 6 / 7,5 x 4 / 4,5 micron, ellissoidali o subamigdaliformi, bruno-porpora in massa.

Cresce in folti gruppi cespitoso-fascicolati; saprofita su vari tronchi di latifoglia e di aghifoglia, per lo più alla loro base, dalla primavera all’inverno.

 

Possibilità di scambio

È la specie che più facilmente viene scambiata, per qualche somiglianza e per il modo di crescita, con la Famigliola buona, Armillaria mellea (vedi scheda n. 30). A volte è stata addirittura confusa dai cercatori più inesperti con il ben noto pioppino, Agrocybe aegerita, (vedi scheda n. 72). Si noti che Armillaria mellea è dotata di anello vistoso, lamelle chiare e sapore mite e che comunque, seppure con cautela, è commestibile. Abbiamo accennato sopra alla necessità di essere molto prudenti per evitare di confondere qualcuno dei funghi parimenti fascicolati ma commestibili con il tossico H. sublateritium (vedi scheda n. 87). Un altro Ifoloma morfologicamente vicino è H. capnoides, che alcuni Autori danno commestibile ma di scarso merito e che si riconosce abbastanza agevolmente per la colorazione uniforme giallo-aranciata della superficie pileica e per avere carne dolciastra, non amara.

Bibliografia

Fries E. : Sistema mycologicum, Gryphiswaldae, Lund, Svezia, 1821, vol. 1, pag. 288;

Viviani D. : I Funghi d’Italia, Genova, 1834, pag. 56, tav. 47;

Saccardo P.A. : Silloge fungorum, Padova, 1888, vol. 5, pag. 1029;

Quèlet L. Flore Mycologique de la France, Paris, 1888, pag. 154;

Cavara F. : Funghi mangerecci e funghi velenosi, Ed. Hoepli, Milano, 1897, pag. 120, tav. 27;

Bresadola J. : Iconographia mycologica, 1927/1931, Comitato Onoranze Bresadoliane, Trento, 1982, vol. 5, tav. 847;

Ricken A. : Die Blaetterpilze (Agaricaceae), Ed. T.O.Weigel, Lipsia, 1915, ristampato da M. Candusso, Saronno, 1980, pag. 223, n. 745, tav. 65/1;

Rea C. : British Basidiomyceteae, Cambridge, 1922, pag.290;

Michael E. e Schulz R: : Fuhrer fur Pilzfreunde, Verlag von Quelle & Meyer, Lipsia, 1933, vol. 1, pag. 56;

Pilat A. : Atlas Hub, Statni Pedagogiche Nakladatelstvi, Praga, 1952, pag. 43, tav.81;

Moreau F. : Les champignons, Paul Lechevalier Ed., Paris, 1953, pag. 1908;

Jacottet J. : Les champignons dans la Nature, Delachaux et Niestlè, Neuchatel, 1961, pag. 191, tav. pag. 186;

Von Frieden L. : I funghi di tutti i Paesi, Rizzoli, Milano, 1964, tav. 30;

Vignoli L. : Sistematica delle piante inferiori, Calderini, Bologna, 1964, pag. 632;

Bresadola G.: Funghi mangerecci e velenosi, Ed. G.B. Monauni, Trento 1965, pag. 198, tav. 54;

Costantin M.J. e Dufour M.L. : Nouvelle flore des champignons, Librairie Gènèrale de l’Enseignement, Paris, 1967, pag. 121, tav, 37 n. 1052;

Heim R. : Champignons d’Europe, N. Boubèe, Paris, 1969, pag. 595, tav. 40;

Lange J.E. et M., Duperrex A., Hansen L. : Guide des champignons, Delachaux et Niestlè, Neuchatel (Svizzera), 1969, pag. 144, n. 345;

Romagnesi H: : Nouvelle Atlas des champignons, Bordas, France, 1970, vol. 1, tav. 24B;

Cetto B: : I funghi dal vero, Saturnia, Trento, 1970, vol. 1, foto n. 50;

Peyrot A. & Cortin B. : Funghi, Ed. SAIE, Torino, 1970, pag. 176;

Maublanc A. & Viennot-Bourgin G. :Champignons comestibles et vènèneux, Lechevalier, Paris, 1971, Atlas vol. 1, tav. 36;

Bauer C.A. : Funghi vivi, funghi che parlano, G.B. Monauni, Trento, 1971, pag. 265;

Romagnesi H. : Petit atlas des champignons, Bordas, Paris, 1971, vol. 1, tav. 102;

Balletto C. Flora micologica analitica, Genova, 1972, pag. 420;

Schlitter J. : Funghi, Ed. Silva, Zurigo, 1972, vol 1, pag. 75;

Kuhner R. e Romagnesi H. : Flore analytique des champignons supèrieurs, Masson & C. Ed., Paris, 1974, pag. 335, figg. 295 e 429;

Arietti N. & Tomasi R: : I funghi velenosi, Edagricole, Bologna, 1975, pag. 177, tav. 22;

Malencon G. & Bertault R. : Flore des champignons superieurs du Maroc, Inst. Scientifique Cherifien et Facultè des Sciences, Rabat, 1975, vol. 1 pag. 329;

Dermek A. : Atlas Našich húb, Bratislava 1977, fig. 205, pag. 204;

Moser M. : Keys to Agarics and Boleti, Roger Phillips, Londra, 1978, pag. 294;

Garau M., Merlo E.G., Rosso M. & Traverso M. : I nostri funghi, SAGEP, Genova, 1980, pag. 230;

Moser M. : Guida alla determinazione dei funghi, Saturnia, Trento, 1980, pag. 312;

Svrcek M, Kubicka J. & Erhart J. e M. : Impariamo a conoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostini Spa, Novara, 1981, pag. 190;

Phillips R.: Mushrooms of Great Britain & Europe, Londra, 1981, pag. 159;

Galli M. : Nuovo trattato di micologia, Ed. G. Mazzotta, Milano, 1982, tav. 284;

Goidanich G. & Govi G. Funghi e Ambiente, Edagricole, Bologna, 1982, pag. 269;

Togni N. : Funghi buoni e cattivi di collina e di pianura, Ed. Mundici & Zanetti, Modena, 1982, pag. 120;

Blatto L. : Atlante fotografico dei funghi, U. Hoepli Ed., Milano 1982, pag. 70, foto 55;

Societat Catalana de Micologia : Bolets de Catalunya, Barcellona, 1982, collez. 1, tav. 28;

Azzarelli G., Galli R., Bernini A. & Polani F. Funghi velenosi, Ed. La Tipotecnica, S. Vittore Olona (MI), 1983, pag. 134:

Selezione dal READER DIGEST: Guida pratica ai FUNGHI IN ITALIA, Milano, 1983, pag. 204;

Jamoni PG. : I funghi, Musumeci Ed., Quart (Aosta), 1984, pag, 172;

A. Phillips R. : Riconoscere i funghi, Istituto Geografico De Agostani, Novara, 1985, pag. 159;

Konrad P. & Maublanc A. : Icones selectae fungorum, Lechevalier, Paris, 1985, pag. 103;

Reid D. : I funghi, Ed. Vallardi, Lainate (Mi), 1986, pag. 75;

Pandolfi M. e Ubaldi D. : Guida ai funghi d’Italia e d’Europa, F. Muzio Ed., Padova, 1987, pag. 168;

Hennig/Kreisel: Taschenbuch für Pilzfreunde, Gustav Fischer Verl., Jena, 1987, pag. 82, tav. 20;

Aguardi A., Lucchini G., Riva A e Testa E. : Funghi e boschi del Canton Ticino, Ed. Credito Svizzero, 1987, vol. 2, pag. 164, foto pag. 236 n. 94;

Bon M. : Champignons d’Europe occidentale, Arthaud, France, 1988, pag. 252;

Chaumeton H: : I Funghi, Ed. G. Mondadori, Milano, 1988, pag. 283;

Bozak R. : Gljve, nasich krajeva, Graficki zavod Hrvatske, Zagreb 1989, fig. 55; pag. 135.

Lemay D. e M. : Guida al riconoscimento dei funghi, Zanichelli, Bologna, 1989, pag. 116;

Togni N. : I funghi italiani, APS Divisione Editoriale, Modena, 1989, pag. 191;

Buczacki S. & Wilkinson J. : Funghi d’Italia e d’Europa, Guide della Natura De Agostini – Collins – Istituto Geografico De Agostini, Novara, 1990, pag. 149;

Caussanel C., Delange Y., Joly P. & Margerie D. : Les champignons de Jean Henri Fabre, Citadelles, Paris, 1991, pag. 279, tav. 108;

Brancato G. : Conoscere I funghi, G. Brancato Ed., Catania, 1991, pag. 79;

Montegut J. : L’Enciclopèdie analitique des champignons, SECN, Orgeval, 1992, vol. 2, pag, 911, foto 1255;

Zuccherelli A. : I funghi delle pinete, A. Longo Ed., Ravenna, 1993, vol. 1, pag. 248, foto 336;

Brotzu R. Guida ai funghi della Sardegna, Archivio fotografico sardo, Nuoro, 1993, vol. 1, pag. 255, foto 182;

Courtecuisse R. & Duhem B. : Champignons de France et d’Europe, Paris, 1994, pag. 358 n. 1288,

Lange J.E. : Flora agaricina danica, Ed. G. Bella, Saronno, 1994, vol. 2, pag. 482, tav. 144;

Stecchi G. : Cercar funghi, RSC Libri Grandi Opere spa, Milano, 1994, pag. 235;

Di Bella F: : Funghi di casa nostra, Editrice romana s.r.l., 1994, pag. 151;

Jordan M. : The Enciclopedia of Fungi of Britain and Europe, David & Charles, Devon, 1995, pag. 254;

Rambelli A. e Pasqualetti M. : Nuovi fondamenti di micologia, Ed. Jaca Book spa, Milano, 1996, foto 24B;

Lonati G. : Guida alla determinazione macroscopica dei funghi, GEMA, Avezzano, 1996, pag.197, Iconografia n. 310;

Sitta M. : Funghi epigei spontanei, CISNIAR, Modena, 1997, pag. 22 in nota;

Dickinson C. e Lucas J. : Conoscere i funghi, Il Mosaico, Novara, 1997, pag. 200;

Pace G.: Il libro completo dei funghi, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 1997, pag. 144, tav. 10/1;

Fluck M. : Quel est donc ce champignon? Nathan Ed., Paris, 1997, pag. 320;

Pacioni G. : Funghi, Orsa Maggiore Ed., Torriana (RN), 1998, pag. 214;

Laessoe T. : Funghi, Fabbri Editori. Milano, 1998, pag. 86;

Epinat C. et Starosta P. : Funghi, B. Taschen Verlag, Colonia, 1999, pag. 120;

Gerhardt E., Vila J. e Limona X. : Hongos de Espana y de Europa, Ed. Omega, Barcelona, 2000, pag. 720;

Courtecuisse R, : Champignons d’Europe, Delachaud et Niestlè, Losanna 2000, pag. 839, foto 521;

Papetti C., & Consiglio G.. : Atlante fotografico dei Funghi d’Italia, A.M.B., Trento, 2000, vol. 1, pag. 245 ;

Hagara L., Antonin V. & Baier J. : Les champignons, Ed. francese, Grund, Paris, 2000, pag. 269;

Breitenbach J. e Kranzlin F. : Champignons de Suisse, Mycologia Lucerne, 2000, vol. 4, pag, 322, foto 411;

Gruppo Micologico Bresadola : Parliamo di funghi, Provincia di Trento, 2001, pag. 200;

Nonis U: : 500 funghi d’Italia e d’Europa, Ed. Priuli & Verlucca, Ivrea, 2001, pag. 89;

Polese J.M. : Cueillir les champignons, Ed. Proxima, France, 2001, pag. 102;

Phillips R: : Les champignons du Quèbec, Ed. Broquet, Ottawa, 2002, pag. 183;

Mazza R. : Funghi commestibili e velenosi a confronto, RCS Libri s.p.a., Milano, 2002, pag. 198 n. 141 e pqg. 202 n. 146;

A. Testi : Funghi d’Italia, Giunti Editore, Firenze, 2002, pag. 191;

Gerhardt E. : Guida ai funghi, Zanichelli, Bologna, 2005, pag, 342;

Gennari A. : Funghi, Arezzo, 2005, pag. 487;

Polese J.M. : Guida ai funghi, Gribaudo / Konemann, ART Servizi Editoriali spa, Bologna 2005, pag. 272;

AMINT : Tutto funghi, Giunti ED., Firenze, 2007, pag. 428;

Gerhardt E. & Rossi C. : Funghi, Tappeiner spa, Lana (BZ), 2007, pag. 77;

La Chiusa L. : Il grande libro dei funghi d’Italia e d’Europa. DVE Italia s.p.a., Milano, 2007, pag.216;

Boccardo F,, Traverso M., Vizzini A., Zotti M. : Funghi d’Italia, Zanichelli, Bologna, 2008, pag. 280 n. 752;

Bielli E. : Funghi, Guidecompact, Ist. Geografico De Agostini, Novara, 2009, pag. 186;

Tiberi G. e Sperati G. : I funghi nel Lazio, GAMEL, Roma, 2009, pag. 258;

Brotzu R: e Colomo S. : I funghi della Sardegna, Ed. Archivio fotografico sardo, Nuoro, 2009, vol. 4, pag. 120, n. 156.

(Gianfranco Sperati)